Razze di gatti bianchi

Un po’ come i meravigliosi gatti neri, anche la bellezza monocolore dei gatti bianchi ha molti estimatori, forse perché il loro mantello candido suscita un misto di tenerezza e ammirazione. L’altra faccia della medaglia, però, è che questi mici dal pelo bianco sono più soggetti degli altri a problemi dell’udito e rischiano di scottarsi quando stanno al sole.    Leggere

Trova il tuo gatto

Caratteristiche più importanti

Il mio gatto ideale dev'essere

Aspetto

Taglia
PiccolaMediaGrande
Pelo
Senza pelo / ipoallergenicoPelo cortoPelo lungo
Colore
NeroBlu / GrigioCincillaCremaBiancoLillaMarrone / Cioccolato
Colorazione
TabbyTricolore / Tigrato / CalicoBicoloreColorpoint
10 min

American Curl

L’American Curl è una razza felina che non passa inosservata: le sue orecchie ricciolute sono tra gli aspetti salienti di questo bellissimo gatto. Per quel che riguarda il carattere, esso è influenzato dal suo retaggio di gatto domestico: è docile, attivo e legato all'uomo.
15 min

Bobtail giapponese

La sua caratteristica più evidente, ormai lo sappiamo, è la coda, che di solito è lunga tra i 5 e gli 8 cm ed è ripiegata su se stessa. La famosa coda mozza del Bobtail giapponese è completa: a livello scheletrico, infatti, è come quella di qualunque altro gatto, ma è stranamente ripiegata su se stessa. In pratica questo gatto presenta lo stesso numero di vertebre di qualunque altro conspecifico. La sua coda, però, frutto di una mutazione genetica, è più corta e attorcigliata, con vertebre che possono essere cresciute più o meno forti. Il Bobtail giapponese viene allevato sia nella variante a pelo lungo (Japanese Bobtail Longhair) sia in quella a pelo corto (Japanese Bobtail Shorthair ): entrambi presentano la famosa coda ricoperta di una folta pelliccia a pelo lungo.
I peli della coda del Bobtail giapponese, soffici e sporgenti in tutte le direzioni, ricordano i petali di un fiore, il crisantemo. Infatti questa razza è nota anche con il soprannome di "Chrysanthemum Cat".

I colori del mantello

Il pelo setoso e denso del Bobtail giapponese si declina in diversi colori. Secondo lo standard di razza, sono ammessi tutti tranne lilla, cioccolato e colourpoint. La variante tricolore è quella più apprezzata. Nel suo paese d'origine, il Giappone, questo gatto viene chiamato "mike-neko", gatto a tre peli, ed è considerato un vero e proprio gatto portafortuna. Gli occhi del Bobtail giapponese hanno una forma a mandorla e possono essere blu, verdi, dorati o di un’ampia varietà di sfumature.
12 min

British Shorthair

La razza British Shorthair è ritenuta la più antica razza felina britannica. Si dice che sia stata portata dai Romani in Gran Bretagna, dove è rimasta per lungo tempo isolata. Da oltre 100 anni i British Shorthair vengono allevati in modo mirato. Nel 1871 i primi gatti British Shorthair vennero esposti al Crystal Palace.
11 min

Come riconoscere il Gatto Europeo

Lo European Shorthair è conosciuto in Italia con il nome di gatto Europeo ma viene spesso chiamato anche Celtic Shorthair (ossia gatto celtico dal pelo corto). Si pensa discenda dal gatto selvatico, una sottospecie di piccolo felino originario del Nord Africa, a cui assomiglia a livello anatomico. Gli antenati del nostro gatto Europeo arrivarono in Europa via mare, e presto si diffusero un po’ ovunque. Nelle fattorie, specie in passato, questi animali intelligenti venivano utilizzati per cacciare topi e ratti. Il gatto Europeo ha riscosso subito molto successo in Scandinavia, dove ancora oggi si trova la maggior parte degli allevatori. Questa particolare razza felina viene menzionata per la prima volta in Finlandia nel 1926 e successivamente in Svezia nel 1947. La prima femmina europea registrata ufficialmente si chiamava "Ujan", come riportano i registri del club felino svedese "SVERAK". Prima che la Fédération Internationale Féline (FIFe) ne ufficializzasse lo standard di razza, nel 1982, il gatto Europeo veniva ancora annoverato tra i British Shorthair. Presso la World Cat Federation (WCF) questa razza viene tuttora denominata “Celtic Shorthair”. Ancora oggi, quando si parla di razze feline, l’Europeo è sinonimo di comune gatto domestico, ma si tratta di una razza a sé stante, con un proprio standard e relativo pedigree. Il termine generico “gatto domestico” raggruppa una cinquantina di razze feline diverse e rappresenta una classificazione sistematica ben più ampia.

