I parassiti nel cane: come proteggere il tuo peloso

Jack russel sul prato

Scorrazzando tra l’erba alta è facile che il tuo cane venga attaccato da diversi parassiti, primi tra tutti acari e zecche.

La maggior parte delle volte un’infestazione da parassiti, nel cane, non sarà molto più di un grande fastidio, ma non va mai presa sottogamba perché alcuni di loro possono anche trasmettere gravi malattie. Non esistono infatti solo le pulci: questi sgraditi ospiti possono essere moltissimi e di diverse tipologie. Meglio quindi conoscere a fondo i parassiti nel cane per sapere come intervenire in caso di necessità.

Cosa sono i parassiti?

Il termine “parassita” deriva dal greco parasitos, la cui traduzione letterale altro non è che “commensale”. Il termine, tuttavia, nascondeva già in origine l’accezione negativa che ha tutt’oggi, prendendo il significato figurato di “scroccone”.

In effetti i parassiti vivono proprio così, “a scrocco” all’interno dell’organismo o sulla pelle del povero ospite, di cui si nutrono e che utilizzano per crescere e successivamente riprodursi.

È importante, innanzitutto, conoscere la basilare differenza tra endoparassiti e ectoparassiti, che trovano rispettivamente il proprio habitat all’interno dell’organismo o sulla superficie dell’ospite prescelto.

I parassiti nel cane possono essere pericolosi?

I parassiti, nel cane, non rappresentano sempre un pericolo, alcuni sono semplicemente molto fastidiosi.

È tuttavia importante trattare ogni caso di infestazione da parassiti nel cane, senza eccezione. Ecco perché:

  • Anche quando non mettono il tuo peloso particolarmente a rischio, i parassiti nel cane possono comunque scatenare noiosi sintomi come l’eccessivo prurito e, perché no, la conseguente comparsa di alopecia.

Entrambe le condizioni sono una vera seccatura per il tuo amico di zampa.

  • Talvolta il prurito è davvero insopportabile e il cane non può far altro che grattarsi e leccarsi con tutta la forza che ha. Questo però provoca la formazione di lesioni cutanee, un’ottima via d’ingresso per i batteri e quindi per la comparsa di infezioni secondarie.
  • Molti parassiti sono già di per sé portatori di agenti patogeni e possono causare la comparsa di malattie anche piuttosto serie. È il caso, soprattutto, delle infezioni batteriche.
  • Può anche accadere che i parassiti, dal cane, passino all’uomo. Queste infezioni sono tecnicamente conosciute come zoonosi.
  • Quasi la totalità degli ectoparassiti si nutre del sangue del proprio ospite, rischiando di provocare, se non trattati per tempo, una condizione di anemia nel peloso scelto come vittima.

Se hai il sospetto che il tuo amico di zampa sia infestato da parassiti, rivolgiti per tempo al tuo veterinario: solo così potrai avere una diagnosi certa e di conseguenza un trattamento mirato per scacciare chi ha osato venire a trovare il tuo peloso senza chiedere il permesso.

cane che si gratta dietro le orecchie

I parassiti nel cane si manifestano, in primo luogo, con un fortissimo prurito.

Endoparassiti: ospiti indesiderati all’interno dell’organismo

Gli endoparassiti sono parassiti che vivono all’interno dell’organismo dell’ospite, in questo caso del tuo cane.

A seconda della tipologia, prediligono un organo specifico, traendo da questo le sostanze nutritive di cui hanno bisogno per sopravvivere, crescere e riprodursi. Proprio questo comportamento può causare nel cane la comparsa di sintomi e malattie più o meno gravi.

Entrando più nel dettaglio, gli ectoparassiti vengono a loro volta suddivisi in protozoi (organismi unicellulari) e elminti (organismi pluricellulari vermiformi):

Protozoi: parassiti unicellulari

Quando i parassiti nel cane sono di natura unicellulare e traggono la propria linfa vitale dall’intestino del povero peloso si parla di protozoi intestinali.

