Perché il cane mangia l’erba? This article is verified by a vet

perché il cane mangia l'erba

little Jack Russell Terrier dog is eating grass in a meadow. Dog in a spring meadow

Sul fatto che durante le passeggiate quotidiane i cani mangiucchiano con gusto l’erba come fossero pecorelle circolano diverse voci. Ma si tratta davvero di un comportamento normale o è il caso di preoccuparsi?

In questo articolo ti spieghiamo le possibili cause che potrebbero spiegare perché il tuo cane mangia l'erba.

Perché il cane mangia l’erba?

Carenza nutrizionale, comportamento dominante o nausea sono tutti concetti che chi ha un cane associa all’atto di mangiare erba.

È particolarmente diffusa la convinzione che questi animali lo facciano per aiutarsi a vomitare, ma diversi studi hanno appurato che sono pochi quelli che effettivamente lo fanno.

Ma allora perché il cane mangia l’erba?

  1. Sete

Anche se a occhio non si direbbe, le piante immagazzinano molta acqua. Quindi, se il tuo peloso è disidratato e ha sete, può rifocillarsi di liquidi mangiando erba. Ecco perché è importante lasciargli sempre a disposizione una o più ciotole d’acqua fresca e pulita.

  1. Ingestione di un corpo estraneo

Se per caso un cane ingerisce un corpo estraneo, solitamente reagisce d’istinto e se ne ha la possibilità potrebbe mangiare dell'erba: in questo modo l’oggetto ne viene avvolto, agevolando il passaggio nell’intestino e, possibilmente, evitando allo sventurato di subire ferite durante l’evacuazione.

  1. Noia

Tutti conoscono la noia, persino il tuo pelosetto. Forse per questo capita che durante le passeggiate quotidiane ogni tanto si fermi a mangiare erba, proprio come fanno le mucche al pascolo.

Hai mai pensato di dare una sferzata alla vostra quotidianità affacciandovi al mondo degli sport per cani?

Quando i cani mangiano l’erba, è molto facile che lo facciano semplicemente per noia.
  1. Stress

Il tuo cagnolino è stressato e ti sei accorto che a volte si sfoga trangugiando un po’ d’erba? I vantaggi in questo caso sono due: se da un lato questo gli permettere di assumere lo zucchero contenuto nella pianta e di aumentare così il livello glicemico del sangue, dall’altro, la masticazione induce al rilascio di endorfine (ormone della felicità).

  1. Cattiva digestione

I cani ingeriscono molte cose, tra cui ossa solide e peli. Questi tessuti, presenti soprattutto nella dieta BARF, sono più difficili da digerire rispetto agli alimenti secchi o umidi convenzionali.

Pertanto, potrebbe essere proprio per facilitarne la digestione che il tuo cagnolone si aiuta mangiando spesso l’erba.

Per qualche consiglio su come affrontare le emergenze, leggi anche il nostro articolo  Ferite alle zampe del cane: primo soccorso.

Salute a rischio: quando può diventare pericoloso?

L'abitudine di consumare erba faceva e fa parte anche della vita quotidiana del lupo, l’antenato dei nostri cagnoloni. Quindi tale comportamento nei cani è più che ereditario: è scritto nel loro patrimonio genetico e, di conseguenza, si presuppone che sia dettato da un istinto naturale. In tal caso non c’è ragione per vietare al tuo peloso di brucare un po’ di erbetta fresca.

I tre rischi da evitare

Solo in alcuni casi è pericoloso lasciare che il tuo cane mangi l’erba, ma in altri, tra cui quelli elencati qui sotto, devi assolutamente evitarlo:

  1. Rischio di avvelenamento

Fai attenzione specialmente se porti il tuo amico di zampa in prati o campi coltivati a fini commerciali, ad esempio quelli di mais, perché sono trattati con fertilizzanti, erbicidi e pesticidi. Se il tuo cane dovesse assaggiare una di quelle piante, potrebbe cadere vittima di un grave avvelenamento.

Esistono poi determinate piante che producono sostanze tossiche per proteggersi e non finire in pasto agli animali. I primi segni di intossicazione nel cane sono una forte salivazione e il vomito.

Ricorda che il colchico autunnale è solo una delle numerose piante velenose che possono rivelarsi nocive per il tuo pelosetto.
  1. Blocco intestinale

Anche la quantità di erba ingerita è determinante. Se il tuo cane ne mangia solo qualche filo, non dovrebbe destare preoccupazione.

