Viaggiare con il gatto

Viaggiare con il gatto

In auto con il gatto

Ai gatti non piace viaggiare. Per questi animali sensibili ogni cambio di scenario si traduce in una dose di forte stress, perché suoni e odori insoliti rendono nervosi anche i mici dal carattere più stabile. Tuttavia, di tanto in tanto capita di dover utilizzare l’auto per spostarsi insieme al proprio gatto, che si tratti della visita annuale dal veterinario, di un trasloco o di una vacanza più lunga del solito. L’auto potrebbe non essere il modo di spostarsi preferito dal tuo felino di casa, ma con un po’ di organizzazione puoi togliergli la paura di viaggiare.

Rendere il box confortevole    

Il trasportino fa parte della dotazione di base indispensabile per chi decide di adottare un gatto. Indipendentemente dal fatto che provenga da un rifugio, da un allevatore o da un privato, il gattino va accompagnato nella sua nuova casa in tutta sicurezza. Anche in occasione delle frequenti visite dal veterinario, avere un trasportino si rivelerà utile. Ecco perché ha senso acquistare un box gatti prima che il tuo nuovo amico di zampa si trasferisca da te. In questo articolo abbiamo raccolto 9 suggerimenti utili, per aiutarti a scegliere il trasportino perfetto per il tuo gatto.

In barca con il gatto

Crociera con il gatto? Suona folle, ma è possibile. Anche i vacanzieri, infatti, sono costretti talvolta a portare con sé il proprio gatto. Di seguito vi diamo alcuni consigli per affrontare la navigazione in modo piacevole per voi stessi, per il vostro animale e per gli altri viaggiatori!

In viaggio con il gatto

La pensione per gatti è sovraffollata, il vicino di casa così disponibile stavolta non ha tempo, la tua famiglia vive troppo lontano e tutti gli amici sono in vacanza. Se hai deciso di viaggiare con uno o più gatti al seguito, tieni presente che ci sono molti fattori in grado di metterti in una situazione estremamente difficile. Può capitare che i proprietari di animali domestici abbiano effettivamente solo due alternative: rinunciare alla vacanza programmata e mettersi il cuore in pace godendosi il tempo libero con il proprio gatto tra le quattro mura di casa, o portare con sé in viaggio il proprio animale. Se resti in Italia e hai scelto un'unica sistemazione per tutta la tua vacanza o il tuo viaggio d'affari, portare con te il tuo gatto non sarà un grosso problema, a condizione che il proprietario della struttura dove alloggerai non abbia obiezioni in merito. Nei viaggi “mordi e fuggi” o quando si tratta di trasferte di lavoro stressanti, è meglio evitare di portare con sé il proprio amico felino. Viaggiare all'estero con un gatto può anche rivelarsi difficile, in determinate circostanze: rigide normative d'ingresso, certificati sanitari aggiornati da presentare, rigorosi controlli delle vaccinazioni e la possibilità di dover osservare una quarantena rendono più difficile una vacanza se porti con te il tuo amico a quattro zampe. Naturalmente, tutte queste regole sono per lo più sensate e necessarie; alla fine, tutelano anche la salute degli animali domestici. Tuttavia, all’inizio queste norme comportano tutta una serie di inconvenienti, per il proprietario del gatto.

Traslocare con il gatto

Che il tuo gatto sia un autentico spirito libero a suo agio soprattutto all’aperto oppure che si tratti del classico gatto da appartamento, non fa alcuna differenza: tutti sono molto legati al loro territorio. Lo ispezionano ogni giorno difendendolo, se necessario, dagli intrusi, dopo di che si mettono comodi nei loro posticini preferiti. Se hai deciso di traslocare, quindi, è normale che tu ti ponga la questione: come riuscirci senza turbare troppo il gatto? Con questo articolo vogliamo offrirti qualche utile consiglio!

Viaggiare in aereo con il gatto

Viaggiare in aereo per il tuo gatto è molto più difficile che viaggiare in auto. Odori sconosciuti, rumori forti e il cambiamento di pressione rendono il volo un'esperienza non molto piacevole. Tuttavia non sempre si può evitare di portare il gatto con sé in aereo. Poco importa se si tratta di un trasferimento o di un soggiorno lungo all’estero: con un pochino di preparazione renderai il viaggio in aereo il più piacevole possibile per il tuo amico felino.

Viaggiare in treno con il gatto

Quasi nessun gatto ama lasciare il proprio ambiente quotidiano. Tuttavia un trasloco o un lungo viaggio potrebbero costringerti a doverlo portare con te…e se poi non hai a disposizione un’auto sei costretto a raggiungere il veterinario solo con i mezzi pubblici. Tutto questo è possibile? Naturalmente! Con un paio di consigli, tu e il tuo gatto potrete viaggiare senza stress.