Il modo giusto di fare il bagno al cane

Cane

Quando il tempo è piovoso, ma non solo, può accadere che i nostri cani portino sporcizia dentro casa. Di solito è sufficiente strofinare per bene il nostro amico peloso con un asciugamano. Se invece il cane si è proprio rotolato nel fango? In questo caso spesso si è costretti a fargli il bagno. Attenzione, però: lavare il cane troppo spesso può risultare dannoso per la sua pelle. In questo articolo abbiamo quindi riassunto per te le principali informazioni su questo tema, compresi alcuni consigli di benessere.

Posso fare il bagno al mio cane?

Non c'è niente di sbagliato nel fare la doccia o il bagno al proprio cane, ogni tanto, soprattutto se il tuo amico peloso si è appena divertito nel fango o inizia ad emanare un cattivo odore. A volte fargli il bagno è persino essenziale. La cosa più importante, da ricordare sempre, è in fondo una regola empirica: lava il tuo cane il più raramente possibile, ma fallo ogni volta in cui è necessario.

 

Quali sono le conseguenze se si lava il cane troppo spesso?

Essendo l'organo più esteso del cane, la pelle svolge molte importanti funzioni del corpo. Funge da strato protettivo contro gli agenti esterni, regola l'emissione di calore ed è in grado di percepire vari stimoli come dolore, variazioni di temperatura e pressione, servendosi di determinati recettori sensoriali. La superficie della pelle del cane è ricoperta da uno strato lipidico, il quale è costituito principalmente da grassi e proteine e viene chiamato anche sebo. Lo strato lipidico ha un'importante funzione protettiva: protegge infatti la pelle del cane dagli agenti esterni (ambientali) e dal rischio di disidratazione.

Se i cani vengono lavati troppo frequentemente o se si utilizzano prodotti sbagliati (come ad esempio shampoo troppo aggressivi), lo strato lipidico può danneggiarsi e possono derivarne problemi a livello cutaneo. Ne sono segnali l’arrossamento della pelle e il forte prurito. Dopo il bagno, il tuo cane potrebbe grattarsi o leccarsi più del solito: se ciò accade per un periodo di tempo prolungato, le conseguenze possono essere l’alopecia areata o, nel peggiore dei casi, un’infiammazione della pelle di natura batterica.

Qual è lo shampoo giusto per il mio peloso?

La scelta del prodotto giusto per la cura della pelle del cane è importante onde evitare problemi cutanei all’animale. La prima cosa da fare, tuttavia, è chiedersi sempre se quel determinato prodotto è davvero necessario. Spesso infatti è sufficiente sciacquare la pelliccia del proprio animale con abbondante acqua pulita e togliere via lo sporco dal pelo del cane con le proprie mani, mentre lo si sciacqua.

Per poter rimuovere eventuali odori sgradevoli o lo sporco più impegnativo, tuttavia, a volte effettivamente è necessario utilizzare un prodotto per la cura del pelo del cane. In questo caso, ti consigliamo di utilizzare uno shampoo specifico. Questi prodotti per cani sono particolarmente adatti alla pelle dei nostri amici pelosi e non contengono componenti che possono irritare la loro cute. Se il tuo animale non tollera un determinato prodotto o è addirittura allergico ad esso, puoi provare gli speciali shampoo ipoallergenici, i quali hanno un effetto particolarmente delicato e rispettoso della pelle.

Cane bagno

Scegliere lo shampoo per cani giusto per il tuo amico di zampa ti aiuta ad evitare che abbia problemi cutanei. Nel nostro shop Cani zooplus trovi un'ampia selezione di tutte i prodotti necessari per la cura della pelle del tuo peloso.

Qual è il modo corretto di fare il bagno al cane?

