17 settembre 2019

BARF o alimenti tradizionali?

BARF o alimenti tradizionali?

La migliore alimentazione per il tuo cane

Secco, umido o meglio fresco e crudo? Le opinioni in merito alle scelte alimentari più adatte ai nostri amici a quattro zampe sono numerose quanto le tipologie di alimenti presenti sul mercato. La BARF è davvero più sana? Gli alimenti umidi sono più saporiti mentre comprare quelli secchi ci fa risparmiare? In questo articolo ti aiuteremo a mettere in luce vantaggi e svantaggi dei diversi stili alimentari.

Va subito precisata una cosa: non esiste lo stile alimentare perfetto per tutti i cani. Che si tratti di BARF per cani, crocchette per cani, alimenti umidi per cani, ogni scelta in fatto di alimentazione ha i suoi vantaggi e i suoi punti critici. Fondamentalmente si tratta di fare in modo che il tuo cane si alimenti in maniera sana e riceva il giusto apporto nutrizionale ed energetico.

Una questione di gusto?

Quando si tratta di stile alimentare migliore per il cane non è tanto una questione di giusto o sbagliato, quanto piuttosto di possibilità e convinzioni personali. Qual è l’alimentazione che il mio cane tollera meglio? Quanto tempo ho a disposizione per dar da mangiare al mio cane? È malato oppure ha bisongo di alimenti per esigenze specifiche?

Mi posso permettere il tipo di alimentazione che ho scelto? Per renderti un po’ più semplice la valutazione, per prima cosa vogliamo metterti in luce in cosa consistano le differenze tra alimenti secchi, umidi e crudi, e quali aspetti depongano a favore e contro queste tre tipologie di alimenti.

Le tre grandi categorie di alimenti per cani

Al supermercato come pure nei negozi di animali e in internet, per nessun altro animale come per il cane esiste una scelta così vasta in fatto di alimenti. Cani cuccioli, adulti, cani anziani, cani molto attivi o in sovrappeso con allergie o patologie, di taglia grande o piccola… ciascun cane ha il suo alimento specifico.

Non c'è da stupirsi se specialmente i proprietari di cani alle prime armi restano disorientati di fronte ad una simile varietà. Può aiutare prendere in considerazione per prima cosa alcuni aspetti concreti relativi alle diverse tipologie di alimenti. Tradizionalmente gli alimenti per cani vengono suddivisi in tre categorie principali:

  1. Alimenti secchi
  2. Alimenti umidi
  3. BARF (alimenti crudi)

Cose da sapere su crocchette, alimenti umidi e BARF

Per la produzione degli alimenti secchi i componenti vengono essiccati e triturati in forma di farina attraverso l’uso del calore per poi diventare, una volta pressati, le tradizionali crocchette: queste di solito vengono confezionate in grossi sacchi da diversi chili che le mantengono fresche per un periodo di tempo da basso a medio. Nel caso degli alimenti umidi, invece, le materie prime vengono dapprima sottoposte a frantumazione e miscelazione, poi inserite direttamente in lattine ermetiche e quindi riscaldate. Di conseguenza, gli alimenti umidi non solo hanno una consistenza più morbida e un gusto più intenso, ma ha anche un contenuto relativamente elevato di acqua e proteine. Riscaldandolo in confezione chiusa, infatti, il contenuto si conserva per un periodo di tempo molto lungo.

Come terza opzione, a livello di alimentazione per cani, negli ultimi anni si è affermata la cosiddetta BARF, che prevede la somministrazione di carne fresca non cucinata insieme ad una piccola porzione di verdura e frutta. L'acronimo BARF stava originariamente per “Born-again raw feeders” (una sorta di “rinascita del cibo crudo”), per poi cambiare in seguito in “Bone and raw food” (letteralmente “ossa e alimenti crudi”). In Italia si è soliti tradurre l’acronimo con Biologically Appropriate Row Food, ossia “cibo crudo biologicamente appropriato”. Il metodo BARF, sviluppato in Australia dal veterinario Ian Bilinghurst negli anni Novanta, si basa su quella che è la dieta naturale dei lupi. Con le sue razioni di carne fresca cruda, frattaglie, ossa, verdure, frutta e noci la BARF imita grosso modo la preda del lupo, che consiste non solo in ossa e carne cruda, ma anche nel contenuto dello stomaco della preda stessa, vale a dire bacche e verdura.