Aspetto: il più classico dei gatti, almeno in Italia

14 min

Gatto d’Angora

Il gatto d'Angora Turco viene definito da molti appassionati di gatti come la "razza felina più antica del mondo". Su cosa si basa questa definizione? E perchè questi gatti dal pelo lungo incantano così tanti amanti degli animali in tutto il mondo?
11 min

Gatto Munchkin

Il gatto dalle zampe corte

Originaria degli Stati Uniti, questa razza felina dall'aspetto molto peculiare rappresenta ancora una rarità nelle altre parti del mondo. Il gatto Munchkin si distingue per le sue zampe corte, frutto di una naturale mutazione genetica. Assieme al suo carattere inconfondibile, è proprio questa caratteristica a rendere il gatto Munchkin così speciale agli occhi di allevatori e appassionati.
13 min

Gatto Thai (o Siamese tradizionale)

Anche se il gatto Thai e il gatto Siamese hanno molto in comune, a livello visivo è facile distinguerli. Rispetto al “più moderno” cugino siamese, il Thai è più forte, ha una linea più arrotondata e nel complesso appare più armonioso. Questa razza orientale presenta una corporatura atletica ma non eccessivamente asciutta come quella del gatto Siamese. Le buone proporzioni e il collo muscoloso le conferiscono al Thai un aspetto e una struttura fisica robusta.

La forma delle orecchie e della testa: la chiave per distinguerlo dal Siamese

La forma della testa del gatto Thai è molto caratteristica: la fronte lunga e piatta si fonde con un cranio rotondo e con un muso ben proporzionato. Mento e naso sono allineati tra loro verticalmente. Le orecchie sono ben distanziate e attaccate alte. Proprio le orecchie e la forma della testa sono i due elementi che ci aiutano a distinguere i Thai dai Siamesi. Ciò che entrambe le razze hanno in comune, invece, sono i loro occhi a mandorla, che brillano di un blu intenso. Il mantello di questo gatto a pelo corto rivela la sua provenienza dai climi tropicali del sud-est asiatico: con pochissimo sottopelo, il Thai è morbido come la seta e ha un pelo particolarmente lucente ma raso.
8 min

Khao Manee

Il Khao Manee è un gatto a pelo corto di taglia media originario della Thailandia. Ha una corporatura atletica e un mantello bianco come la neve e lucente. Il pelo è corto e denso, aderente e con poco sottopelo. I maschi sono un po' più muscolosi e forti delle femmine. Raggiungono un peso massimo di 6,5 kg. Un’altra caratteristica di questo pelosetto che colpisce immediatamente sono i suoi grandi occhi a mandorla. Possono essere di colore blu, oro o verde. Grazie alle palpebre chiare, gli occhi di questo gatto appaiono particolarmente chiari, aperti e luminosi.

Un gatto portafortuna

Nel loro Paese d’origine sono particolarmente richiesti gli esemplari Khao Manee con gli occhi di due colori differenti, che vengono spesso regalati come portafortuna. Il nome della razza si traduce come "gioiello bianco" o "gemma bianca" e riferisce sia al suo mantello bianco che ai suoi occhi scintillanti. Le orecchie del Khao Manee sono relativamente grandi e arrotondate nella parte superiore. Per via del colore chiaro della pelle e del pelo di questo micio, i padiglioni auricolari appaiono leggermente traslucidi. Il naso e i cuscinetti sono rosa. La testa è a forma di cuneo o di cuore e ha zigomi alti, mettendo in risalto l'aspetto nobile di questa razza felina.
11 min

Maine Coon: carattere, aspetto, alimentazione

Con una lunghezza che può raggiungere anche i 120 cm, il Maine Coon è probabilmente la razza felina più grande al mondo. Può avere un'altezza al garrese di 40 cm e anche il peso non è da meno: le femmine si aggirano attorno ai 4-6 kg mentre i maschi di solito pesano tra i 5 e i 9 kg. Più di molti cani di piccola taglia, insomma! I gatti di questa razza si distinguono per il loro fisico atletico, però. Non si tratta di un micio tozzo. Al contrario, soprattutto nella selezione europea della razza, la linea è sinuosa e asciutta, con un ampio torace. Anche le zampe sono muscolose, di media lunghezza, con piedi grandi e tondi.

