Rhodesian Ridgeback

Rhodesian ridgeback

Il Rhodesian Ridgeback, fiero e affascinante, non è un cane per principianti

Ormai da diversi anni questa bellissima razza canina originaria del Sudafrica trova sempre più estimatori anche in Europa. Non c’è da stupirsi: questo robusto compagno di caccia e cane da famiglia conquista grazie al suo carattere fiero abbinato ad un’amichevole dolcezza nei confronti di chi lo accudisce. Tuttavia, per allevarlo in modo appropriato alla specie è necessario avere una grande esperienza con questa razza canina.

Aspetto: bellezza naturale con la cresta sul dorso

L’aspetto della razza non è sempre uniforme, ma tutti i Rhodesian Ridgeback hanno in comune la loro bellezza naturale. Quando si iniziò ad allevare la razza, l’obiettivo principale della selezione era la funzionalità. Lo si può riconoscere dalla sua corporatura: potente, muscolosa, ma mai troppo voluminosa.

Cosa significa “Ridgeback”?

Ridgeback significa letteralmente “dorso crestato”. Questa razza deve il suo nome ad una caratteristica che richiama subito l’attenzione: una cresta sul dorso formata da peli che crescono nella direzione opposta a quella del resto del mantello.

Questa cresta, che inizia subito dietro le spalle, deve essere nettamente definita ed assottigliarsi verso le anche.

Di che colore è il mantello del Rhodesian Ridgeback?

Il mantello, che va dal color frumento chiaro al frumento rossiccio, è corto e liscio. Secondo lo standard di razza, sono ammessi dei peli bianchi o neri solo in piccole quantità in alcune zone come il petto o le dita.

Che dimensioni può raggiungere un Rhodesian Ridgeback?

I maschi possono raggiungere un’altezza al garrese di 63-69 cm e pesare circa 36,5 kg. Le femmine, invece, possono raggiungere un’altezza di 66 cm. Questo fa del Rhodesian Ridgeback una delle razze canine più grandi.

Rhodesian ridgeback gioca in acqua
Il Rhodesian Ridgeback è atletico ed elegante al tempo stesso

Vivace e fedele, intelligente e ostinato: il carattere del Rhodesian Ridgeback affascina molti appassionati di questa razza.

Solo con un addestramento adeguato e tanto esercizio fisico è possibile incanalare nella giusta direzione lo spiccato comportamento territoriale e la capacità difensiva di questo peloso forte e veloce.

Se riesci in questa impresa, il Rhodesian Ridgeback sarà un amico inseparabile. Di solito rimane riservato nei confronti di cani e persone estranee, ma senza mostrarsi aggressivo o schivo.

Il Rhodesian Ridgeback è difficile da addestrare?

Anche per chi ha già esperienza con i cani, l’addestramento di questo cagnolone ostinato e sicuro di sé rappresenta una sfida. Questo intelligente amico di zampa ha bisogno di molta coerenza e di motivazioni positive. Se viene messo sotto pressione perde rapidamente interesse.

È quindi necessario mantenere il giusto equilibrio tra amorevole severità e pazienza. Questo obiettivo può essere raggiunto soprattutto attraverso il rinforzo positivo.

Quanto tempo occorre a un Rhodesian Ridgeback per raggiungere l’età adulta?

I rappresentanti di questa razza non sono fisicamente e mentalmente “adulti” fino a circa due anni di età, per cui la fase impegnativa del cucciolo e dell’adolescente richiede tempi più lunghi. È necessario tenere conto anche di questo durante l’addestramento.

A differenza dell’addestramento, la cura del pelo del Rhodesian Ridgeback non è affatto impegnativa. Il suo mantello è corto e privo di sottopelo. Inoltre, ad eccezione dei periodi della muta del pelo, non perde molto pelo.

Naturalmente, pettinare regolarmente il tuo fedele amico con una spazzola o un pettine per cani lo renderà felice. Quindi, concedigli questo piacere, che fa bene anche alla sua salute. Il massaggio non solo rimuove le cellule morte della pelle, ma stimola anche la circolazione sanguigna.

Controlla quotidianamente anche gli occhi e le orecchie del tuo amico di zampa. Rimuovi lo sporco con un panno umido o una salvietta per cani.

