Salute e cura del cane

Salute e cura del cane

La castrazione nel cane

Per molto tempo negli studi veterinari la castrazione è stata una sorta di routine. Ma ha sempre senso far sterilizzare il proprio cane? Qual è la differenza tra castrazione e sterilizzazione? Quali sono i costi per il proprietario? Con questo articolo vogliamo fornirti tutte le principali informazioni sul tema, nonché illustrarti vantaggi e svantaggi della castrazione.

Come curare il pelo del cane

Mina e Dana, due esemplari di Border Collie, hanno potuto trascorrere splendide vacanze in fattoria con tutta la famiglia e persino dormire all’aria aperta insieme ai bambini. Ora che le vacanze sono finite, da un paio di giorni i due cani dormono di nuovo nella stanza dei bambini. Tuttavia i due fratelli si lamentano che i loro amici pelosi, specialmente di notte, continuano a grattarsi e che questo fastidioso rumore li tiene svegli. Questo può essere dovuto ad una scarsa cura del pelo e igiene del cane. Ma non preoccuparti, tutto può essere risolto con un buon Shampoo.

Come usare la tosatrice

Non importa quale sia il motivo per cui si ricorre per la prima volta alla tosatrice: per rendere la tosatura il più rilassante e semplice possibile per il cane, sono necessarie alcune regole. Fatti mostrare come si usa la tosatrice da un proprietario di cani esperto o da chi lavora in un salone di bellezza per cani. Tuttavia, se il tuo animale è facile da gestire, sono sufficienti un manuale di istruzioni preciso, un po’ di esperienza con i cani e tanta pazienza.

Fare il bagnetto ad un cucciolo

L’arrivo di un cucciolo è veramente una gioia indescrivibile e di solito, all’inizio della nostra nuova amicizia, noi proprietari di cani ci occupiamo soprattutto di temi quali la sua alimentazione, i giochi più divertenti e come impostare la sua educazione. Accade spesso che ci si ponga la questione del primo bagno del cucciolo solo dopo che il nostro giovane amico è già saltato nella classica pozzanghera di fango! Questo articolo vuole fornirti importanti informazioni per rispondere alla domanda se e come fare il bagnetto ad un cucciolo.

Giardia nel cane

Le giardie sono parassiti monocellulari, che colonizzano l’intestino tenue del cane, causando diarrea e vomito. Questo può comportare problemi più seri, soprattutto nei cuccioli e nei cani dal sistema immunitario debole. Giardie di diverso genotipo si possono trovare in mammiferi, esseri umani, uccelli, anfibi e rettili.

Gli occhi del cane: come e cosa vedono realmente i cani?

Ti chiedi mai perché, quando lanci la palla al tuo cane senza preavviso, lui la prende al volo senza problemi? O magari ti domandi come vedono di notte i nostri amici a quattro zampe, e se è vero che sono daltonici. In effetti, gli occhi dei cani funzionano in modo leggermente diverso rispetto ai nostri. In questo articolo ti spieghiamo le principali differenze tra il nostro modo di vedere e il loro, rispondendo al quesito su come vedono i cani realmente.

I cani e l’inverno

I veri amanti dell'aria aperta non temono nessuna condizione meteorologica: fango, nevicate, sale sulle strade...cani e padroni passeggiano a lungo e si godono l'inverno. Tuttavia non si deve dimenticare che sono proprio queste le condizioni atmosferiche che sollecitano maggiormente le zampe del cane. Non è raro che i cuscinetti si screpolino oppure che le dita si appiccichino. Queste situazioni rendono difficile al cane anche il camminare e spesso possono culminare in ferite o piaghe. Per fortuna, con pochi semplici trucchi, si può porre facilmente rimedio.

I parassiti nel cane: zecche e pulci

Le zecche e le pulci fanno parte dei parassiti che possono colpire il cane, nutrendosi del suo sangue. Nel seguente articolo troverai tutto quello che c’è da sapere su zecche e pulci, i principali parassiti dei cani.