Un mantello folto e semilungo per proteggersi dal freddo

Il Maine Coon è un gatto a pelo semilungo. È originario del nord-est degli Stati Uniti, una zona con inverni lunghi e freddi. Per questo motivo, il nostro gattone ha un mantello idrorepellente con un parte superiore molto folta e un sottopelo morbido e fine. I coonies hanno orecchie grandi e appuntite ma dalla base larga, con ciuffi di pelo all'estremità che ricordano quelli della lince. Anche tra le zampe sporgono ciuffi di pelo, utili quando ci si deve muovere anche in mezzo alla neve. Gli allevatori accettano quasi tutti i colori e le fantasie di mantello del Maine Coon, anche se i colori di base sono bianco, nero e rosso. Solo considerati indesiderati solo i colori chocolate, lilac, fawn e colored point ma in generale si accettano mantelli di colori solidi (uniformi) come pure tabby (tigrati). Il Maine Coon ha occhi grandi e chiari: il colore dovrebbe corrispondere a quello del mantello.
13 min

Norvegese delle Foreste

Il gatto Norvegese delle Foreste ha un’aria un po’ selvaggia e un carattere affettuoso che lo rendono una delle razze feline più popolari in assoluto. Ma l'aspetto non è la sola caratteristica speciale di questo micione. Scopriamo insieme cosa rende tanto unico questo fiero ed affascinante amico felino.
11 min

Persiano: alla scoperta di una razza

Quella del morbido Persiano è una tra le razze feline più amate di sempre, oltre ad essere tra le più antiche. Definito „Gorbe-ye irāni“ (gatto iraniano) in lingua persiana, di fatto il micione che conosciamo noi oggi non proviene dall’Oriente.
9 min

Scottish Fold: il prezzo della dolcezza

Probabilmente ti sarà capitato di vedere, su qualche social media, la foto di un gatto con le orecchie piegate in avanti. Si tratta dello Scottish Fold, una razza che deve questo aspetto buffo ad una mutazione genetica che causa danni alle ossa e alle cartilagini. Per questo motivo l’allevamento dello Scottish Fold è vietato in diversi Paesi europei. Cerchiamo di capire insieme le ragioni del fascino che la razza esercita ancora su diverse persone e come si è arrivati a vietarne l’allevamento.
10 min

Snowshoe: il gatto con i calzini

In Italia è ancora difficile trovare un esemplare di Snowshoe, razza felina originaria degli Stati Uniti. Tuttavia, grazie al loro aspetto particolare e ad un carattere davvero speciale, questi gatti cominciano ad essere apprezzati anche qui da noi. Una cucciolata di Snowshoe regala sempre dolci sorprese: al momento della nascita, i gattini sono ancora completamente bianchi e assumono le diverse colorazioni soltanto durante il corso della loro crescita. I primi colori iniziano ad essere visibili circa 10 giorni dopo la nascita.

Quanto sono rari i gatti bianchi?  

A livello genetico, le combinazioni di colori del mantello del gatto seguono regole piuttosto complesse. I colori di base sono il nero e il rosso: tutti gli altri, comprese le macchie e i diversi motivi del mantello (tabby) sono fondamentalmente una combinazione di questi due colori primari.   

Per il colore nero, è responsabile un pigmento colorato detto eumelanina, mentre per il rosso il pigmento è noto come feomelanina. Questi due pigmenti possono essere presenti in proporzioni diverse, dando luogo a differenti variazioni di colore. Naturalmente questo non è il solo fattore che determina il colore di un mantello: ne esistono anche altri, che incidono sia sul colore sia sul disegno. 

Come si ottiene, quindi, uun mantello di colore bianco? Il responsabile è il cosiddetto "gene W". Sono diversi gli alleli nel locus del gene W che influenzano la colorazione bianca. Nello specifico: 

  • W: il bianco copre tutti gli altri colori del mantello 
  • ws: determina la presenza di macchie bianche sul mantello 
  • w: significa "non bianco" e garantisce quindi che il mantello sia colorato 

In pratica, l'allele W "copre" gli altri colori del mantello facendo prevalere il bianco. Da notare che, a livello genetico, tutti i gatti bianchi hanno il sottopelo colorato. 