Generalmente, il Rhodesian Ridgeback mantiene le sue unghie corte camminando su superfici dure come l’asfalto. Se il tuo peloso è anziano, potrebbe essere necessario tagliarle utilizzando un tagliaunghie o delle apposite forbicine per unghie.

A chi è adatto il Rhodesian Ridgeback?

Un peloso di questa razza non è adatto ai principianti, ma ha bisogno di una persona di riferimento che abbia già esperienza con i cani. Inoltre, ha bisogno di molto spazio e di fare molta attività fisica. Di conseguenza, questo cane energico e con una grande voglia di muoversi non può vivere in un appartamento o in città.

All’interno dell’ambiente familiare, è importante assicurarsi che i bambini possano instaurare una grande amicizia con il Rhodesian Ridgeback. Tuttavia, è preferibile che si tratti di bambini non troppo piccoli, che conoscano già le regole di base per un’interazione rispettosa con gli amici di zampa.

Istinto di caccia: è possibile farlo socializzare con i gatti?

Di norma, è possibile far socializzare questo cagnolone con i gatti, purché sia stato addestrato fin da cucciolo alla convivenza cane-gatto. Ciononostante, potrebbe considerare i gatti domestici fuori casa come delle prede. Per questo motivo, ti raccomandiamo di installare un’alta recinzione intorno al giardino.

A proposito di giardino: adottando un Rhodesian Ridgeback puoi dire addio ad un giardino perfettamente curato. Questo peloso vivace lo trasformerà presto da un’oasi fiorita in un “giardino naturale”.

In origine, questo atletico amico di zampa aveva molti compiti: condurre la casa e la fattoria, governare il bestiame, cacciare e proteggere i suoi umani di riferimento. Ancora oggi, il Rhodesian Ridgeback viene spesso utilizzato come cane da guardia, da protezione, da caccia o da inseguimento.

Grazie al suo ottimo olfatto, può essere addestrato con successo anche come cane da soccorso o nel mantrailing con il cane.

Assicurati sempre di tenere il tuo Rhodesian Ridgeback sufficientemente occupato. Naturalmente, a questo agile e veloce sudafricano piace praticare sport per cani come l’ agility dog o l’ obedience. Tuttavia, data la sua taglia, non dovresti far saltare il tuo atletico cagnolone troppo spesso per evitare problemi alle articolazioni.

Su questo tema, già al momento dell’adozione chiedi informazioni dettagliate all’allevatore. I cani che discendono da una linea pura di cani da lavoro hanno bisogno di molto esercizio. Durante la quotidiana passeggiata con il cane, dai al tuo peloso la possibilità di correre e annusare.

Puoi rendere le vostre passeggiate sempre diverse con trucchi da insegnare al cane, giochi a nascondino e nuovi percorsi. Se il tuo Rhodesian Ridgeback è già adulto puoi anche correre con il cane o andare in bici con il cane.

ragazza con Rhodesian ridgeback in montagna
Il Rhodesian Ridgeback è al tuo fianco in ogni avventura sportiva

Il Rhodesian Ridgeback è un bellissimo cane, conosciuto in tutto il mondo per la sua tipica cresta sul dorso. Si tratta di un requisito fondamentale dello standard di razza.

Tuttavia, l’allevamento di questo peloso affascinante è talvolta oggetto di critiche e accusato di non rispettare le norme di benessere animale. In alcuni contesti, l’allevamento di questa razza può essere considerato un “allevamento tortura”, per cui è assolutamente necessario informarsi sulla salute genetica della razza e sulla legislazione locale.

Perché la “cresta” è pericolosa?

Lo sviluppo della cresta è probabilmente determinato da un gene autosomico dominante. Il problema è che in questi cani possono formarsi, davanti o dietro la cresta, le cosiddette cisti dermoidi, note anche come seni dermoidi.

La formazione di queste cisti inizia già durante il primo sviluppo embrionale del cane, mantenendo il midollo spinale e la pelle più o meno collegati tra loro. Circa il 3% dei Rhodesian Ridgeback è affetto da questo difetto genetico.

Quali sono le conseguenze della cisti dermoide?

A causa del collegamento tra la pelle e il midollo spinale, i cani colpiti soffrono di ipersensibilità e paralisi degli arti posteriori.

