Proteggere il cane dal sole: tutto ciò che serve

proteggere il cane dal sole

Ein Sonnenschutz ist auch für Hunde im Sommer wichtig, um sich vor Sonnenbrand zu schützen.

È arrivata l’estate! Con le belle giornate andare a spasso il cane è ancora più divertente. Ma la protezione solare è necessaria anche per i nostri amici pelosi, perché, anche se può sembrarti strano, i cani possono scottarsi: scopriamo assieme come proteggere il cane dal sole!

Appena arriva l’estate molti proprietari di cani non vedono l'ora di dedicarsi ad attività sportive all’aperto come lo stand-up paddle o il trekking con il cane. Ma mentre a tutti noi viene naturale dotarci di cappello, crema solare e occhiali da sole, spesso ci dimentichiamo di proteggere il cane dal sole. Così molti cani restano al sole senza protezione. Invece è un errore perché soprattutto la loro pelle chiara reagisce in modo molto sensibile ai raggi UV.

I pericoli del sole

I raggi del sole mettono di buon umore, non c’è dubbio, ma possono anche essere dannosi: le conseguenze sono scottature, invecchiamento precoce della pelle e aumento del rischio di cancro. Questo non riguarda solo noi umani ma anche alcuni cani.

I cani a rischio: le razze che tendono a scottarsi più facilmente

Un po’ come succede a noi umani, anche per i cani vale la regola secondo la quale più chiara è la pelle (e il pelo) e più facile è scottarsi. Con i nostri amici pelosi bisogna tenere in considerazione anche il mantello: più è folto e lungo, minore è il rischio di danni provocati dai raggi UVA e UVB.

Vediamo insieme quali sono le razze canine che corrono maggiormente il rischio di scottarsi al sole:

Ovviamente anche le razze miste, se hanno il mantello chiaro e un aspetto simile a quello dei cani elencati qui sopra, corrono il rischio di scottarsi, se esposte al sole.

Altri fattori di rischio

I cuccioli sono un altro gruppo a rischio di scottature. Inoltre esistono farmaci e malattie, come l'infestazione da parassiti o alcune patologie della pelle, che possono favorire le ustioni nel cane. Altro fattore da tenere presente quando si parla di proteggere il cane dal sole.

Per questo motivo, se il tuo peloso soffre di una qualche malattia cutanea autoimmune, è importante che tu ti rivolga al tuo medico veterinario di riferimento per chiedere consigli in merito alla protezione solare più indicata per il tuo pet.

Tieni presente che ci sono malattie, come ad esempio il pemfigo e alcune forme di lupus, che con la luce solare peggiorano sensibilmente.

Riconoscere la scottatura nel cane

I sintomi delle scottature nei cani non sono troppo diversi da quelli che conosciamo anche noi umani: quello che si nota è un arrossamento della pelle dovuto ad un'infiammazione acuta. In conseguenza di ciò possono verificarsi anche forfora e prurito. Dolore e vesciche, invece, per fortuna nei cani sono più rari.

Ci sono zone del corpo del tuo cane che vanno protette particolarmente bene perché più soggette a scottarsi. In particolare:

  • La zona della bocca e del naso, in pratica tutto il muso
  • Le orecchie, specialmente la punta e l‘interno delle orecchie
  • La zona di pelle che riveste il cranio
  • La pancia, specie se il cane sta sdraiato esponendo la pancia al sole

I danni del sole sulla pelle non sono sempre minimi: la conseguenza di una scottatura può essere un tumore della pelle. Come vedi, restare scottati dal sole non è solo un inconveniente banale, tipico dell’estate: le scottature possono diventare un problema di salute a lungo termine, ragione in più per proteggere il cane dal sole.

Ecco i tipici segni di una scottatura sul naso di un cane.

Proteggere il cane dal sole

Se il tuo cane tende a scottarsi o ha una costituzione fisica “a rischio”, dovresti fare in modo di procurargli sempre un posto all’ombra, in estate. Evita l’esposizione al sole nella fascia oraria compresa tra le 11 e le 16 e assicurati che il tuo quattrozampe non resti senza protezione anche nelle ore meno rischiose.

Va detto che tenere il cane all'ombra tutta l'estate non è la soluzione. Per proteggere il cane dal sole devi procurarti la giusta protezione solare. Un po’ come fai con te stesso e come faresti con un bambino.

Strofina le zone poco pelose e quindi più sensibili del tuo cane, come le orecchie, con lozioni di protezione solare di alta qualità e con un fattore elevato (SPF 30). Assicurati che il prodotto scelto non contenga coloranti, conservanti o profumi, per evitare allergie.

Forse non sai che esistono creme solari appositamente formulate per i cani. Ricorda che per il naso del tuo peloso non esiste alcuna protezione: sfortunatamente il solo modo che hai di proteggere il suo naso da una scottatura è evitare che stia troppo al sole.

Sapevi che il caldo estivo può avere effetti negativi anche sulla circolazione dei cani? Scopri di più sul tema leggendo il nostro articolo I cani e il caldo: 10 consigli per godersi l’estate

Cosa fare se il cane si scotta?

La prima cosa da fare, ovviamente, è spostarsi subito dal sole mettendosi all’ombra. Quindi puoi procedere con qualche impacco rinfrescante oppure utilizzare unguenti specifici per cani, formulati proprio per lenire la pelle scottata dei nostri pet. Il nostro consiglio, però, è quello di consultare prima un veterinario.

Se ti rendi conto che il tuo cane presenta gravi ustioni da raggi UV, un trattamento a base di cortisone può effettivamente ridurre l'infiammazione: spetta però al medico veterinario valutare il da farsi e, se necessario, prescrivere anche gli antidolorifici appropriati.

L’estate presenta anche qualche insidia, per i nostri amici pelosi: scopri di più su Il colpo di calore nei cani leggendo gli articoli del magazine zooplus!

I nostri articoli più utili
8 min

Vaccinare il cane: ecco cosa c’è da sapere

Non c'è dubbio: i vaccini proteggono il tuo cane da malattie infettive che possono rivelarsi letali. Ma quali sono i vaccini essenziali a cui sottoporre assolutamente il proprio cane? In cosa consiste l'immunizzazione primaria dei cuccioli e quanto spesso bisogna effettuare il richiamo per salvaguardare il cane a lungo termine?
9 min

Il coronavirus nel cane

Il coronavirus nel cane (CCoV) è diffuso in tutto il mondo e colpisce in particolare i cani dei canili e i cuccioli. Rispetto al coronavirus umano, che causa problemi respiratori, il coronavirus canino comporta principalmente disturbi gastrointestinali. Sebbene un'infezione da coronavirus sia spesso lieve, nei cani, nel caso di animali immunodepressi possono verificarsi decorsi molto severi con forme acute di diarrea e anche decessi.
6 min

Cosa fare quando il cane vomita

Capita abbastanza spesso di ritrovarsi a dover gestire questa spiacevole situazione: il cane inizia a vomitare senza apparente motivo. A dire la verità, non è sempre il caso di allarmarsi. Tutto sta a capire la causa di questo malessere fisico, che nella maggior parte dei casi per fortuna è temporaneo e scompare così come è arrivato. Se invece al tuo amico peloso capita spesso di vomitare, è importante non sottovalutarlo e consultare un veterinario. Vediamo insieme perché.