Gattini bianchi  

Quando sono ancora molto piccoli, a volte i gattini bianchi hanno una piccola macchia colorata tra le orecchie: quella macchiolina rivela il loro colore di base e scompare con il tempo. 

Per altro, non è detto che le mamme bianche partoriscano necessariamente gattini bianchi: la prole di una gatta bianca può essere anche colorata.    

Perché i gatti bianchi sono delicati?   

Il mantello candido rende i gatti bianchi meno protetti, soprattutto al sole, rispetto ai gatti con altri colori di mantello. Detto ciò, non si tratta di albinismo bensì di un pelo “colorato di bianco”: a livello genetico, infatti, i gatti bianchi hanno un mantello colorato che viene semplicemente coperto dall'allele W. Negli albini, invece, il meccanismo è completamente diverso e c’è una vera e propria inibizione alla produzione dei pigmenti. 

Che razza sono i gatti bianchi con gli occhi azzurri? 

In linea di massima, tutti i colori di occhi felini si ritrovano anche nei gatti con il mantello bianco: blu, verde, giallo ambrato, marrone, grigio e tutte le sfumature intermedie. 

Il colore degli occhi è determinato dai pigmenti colorati presenti nell'iride. Nel caso in cui questi pigmenti vengano a mancare, l'iride appare blu. Visto che questi pigmenti colorati si sviluppano solo gradualmente, tutti i gattini appena nati hanno gli occhi blu. Il colore definitivo non si fissa prima dei 3-4 mesi. 

Gli occhi blu sono particolarmente comuni nei gatti bianchi. Anche in questo caso è responsabile il gene W, che garantisce l'assenza di pigmenti colorati nell'iride. 

C’è una differenza? Sì, a ben vedere uno svantaggio: i gatti bianchi con gli occhi azzurri vedono meno bene degli altri al crepuscolo. La ragione sta nel fatto che nel loro caso manca il "tapetum lucidum”, ossia quell’area che si trova nella parte posteriore dell'occhio che è in grado di riflettere la luce. In pratica, il tapetum lucidum è la ragione per cui gli occhi dei nostri amici felini di notte brillano. 

Gli occhi di due colori diversi 

Non è raro che i gatti bianchi presentino gli occhi di colore diverso uno dall’altro: è un fenomeno particolarmente affascinante. Di solito si tratta della combinazione data da un occhio blu e uno verde. Questi mici vengono comunemente definiti "odd-eyed cat", che in inglese significa "gatto dagli occhi strani" o "gatto dagli occhi insoliti". 

Perché i gatti bianchi spesso sono sordi? 

È noto da tempo che i gatti bianchi tendono ad essere sordi più spesso di quelli con il mantello colorato. In particolare, la combinazione pelo bianco + occhi azzurri si accompagna spesso alla sordità, un fatto che Charles Darwin descrisse già nel suo libro del 1868 "The Variation of Animals and Plants in the State of Domestication". 

Nel 1971, alcuni scienziati statunitensi esaminarono un totale di 185 gatti bianchi, scoprendo come il 43% di loro fosse sordo da una o da entrambe le orecchie. Negli animali con gli occhi azzurri, poi, la percentuale saliva sino al 65%. Tra i gatti con gli occhi di due colori, il 39% aveva anche problemi di udito come pure il 22% dei gatti con occhi pigmentati. 

Ma perché tanti gatti bianchi sono sordi? Si presume che tale handicap dipenda dalla sfortunata associazione dei geni responsabili degli occhi blu e di quelli che determinano il mantello bianco. 

Infatti, nei gatti che presentano questa combinazione genetica manca l'organo del Conti, una parte specifica e specializzata dell'orecchio interno. Questo insieme di cellule ha la funzione di trasmettere le onde sonore al cervello: venendo a mancare tale organo, le informazioni non possono raggiungere il cervello del gatto, il quale di conseguenza non sente nulla. 

Purtroppo, le razze di gatti Angora turco, Persiano, Maine Coon e Devon Rex ne sono particolarmente colpite.  

I pericoli che corrono i gatti sordi   

Soprattutto i gatti domestici fuori casa, quando sono sordi possono non accorgersi di un'auto che sopraggiunge sulla strada e di tanti altri pericoli, per cui indubbiamente soffrono di un handicap invalidante. Anche a livello di comunicazione tra simili, gli aMici che privi di udito sono purtroppo molto limitati perché non sentono i versi e le fusa degli altri gatti. 