Inoltre, possono manifestarsi pericolose infezioni, che a loro volta possono portare all’infiammazione delle meningi o del midollo spinale. Circa il 10% dei cuccioli colpiti presenta anche la spina bifida, una malformazione della colonna vertebrale.

Poiché è difficile escludere il gene responsabile di questa malformazione mediante la selezione mirata, gli allevatori responsabili non utilizzano in riproduzione soggetti affetti da cisti dermoide né quei riproduttori apparentemente sani ma che abbiano prodotto cucciolate con presenza di cisti dermoide.

Altre malattie tipiche della razza

Ciò detto, il Rhodesian Ridgeback è considerato un cane robusto. Tuttavia, come tutte le razze di taglia grande, è più soggetto alla displasia dell’anca e del gomito.

A causa delle sue radici africane, questo amico di zampa ha un pelo piuttosto sottile, soprattutto nella regione del ventre. Questo può far sì che in inverno, si raffreddi facilmente.

Assicurati che durante la stagione fredda il tuo cagnolone abbia un posto accogliente in casa e non sia costretto a rimanere a lungo all’aperto. Anche un cappottino per cani può essere utile per proteggere il tuo peloso dal freddo.

Quanti anni può vivere un Rhodesian Ridgeback?

Se adotti il tuo Rhodesian Ridgeback da un allevatore responsabile e lo allevi in un ambiente adeguato, potrai godere della sua compagnia fino a 12 anni.

Una corretta alimentazione è una delle condizioni fondamentali per il benessere e la salute del tuo cane.

Attenzione alla qualità del cibo

Le crocchette per cani sono talvolta più pratiche, ma il cibo umido per cani è generalmente più apprezzato ed ha un contenuto maggiore di liquidi. Questa caratteristica rappresenta un grande vantaggio perché il Rhodesian Ridgeback tende a non bere abbastanza. Per questo motivo, molti esperti raccomandano di somministrare a questa razza solo cibo umido. La fonte proteica deve essere sempre di alta qualità.

Anche la dieta BARF può essere una buona opzione per il Rhodesian Ridgeback, purché le razioni vengano preparate in modo adeguato alla specie e rispettando le necessarie misure igieniche.

Quanto mangia un Rhodesian Ridgeback?

Mentre un cucciolo ha bisogno di tre o quattro pasti al giorno, per un esemplare adulto sono sufficienti due porzioni al giorno. Se desideri cambiare alimentazione al cane, non farlo mai da un giorno all’altro, ma permetti allo stomaco del tuo Rhodesian Ridgeback di abituarsi gradualmente.

In generale, è necessario assicurarsi che il tuo amico di zampa mantenga la linea. Per calcolare la razione giornaliera di cibo puoi utilizzare le raccomandazioni del produttore.

Tuttavia, dovresti adattare la quantità di alimenti al livello di attività del tuo peloso per evitare che diventi sovrappeso. Calcola anche gli snack per cani nella razione giornaliera.

Suggerimento: per saperne di più su questo argomento, leggi anche il nostro articolo Quanto deve mangiare un cane? Come calcolare la quantità giusta.

La denominazione “Rhodesian” rivela le radici di questo cane così fiero. Questa razza relativamente giovane viene infatti dallo Zimbabwe, un Paese dell’Africa sudorientale che durante la colonizzazione britannica era chiamato Rhodesia. È qui che, nel 1922, gli appassionati di questa razza definirono il primo standard.

Tuttavia, i progenitori del Rhodesian Ridgeback sono originari dal Sudafrica, dove da secoli venivano impiegati come cani da guardia e da caccia. Per questo motivo il Sudafrica è riconosciuto ufficialmente come Paese d’origine. Il Rhodesian Ridgeback è l’unica razza originaria del Sudafrica riconosciuta dalla FCI.

Una curiosità interessante: nella sua regione d’origine il Rhodesian Ridgeback era soprannominato “Lion Dog” per il suo utilizzo nella caccia al leone. Il predatore africano veniva cercato da diversi cani che, una volta rintracciatolo, abbaiavano fino all’arrivo del cacciatore.

 

Il Rhodesian Ridgeback ha assunto l’aspetto attuale grazie all’influenza degli immigrati europei che incrociarono i suoi antenati con altre razze come gli alani, i terrier e i levrieri.