I vantaggi delle crocchette

Ciascuna di queste tre tipologie di alimentazione presenta vantaggi e svantaggi: pertanto è necessario che ogni proprietario di cani si interroghi su quali aspetti, in questo ambito, sono fondamentali per lui.

Tra i vantaggi più rilevanti delle crocchette si annoverano senza dubbio la facilità di conservazione e la praticità. Le confezioni da chilo, leggere e pratiche, sono facili da stoccare in dispensa ed altrettanto semplice è fare le porzioni. Chi è spesso in giro con il proprio cane apprezza la comodità di porzionare le crocchette in maniera facile e pulita, in pratici contenitori per crocchette.

Grazie al tipo di confezione, gli scarti sono ridotti al minimo. Durante le gite e i viaggi con il cane non c’è dubbio che le crocchette siano la soluzione più pratica e veloce.

Un altro vantaggio può essere che già un quantitativo ridotto di crocchette contiene un elevato valore nutrizionale. Se paragonate agli alimenti umidi, le porzioni di crocchette risultano essere nettamente ridotte. Inoltre, tramite il processo di essicazione del loro confezionamento,  i nutrienti degli alimenti sono facilmente disponibili, il che è un vantaggio a livello di digeribilità. Differenziate per dimensioni e forma, le crocchette favoriscono anche la masticazione. Per questo motivo la loro dimensione va parametrata alla taglia del cane.

BARF o alimenti tradizionali: gli svantaggi delle crocchette

Allo stesso tempo, però, proprio la conformazione delle crocchette rende molto difficile fare valutazioni circa le materie prime lavorate per produrle. Questa sorta di incertezza relativamente al loro contenuto resta uno dei principali elementi a sfavore delle crocchette. In effetti si consiglia di leggere attentamente le indicazioni alimentari obbligatoriamente presenti sulla confezione, in quanto alcuni prodotti presentano davvero un enorme quantitativo di carboidrati, che possono portare rapidamente il cane al sovrappeso. Un altro aspetto che può risultare problematico è la carenza a livello di liquidi, visto che le crocchette hanno un tasso di umidità estremamente basso, per cui i proprietari di cani devono necessariamente assicurarsi che i loro animali bevano giornalmente il necessario quantitativo di acqua.

BARF o alimenti tradizionali

I vantaggi del cibo umido per cani

In questo tipo di alimenti l’umidità si aggira intorno al 70 - 80%. Specialmente per i cani che tendon a bere molto poco, questo è un elemento molto importante. Anche gli esemplari dai gusti più difficili preferiscono l’umido, il quale ha un sapore più intenso delle crocchette e specialmente i cani piccoli ne apprezzano la consistenza. Inoltre la percentuale di proteine animali, che per il cane restano essenziali, è più elevata negli alimenti umidi rispetto a quella presente nelle crocchette.

Grazie alla cottura direttamente in lattina o nelle buste ermeticamente chiuse, inoltre, questi alimenti hanno una durata di conservazione maggiore. Anche in questo caso come per le crocchette, grazie al procedimento di cottura leggera, gli alimenti risultano molto digeribili.

Un'ottima alternativa ricca di gusto e adatta anche ai cani anziani sono i cibi semiumidi.

I punti deboli degli alimenti umidi

Analogamente a quanto suggerito per le crocchette, anche per gli alimenti umidi bisogna sempre leggere con attenzione le informazioni relative alla composizione, per capire quali elementi nutrizionali siano presenti e in che proporzione.