I problemi intestinali del cane

I problemi intestinali sono un problema che si riscontra abbastanza spesso nei cani ed è piuttosto sgradevole. La dissenteria del cane può essere legata a diversi fattori: un'alimentazione errata o disturbi di natura organica come infezioni da parassiti intestinali, così come le allergie, sono tutte possibili cause di problemi digestivi del cane, che devono essere prese attentamente in considerazione. In prima battuta questo problema viene trattato dal veterinario con i soliti mezzi e, di norma, la forma più comune di dissenteria scompare rapidamente. Diventa complicato quando si tratta di problemi che ricorrono frequentemente. Ecco perché il fenomeno deve essere studiato più da vicino attraverso l’analisi delle sue cause.

I sensi del cane

Le grandi capacità sensoriali del cane hanno sempre affascinato l'uomo: il senso dell'orientamento, l'abilità di riconoscere gli odori e sentire tutti i suoni e i rumori sono tutte capacità ben più sviluppate nel cane rispetto che nell'uomo.

I vermi nel cane

Le uova e le larve dei vermi si trovano quasi dappertutto. Persino le misure igieniche più accurate non possono impedire con sicurezza che il cane venga in contatto con questi parassiti. Ogni nuova infezione rappresenta l'inizio di un pericoloso circolo vizioso.

Il calore del cane

Anche se il calore del cane è un processo naturale, lo strano comportamento della propria cagnolina, la paura di eventuali macchie sul tappeto nuovo e il timore di una gravidanza inattesa sono preoccupazioni frequenti. Per questo vogliamo darti qualche informazione utile sul ciclo della femmina del cane e su come affrontare con tranquillità questo periodo.

Il cane vomita

Ogni padrone si sarà di sicuro trovato di fronte a una situazione del genere, spaventandosi nel vedere il propri cane vomitare improvvisamente. Tuttavia, non c’è bisogno di allarmarsi ogni volta che succede. Può capitare spesso che il cane vomiti e le cause dietro questo problema possono essere molteplici. Se dovesse trattarsi di un episodio isolato, il più delle volte il vomito non rappresenta alcun pericolo per il cane. Se invece il cane vomita spesso e il problema è associato a un peggioramento delle sue condizioni, è necessario rivolgersi a un medico veterinario.

Il colpo di calore nei cani

Chi non è contento dell’arrivo dell’estate?

Le belle giornate, il sole, la luce invogliano tutti a stare all’aperto. Quando fa molto caldo, però è necessario che i padroni di animali stiano ben attenti: anche per i cani esiste il pericolo di ipertermia, comunemente conosciuto come colpo di calore. Sono a rischio soprattutto gli animali anziani e sovrappeso, quelli con il pelo folto o con il pelo lungo, così come quelli che soffrono di problemi circolatori, anche se il colpo di calore sostanzialmente può colpire qualsiasi cane. 

Il coronavirus nel cane

Il coronavirus nel cane (CCoV) è diffuso in tutto il mondo e colpisce in particolare i cani dei canili e i cuccioli. Rispetto al coronavirus umano, che causa problemi respiratori, il coronavirus canino comporta principalmente disturbi gastrointestinali. Sebbene un'infezione da coronavirus sia spesso lieve, nei cani, nel caso di animali immunodepressi possono verificarsi decorsi molto severi con forme acute di diarrea e anche decessi.

Il mio cane ha paura di tutto

Come per gli esseri umani, anche tra i cani esistono i tipi temerari e gli amici paurosi, che provano tutto quel che è nuovo con la massima cautela... Diventa problematico quando un cane mostra grande paura o reagisce in modo eccessivo nelle situazioni quotidiane: quando ad esempio un forte rumore, le scale o alcune persone sconvolgono in maniera eccessiva il nostro amico a quattro zampe. Un cane che ha paura di tutto o troppo ansioso non solo complica la vita quotidiana del suo proprietario, ma rende la vita difficile anche a se stesso. In questo articolo ti diamo alcuni consigli su come puoi aiutare quel tenero fifone del tuo cane a diventare un po’ più fiducioso.

Il modo giusto di fare il bagno al cane

Quando il tempo è piovoso, ma non solo, può accadere che i nostri cani portino sporcizia dentro casa. Di solito è sufficiente strofinare per bene il nostro amico peloso con un asciugamano. Se invece il cane si è proprio rotolato nel fango? In questo caso spesso si è costretti a fargli il bagno. Attenzione, però: lavare il cane troppo spesso può risultare dannoso per la sua pelle. In questo articolo abbiamo quindi riassunto per te le principali informazioni su questo tema, compresi alcuni consigli di benessere.

