Influenza cane: riconoscerla e curarla

influenza del cane

Il cane può prendersi l’influenza? Certo che sì! Al pari di noi umani, anche il nostro fedele amico di zampa non ne è immune, specie in autunno e in inverno, quando il clima è freddo umido. Persino i sintomi si assomigliano. Impariamo di più sull’influenza cane e su come prevenirla.

Le cause possono essere tante

In generale, siamo tutti più esposti a virus e infezioni quando il nostro sistema immunitario è indebolito, complice il freddo umido. Al rientro da una passeggiata sotto la pioggia o sulla neve, ad esempio, può capitare di non far troppo caso al pelo bagnato del nostro cane.

Se non lo asciughi bene, però, specie in inverno, corri il rischio che nei giorni successivi il tuo pelosetto mostri qualche leggero sintomo influenzale, come tosse e raffreddore.

Eventuali patologie pregresse ahimè riducono la protezione dagli agenti infettivi. Nei casi più gravi, all’iniziale infezione virale si aggiungono i batteri, come accade ad esempio con la cosiddetta Tosse dei canili (tracheobronchite infettiva), dovuta appunto ad un insieme di virus e batteri.

L’aria calda del riscaldamento purtroppo non aiuta perché secca le mucose, rendendo il cane più sensibile alle infreddature.

Come capisco se il mio cane ha l’influenza

I sintomi dell’influenza nel cane sono:

  • Tosse
  • Raffreddore
  • Secrezione oculare, occhi arrossati
  • Secrezione nasale
  • Rialzo della temperatura corporea
  • Spossatezza, apatia

Altri sintomi che potresti notare nel tuo pelosetto influenzato sono la perdita di appetito e un bisogno esagerato di dormire. Naturalmente il cane influenzato, durante le sue passeggiate, è meno intraprendente del solito e dopo pochi minuti rientrerebbe volentieri a casa.

Diagnosticare l’influenza nel cane

La diagnosi tempestiva dell’influenza cane ti permette di intervenire in modo mirato. In questo modo, eviti che le condizioni del tuo pelosetto peggiorino e soprattutto previeni il rischio che sviluppi una polmonite.

Ecco perché ci sentiamo di dirti che, se il tuo cane presenta uno o più sintomi tipici dell’influenza, la cosa migliore che puoi fare è rivolgerti al tuo veterinario di fiducia.

Solo una visita medica accurata e completa permette di stabilire se si tratta di una semplice infreddatura o di qualcosa di più serio.

A seconda del quadro clinico del tuo pet, il veterinario valuterà se predisporre ulteriori accertamenti come una radiografia, un prelievo del sangue o un esame batteriologico con antibiogramma.

 La terapia: chiedi il parere al tuo veterinario

Il mio cane ha l’influenza: cosa posso fare?

Per riprendersi da una semplice influenza il tuo peloso avrà bisogno di riposare tanto e di bere a sufficienza, ma anche di dormire in un posticino caldo e asciutto  e di prendere ogni tanto una boccata di aria fresca.

Se lo riterrà necessario, il veterinario ti consiglierà di somministrargli farmaci espettoranti, antinfiammatori, un antibiotico o qualche complemento alimentare per rafforzare il sistema immunitario.

Ti suggeriamo di consultare il tuo medico veterinario di fiducia, prima di optare per i rimedi casalinghi: alcuni di questi potrebbero rivelarsi inutili, con il rischio di peggiorare le cose.

Finché il tuo fedele amico non si sarà ripreso del tutto, evita che giochi con altri cani e non fargli il bagno. Inoltre, è meglio se limiti le sue passeggiate a quando non piove e non c’è neve.

 L'importanza della prevenzione

Come dice quel detto? Prevenire è meglio che curare. È sempre vero, e tu puoi fare molto per rinforzare il sistema immunitario del tuo pelosetto: scegli per lui un’alimentazione bilanciata e adotta uno stile di vita sano, che preveda tanto movimento all’aria aperta.

Una vaccinazione può attenuare il decorso dell’infezione: sarà il tuo veterinario a consigliartela, nel caso. Per ridurre le possibilità di contagio, però, durante le vostre passeggiate e in generale nelle situazioni sociali, è meglio cercare di evitare il contatto con cani malati.

 Se ci fosse la neve, ti suggeriamo di non fargliela ingerire. Potrebbe contenere sale o sassolini, sparsi per evitare la formazione del ghiaccio. In generale, la neve ingerita rischia di irritare le alte vie respiratorie del cane, raffreddandogli stomaco ed intestino, un fattore che dà spesso origine ad ulteriori disturbi.

Se il tuo amico di zampa ha il pelo corto o è senza sottopelo, proteggilo dal freddo con un cappotto per cani. Se dovesse bagnarsi, ricordati di asciugarlo con cura utilizzando un apposito panno asciugacane, meglio se in morbida microfibra.

Nella stagione fredda, puoi utilizzare gli umidificatori elettrici – ma anche semplici vaschette da posizionare sui radiatori e sui davanzali delle finestre. Sono un ottimo sistema per evitare che l’aria sia troppo asciutta a causa del riscaldamento.

Con questi semplici accorgimenti, vedrai che il tuo peloso si riprenderà in fretta e nel giro di qualche giorno tornerà a essere quello di sempre!

I nostri articoli più utili
9 min

I vaccini del cane: quali sono e a cosa servono

Fortunatamente al giorno d'oggi possiamo proteggere i nostri amici di zampa rafforzando le loro difese immunitarie contro alcune malattie. Sono molti infatti i vaccini del cane, alcuni raccomandati e altri solo consigliati. In questo articolo potrai conoscerli più da vicino e capire qanto è importante immunizzare il tuo pelosetto, a maggior ragione quando è ancora un cucciolo.
7 min

Il cane vomita: quali sono le cause e come curarlo?

È sicuramente successo a chiunque abbia la fortuna di condividere le giornate con un cagnolone meraviglioso. Così, all'improvviso, il nostro pelosetto vomita, senza apparente motivo. Niente panico, non sempre il vomito è sintomo di qualcosa di serio, anzi. Ma quando è il caso di preoccuparti se il tuo cane vomita? Questo articolo ti aiuterà a fare chiarezza e a riconoscere le situazioni più a rischio.
9 min

Il coronavirus nel cane

Il coronavirus nel cane (CCoV) è diffuso in tutto il mondo e colpisce in particolare i cani dei canili e i cuccioli. Rispetto al coronavirus umano, che causa problemi respiratori, il coronavirus canino comporta principalmente disturbi gastrointestinali. Sebbene un'infezione da coronavirus sia spesso lieve, nei cani, nel caso di animali immunodepressi possono verificarsi decorsi molto severi con forme acute di diarrea e anche decessi.