Nello specifico, in merito alla qualità delle proteine animali scelte dal produttore e presenti nella confezione, la differenza può essere molto significativa, cosa che tuttavia si può sostenere anche per i menù pronti in stile BARF. La differenza dovrebbe farla la quantità di carne e di sottoprodotti animali. Un altro svantaggio individuato dai proprietari di cani, in riferimento agli alimenti umidi, è la durata di conservazione degli stessi: una volta aperta, la lattina o la vaschetta vanno consumate rapidamente.

Per conservarle più a lungo nel frigo, scopri i coperchi per lattine!

Alcuni trovano spiacevole proprio l'aroma che i cani tanto apprezzano, indicato in questo caso come una criticità. Infine va menzionato lo svantaggio legato al fatto che le porzioni più piccole dell’umido necessitano di più imballaggio rispetto ai grandi pacchi di crocchette, il che le rende meno ecologiche.

I vantaggi dell'alimentazione BARF

Dal punto di vista dei molti sostenitori di questo tipo di alimentazione, la BARF costituisce, rispetto a crocchette e alimenti umidi confezionati, una scelta alimentare più naturale, più appropriata e anche più sana. Questo ultimo aspetto (che la BARF sia più sana) non è ancora stato provato, ma i proprietari dei cani possono effettivamente tarare le porzioni sulla base delle esigenze individuali dell'animale.

Ad esempio, in caso di allergie o intolleranze, è sufficiente sostituire un componente con un altro. Lo stesso dicasi per altri cambiamenti come quelli di taglia, peso o livello di attività del cane: con la BARF è sempre possibile e semplice modificare l’apporto nutrizionale. Inoltre l'utilizzo di componenti freschi, carne fresca, frutta fresca e verdure, permette una migliore valutazione della qualità di ciò di cui il cane si nutre.

I punti critici della BARF

Proprio nella formulazione dei componenti si cela una possibile criticità della BARF: per adattare in modo ottimale le razioni di alimenti alle esigenze nutrizionali del singolo cane, c'è bisogno di conoscenza e di esperienza. Una proporzione scorretta dei nutrienti dell'alimentazione del cane, infatti, può portare al sovrappeso o ad un peso troppo scarso, oltre che potenzialmente causare gravi carenze nutrizionali o eccessi che comportano gravi rischi per la salute e il benessere del cane.

Un altro rischio è costituito dagli agenti patogeni presenti nella carne cruda, nel pesce e nelle uova. Cani e gatti non possono mangiare maiale crudo.

La cottura dei componenti permette l’eliminazione della maggior parte dei batteri, mentre negli alimenti congelati questi possono restare vivi e potenzialmente moltiplicarsi in fase di scongelamento. Altri svantaggi sono il costo elevato della carne fresca e il tempo necessario per preparare i pasti, dovendo prima acquistare la carne e gli altri componenti, per poi tagliare il tutto e infine preparare il giusto mix.

BARF o alimenti tradizionali

BARF o alimenti tradizionali? Ecco una sintesi di vantaggi e svantaggi di ciascun tipo di alimentazione

  Vantaggi Svantaggi
Alimento

secco

  • Solitamente venduto a prezzo inferiore
  • Durata di conservazione maggiore
  • Facile da porzionare e comodo in viaggio
  • Porzioni ridotte anche a fronte di esigenze nutrizionali elevate
  • Facile da conservare
  • Imballaggio ridotto
  • Bassa concentrazione di umidità  (un problema per i cani che bevono poco)
  • Possono contenere molti carboidrati
Alimento 

umido

  • Elevata percentuale di umidità (perfetta per cani che bevono poco)
  • Gusto più intenso capace di conquistare anche i cani più difficili
  • Percentuale di proteine animali generalmente più elevata
  • Durata di conservazione più lunga del prodotto integro
 

  • Ridotta durata di conservazione una volta aperta la confezione
  • Più pesante da trasportare rispetto alle crocchette
  • Imballaggio ingombrante (la monoporzione inoltre è meno eco-friendly)

 

 