3 Rhodesian ridgeback seduti nel prato
I Rhodesian Ridgeback andavano a caccia di leoni insieme agli umani

Adozione: dove posso trovare il mio Rhodesian Ridgeback?

Il posto migliore in cui trovare un cucciolo è presso gli allevatori membri dei club di riferimento. Solo la certificazione del pedigree può garantire che si tratti effettivamente di un Rhodesian Ridgeback.

Inoltre, glia allevatori affiliati a dei club cinofili hanno l’obbligo di sottoporre i propri pelosi a test relativi alla salute, al carattere e al tipo di cane prima di poterli utilizzare come riproduttori. Questi vincoli sono stabiliti nel regolamento di allevamento.

Prima di adottare un cucciolo, verifica le condizioni in cui è stato tenuto fino a quel momento. Inoltre, non dimenticare le domande da porre all’allevatore di cuccioli sulle esigenze di questa razza. Di norma, anche l’allevatore vorrà porti qualche domanda per capire se sei un candidato adatto per i suoi pelosetti.

Adottare un cane adulto

Desideri offrire una nuova casa ad un Rhodesian Ridgeback adulto? Se le associazioni animaliste locali non ha in custodia un esemplare di questa razza, puoi provare con una ricerca su internet. Anche sul web troverai organizzazioni specializzate nel collocamento di Rhodesian Ridgeback.

Tieni presente, però che alcuni cani potrebbero non aver avuto un buon addestramento. Assicurati di ottenere informazioni dettagliate sul passato del peloso dall’organizzazione che lo dà in affidamento.

Il personale dei rifugi di solito capisce rapidamente, attraverso una chiacchierata, se tu e il cane potete formare una buona squadra. Naturalmente, la cosa migliore sarebbe incontrare personalmente il tuo possibile compagno di zampa e farti un’idea più diretta sulla vostra compatibilità.

Quanto costa un Rhodesian Ridgeback?

Il prezzo di un rappresentante di questa razza canina può variare notevolmente a seconda dell’età e dell’origine. Per questo cane così amato dovresti calcolare circa 1.500 euro. Oltre al prezzo di adozione, considera anche i costi dell’attrezzatura iniziale, come ciotole e dispenser per cani, guinzagli per cani ed altri accessori per il cane.

Tra le spese regolari dovrai calcolare anche i costi per una dieta adeguata alla specie, le visite dal veterinario e l’eventuale assicurazione di responsabilità civile del cane.

cuccioli Rhodesian ridgeback
Prima di adottare un cucciolo, verifica le condizioni in cui viene allevato.

Conclusione: il Rhodesian Ridgeback è il peloso che fa per me?

Questa razza è adatta solo a persone esperte che possano offrire al loro amico di zampa lo spazio di cui ha bisogno. L’umano di riferimento ideale deve anche essere sportivo e garantire al suo peloso sufficiente attività fisica. Questo cane energico e con una grande voglia di muoversi non è adatto a una vita in appartamento o nel grigiore della città.

Anche se possiedi tutti questi requisiti, dovresti valutare con attenzione se sei in grado di assumerti la responsabilità di questo speciale amico di zampa per molti anni a venire. Inoltre, è necessario che tutti i membri della tua famiglia siano d’accordo sull’adozione di un nuovo coinquilino e che nessuno di loro soffra di allergia al cane.

Scheda del Rhodesian Ridgeback

In breve: Il Rhodesian Ridgeback è l’unica razza canina sudafricana riconosciuta dalla FCI. È di taglia grande con una corporatura robusta e molto sicuro di sé. Questo peloso è molto amato dalle famiglie, ma non è adatto ai principianti.
Altezza al garrese: 63-69 cm (maschi)

61 – 66 (femmine)

Peso: 36,5 kg (maschi)

32 Kg (femmine)

Aspettativa di vita: 12 anni
Prezzo: a partire da 1.300 euro
Carattere: vivace, fedele, intelligente, ostinato, sicuro di sé
Pelo: corto e liscio
Colore del mantello: dal frumento chiaro al frumento rossiccio
Tendenza ad ingrassare: media
Tendenza ad abbaiare: media
Possibili malattie: cisti dermoide, spina bifida, displasia dell’anca e del gomito
Difficoltà di addestramento: media
Cura del pelo: semplice
Bisogno di movimento: elevato
Perde molto pelo: no
Può vivere in appartamento: no
Va d’accordo con i bambini: sì, purché non siano troppo piccoli
Va d’accordo con i gatti: sì, purché vi sia abituato e addestrato fin da cucciolo
Classificazione FCI: Gruppo 6 “Segugi e razze affini”
Origine: Sudafrica