Anche i gattini sordi sono estremamente svantaggiati, perché non sentono la loro mamma che fa le fusa o li chiama, con gravi conseguenze sul loro sviluppo. D’altro canto una gatta sorda che ha avuto una cucciolata non si accorge se uno dei suoi micetti miagola perché ha bisogno di aiuto, ad esempio, ed è quindi molto penalizzata. 

Come si fa a capire se un gatto è sordo?   

Hai il dubbio che il tuo gatto possa essere sordo? Consulta il tuo veterinario di fiducia e verifica le condizioni dell’orecchio del tuo pet. Se purtroppo hai già avuto la conferma che il tuo amico di zampa è sordo, puoi comunque rendere la sua vita più gioiosa e semplice con qualche piccolo accorgimento. Ad esempio, sicuramente gli piaceranno i giochi profumati, come i cuscini riempiti di catnip o valeriana. Anche i giochi luminosi, come i laser, sono sempre una buona scelta.  

Nello shop online di zooplus trovi una ricchissima selezione di giochi per gatti di ogni tipo!   

Perché i gatti bianchi non possono stare all’aperto?   

Più la pelle è chiara, maggiore è il rischio di scottarsi: vale per noi umani e vale anche per i nostri aMici felini. Nel caso dei gatti, quelli bianchi sono particolarmente a rischio, al punto che, anche se un gatto è tabby o colorato, se ha il muso, le orecchie o il ventre bianco è più esposto al rischio di scottature.  

Quindi, se il tuo micio ha il mantello bianco, evita che prenda troppo sole. Se vuoi permettergli di stare un po’ sul balcone o in terrazza, dotati di un ombrellone e o di una tenda parasole così da garantirgli il giusto grado di ombreggiatura. Anche in primavera e in autunno: non sottovalutare il rischio scottature. 

Ricordati che puoi anche applicare una crema solare non profumata, sulle parti più esposte del tuo micione bianco. Chiedi consiglio al tuo veterinario di fiducia! 

Sapevi che i nostri amici gatti possono scottarsi, al sole? Se vuoi scoprire come proteggere al meglio il tuo amico di zampa, leggi anche il nostro articolo Protezione solare per gatti: i rimedi contro il sole.    

Che razze sono i gatti bianchi?  

Sogni di adottare un gatto bianco? Per fortuna, questa variante di mantello è presente in numerose razze feline. Esistono gatti bianchi a pelo corto e a pelo lungo: non hai che da scegliere! 

Esempi di razze feline che esistono anche nella variante a pelo bianco:   

Un discorso a parte meritano i Snowshoe, una razza rara originaria degli Stati Uniti, i cui cuccioli nascono completamente bianchi, almeno poco dopo la nascita. 

Visto che, come abbiamo visto, i gatti bianchi sono spesso sordi, la riproduzione selezionata è piuttosto complessa. Ecco perché è necessario cercare un allevatore serio, che presti la massima attenzione agli aspetti di salute dei suoi animali. Con un po' di fortuna, è anche possibile trovare un gatto bianco nei rifugi per animali o nei gattili di zona: conviene sempre chiedere, prima di convincersi che sia impossibile. 

Qual è il carattere dei gatti bianchi? 

Sono tanti gli appassionati dei gatti dal mantello candido e uniforme. E infatti, se uno di loro per qualche ragione ad un certo punto finisce in un rifugio per animali, è probabile che verrà adottato in tempi più rapidi della media. Soprattutto rispetto ai gatti neri. 

Nella cultura occidentale, il bianco è sinonimo di innocenza e di purezza. Non stupisce, quindi, che tante marche di prodotti per gatti, come ad esempio Catsan, facciano pubblicità attraverso l’immagine di un gatto bianco. Anche nei film di James Bond, l’antagonista Ernst Stavro Blofeld viene mostrato spesso mentre coccola il suo bellissimo gatto Persiano tutto bianco, ancora più misterioso e magnetico. 

A livello caratteriale, ovviamente, non esistono caratteristiche legate al colore del mantello: i nostri amici felini hanno la loro indole, in parte determinata dalla razza di appartenenza, e il loro carattere, che è individuale e nulla ha che vedere con il loro colore. 

A voler trovare uno svantaggio, quando si parla della bellezza dei gatti bianchi, bisogna riconoscere il fatto che il loro bellissimo pelo candido è particolarmente visibile, su divani e vestiti. Non è facile rimuovere i peli di questi gatti. Per evitare di impazzire, conviene dotarsi di spazzola e pettine e utilizzarli con regolarità.