BARF
  • Utilizzo di materie prime fresche che consente una valutazione attenta della qualità
  • Razioni personalizzate secondo le esigenze del cane
  • Dieta priva di additivi, zuccheri e conservanti
  • Necessarie competenze ed esperienza in materia di alimentazione canina
  • Richiede più tempo e più denaro rispetto agli alimenti confezionati
  • Rischio più elevato di infezioni data la possibile presenza di batteri negli alimenti crudi

 

Conclusioni

Dallo schema qui sopra si nota come tutti e tre i tipi di alimentazione presentino ugualmente sia punti a favore sia criticità. Ecco perché la questione relativa a quale sia il migliore modo, se non il più sano, di alimentare il proprio cane resta una domanda aperta. Fondamentalmente i cani, come le persone, sono individui con esigenze, richieste e gusti del tutto specifici. La decisione in merito a quale tipo di alimentazione sia quella più appropriata per il proprio cane va presa quindi personalmente. Il suggerimento è quello di non diventare insicuri ascoltando i consigli di altri proprietari di cani, leggendo in rete o seguendo le dritte degli esperti del settore. L’importante alla fine è che tu e il tuo cane siate soddisfatti della scelta fatta e che il cane rimanga in salute a lungo.

L'importante non è la forma ma il contenuto

Per prima cosa, l’alimento scelto per il tuo cane deve soddisfare le sue esigenze nutrizionali e fornirgli tutto ciò di cui ha bisogno per uno sviluppo sano. Se questo è il caso o meno dipende soprattutto dal contenuto dell’alimento scelto, e molto meno dalla forma. Stando attento ai singoli componenti e alla loro qualità puoi riuscire a nutrire il tuo cane in maniera ottimale sia con i classici alimenti pronti e sia con il metodo BARF. Peso, età, taglia e livello di attività del cane sono elementi importanti di cui tenere conto.

Un ruolo cruciale, nella scelta dell’alimentazione più adatta, è svolto dalle malattie e dalle possibili allergie del tuo cane. E, naturalmente, ad influenzarti sono anche gli aspetti personali: ti consigliamo di riflettere su quanto tempo puoi dedicare alla preparazione del pasto, a quanto può venire a costare e alla possibilità che due debba viaggiare più o meno spesso con il tuo cane.

Cerca la soluzione migliore per te e il tuo cane

Sottoponi la questione del tipo di alimentazione da scegliere per il tuo cane anche al tuo medico veterinario di fiducia. Magari sarà lui stesso a consigliarti un mix di alimenti umidi e crocchette, o di alimenti confezionati e alimenti crudi sul modello BARF. Per i principianti dell’alimentazione naturale, i menu BARF offerti su Internet, già confezionati in comode porzioni, possono essere una soluzione praticabile. Una cosa è certa: fintanto che l'apporto energetico e nutrizionale è garantito e il tuo cane è sano e vitale, si può dire che non esista un metodo sbagliato.

Articoli più letti

Il cane può mangiare il cibo per gatti?

Se in casa tua vivono sia cani che gatti, ti sarai probabilmente già chiesto se uno può spiluccare dalla ciotola dell'altro e con quali conseguenze. La risposta è molto chiara: cani e gatti hanno bisogno di un cibo specifico per le loro esigenze. Se tuttavia una volta ogni tanto il cane assaggia le crocchette del gatto, o viceversa, non c'è motivo di preoccuparsi. Sappi però che il 90% delle malattie, sia nei cani che nei gatti, è riconducibile ad una dieta sbagliata.

Cibo specifico per le razze canine

L'offerta di cibo per cani è così ampia che qualche volta il padrone del cane è disorientato e non sa quale prodotto sia il migliore da acquistare. In particolare, molti proprietari sono spesso incerti su quale possa essere il miglior cibo del proprio cane di razza e si chiedono: i cani hanno davvero bisogno di un cibo specifico per la loro razza? Leggi quindi per quali motivi un cibo che risponda alle esigenze specifiche della singola razza, possa essere senz'altro vantaggioso per la salute del cane.