Il colpo di calore nel cane: come intervenire

Hitzschlag beim Hund sommer

Gerade an heißen Sommertagen kann es leicht zu einem Hitzschlag beim Hund kommen.

L'estate è senz’altro la stagione tanto attesa un po’ da tutti, per le opportunità che offre a cani e umani. Ma attenzione alle giornate molto calde, perché anche i nostri amici pelosi possono soffrire di colpi di calore. Soprattutto i cani più grandi e in sovrappeso, quelli con il pelo particolarmente folto o lungo e quelli con problemi circolatori sono molto a rischio. Ma il colpo di calore nel cane può presentarsi anche negli scenari meno probabili.

Come si riconosce il colpo di calore nel cane?

Il colpo di calore (iperpiressia da calore) mette a rischio la vita stessa dei nostri amici di zampa. Ecco perché in estate è particolarmente importante tenere d'occhio il tuo pet. Ma cosa e come puoi fare e soprattutto a cosa devi stare attento? Te lo spieghiamo noi, punto per punto.

Ecco come si presenta un cane che sta soffrendo di un colpo di calore:

  • È irrequieto
  • Ansima molto, tenendo costantemente la lingua fuori
  • Ha il battito accelerato
  • Sbava e ha una salivazione più forte
  • Trema, barcolla, può arrivare ad avere le convulsioni
  • Vomita e/o ha la diarrea
  • Ha una temperatura che supera i 40°C (successivamente il cane può avere invece un forte abbassamento della temperatura, a causa di problemi metabolici: in quel caso è urgente andare da un veterinario il prima possibile)
  • Ha le mucose molto arrossate

Se noti nel tuo cane uno o più sintomi tra quelli che abbiamo elencato qui sopra, devi agire rapidamente.

Primo soccorso: come posso aiutare subito il mio cane?

Se il tuo cane ha un colpo di calore, potrebbe volerci del tempo prima che tu riesca a raggiungere uno studio veterinario. Ecco perché è importante agire immediatamente in questo modo:

  • Cerca di rimanere calmo, perché l’agitazione si trasferisce al tuo peloso e non migliora certo le sue condizioni.
  • La prima cosa da fare è spostare il tuo pet in un luogo fresco e ombreggiato.
  • Offrigli subito dell’acqua da bere.
  • Bagnagli il pelo con abbondante acqua fredda, non ghiacciata
  • Mai coprire il cane con asciugamano bagnati: il calore rischia di accumularsi nel corpo del cane
  • Nel tragitto verso lo studio o la clinica veterinaria, tieni accesa l’aria condizionata dell’auto oppure apri tutti i finestrini (se l’auto è stata a lungo sotto il sole, mentre lo assisti e prima di partire per la clinica, metti in moto e aziona l’aria condizionata per far scendere la temperatura dell’abitacolo).

 Importante: Anche se ti sembra che il tuo cane si stia riprendendo, ti conviene portarlo comunque dal veterinario. Solo un medico è in grado di capire se il tuo peloso ha subito danni e, nel caso, cosa fare per ridurne le conseguenze a livello di salute.

Colpo di calore: quando è il caso di andare dal veterinario?

La risposta a questa domanda è molto semplice: sempre! Perché anche se la temperatura corporea del tuo pelosetto è scesa ed è tornata di nuovo sotto i 40°C, il suo metabolismo può avere subìto danni ed essere ancora “sottosopra”.

Il veterinario è in grado di contrastare questo problema attraverso farmaci e infusioni. Nel caso in cui i parametri vitali del tuo cane non fossero ancora tornati nei valori normali, poi, è assolutamente opportuno sottoporlo a cure mediche intensive.

Che cos’è, in pratica, il colpo di calore?

I veterinari parlano di iperessia da calore o colpo di calore quando il corpo del cane si surriscalda superando i 40°C a causa di un eccessivo accumulo di calore. Questo fattore altera l'equilibrio idroelettrolitico, il sistema cardiovascolare e, di conseguenza, il funzionamento di diversi organi interni del cane.

È importante anche saper distinguere il colpo di calore dal colpo di sole. L'insolazione è un surriscaldamento delle meningi. Per fortuna, questo è un problema che si verifica molto raramente, nei cani.

In auto la temperatura sale molto velocemente: il colpo di calore è la conseguenza più comune.

Che cosa può causare al cane un colpo di calore?

I cani regolano la loro temperatura corporea ansimando e sudando, leggermente e solo sulle zampe. Se la temperatura esterna è inferiore alla temperatura corporea del cane, di norma questi due meccanismi sono sufficienti.

