Giardia nel cane This article is verified by a vet

Scritto da Amelie Krause, Veterinario
giardia del cane

Giardia nel cane

Le giardie sono parassiti monocellulari, che colonizzano l’intestino tenue del cane, causando diarrea e vomito. Questo può comportare problemi più seri, soprattutto nei cuccioli e nei cani dal sistema immunitario debole. Giardie di diverso genotipo si possono trovare in mammiferi, esseri umani, uccelli, anfibi e rettili.

La giardia nel cane come si sviluppa?

La giardiasi negli animali domestici e negli esseri umani è causata dal Giardia duodenalis (conosciuto anche come G. intestinalis o G. lamblia) e si può trovare in tutto il mondo. Le giardie di questo genotipo scelgono solo alcuni tipi di ospiti, mentre le altre scelgono altre specie animali o anche esseri umani. Le giardie sono protozoi, o meglio parassiti monocellulari, il cui ciclo di vita si sviluppa solo su un ospite. Nel loro sviluppo le giardie incontrano cisti e trofozoiti. Il cane può manifestare cisti a causa del contatto con feci infettate, acqua contaminata o alimentazione, così come dal contatto con cani malati. Le feci di cani infettati sono particolarmente contagiose, poiché contengono una grande quantità di cisti. Con l'azione del valore del pH nell'intestino e della bile viene rilasciato un trofozoita dalla ciste, che inizia a dividersi. I trofozoiti si attaccano subito all'interno e alle mucose dell’intestino tenue, più raramente al colon. Si moltiplicano in lunghezza e creano ulteriori cisti, le quali si dividono con la formazione delle feci, pronte a infettare altri animali. I cani infettati espellono nell'arco di pochi giorni una grande quantità di cisti: questo può durare per settimane e mesi, arrestarsi o sparire direttamente per un po' di tempo. A seconda del tempo e delle condizioni le cisti possono rimanere infettanti nell'ambiente da una settimana fino a circa 3 mesi, ed, in caso di clima umido, le cisti sopravvivono molto a lungo. Le giardie possono spesso essere ritrovate in canili o allevamenti, in linea generale comunque in luoghi con un'alta presenza di cani.

I sintomi

Soprattutto cuccioli e cani giovani possono mostrare i sintomi di un’infezione da giardie. La malattia spesso non ha alcun effetto in cani adulti e sani, e non mostra quindi sintomi. L’infezione da giardie si manifesta con diarrea del nel cane, che può essere di diversa intensità, spesso con presenza di muco o di sangue. Vomito o mancanza di appetito possono essere ulteriori sintomi. I cuccioli possono contrarre giardie insieme ad altri parassiti intestinali, come i coccidi.

Diagnosi

Se il cucciolo ha la diarrea è sempre meglio far analizzare un campione di feci dal veterinario. Lo stesso vale per i cani adulti con problemi al tratto gastro-intestinale cronici. Per un'analisi precisa bisognerebbe prendere un campione per tre giorni, in modo che si possano escludere altri tipi di parassiti. Le giardie possono essere diagnosticate direttamente nello studio del veterinario o in laboratorio con il test ELISA.

Terapia contro la giardia nel cane

Per trattare la giardia nel cane il veterinario può proporre diversi medicinali. Potrà scegliere diversi principi attivi, a seconda del caso. Eventualmente potrebbe offrire una terapia per trattare anche altre malattie. Inoltre il cane dovrebbe fare una dieta facilmente digeribile ed evitare nuove infezioni prendendo misure igieniche fondamentali: la cuccia da esterno e le ciotole per le crocchette devono essere disinfettate a 65° con acqua calda. L'infezione da giardia nel cane appartiene alle zoonosi e in alcuni casi può infettare l'essere umano, per cui è essenziale la massima igiene per adulti malati e bambini.

Eventuali altri animali che vivono insieme al cane infettato devono essere sottoposti alla stessa terapia contro le giardie.

Prevenzione

Per evitare ricadute devono essere presi alcuni accorgimenti fondamentali per l'igiene del cane. Raccogli le sue feci e buttale; pulisci tutte le superfici dove riposa, anche l’auto, giocattoli, peluche, ciotole per acqua e cibo. La spazzola a vapore è particolarmente adatta per la pulizia e la disinfezione di superfici. Potrai ricevere ulteriori informazioni sui prodotti da utilizzare dal tuo veterinario di fiducia.

I nostri articoli più utili

Il coronavirus nel cane

Il coronavirus nel cane (CCoV) è diffuso in tutto il mondo e colpisce in particolare i cani dei canili e i cuccioli. Rispetto al coronavirus umano, che causa problemi respiratori, il coronavirus canino comporta principalmente disturbi gastrointestinali. Sebbene un'infezione da coronavirus sia spesso lieve, nei cani, nel caso di animali immunodepressi possono verificarsi decorsi molto severi con forme acute di diarrea e anche decessi.

Vaccinare il cane: ecco cosa c’è da sapere

Non c'è dubbio: i vaccini proteggono il tuo cane da malattie infettive che possono rivelarsi letali. Ma quali sono i vaccini essenziali a cui sottoporre assolutamente il proprio cane? In cosa consiste l'immunizzazione primaria dei cuccioli e quanto spesso bisogna effettuare il richiamo per salvaguardare il cane a lungo termine?

La vecchiaia nei cani: come prendersi cura di un cane senior

Molti cani accompagnano i loro proprietari per molti anni e raggiungono un'età di tutto rispetto. Naturalmente, anche per i nostri amici a quattro zampe il tempo non passa senza lasciare traccia. Con questo articolo vogliamo rivelarti quali sono i tipici segni dell'invecchiamento nei cani e come puoi rendere più facile al tuo fedele amico il trascorrere degli anni. Inoltre affrontiamo insieme la delicata questione del momento in cui dover dire addio al proprio cane.