Il prurito nel cane

Chiunque abbia un cane lo sa: di tanto in tanto il nostro amico peloso si gratta. Ma specialmente nel periodo della cosiddetta muta del pelo, il bisogno di grattarsi può dare luogo più facilmente a graffi sulla pelle. Se però ci si rende conto che il proprio cane si gratta e si lecca più del solito, è importante cercare di comprenderne rapidamente le cause. Il prurito infatti è un fattore che può gravemente pregiudicare il benessere del cane e incidere negativamente sulla qualità della sua vita. A volte il prurito assume forme talmente importanti da rendere quasi impossibile dormire sia al cane sia al suo proprietario. Il prurito può manifestarsi in molti modi diversi. Solitamente il proprietario nota che il cane si gratta con le zampe posteriori o anteriori in diverse parti del corpo. Il prurito, infatti, può interessare qualsiasi zona del corpo del cane. Quando l’animale scuote la testa, ad esempio, è un chiaro segno di prurito alle orecchie. I cani possono leccarsi e grattarsi anche sulla parte superiore e inferiore delle zampe, sulla schiena e sul dorso. Quando non riescono a raggiungere alcune zone del corpo, cercano di alleviare il fastidioso prurito strofinando quei punti difficili contro un muro o su un tappeto. In molti casi, tuttavia, non si tratta esclusivamente di prurito. Il costante graffiarsi del cane può portarlo ad infiammazioni della pelle e spianare la strada ad un'infezione dovuta a batteri, lieviti e altri agenti patogeni. La presenza di un'infezione a livello della pelle non fa che aumentare nel cane il bisogno di grattarsi, gettando il nostro amico a quattro zampe in una sorta di circolo vizioso del prurito.

Il singhiozzo nel cane è pericoloso?

Il singhiozzo è un sintomo che non si verifica solo nell'uomo. Anche nei cuccioli e nei cani adulti il singulto, come viene anche chiamato questo movimento involontario del diaframma, si manifesta abbastanza frequentemente. Mentre le cause del sintomo occasionale sono per lo più innocue, il singhiozzo persistente può indicare gravi patologie. In questo articolo ti spieghiamo come e perché si manifesta il singhiozzo nel cane, quali cause può nascondere e come lo si possa prevenire.

Il tartaro nel cane

Denti sani e ben curati sono fondamentali anche per il benessere e la salute dei cani. Per questo motivo è importante che tu, come proprietario di un cane, ti prenda cura dell’igiene dentale del tuo amico di zampa. Anche la placca, che pure sembra innocua, può invece spianare la strada al tartaro e a gravi malattie dentali. Specialmente i cani di taglia piccola tendono ad avere parecchi problemi di tartaro.

L‘osteoartrite nel cane

L'osteoartrite è una malattia molto comune e diffusa tanto nell'uomo quanto negli animali. Si tratta di un mutamento progressivo di tipo degenerativo e cronico a livello articolare, il quale è accompagnato da dolore e da una progressiva limitazione della mobilità dell'articolazione interessata. La natura dell'osteoartrite non è né infiammatoria né infettiva: è invece il risultato di una degenerazione permanente della cartilagine articolare al di sopra dei livelli consueti.

La caduta del pelo nel cane

La caduta di pelo nel cane, altresì nota come alopecia, è una perdita patologica e massiva dei peli che riguarda determinate aree del corpo dell’animale di norma ricoperte di peli. L’alopecia va distinta nettamente dalla fisiologica perdita di pelo, quale ad esempio quella che avviene nel passaggio dallo stadio di cucciolo a quello di cane adulto.

La congiuntivite nel cane

La congiuntivite è una delle malattie che colpisce più frequentemente il cane. Raramente si manifesta in modo isolato, infatti è spesso conseguenza di altre problematiche.

La diarrea del cane

Purtroppo la diarrea non è cosa rara nei cani. Molti infatti soffrono regolarmente di disturbi dell’apparato digerente che si manifestano sia con l’aumento della frequenza della defecazione che con la crescita della porzione di liquidi all’interno delle feci. 