Il problema sorge quando la temperatura ambiente aumenta e il cane non ha l'opportunità di spostarsi in un luogo più fresco.

Ecco perché purtroppo la causa più comune di colpo di calore nei cani è il fatto che i loro proprietari li lascino soli in auto!

All’interno di un’automobile, in estate soprattutto, la temperatura aumenta molto rapidamente. Inoltre, negli spazi stretti e chiusi aumenta subito anche l’umidità, il che impedisce ulteriormente il rilascio del calore che si accumula.

Pur ansimando molto, il cane non riesce ad espellere abbastanza calore. La sua temperatura corporea aumenta e, siccome ansima molto, perde parecchi liquidi.

Il colpo di calore nei cani può anche dipendere dall’aver compiuto uno sforzo fisico eccessivo ad alte temperature o all’interno di piccoli spazi chiusi, ma accade raramente e non è la prima causa.

Ecco come sale la temperatura all’interno di un’auto

Temperatura esterna dopo 5 minuti dopo 10 minuti dopo 30 minuti dopo 60 minuti
20 ˚C 24 ˚C 27 ˚C 36 ˚C 46 ˚C
22 ˚C 26 ˚C 29 ˚C 38 ˚C 48 ˚C
24 ˚C 28 ˚C 31 ˚C 40 ˚C 50 ˚C
26 ˚C 30 ˚C 33 ˚C 42 ˚C 52 ˚C
28 ˚C 32 ˚C 35 ˚C 44 ˚C 54 ˚C
30 ˚C 34 ˚C 37 ˚C 46 ˚C 56 ˚C
32 ˚C 36 ˚C 39 ˚C 48 ˚C 58 ˚C
34 ˚C 38 ˚C 41 ˚C 50 ˚C 60 ˚C
36 ˚C 40 ˚C 43 ˚C 52 ˚C 62 ˚C

Come fa il cane a capire che deve ansimare?

Per capire come si verifica il colpo di calore nei cani, diamo prima un'occhiata a come funziona il loro meccanismo di regolazione della temperatura corporea.

Il punto cardine di questo meccanismo risiede nel cervello, e più precisamente nell'ipotalamo. Il cane riceve informazioni sulla temperatura corporea tramite dei sensori di misurazione (che si chiamano termocettori) i quali sono distribuiti lungo tutto il suo corpo. Se viene rivelata una temperatura troppo alta o troppo bassa, l'ipotalamo avvia le necessarie contromisure per far tornare la situazione alla normalità.

Come posso evitare il colpo di calore nel mio cane?

Assicurati sempre che il tuo cane non sia esposto a lungo al sole cocente. Offrigli abbastanza acqua potabile, che devi sempre lasciargli a disposizione. E soprattutto: non lasciare mai il cane in auto nelle giornate calde, nemmeno se pensi di fare una sosta breve.

Inoltre, evita di fargli fare sforzi fisici e lunghe passeggiate nelle ore centrali della giornata, che sono le più calde. Goditi invece le passeggiate con il tuo compagno di zampa al mattino o alla sera, quando la temperatura è più fresca.

Con questi 5 consigli puoi rendere le calde giornate estive del tuo peloso decisamente più piacevoli.
I nostri articoli più utili
9 min

Vaccinare il cane: ecco cosa c’è da sapere

Non c'è dubbio: i vaccini proteggono il tuo cane da malattie infettive che possono rivelarsi letali. Ma quali sono i vaccini essenziali a cui sottoporre assolutamente il proprio cane? In cosa consiste l'immunizzazione primaria dei cuccioli e quanto spesso bisogna effettuare il richiamo per salvaguardare il cane a lungo termine?
6 min

Cosa fare quando il cane vomita

Capita abbastanza spesso di ritrovarsi a dover gestire questa spiacevole situazione: il cane inizia a vomitare senza apparente motivo. A dire la verità, non è sempre il caso di allarmarsi. Tutto sta a capire la causa di questo malessere fisico, che nella maggior parte dei casi per fortuna è temporaneo e scompare così come è arrivato. Se invece al tuo amico peloso capita spesso di vomitare, è importante non sottovalutarlo e consultare un veterinario. Vediamo insieme perché.
9 min

Il coronavirus nel cane

Il coronavirus nel cane (CCoV) è diffuso in tutto il mondo e colpisce in particolare i cani dei canili e i cuccioli. Rispetto al coronavirus umano, che causa problemi respiratori, il coronavirus canino comporta principalmente disturbi gastrointestinali. Sebbene un'infezione da coronavirus sia spesso lieve, nei cani, nel caso di animali immunodepressi possono verificarsi decorsi molto severi con forme acute di diarrea e anche decessi.