I sensi del cane

die sinne des hundes

Tutti i sensi insieme?

Le grandi capacità sensoriali del cane hanno sempre affascinato l'uomo: il senso dell'orientamento, l'abilità di riconoscere gli odori e sentire tutti i suoni e i rumori sono tutte capacità ben più sviluppate nel cane rispetto che nell'uomo.

Il cane percepisce il mondo attraverso il naso

Mentre per noi umani la vista è il senso più importante, per i cani il principale è l'olfatto, senso attraverso il quale l'animale conosce, distingue e fa esperienza del suo ambiente. Il naso funziona come una centrale informativa, binocolo e dispositivo di allarme. Ma non soltanto i cani sentono più odori rispetto agli umani, li interpretano anche in modo ben differente. Un cane percepisce attraverso l'olfatto se siamo arrabbiati o spaventati, quanto è vecchia una traccia, quali messaggi hanno lasciato altri cani o se sotto uno strato di neve giace sepolto un uomo; e non ha grande importanza se l'odore è avvertito sul terreno o nell'aria. Per quanto concerne l'olfatto, il cane è un vero virtuoso della materia.

L'incredibile udito canino

Anche per quanto riguarda l'udito, i cani hanno un senso decisamente molto più fine rispetto agli esseri umani. Sono ben 17 i muscoli che comandano il movimento delle orecchie canine. I cani con le orecchie all'insù possono orientarle come un radar in direzione dei rumori per localizzarli. Ma l'udito canino non batte quello umano solo per questioni anatomiche, piuttosto è determinante la capacità di captare le vibrazioni. Mentre l'orecchio umano smette di percepirle da una frequenza di ca. 20.000 Hz, l'orecchio dei cani raggiunge il doppio di questa frequenza. I fischietti per cani funzionano proprio sulla base di questa discrepanza. Esattamente come per l'olfatto, attraverso il suo udito un cane è in grado di distinguere i rumori di un motore come se fosse un esperto d'auto, i passi già da molto lontano e sa perfettamente se alla propria abitazione si sta avvicinando il postino o l'uomo delle consegne. Non stupitevi, quindi, se l'uomo ha affidato al cane il ruolo di guardiano.

Il senso del gusto nel cane

Per il cane, il gusto ha un ruolo meno importante e alla lingua sono deputate due ulteriori funzioni: per prima cosa, grazie alla sua elevata mobilità, serve al cane per introdurre liquidi, secondariamente, respirare con la lingua fuori permette al cane di rinfrescarsi, in quanto attraverso la lingua rilascia acqua vaporizzata. Naturalmente anche il cane ha le sue preferenze in fatto di sapori e non accetta ugualmente tutti i cibi per cani. Ciò, però, è strettamente legato all'olfatto: se un alimento non ha un buon odore è probabile che il senso del gusto non entri nemmeno in gioco!

Il tatto

I baffi dei cani svolgono una funzione meno rilevante rispetto a quelli dei gatti, eppure, anche loro hanno a che fare con il senso del tatto. Infatti questi peli sono collegati con cellule nervose poste nella cute. Tuttavia, per il cane, il tatto non è un senso di grande rilevanza.

Capacità visive non molto spiccate

Per quanto concerne il senso della vista, i cani sono svantaggiati rispetto agli esseri umani. Infatti non vedono molto bene da distante e non riescono a distinguere in modo immediatamente nitido gli oggetti nelle vicinanze. I levrieri, per contro, considerata la conformazione della loro testa, hanno un angolo visuale che raggiunge i 270° e  possono addirittura guardare dietro. Questa speciale capacità visiva rappresenta però un'eccezione. Generalmente la percezione ottica dei cani si modula in base al movimento, al quale la vista risponde in modo rapido e quasi automatico. Per questa ragione quasi tutti i cani sono adatti come guida. La presbiopia viene compensata facilmente grazie al naso fine.

Un'interazione affascinante

Ciò che stupisce dei cani, e degli animali in generale, non è solo questa capacità sensoriale molto speciale, ma piuttosto l'interazione di tutti i sensi. Spesso abbiamo la sensazione che gli animali dispongano di un settimo senso. Come fa il nostro cane a sapere che stiamo per uscire? Come fanno gli uccelli a ritrovare la strada di casa dopo aver svernato? E come fa un'oca a sapere che nelle vicinanze è scoppiato un incendio? Ciò che per gli animali è semplicemente ovvio, sfocia per gli essere umani in un mondo quasi magico.

I nostri articoli più utili

Il coronavirus nel cane

Il coronavirus nel cane (CCoV) è diffuso in tutto il mondo e colpisce in particolare i cani dei canili e i cuccioli. Rispetto al coronavirus umano, che causa problemi respiratori, il coronavirus canino comporta principalmente disturbi gastrointestinali. Sebbene un'infezione da coronavirus sia spesso lieve, nei cani, nel caso di animali immunodepressi possono verificarsi decorsi molto severi con forme acute di diarrea e anche decessi.

Vaccinare il cane: ecco cosa c’è da sapere

Non c'è dubbio: i vaccini proteggono il tuo cane da malattie infettive che possono rivelarsi letali. Ma quali sono i vaccini essenziali a cui sottoporre assolutamente il proprio cane? In cosa consiste l'immunizzazione primaria dei cuccioli e quanto spesso bisogna effettuare il richiamo per salvaguardare il cane a lungo termine?

Il cane vomita

Ogni padrone si sarà di sicuro trovato di fronte a una situazione del genere, spaventandosi nel vedere il propri cane vomitare improvvisamente. Tuttavia, non c’è bisogno di allarmarsi ogni volta che succede. Può capitare spesso che il cane vomiti e le cause dietro questo problema possono essere molteplici. Se dovesse trattarsi di un episodio isolato, il più delle volte il vomito non rappresenta alcun pericolo per il cane. Se invece il cane vomita spesso e il problema è associato a un peggioramento delle sue condizioni, è necessario rivolgersi a un medico veterinario.