Gattini

Gattini

Le 6 fasi di crescita del gatto

Quanto a lungo crescono i gatti e quanto grandi diventano? Da un lato, dipende dal loro corredo genetico, dall'altro la crescita è influenzata anche da elementi esterni quali la nutrizione. Lo sviluppo del gatto si articola in sei fasi. Conoscendo questo processo, possiamo regalare ai nostri gattini un perfetto avvio verso una vita sana, e supportarli nel migliore dei modi nella loro fase adulta.

10 cose che dovresti sapere prima di adottare un gatto

Niente da dire: i gattini sono davvero carini! Talmente carini che molte persone fanno entrare precipitosamente un micio nella loro vita senza aver prima adeguatamente affrontato il tema dell’educazione del gatto e del suo mantenimento. Eppure i teneri gattini diventano presto gatti adulti con esigenze che ti accompagneranno per i prossimi 15-20 anni! L’adozione di un gattino o di un gatto adulto dovrebbe quindi essere prima meditata a lungo! Con questo articolo sulle „10 cose che dovresti sapere prima di adottare un gatto“, vogliamo aiutarti in questo processo decisionale.

30 nomi di gatti per il 2018

Hai deciso di adottare un gatto come animale domestico? Non possiamo non farti i nostri migliori auguri per questa splendida decisione. I gatti sono delle creature meravigliose e piacevolissimi animali da compagnia. Se non sai ancora come chiamarlo e hai bisogno di un po' di ispirazione ecco alcune idee e consigli preziosi.

Adottare un gattino – cosa ti serve e cosa devi sapere

Hai deciso di far posto ad un nuovo inquilino, a casa tua, e si tratterà di un micio? Allora ci complimentiamo con te! Non ti resta che valutare come abituare il tuo gattino alla vita domestica. I gatti sono creature particolari, dotate in egual misura di indipendenza e sensibilità. Molti gattini particolarmente empatici sono in grado, con le loro antenne raffinate, di percepire come si sentono le persone che vivono con loro e regalano volentieri consolazione e vicinanza, se si rendono conto che i loro amici umani sono in un momento di difficoltà. La loro sensibilità e il loro talento in ambito sismologico sono così pronunciati che riescono ad avvertire fenomeni quali terremoti e forti temporali prima che si verifichino. Anche se possiedono una natura sensibile, i gatti sono d’altra parte molto indipendenti e amano decidere con la loro testa. Una miscela, questa, che rende molto emozionante vivere insieme ad un gatto. La vita a fianco del tuo micio adorato non sarà mai noiosa, questo è certo. Tuttavia, prima di accogliere in casa il tuo potenziale nuovo inquilino, pensa attentamente a come la presenza di un gatto possa conciliarsi al meglio con le tue abitudini e il contesto abitativo della tua quotidianità. Di solito la presenza di un gatto non è incompatibile con il fatto di lavorare fuori casa. Ovviamente puoi prendertene cura ancora meglio se sei un lavoratore autonomo e lavori da casa, ma fondamentalmente i gatti non hanno problemi a restare tutto il giorno da soli tra le mura domestiche. Tuttavia, quello non è lo stile di vita che il gatto, potendo, sceglierebbe. Nell’interesse degli animali è offrire loro la compagnia di diversi gattini. Il tuo gatto ti apprezzerà molto se ogni tanto, nel corso della giornata, gli farai qualche carezza e se più volte al giorno riempirai la sua ciotola di golosi alimenti per gatti. Prima di adottare un gattino ti suggeriamo di affrontare la questione di dove lasciare il tuo amico di zampa quando ti recherai in vacanza – oppure di chi potrà occuparsene al posto tuo. Se hai intenzione di accogliere un gattino, conviene che ti organizzi per tempo con i preparativi per rendere il tuo appartamento a misura di gatto, per poter rendere il più piacevole possibile questo trasferimento al tuo micio – e anche a te.

Come abituare il gatto ad uscire all’esterno

Il sole invita a godersi delle belle scorribande all'aria aperta … e anche i nostri gatti lo sanno! Una volta che hanno provato l’ebbrezza di uscire, vorranno farlo di nuovo! Non sempre però è consigliabile far uscire liberamente il proprio gatto che dovrà abituarsi a stare all'aperto e rientrare in casa. Dovrai prestare attenzione ai seguenti aspetti.

Educare un gattino: i fondamentali

Nelle prime settimane di vita, i gattini imparano molto dalla loro madre e anche dai loro fratelli. Nonostante ciò, l’educazione dei giovani gatti da parte della persona che se ne prenderà cura è assolutamente indispensabile: dopo tutto, la mamma non alleva i suoi gattini secondo gli standard umani.