La displasia dell’anca nel cane

La displasia dell’anca nel cane è un disturbo di origine genetica che riguarda lo sviluppo articolare. Elementi esterni, quali fattori ambientali, postura e alimentazione del cane, possono esercitare un ulteriore effetto negativo sullo sviluppo delle articolazioni.

La gravidanza nel cane

Circa 63 giorni dopo che la monta è andata a buon fine, la femmina mette al mondo i suoi cuccioli. Potrai accertare che la femmina è gravida al più presto a partire dal ventesimo giorno. È possibile accertare la gravidanza e il numero dei cuccioli soltanto con un'ecografia, fattibile a partire da quel giorno e piuttosto costosa.

La leishmaniosi nel cane

La leishmaniosi nel cane è una malattia infettiva potenzialmente letale per il cane trasmessa dal flebotomo, o pappataci. Scopri come proteggere il tuo cane da questa malattia, riconoscerne i sintomi e in cosa consiste il trattamento per combatterla.

La prima visita del cucciolo dal veterinario

Trascorsi i primi giorni di ambientamento a casa, è opportuno accompagnare il nuovo amico di zampa dal medico veterinario. Una visita medica, infatti, permette di identificare prontamente eventuali infezioni o la presenza di parassiti, e di intervenire per risolvere tali problematiche.

La processionaria del pino: un pericolo per il cane e l’uomo

La processionaria del pino è un lepidottero appartenente alla famiglia dei notodontidi. Non si tratta però dell'amatissima farfalla colorata ma bensì di una falena. La processionaria del pino (Thaumetopoea pityocampa) che parassita il pino marittimo appare leggermente più grande, se comparata ad altre specie dello stesso genere, come la processionaria della quercia e la Thaumetopoea pinivora che parassita, invece, il pino del Nord Europa. Indipendentemente dalla specie, il contatto con questo insetto è ugualmente pericoloso e può provocare gli stessi sintomi. Mentre in Europa settentrionale è maggiormente diffusa la processionaria della quercia, la processionaria del pino popola tutta l’area mediterranea, anche se la presenza di alcuni esemplari è stata riscontrata perfino in Svizzera. In Europa meridionale la processionaria del pino è diventata una vera piaga: è quindi necessario fare molta attenzione se portiamo il nostro cane a fare una passeggiata in boschi, pinete e parchi, perché vi si potrebbe nascondere un pericolo che può essere letale.

La rabbia nel cane

La rabbia nel cane è una malattia mortale che può colpire anche mammiferi, uccelli ed esseri umani. Si tratta di un batterio conosciuto fin dall'antichità, soprattutto come antropozoonosi diffusa da cani e prede, cioè una malattia che può infettare sia cani che umani. Esistono diversi testi babilonesi, greci e romani che trattano questo quadro clinico e della trasmissione della malattia attraverso il morso. Il virus della rabbia, di tipo RNA, appartiene alla tipologia dei Lyssavirus e alla famiglia dei Rhabdoviridae. La rabbia nel cane è diffusa in tutti i Paesi del mondo, anche se in alcuni, grazie a delle misure di entrata e quarantena è stata debellata (Gran Bretagna, Scandinavia, Giappone e Australia). In Europa, la volpe è il maggiore portatore di questo virus ma, con l’utilizzo di esche e l’immunizzazione orale, oramai il virus è molto raro. In alcuni pipistrelli la rabbia è ancora presente, anche se si differenzia da quella classica, degli animali terrestri. Il virus viene trasmesso principalmente dalla saliva di animali infetti, quindi tramite il morso. Tuttavia, è anche possibile che venga trasmessa attraverso il contatto della saliva con mucose o ferite aperte. Sono ancora dibattuti altri metodi di trasmissione. Dopo esser entrato nell'organismo, il virus si insidia nel sistema nervoso centrale e nelle ghiandole salivari, per espandersi nel corpo del cane. Prima che possano mostrarsi i primi sintomi possono passare anche fino a 24 settimane: questo periodo dipende dalla tipologia di trasmissione del virus: più si trova vicino al sistema nervoso, più velocemente il cane si ammala.

