L’ipertiroidismo nel cane This article is verified by a vet

veterinario esamina collo cane per ipertiroidismo

Con la palpazione il veterinario verifica la presenza di indizi importanti, come i noduli.

La ghiandola tiroidea si trova a destra e a sinistra della trachea. Nonostante le sue piccole dimensioni, questo organo ha delle conseguenze importanti sulla salute del tuo pelosetto. Scopriamo insieme come si manifesta l'ipertiroidismo nel cane e quale ruolo può avere l'alimentazione a base di carne cruda.

Quanto è pericoloso l'ipertiroidismo nel cane?

Negli esseri umani, una cosiddetta crisi tireotossica può essere pericolosa per la vita. Questa crisi si manifesta con un brusco aumento degli ormoni tiroidei e pericolose alterazioni del metabolismo.

Nel cane, questo disturbo ormonale è piuttosto raro, ma può avere conseguenze molto gravi, soprattutto se la causa sottostante è un tumore maligno.

Sintomi: quali sono i principali segnali dell'ipertiroidismo nel cane?

L'ipertiroidismo colpisce quasi tutti gli organi del cane. Un malfunzionamento di questa ghiandola può manifestarsi con diversi sintomi.

I segni più comuni sono i seguenti:

  • irrequietezza e respiro affannoso
  • perdita di peso nonostante un concomitante aumento di appetito.
  • battito cardiaco accelerato (tachicardia).
  • difficoltà a deglutire.
  • aumento della sete e della minzione (polidipsia e poliuria).
  • possibili cambiamenti comportamentali (ad esempio, improvvisa aggressività o paura).
  • pelo ispido.

Frequente soffocamento o vomito.

La maggior parte degli umani di riferimento si accorge che qualcosa non va quando il comportamento del proprio pelosetto cambia bruscamente, diventando spesso aggressivo. Successivamente, in presenza di un tumore, è possibile sentire un nodulo palpando il collo in corrispondenza della ghiandola tiroidea.

pitbull marrone beve acqua da rubinetto pubblico
Anche l’aumento della sete può essere un sintomo di ipertiroidismo nel cane.

Quanto è comune l'ipertiroidismo nel cane?

Nel cane l'ipotiroidismo è molto più comune rispetto all'ipertiroidismo. Nel gatto, invece, prevale l'ipertiroidismo.

Diagnosi: come si accerta l'ipertiroidismo nel cane?

Se il tuo amico di zampa si comporta in modo diverso o mostra alcuni dei segni della malattia, ti consigliamo di consultare il tuo veterinario. Dopo un esame clinico generale (ad esempio la misurazione della frequenza respiratoria o la palpazione della ghiandola tiroidea), il veterinario potrebbe decidere di eseguire ulteriori esami per valutare la funzionalità della ghiandola tiroidea.

Esame del sangue

Per prima cosa, lo specialista preleva un campione di sangue dal tuo peloso. Grazie a speciali apparecchiature di laboratorio è possibile determinare i valori degli ormoni tiroidei più importanti, ovvero: la tiroxina (T4), la tiroxina libera (fT4) e l’ormone stimolante della tiroide (TSH, tireotropina).

Se il livello di T4 è elevato, il sospetto di ipertiroidismo è confermato. Tuttavia, può succedere che questo parametro rientri nell'intervallo di normalità.

Ulteriori esami

Ulteriori esami (ad esempio, l'ecografia) possono rivelarsi molto utili per verificare se la causa sottostante è un tumore. Eseguendo una scintigrafia, il veterinario può, mediante l’impiego di radioisotopi, rilevare eventuali alterazioni patologiche del tessuto ghiandolare.

Terapia: come si cura l'ipertiroidismo nel cane?

Il trattamento dell'ipertiroidismo mira a normalizzare i livelli ormonali. A tal fine, è necessario agire sulla causa della malattia.

In presenza di un tumore, ad esempio, è necessario un intervento chirurgico, per asportare i tessuti produttori di ormoni, oppure una radioterapia (ad esempio, la terapia con radioiodio). A seconda delle dimensioni, dell’estensione e dello stadio del tumore, può essere utile anche intervenire con la chemioterapia o con una combinazione di diversi trattamenti.

Con quali farmaci si cura l'ipertiroidismo nel cane?

Se l'asportazione completa della ghiandola tiroidea è inevitabile, dopo l'intervento chirurgico il tuo pelosetto dovrà assumere farmaci per il resto della sua vita. La terapia ormonale sostitutiva si effettua con la somministrazione di tiroxina.

Sarà il veterinario a regolare la dose in base al fabbisogno specifico. In questo modo si evita che il tuo Fido passi da un’eccessiva produzione ad una carenza di ormoni tiroidei.

Alimentazione: come nutrire un cane affetto da ipertiroidismo?

Se nutri il tuo amico di zampa con una dieta BARF, assicurati che gli alimenti a base di carne di esofago siano privi di tessuto tiroideo, che può provocare ipertiroidismo. È preferibile evitare completamente la carne di esofago, soprattutto se il tuo pelosetto soffre già di ipertiroidismo.

cane mangia carne fresca in giardino
Attenzione alla carne di esofago! Eventuali residui di tessuto tiroideo possono causare ipertiroidismo.