Proposte d’acquisto dalla redazione di zooplus

I prodotti selezionati nel box sono proposte effettuate dalla redazione, alimenti e accessori che puoi trovare nel negozio online per animali di zooplus e non costituiscono advertising da parte dei brand citati.

I nostri articoli più utili
16 min

Lagotto Romagnolo: scopriamo la razza

In origine il Lagotto romagnolo era conosciuto come un cane d'acqua, ma oggi è diventato uno dei più noti cani da tartufo. A prescindere da questa sua caratteristica, è una razza canina sportiva e amichevole, che sempre più padroni scelgono di allevare come cane da compagnia.
16 min

Barboncino media mole: oltre le apparenze

Tutte e quattro le varianti del Barbone discendono dai cani d'acqua che venivano usati per la caccia sin dal Medioevo. Il suo mantello, più lungo su alcune zone del corpo come fronte, petto e spalle, serviva a proteggerlo durante le battute di caccia. I cacciatori decisero, ad un certo punto, di rasare il resto del mantello per permettergli di nuotare meglio in acqua. Gli antenati del Barbone media mole erano leggermente più pesanti del cane attuale: pesavano tra i 10 e i 20 kg. Non sappiamo molto sull’origine geografica della razza, ma quel che è certo è che nei secoli questi cani vivaci e intelligentissimi hanno affascinato migliaia di persone in tutto il mondo.

Da secoli, un meraviglioso tuttofare

Quando, a partire dal 1600, i cacciatori iniziarono a preferire le razze a pelo corto, il nostro amico Barbone conquistò in particolare una ben determinata categoria di persone: la nobiltà europea. Fa così che sempre più Barboni media mole, con l’aspetto ben curato e vezzoso, diventarono i protagonisti dei salotti di molte nobildonne. Da cane da caccia a cane da compagnia: la capacità di adattarsi di questo cane è dimostrata anche dalla sua storia. Siccome questi cagnolini non sono solo belli ma anche molto intelligenti, in passato non erano pochi i Barboni impiegati nei circhi con ogni genere di spettacoli. Grazie alla dedizione degli allevatori, soprattutto inglesi e francesi, negli anni questa razza canina si è caratterizzata sempre meglio diventando molto popolare. Il riconoscimento da parte della FCI è arrivato solo nel 1936, con l’indicazione della Francia quale Paese d’origine. Il Barbone grande mole e quello nano (Barboncino) sono la varietà più antiche: le altre due sono media mole e toy. Negli anni '60, il Barbone diventò estremamente popolare e diffuso in tutto il mondo: per il riconoscimento della varietà Toy, però, si è dovuto attendere sino agli anni '90. Ad un certo punto, tutto ad un tratto  l'entusiasmo per questa razza finì: il Barbone iniziò ad essere visto come un cane modaiolo ma soffocante. Ovviamente la responsabilità di questa cattiva reputazione dipende dagli umani che se ne occupano, non sempre in maniera adeguata e competente. L'americano John Sutor ha dimostrato anche quanto questa razza sia straordinariamente adattabile. Nel 1976 ha preso parte alla corsa di cani da slitta più dura del mondo (la Iditarod Trail Sled Dog Race) attraverso l'Alaska, con 6 , e fu uno dei pochi a raggiungere la meta. A dimostrazione che non è la razza ad essere antiquata, ma l'opinione (sbagliata) che molti ne hanno.

Un aspetto molto particolare

13 min

Chihuahua: piccoletti alla riscossa

La razza di cani più piccola al mondo è la preferita di molti personaggi famosi e ha una delle aspettative di vita più alta in assoluto. Il Chihuahua è un cane eccezionale da tanti punti di vista: siamo abituati a vederlo spuntare dalle borsette delle celebrities quasi fosse un accessorio, ma questa razza canina di origine messicana è molto di più di un batufolo di pelo da coccolare e tenere in braccio!