La spazzola adatta per ogni tipo di pelo

A qualunque razza appartenga il tuo cane, né lui né tu potrete sottrarvi alla cura regolare del pelo. Per ottenere un buon risultato, hai bisogno dello slanatore e dei pettini giusti e la scelta dipende dal tipo di pelo del tuo pet. Sostanzialmente si distinguono i seguenti tipi di pelo: corto, medio, lungo, ispido, lanoso e crespo... Nella vasta gamma di prodotti per animali FURminator troverai la spazzola ideale per il tuo cane o per il tuo gatto.

La stitichezza nel cane

La stitichezza nel cane, conosciuta in campo medico anche come costipazione o stipsi, consiste nella difficoltà del cane nell'espulsione delle feci: queste sono bloccate nell'intestino crasso e vengono espulse di rado, o addirittura per niente. Il cane cerca di defecare, ma senza successo, spesso accusando dolori. È così che il padrone si accorge del problema il più delle volte. La stitichezza nel cane può essere acuta o cronica. Nel primo caso è di breve durata, mentre nel secondo si presenta per un periodo di tempo più lungo. La stitichezza acuta nel cane è nella maggior parte dei casi meno grave di quella cronica. È più semplice da curare ed è raro che comporti delle complicazioni. È invece importante diagnosticare la stitichezza cronica e iniziare una cura per tempo, così da evitare la comparsa di altri sintomi e le loro possibili conseguenze.

La tosse del cane

Proprio come per l'uomo, la tosse del cane non è una patologia in sé, ma il sintomo di una patologia dell’apparato respiratorio o di altri organi. La tosse del cane può essere anche un riflesso difensivo del corpo, che cerca di espellere dei corpi estranei o altre sostanze irritanti.  A volte la tosse può essere confusa con altri sintomi. Magari il cane sta cercando di vomitare o rigurgitare, ha uno starnuto inverso, si sta strozzando con un boccone oppure ansima in modo pesante. La tosse si distingue in due tipologie: la tosse secca, senza produzione di espettorato (tosse non produttiva), e tosse grassa, con produzione di espettorato (tosse produttiva). Entrambe le tipologie possono avere carattere acuto o cronico.

Le allergie nel cane

Se il cane si gratta spesso, la prima causa a cui si pensa di solito sono i parassiti. Ma ci sono molti altri possibili motivi, come ad esempio le allergie. Le allergie nel cane non sono rare e il numero delle patologie di origine allergica è in aumento.

Omeopatia per cani

L’omeopatia è una delle pratiche naturali più popolari anche tra molti padroni di animali e si rifà al principio della somiglianza: una determinata malattia deve essere curata con la sostanza che l'ha causata. Molto discussi sono applicazione ed efficacia: i più critici affermano la mancanza di validità scientifica degli studi esistenti e sono certi dell’effetto placebo, mentre i favorevoli ne evidenziano gli effetti dolci e olistici.

Proteggere il cane dal sole

Finalmente è arrivata l’estate e le passeggiate con il cane sono ancora più divertenti! Ma mentre ti godi il sole protetto dalla crema solare, dal cappellino e dagli occhiali da sole, i cani sono esposti ai raggi solari senza alcuna difesa e la loro pelle è molto sensibile a quelli UVA e UVB. 

Sottozero con il cane

Neve, freddo, un vento pungente e un’umidità che penetra nelle ossa: l’inverno può essere una sfida per le persone come per gli animali. Ma mentre noi possiamo indossare berretto, sciarpa e un bel paio di guanti, i cani hanno la loro pelliccia per scaldarsi. Ecco quindi che ci si chiede: è sufficiente oppure anche i cani possono congelare per il freddo? E come faccio a rendermi conto se è troppo freddo per il mio cane ed evitare quindi l’ipotermia?

Vaccinare il cane: ecco cosa c’è da sapere

Non c'è dubbio: i vaccini proteggono il tuo cane da malattie infettive che possono rivelarsi letali. Ma quali sono i vaccini essenziali a cui sottoporre assolutamente il proprio cane? In cosa consiste l'immunizzazione primaria dei cuccioli e quanto spesso bisogna effettuare il richiamo per salvaguardare il cane a lungo termine?