American Curl

american curl adulto

L'American Curl

L’American Curl è una razza felina che non passa inosservata: le sue orecchie ricciolute sono tra gli aspetti salienti di questo bellissimo gatto. Per quel che riguarda il carattere, esso è influenzato dal suo retaggio di gatto domestico: è docile, attivo e legato all'uomo.

Aspetto

Gli American Curl devono il loro nome alle loro insolite orecchie ricciolute: le orecchie degli American Curl sono larghe alla base, dotate di punte arrotondate, di media misura e poste verticalmente. Le punte delle orecchie presentano cespugli di pelo e sono rivolte verso il centro del cranio. Negli animali giovani le orecchie si arricciano dopo quattro o sei giorni, mentre la forma definitiva si presenta solo dopo diversi mesi. Infatti il grado di incurvatura del padiglione auricolare varia da un animale all'altro e al massimo può raggiungere i 180 gradi! Tuttavia ciò non ha alcuna influenza sull’udito del gatto e le orecchie sono tanto mobili quanto quelle degli altri animali.

Dall'incurvatura delle orecchie dipende il posizionamento del gatto secondo gli standard di razza: il grado 1 fa del gatto un animale per amatori. I gatti con incurvature delle orecchie di grado 2 o 3  sono ammessi come animali da allevamento o da esposizione. L’ideale è che le orecchie si arriccino a formare una mezzaluna, la base larga sia diritta per due terzi, mentre l’ultimo terzo vada a formare la punta arricciata. Il grado di incurvatura deve rientrare in un minimo di 90° e in un massimo di 180°.

Questi padiglioni auricolari incurvati indietro sono il frutto di una mutazione casuale e spontanea. La forma insolita delle orecchie viene trasmessa per via ereditaria, come carattere dominante: nei gatti con una predisposizione sia per le orecchie piegate che per quelle diritte si impone sempre il gene responsabile delle orecchie arricciate.

Se entrambi i genitori hanno la predisposizione sia per le orecchie arricciate che per quelle diritte, i gattini possono avere sia orecchie arricciate che orecchie "normali". Questi ultimi gatti sono denominati "American Curl Straight Ear".

Tuttavia queste orecchie dalla forma inusuale non sono l’unico segno distintivo della razza. I gatti American Curl sono di taglia media, il loro pelo setoso ha poco sottopelo e perciò scende appiattito sul corpo. Ci sono esemplari con pelo di lunghezza diversa, tuttavia anche gli animali a pelo lungo perdono poco pelo a causa del ridotto sottopelo. Sono accettati tutti i colori, comprese le colorazioni esotiche quali i Lynx Point e le varianti Smoke.

Gli occhi dell’American Curl rivelano molto sul suo carattere: sono a forma di noce, espressivi, aperti e dallo sguardo benevolo.

Comportamento dell'American Curl

L’American Curl è un gatto straordinariamente equilibrato. Cerca la compagnia del suo padrone e predilige persino quella dei bambini. Quindi è il gatto perfetto per la famiglia! Il suo carattere è influenzato dal fatto che discenda dal gatto a pelo corto: la razza è molto attiva, socievole e robusta di costituzione. Questa razza così intelligente ama i giochi di intelligenza per gatti e spesso impara, con un buon addestramento, persino i giochi da riporto e ad aprire le porte.

Spesso questi gatti mantengono la loro vivacità anche col passare degli anni! I gatti American Curl sono curiosi e spesso seguono passo passo il padrone, ma non sono invadenti e neanche ciarlieri come tante razze feline orientali.

Storia

La storia della razza American Curl iniziò nel 1981 in California, USA, dove un gatto a pelo lungo con delle strane orecchie attirò l’attenzione di due gattofili, Joe e Grace Ruga. Mendicò un po’ di cibo e presto si trasferì a casa loro. Shulamith, come la chiamarono, è considerata la progenitrice di tutti gli American Curl.

Dopo la nascita dei suoi primi gattini, nel 1983 iniziò l’allevamento sistematico della razza. I genetisti studiarono i fondamenti genetici della razza sulla base di 384 gattini e scoprirono che il gene portatore della forma delle orecchie era un gene dominante trasmissibile: ogni gatto con il gene Curl presenta questa forma particolare delle orecchie. Il genetista britannico Roy Robinson esaminò attentamente anche la salute dei gatti e non individuò alcun difetto genetico. Per preservare la costituzione resistente dell’American Curl vengono accettati nella razza anche gatti con le orecchie diritte, purché essi soddisfino lo standard di razza minimo dell’American Curl.

A questi incroci tra gatti domestici si deve il fatto che l’American Curl sia un gatto molto sano e forte. Per mantenerlo tale, è fondamentale che gli accoppiamenti siano fatti in modo responsabile. Un allevatore professionista considera i suoi gatti come membri della sua famiglia e si assume la responsabilità sia per i suoi animali che per i loro gattini. Li fa accoppiare con ogni riguardo, tenendo conto della loro genetica individuale e dello stato di salute dei gatti.

Alimentazione e ambiente sono fattori importanti, ma sono anche costosi. Tuttavia un allevatore coscienzioso non dà via i suoi animali prima della dodicesima settimana di vita. I gattini infatti hanno bisogno di almeno tre mesi per imparare tutto l’indispensabile dalla madre e dai fratellini! Questa è una fase che risulta molto divertente per i cuccioli, ma al tempo stesso molto stancante sia per l’allevatore che per mamma gatta! Perché mamma gatta possa far socializzare sufficientemente i gattini, deve avere abbastanza tempo tra una figliata e la successiva. Infatti ciò che appare economicamente lucroso, non è sempre la cosa migliore per gli animali! Quindi guardati intorno con attenzione e non farti confondere da allevatori senza scrupoli che offrono gatti di razza a prezzo troppo bassi.