Cause: quali sono i fattori scatenanti dell'ipertiroidismo nel cane?

Quando la ghiandola tiroidea secerne una quantità eccessiva di ormone tiroideo, si parla di ipertiroidismo. Questo disturbo ormonale, dunque, può avere cause diverse rispetto al disturbo opposto, cioè l'ipotiroidismo.

Le tre cause note di ipertiroidismo nel cane sono le seguenti:

1. Ipertiroidismo alimentare

Se il tuo Fido segue una dieta BARF, ha un rischio più elevato di sviluppare l'ipertiroidismo. È noto, infatti, che la carne di esofago cruda fa salire alle stelle i livelli di T4. La ragione è semplice: proprio nell’esofago potrebbero trovarsi dei resti di tessuto tiroideo degli animali macellati.

2. Tumori della tiroide

Un’altra possibile causa di questo disturbo ormonale è rappresentata dai tumori della tiroide (ad esempio il carcinoma). Questi alterano la funzione della ghiandola tiroidea facendo aumentare la produzione di ormoni.

3. Sovradosaggio di farmaci

 

Se, a causa di un ipotiroidismo accertato, somministri al tuo amico di zampa dei farmaci per la tiroide, un sovradosaggio può portare all’ipertiroidismo.

Prognosi: quali sono le probabilità di guarigione?

La prognosi dipende dalla causa della patologia. L’ipertiroidismo alimentare, ad esempio, può essere ridimensionato modificando tempestivamente la dieta.

Se invece il tuo pelosetto ha un cancro tiroideo, il successo della terapia dipende dal tipo e dall'aggressività del tumore. Se le metastasi sono già comparse in altri organi, come i polmoni, la prognosi può peggiorare notevolmente.

Per questo motivo, è importante palpare regolarmente il collo del tuo pelosetto. Se noti qualche cambiamento, consulta subito il tuo veterinario.

Prevenzione: come proteggere il tuo cane dall'ipertiroidismo.

Per evitare che il tuo amico di zampa soffra di questa disfunzione ormonale, elimina la carne di esofago dalla dieta BARF. Se il tuo Fido è già affetto da un disturbo della tiroide, è necessario che il tuo veterinario controlli regolarmente i valori degli ormoni tiroidei. Questo contribuirà ad evitare ulteriori squilibri ormonali.

Questo articolo di zooplus Magazine è puramente informativo. Se il tuo animale presenta malessere e fastidi, contatta il tuo veterinario per diagnosi e cure.


Franziska G., Veterinario
Profilbild von Tierärztin Franziska Gütgeman mit Hund

Mi sono laureata in Medicina Veterinaria all’Università Justus-Liebig di Gießen, in Germania, e ho maturato una vasta esperienza in diversi ambiti quali la medicina clinica per piccoli animali, la pratica veterinaria per animali di grossa taglia e per animali esotici, approfondendo le mie conoscenze in fatto di farmacologia, patologia e igiene alimentare. Da allora svolgo attività come autrice non solo di testi di argomento veterinario ma anche in quello che è l’ambito della mia dissertazione scientifica. Il mio obiettivo è quello di riuscire a proteggere meglio gli animali dagli agenti patogeni di tipo batterico. Oltre alle mie conoscenze mediche, mi piace condividere la mia felice esperienza di proprietaria di un cane: in questo modo posso comprendere da vicino e allo stesso tempo fare chiarezza sulle principali problematiche che riguardano la salute degli animali.


I nostri articoli più utili
11 min

I vaccini del cane: quali sono e a cosa servono

Fortunatamente al giorno d'oggi possiamo proteggere i nostri amici di zampa rafforzando le loro difese immunitarie contro alcune malattie. Sono molti infatti i vaccini del cane, alcuni raccomandati e altri solo consigliati. In questo articolo potrai conoscerli più da vicino e capire qanto è importante immunizzare il tuo pelosetto, a maggior ragione quando è ancora un cucciolo.
8 min

Il cane vomita: quali sono le cause e come curarlo?

È sicuramente successo a chiunque abbia la fortuna di condividere le giornate con un cagnolone meraviglioso. Così, all'improvviso, il nostro pelosetto vomita, senza apparente motivo. Niente panico, non sempre il vomito è sintomo di qualcosa di serio, anzi. Ma quando è il caso di preoccuparti se il tuo cane vomita? Questo articolo ti aiuterà a fare chiarezza e a riconoscere le situazioni più a rischio.
10 min

Il coronavirus nel cane

Il coronavirus nel cane (CCoV) è diffuso in tutto il mondo e colpisce in particolare i cani dei canili e i cuccioli. Rispetto al coronavirus umano, che causa problemi respiratori, il coronavirus canino comporta principalmente disturbi gastrointestinali. Sebbene un'infezione da coronavirus sia spesso lieve, nei cani, nel caso di animali immunodepressi possono verificarsi decorsi molto severi con forme acute di diarrea e anche decessi.