Hai preso tutte le precauzioni necessarie e ora vuoi sapere a cos'altro fare attenzione, quando fai il bagno al tuo cane? Qui di seguito trovi alcuni spunti utili al riguardo:

  • Prima di fare la doccia al cane, assicurarsi che la temperatura dell'acqua sia piacevole. Puoi valutarlo facilmente con il dorso della tua mano, ad esempio, perché questa zona della pelle è molto sensibile al caldo e al freddo.
  • A molti cani non piacciono gli schizzi d'acqua e sono spaventati quando si rivolge il getto d'acqua direttamente verso di loro. Quindi puoi riempire con cura il fondo della vasca con acqua, facendola scorrere lentamente. In questo modo potrai utilizzare quella stessa acqua per sciogliere lo sporco.
  • Inizia sempre dalle zampe del cane e continua a massaggiare il suo pelo con l'acqua dirigendoti verso il petto e la pancia. Solo a quel punto puoi procedere bagnandogli anche schiena e collo.
  • Lava la testa del tuo amico a quattro zampe come ultimo passaggio. I cani di solito reagiscono in maniera piuttosto infastidita, quando si bagna loro la testa, e potresti innescare un tremore di riflesso.
  • A nessuno piace avere acqua o schiuma negli occhi, nemmeno ai cani. Durante il bagnetto, quindi, lascia fuori la zona degli occhi del tuo peloso.
  • Dai al tuo cane il tempo necessario per abituarsi alla situazione. Non ha senso tenere in braccio un animale in preda al panico e continuare a fargli la doccia con il getto d'acqua. Molto meglio fare una pausa e calmare il cane, ad esempio parlandogli con un tono affettuoso e rassicurante.

Il mio cane non sopporta di fare il bagno: che fare?

Per la maggior parte dei cani, l’ingresso nella stanza da bagno è associato ad una superficie scivolosa e a molti schizzi d'acqua poco piacevoli. Il ricordo di queste sensazioni rende alcuni amici a quattro zampe piuttosto irrequieti sino al vero e proprio panico: spesso la conseguenza è una stanza da bagno tutta sporca. Con pochi accorgimenti, invece, puoi rendere il bagnetto un'esperienza positiva per il tuo cane.

Prima di tutto, fai attenzione a comunicare una sensazione di calma e di normalità mentre entri in bagno con il tuo peloso. Soprattutto, non mostrare alcun nervosismo: i cani sono molto sensibili e notano subito quando qualcosa non va. Un animale irrequieto quindi è pre-programmato, ossia reagisce a stimoli negativi.

 

Per fare in modo che il tuo amico di zampa associ il bagnetto a qualcosa di positivo, puoi anche premiarlo con qualche snack per cani. Ad esempio, dagli un biscotto quando lo porti con te in bagno, quando lo metti nella vasca o mentre lo lavi. Anche attraverso le lodi puoi far vedere al tuo cane che il bagno è qualcosa di positivo.

I tappetini antiscivolo offrono al tuo animale il necessario supporto, nella vasca come nella doccia. Senza questa sicurezza, molti cani si spaventano subito e provano a saltare fuori dalla vasca in preda al panico. Questo tipo di reazioni, per altro piuttosto comuni, porta spesso a lesioni a carico dell’animale o del suo proprietario.

Trovi altri suggerimenti e consigli per imparare a prenderti cura al meglio del tuo amico a quattro zampe nella sezione Salute e cura del cane del nostro magazine zooplus.

I nostri articoli più utili

Il coronavirus nel cane

Il coronavirus nel cane (CCoV) è diffuso in tutto il mondo e colpisce in particolare i cani dei canili e i cuccioli. Rispetto al coronavirus umano, che causa problemi respiratori, il coronavirus canino comporta principalmente disturbi gastrointestinali. Sebbene un'infezione da coronavirus sia spesso lieve, nei cani, nel caso di animali immunodepressi possono verificarsi decorsi molto severi con forme acute di diarrea e anche decessi.

Vaccinare il cane: ecco cosa c’è da sapere

Non c'è dubbio: i vaccini proteggono il tuo cane da malattie infettive che possono rivelarsi letali. Ma quali sono i vaccini essenziali a cui sottoporre assolutamente il proprio cane? In cosa consiste l'immunizzazione primaria dei cuccioli e quanto spesso bisogna effettuare il richiamo per salvaguardare il cane a lungo termine?

La vecchiaia nei cani: come prendersi cura di un cane senior

Molti cani accompagnano i loro proprietari per molti anni e raggiungono un'età di tutto rispetto. Naturalmente, anche per i nostri amici a quattro zampe il tempo non passa senza lasciare traccia. Con questo articolo vogliamo rivelarti quali sono i tipici segni dell'invecchiamento nei cani e come puoi rendere più facile al tuo fedele amico il trascorrere degli anni. Inoltre affrontiamo insieme la delicata questione del momento in cui dover dire addio al proprio cane.