L’intossicazione da acqua nel cane This article is verified by a vet

Cane

Può capitare che, scatenandosi nell’acqua di un lago, di un fiume o in mare, il tuo cane ingoi troppa acqua. In quel caso il rischio è quello di una intossicazione da acqua.

Fa caldo e vuoi offrire un po’ di refrigerio al tuo cane? È senz’altro una buona idea, a patto che il tuo peloso non finisca con il bere troppa acqua. In questo articolo ti spieghiamo come si verifica l'avvelenamento da acqua nei cani e come tu puoi agire correttamente in una situazione di emergenza.

Cosa si intende con intossicazione da acqua?

Specialmente nelle calde giornate estive è fondamentale che il tuo cane beva abbastanza acqua. Tuttavia, se finisce con l’ingerirne troppa in una volta, il tuo animale può stare male e correre dei rischi. L'intossicazione da acqua, infatti, non è causata da sostanze tossiche o da agenti patogeni, bensì dall’alterazione dell'equilibrio idrico del cane.

Il livello di liquidi presenti nel corpo dell’animale supera la soglia considerata normale e allo stesso tempo la concentrazione degli elettroliti si sbilancia. I veterinari si riferiscono al circolo vizioso che ne deriva come ad una intossicazione da acqua o iperidratazione ipotonica, la quale costituisce un rischio serio, da non sottovalutare, per il cane.

Manovre di primo soccorso in caso di intossicazione da acqua

Se il tuo cane mostra i segni di un’intossicazione da acqua, si tratta di un'emergenza. È quindi importante seguire scrupolosamente i seguenti passaggi per evitare il peggio:

  1. Per prima cosa assicurati che il tuo cane smetta subito di ingerire acqua.
  2. Fai in modo che assuma sali minerali dandogli da mangiare cibi salati (ad esempio cracker o snack simili come i mini bretzel).
  3. Porta il tuo cane da un veterinario con la massima urgenza.

Cosa accade se si verifica un’intossicazione da acqua in un cane?

Sono due gli importanti cicli vitali del corpo che vengono compromessi per effetto dell'intossicazione da acqua nel cane: l'equilibrio idrico e quello elettrolitico.

Problematiche a danno dell’equilibrio idrico

Se il tuo cane beve e ingerisce una normale quantità di acqua, questa viene immagazzinata dalle cellule e negli spazi interstiziali. Ne consegue che, in questo caso, l'acqua e gli elettroliti in essa contenuti (sali minerali) possono distribuirsi uniformemente nel corpo dell’animale.

Se invece il cane ingerisce troppa acqua, ad esempio quando gioca in un lago, il suo equilibrio idrico risulterà sbilanciato: l'acqua immagazzinata nelle cellule finirà con lo scorrere in massa nei suoi vasi sanguigni. Dato che i reni non sono in grado di filtrare abbastanza rapidamente tutto questo liquido in eccesso, le cellule inizieranno a gonfiarsi, diventando edematose. La ritenzione idrica che ne deriva (edema) interessa organi importanti del corpo del cane, come il cervello e il fegato.

Problematiche a danno dell‘equilibrio elettrolitico

Gli elettroliti come sodio, potassio e calcio svolgono un ruolo fondamentale, all’interno del corpo. Tra le altre cose, queste sostanze sono essenziali per l'attività cardiaca e muscolare, oltre che per le diverse funzioni nervose.

Se il tuo cane beve molta acqua, viene a modificarsi la proporzione di elettroliti nel suo corpo. In particolare, si altera l'equilibrio sodico (anche del cloruro di sodio), il quale ha una forte influenza sul bilancio idrico del suo organismo. Come diretta conseguenza, possono verificarsi gravi disturbi delle funzioni vitali del corpo dell’animale.

Quali sono i segni clinici da tenere presente?

Puoi riconoscere l’intossicazione da acqua nel tuo cane osservando i seguenti segni clinici (sintomi):

  • iniziale stanchezza e riluttanza a muoversi
  • rifiuto di assumere acqua e cibo
  • aumento della salivazione, affanno e vomito
  • disturbi neurologici dovuti ad edema cerebrale: dilatazione delle pupille, vertigini e disturbi della coordinazione (mancamenti, barcollamento)
  • comparsa di contrazioni muscolari e di crampi
  • perdita di conoscenza e possibile perdita involontaria di feci e urina

Attenzione: i sintomi dell'intossicazione da acqua possono variare da cane a cane, per cui non ci si deve attendere che si presentino tutti i sintomi di cui sopra. Tuttavia, è importante sottolineare che i cani possono morire a causa delle complicazioni di questa condizione estremamente pericolosa (si stima che ogni anno muoiano per intossicazione da acqua circa 200.000 cani). Ecco perché la si considera un’emergenza.