Il prezzo di un American Curl dipende dal ceppo genetico e dall’incurvatura delle orecchie: il grado 1 fa dell’animale un gatto per amatori, che viene venduto a gattofili che non sono interessati all’allevamento. I gatti con orecchie incurvate di grado 2 e 3 vengono ammessi come animali per la riproduzione e come animali da esposizione.

American Curl cucciolo color crema

Salute e cura dell'American Curl

Benché questa razza sia descritta come robusta, in alcuni casi specifici le orecchie arricciate all'indietro sono causa di problemi di salute. Il canale auricolare stretto può indurre una maggiore produzione di cerume e un rischio elevato di infezioni. La migliore misura precauzionale è un periodico controllo e una corretta igiene delle orecchie del gatto! Le secrezioni in eccesso possono essere facilmente rimosse con un panno morbido leggermente umidificato e con prodotti specifici. Evita di inserire corpi estranei direttamente nel canale auricolare.

L’American Curl può essere sia a pelo lungo che a pelo corto. A causa del ridotto sottopelo del manto setoso entrambe le varianti perdono pochissimo pelo. Le frequenti spazzolature facilitano la muta del pelo del gatto, ma le sedute di cura del pelo possono essere limitate a poche volte la settimana.

Come i gatti di tutte le altre razze, anche l’American Curl deve essere portato periodicamente dal veterinario, che può consigliare un programma di vaccinazioni e tener d’occhio l’igiene dentale del gatto.

Somministrare al tuo American Curl un cibo per gatti ricco di proteine sane aiuta sicuramente a mantenerlo sano ed in forma. I gatti riescono ad assimilare soltanto una minima percentuale di carboidrati ed essendo animali carnivori, ricavano le proteine e i nutrienti necessari dalla carne.

American Curl

Come alimentare un American Curl

La scelta del cibo migliore per il tuo gatto è fondamentale nella cura del tuo animale.

Il cibo che in natura costituisce la dieta del gatto, cioè il topo e altri piccoli mammiferi, è costituito per l’85% da carne e solo per il 5% da componenti vegetali, che sono contenuti nell'apparato gastro-intestinale della preda. Perciò i gatti sono in grado di assimilare i carboidrati soltanto in quantità molto limitate ed essendo carnivori, ricavano le proteine e i nutrienti necessari dalla carne.

Perciò il cibo giusto per il gatto di razza dovrebbe avere un elevato contenuto di carne. Quando leggi l’etichetta del cibo tieni sempre presente una cosa: in conformità alla legge sugli alimenti per gli animali l’elenco degli ingredienti è ordinato secondo il peso crescente nel prodotto finale. Qui al primo posto dovrebbe esserci la carne. Molte marche di cibo contengono anche sottoprodotti, che non sono dannosi in quanto tali. Tuttavia l’espressione "carne e sottoprodotti animali" può indicare anche la presenza di organi quali fegato e milza o persino pelo o corno.

In questo caso è necessario essere accorti nella scelta del cibo per il tuo American Curl: anche i derivati dei cereali vanno somministrati soltanto in quantità limitata e in teoria dovrebbero trovarsi nella posizione più bassa possibile della lista degli ingredienti.

Gli esaltatori di sapidità e i conservanti provocano allergie a molti gatti, però purtroppo sono presenti in quasi tutti i tipi di cibo disponibili sul mercato. Se l’alimento preferito dal tuo American Curl è privo di tali additivi, questo rappresenta un grande vantaggio! Il cibo per gatti non dovrebbe neanche contenere zucchero. I gatti non sono predisposti ad avere carie, ma gli zuccheri aggiunti sovraccaricano i reni e a lungo andare possono provocare il diabete felino.

Ma non preoccuparti: leggendo con attenzione l’etichetta riuscirai a trovare il cibo giusto per il tuo amato American Curl!

Leggi anche i nostri articoli sulle altre razze feline e scopri le loro caratteristiche!

Articoli più letti

Gatto del Bengala

Il gatto del Bengala è una razza felina davvero unica. È un gatto domestico nel vero senso della parola, ma nelle sue vene scorre un pizzico di sangue selvatico. Le razze ibride come il Bengala o il Savannah rappresentano la nuova tendenza dell’allevamento felino. Ma cosa sono questi ibridi e a cosa bisogna prestare attenzione quando si decide di introdurre in casa un incrocio tra un gatto domestico e uno selvatico? Questo articolo ti fornirà le risposte a tanti dubbi.

Norvegese delle Foreste

Il gatto delle foreste norvegesi è il frutto di una lunga selezione naturale. Ha fatto la sua comparsa proprio in Norvegia, da dove ha iniziato a conquistare sempre più estimatori grazie al suo aspetto imponente e selvaggio e alla sua indole.

British Shorthair

La razza British Shorthair è ritenuta la più antica razza felina britannica. Si dice che sia stata portata dai Romani in Gran Bretagna, dove è rimasta per lungo tempo isolata. Da oltre 100 anni i British Shorthair vengono allevati in modo mirato. Nel 1871 i primi gatti British Shorthair vennero esposti al Crystal Palace.