L’alimentazione dei gattini

Come tutti i cuccioli, i gattini hanno necessità di ricevere i nutrienti essenziali per poter crescere sani. I loro bisogni dipendono dalla razza, dall’età e dal loro temperamento: i gatti molto vivaci e intraprendenti hanno bisogno di più energia rispetto ai gattini sempre addormentati e coccoloni. Anche se può sembrare carino, i gattini non dovrebbero avere riserve di grasso a livello addominale, le costole dovrebbero sempre percepirsi bene al tatto attraverso la pelliccia e l’addome dovrebbe essere ben visibile. Per essere certo che i tuoi cuccioli dispongano dell’energia e dei nutrienti necessari durante la rapida fase della loro crescita, è fondamentale che tu somministri loro una corretta alimentazione già dalla primissima fase del loro sviluppo.

L’arrivo di un altro gatto in famiglia

Hai deciso di allargare la famiglia, facendo posto un secondo gatto? Allora devi avere un po’ di pazienza, perché per prima cosa è necessario che i due mici si abituino gradualmente alla rispettiva presenza. Si tratta di una situazione senz’altro emozionante sia per te sia per il nuovo arrivato. In genere, il processo di integrazione richiede circa due mesi: dopo la prima fase di familiarizzazione, le possibili difficoltà iniziali di solito si risolvono senza problemi. Non c’è da allarmarsi se in questa prima fase dovesse scapparci qualche sibilo o qualche altro atteggiamento ostile: è del tutto normale. D'altra parte, soprattutto trascorse le prime tre settimane, non dovrebbero più verificarsi vere e proprie aggressioni. Sebbene i gatti siano animali generalmente socievoli, hanno le loro preferenze, come per altro anche noi esseri umani. Per rendere il più semplice possibile a te e al nuovo arrivato questo inserimento in famiglia, puoi seguire i semplici consigli di altri appassionati di gatti i quali hanno già felicemente inserito un secondo gatto in famiglia.

La prima visita dal veterinario

Normalmente nelle prime sei settimane di vita il gattino è accudito esclusivamente dalla mamma, che lo protegge dalle infezioni trasmettendogli col suo latte gli anticorpi necessari. 

Tuttavia, se il cucciolo dovesse comunque ammalarsi, è necessario portarlo con urgenza dal veterinario, perché proprio i gatti in tenera età sono più vulnerabili, e le funzioni vitali calano rapidamente in caso di malattia. 

La socializzazione del gatto

Odori e rumori insoliti, persone non conosciute, altri animali, elettrodomestici rumorosi… sono molte le cose a cui un gattino deve abituarsi. In questo articolo trovi suggerimenti sul modo in cui puoi far socializzare al meglio il tuo gatto e su come aiutarlo ad abituarsi agli stimoli del mondo che lo circonda.

Le 10 domande da fare all’allevatore prima di acquistare un gatto

Che tu abbia deciso di acquistare un Persiano, un Ragdoll, un Maine Coon, un British Shorthair  o un gatto di una qualsiasi altra razza, come prima cosa è indispensabile scegliere un allevatore serio. Ma da cosa si capisce che l’allevatore scelto è davvero affidabile e che i gattini sono sani? Per essere sicuro di aver fatto la scelta giusta, dovresti porre all’allevatore le 10 domande che trovi elencate in questo articolo.

Le Vaccinazioni del gatto: cosa c’è da sapere

Per fare in modo che il tuo gatto possa condurre una vita lunga e felice, dovresti farlo vaccinare. I gatti infatti possono sviluppare gravi patologie, da cui possono derivare conseguenze serie e, nei casi peggiori, persino la morte. Le vaccinazioni del gatto possono essere eseguite solo da un medico veterinario. Di conseguenza, soltanto i medici veterinari possono trascrivere le vaccinazioni compilando il libretto personale del gatto. Ad ogni vaccinazione, al tuo gatto vengono iniettati agenti patogeni i quali però non causano malattie. Il corpo del gatto forma in questo modo i cosiddetti anticorpi. Questi gli impediscono di essere infettato dagli agenti patogeni che scatenano la malattia. Infatti, il vaccino per gatti risulta l'unica prevenzione efficace contro numerose malattie.

Sverminare il gatto

I vermi possono colpire i gattini piccoli relativamente spesso, e se non eliminati possono portare all'insorgere di gravi malattie. Per fortuna questi parassiti del gatto possono essere debellati in modo semplice una volta individuato il problema. La nostra “tigre da accarezzare”, come la definiva con affetto Victor Hugo, va sverminata per la prima volta dopo tre settimane dalla nascita del gatto, per poi ripetere il trattamento ogni tre o quattro settimane. Si tratta tuttavia di linee guida generali. Soltanto un veterinario può stabilire il ciclo di sverminazione del tuo gatto. I medicinali vermifughi vengono spesso somministrati anche nei rifugi per animali, dal momento che alcuni gattini vi giungono in condizioni molto gravi.