Cane

Come si tratta l‘intossicazione da acqua nel cane?

Se il tuo cane è affetto da un’intossicazione da acqua, ha urgente bisogno di cure veterinarie. Il medico cercherà di ripristinare l'equilibrio idrico ed elettrolitico del tuo animale con l'aiuto delle seguenti misure terapeutiche di emergenza:

  • somministrazione di farmaci per espellere i liquidi in eccessi (diuretici)
  • somministrazione di elettroliti sulla base dei valori ematici rilevati

Particolarmente importante è, nei giorni successivi all’episodio critico, la possibilità di sottoporre l’animale ad un'ulteriore osservazione da parte del medico veterinario, in quanto gli effetti fatali di solito si verificano solo dopo quattro/nove ore dall’insorgere dei sintomi dell’intossicazione da acqua.

Quali sono i soggetti particolarmente a rischio?

Di norma i cani hanno minori probabilità di incorrere in un’intossicazione da acqua rispetto ad una disidratazione. Tuttavia, i cuccioli e i cani di piccola taglia sono particolarmente a rischio perché il loro corpo minuto assorbe l'acqua più rapidamente. Anche i cani di corporatura asciutta, con una bassa percentuale di grasso corporeo, mostrano più rapidamente i sintomi di un’intossicazione da acqua rispetto ai cani robusti, in quanto il grasso ha appunto la funzione di immagazzinare l'acqua in eccesso.

Come posso prevenire l’intossicazione da acqua nel mio cane?

È un dato di fatto che i cani hanno bisogno di bere acqua fresca, specie durante le giornate calde. Allo stesso modo, un tuffo in un lago balneabile o giocare qualche minuto con l'irrigatore del giardino rappresentano un aiuto, quando il nostro peloso ha caldo e ha bisogno di rinfrescarsi.

Qui di seguito riportiamo due utili suggerimenti per fare in modo che il tuo cane possa divertirsi con l’acqua senza incorrere in un’intossicazione da acqua:

  • mentre gioca in acqua, non perdere mai di vista il tuo cane e fai attenzione ad eventuali suoi cambiamenti a livello di comportamento
  • limita il tempo in cui il tuo cane gioca in acqua e consentigli di espellere i liquidi in eccesso attraverso la minzione

 

Scopri come rinfrescare il tuo cane nelle calde giornate estive leggendo il nostro articolo del Magazine “Cani e caldo: 10 suggerimenti rinfrescanti per godersi l’estate”!

I nostri articoli più utili

Il coronavirus nel cane

Il coronavirus nel cane (CCoV) è diffuso in tutto il mondo e colpisce in particolare i cani dei canili e i cuccioli. Rispetto al coronavirus umano, che causa problemi respiratori, il coronavirus canino comporta principalmente disturbi gastrointestinali. Sebbene un'infezione da coronavirus sia spesso lieve, nei cani, nel caso di animali immunodepressi possono verificarsi decorsi molto severi con forme acute di diarrea e anche decessi.

Vaccinare il cane: ecco cosa c’è da sapere

Non c'è dubbio: i vaccini proteggono il tuo cane da malattie infettive che possono rivelarsi letali. Ma quali sono i vaccini essenziali a cui sottoporre assolutamente il proprio cane? In cosa consiste l'immunizzazione primaria dei cuccioli e quanto spesso bisogna effettuare il richiamo per salvaguardare il cane a lungo termine?

Il cane vomita

Ogni padrone si sarà di sicuro trovato di fronte a una situazione del genere, spaventandosi nel vedere il propri cane vomitare improvvisamente. Tuttavia, non c’è bisogno di allarmarsi ogni volta che succede. Può capitare spesso che il cane vomiti e le cause dietro questo problema possono essere molteplici. Se dovesse trattarsi di un episodio isolato, il più delle volte il vomito non rappresenta alcun pericolo per il cane. Se invece il cane vomita spesso e il problema è associato a un peggioramento delle sue condizioni, è necessario rivolgersi a un medico veterinario.