Si tratta della specie di parassita unicellulare che gli animali contraggono più di frequente. Tra questi parassiti ricordiamo:

  • la giardia
  • i coccidi
  • il cryptosporidium (trasmissibile anche all’uomo)
  • il neospora caninum
  • l’ hammondia heydorni
  • il sarcocystis

E se il mio cane è infestato da vermi?

Tra i parassiti unicellulari che possono scegliere l’organismo del tuo pelosetto come loro habitat non è assolutamente raro trovare anche i vermi. Per questo motivo è consigliabile sverminare regolarmente il cane o, in alternativa, sottoporne le feci ad un esame specifico, all’incirca ogni 3 mesi.

Non prendere da solo questa decisione: ogni caso è a sé e deve essere il veterinario a valutare quale procedura si adatti maggiormente al tuo adorato amico di zampa.

Di seguito un elenco dei vermi più frequenti nel cane:

ingradimento di un parassita

Le pulci sono parassiti che possono raggiungere i 6 mm di lunghezza e che si attaccano alla pelle dell’ospite.

Ectoparassiti: quando la visita si ferma sulla pelle

A differenza degli endoparassiti, gli ectoparassiti si fanno bastare l’esterno dell’organismo, legandosi il più delle volte alla cute del loro ospite: da qui, si nutrono di sangue o di microscopici frammenti di pelle.

Questo tipo di parassiti, nel cane, sono in primo luogo estremamente fastidiosi, provocando forte prurito e spesso e volentieri anche infiammazioni locali. Talvolta però, non sono “solo” una grande scocciatura, perché possono diventare vettori di malattie anche piuttosto gravi.

Un esempio su tutti sono le zecche, la cui pericolosità è spesso sottovalutata.

La maggior parte degli ectoparassiti si riproduce soprattutto durante la stagione estiva: nei mesi più caldi è quindi ancora più importante tenere d’occhio il pelo del tuo amico di zampa, per intervenire tempestivamente in caso di infestazione e scongiurare il rischio che le cose si complichino inutilmente.

Gli ectoparassiti più frequenti nel cane

Nel cane si riscontrano soprattutto le tre seguenti tipologie di ectoparassiti:

Consiglio: Togliere le zecche al cane non è un gioco da ragazzi! Non prendere iniziative prima di esserti adeguatamente informato e se necessario chiedi l’aiuto di un esperto.

Questo articolo di zooplus Magazine è puramente informativo. Se il tuo animale presenta malessere e fastidi, contatta il tuo veterinario per diagnosi e cure.

I nostri articoli più utili
11 min

I vaccini del cane: quali sono e a cosa servono

Fortunatamente al giorno d'oggi possiamo proteggere i nostri amici di zampa rafforzando le loro difese immunitarie contro alcune malattie. Sono molti infatti i vaccini del cane, alcuni raccomandati e altri solo consigliati. In questo articolo potrai conoscerli più da vicino e capire qanto è importante immunizzare il tuo pelosetto, a maggior ragione quando è ancora un cucciolo.
8 min

Il cane vomita: quali sono le cause e come curarlo?

È sicuramente successo a chiunque abbia la fortuna di condividere le giornate con un cagnolone meraviglioso. Così, all'improvviso, il nostro pelosetto vomita, senza apparente motivo. Niente panico, non sempre il vomito è sintomo di qualcosa di serio, anzi. Ma quando è il caso di preoccuparti se il tuo cane vomita? Questo articolo ti aiuterà a fare chiarezza e a riconoscere le situazioni più a rischio.
10 min

Il coronavirus nel cane

Il coronavirus nel cane (CCoV) è diffuso in tutto il mondo e colpisce in particolare i cani dei canili e i cuccioli. Rispetto al coronavirus umano, che causa problemi respiratori, il coronavirus canino comporta principalmente disturbi gastrointestinali. Sebbene un'infezione da coronavirus sia spesso lieve, nei cani, nel caso di animali immunodepressi possono verificarsi decorsi molto severi con forme acute di diarrea e anche decessi.