Ma se invece strappa ciuffi interi di erba, terra inclusa, e li divora in pochi secondi, allora è il caso di restare vigili. Nel peggiore dei casi, una quantità eccessiva di erba nello stomaco può causare un pericoloso blocco intestinale (ileo).

  1. Ferite

C’è erba ed erba: alcune varietà sono corte e morbide, altre affilate e più dure. Quest’ultimo tipo andrebbe evitato perché i bordi taglienti possono lacerare la delicata mucosa della bocca o dell’intestino del tuo cucciolone.

Inoltre, le erbe più dure possono andargli di traverso e restare bloccate in gola, compromettendone la respirazione. Se noti che al tuo cane manca il respiro e non riesci ad estrarre il filo d’erba dalla sua gola è bene consultare subito il veterinario.

Il cane mangia l’erba: ma è in grado di assimilarla?

Benché i cani non siano esclusivamente carnivori, si nutrono principalmente di cibo di origine animale e hanno perciò bisogno di una minore percentuale di alimenti vegetali. Molti di questi, come carote e cetrioli, di solito sono per loro facili da digerire.

L'erba, invece, è meno assimilabile dall'intestino del tuo peloso ed è per questo che a volte nelle feci si possono vedere fili d’erba interi o parziali con depositi di muco. Talvolta avrai notato che addirittura il tuo cane, avendo difficoltà ad espellerli completamente, si aiuta strusciando il posteriore sul terreno.

Riassumendo... dovrei intervenire quando il mio peloso mangia l’erba?

In sintesi, se il tuo amico di zampa si mette a brucare come un erbivoro, non deve per forza essere un brutto segno. Nella maggior parte dei casi, lo fa come passatempo o per stimolare la digestione.

Tuttavia, se il tuo peloso ti sembra particolarmente stressato quando mangia l'erba o mostra sintomi di dolore, dovresti prenderlo come un segnale di avvertimento. D’altronde è sempre meglio andare dal veterinario una volta di più piuttosto che una di meno.

In aggiunta, se temi che l’alimentazione del tuo cucciolone sia carente, puoi anche rivolgerti a un esperto e richiedere una consulenza alimentare.


Franziska G., Veterinaria
Profilbild von Tierärztin Franziska Gütgeman mit Hund

Mi sono laureata in Medicina Veterinaria all’Università Justus-Liebig di Gießen, in Germania, e ho maturato una vasta esperienza in diversi ambiti quali la medicina clinica per piccoli animali, la pratica veterinaria per animali di grossa taglia e per animali esotici, approfondendo le mie conoscenze in fatto di farmacologia, patologia e igiene alimentare. Da allora svolgo attività come autrice non solo di testi di argomento veterinario ma anche in quello che è l’ambito della mia dissertazione scientifica. Il mio obiettivo è quello di riuscire a proteggere meglio gli animali dagli agenti patogeni di tipo batterico. Oltre alle mie conoscenze mediche, mi piace condividere la mia felice esperienza di proprietaria di un cane: in questo modo posso comprendere da vicino e allo stesso tempo fare chiarezza sulle principali problematiche che riguardano la salute degli animali.


I nostri articoli più utili
9 min

I vaccini del cane: quali sono e a cosa servono

Fortunatamente al giorno d'oggi possiamo proteggere i nostri amici di zampa rafforzando le loro difese immunitarie contro alcune malattie. Sono molti infatti i vaccini del cane, alcuni raccomandati e altri solo consigliati. In questo articolo potrai conoscerli più da vicino e capire qanto è importante immunizzare il tuo pelosetto, a maggior ragione quando è ancora un cucciolo.
7 min

Il cane vomita: quali sono le cause e come curarlo?

È sicuramente successo a chiunque abbia la fortuna di condividere le giornate con un cagnolone meraviglioso. Così, all'improvviso, il nostro pelosetto vomita, senza apparente motivo. Niente panico, non sempre il vomito è sintomo di qualcosa di serio, anzi. Ma quando è il caso di preoccuparti se il tuo cane vomita? Questo articolo ti aiuterà a fare chiarezza e a riconoscere le situazioni più a rischio.
9 min

Il coronavirus nel cane

Il coronavirus nel cane (CCoV) è diffuso in tutto il mondo e colpisce in particolare i cani dei canili e i cuccioli. Rispetto al coronavirus umano, che causa problemi respiratori, il coronavirus canino comporta principalmente disturbi gastrointestinali. Sebbene un'infezione da coronavirus sia spesso lieve, nei cani, nel caso di animali immunodepressi possono verificarsi decorsi molto severi con forme acute di diarrea e anche decessi.