Cane e neonato in arrivo: come comportarsi

Scritto da Jana Schubert
bebè gioca con cane

La vita con un cane e un bebè può essere molto divertente, a condizione che li si abitui l’uno all’altro con attenzione.

Quando si annuncia l’arrivo di un bambino in famiglia, le priorità cambiano. Fino a quel momento il tuo peloso è stato al centro dell’attenzione, ma presto tutto ruoterà intorno al cucciolo umano. In questo articolo ti spieghiamo come abituare il cane e il bebè l’uno all’altro durante la gravidanza, la nascita e i primi mesi insieme.

Cane e bebè: adesso le cose cambieranno

L’arrivo di un bambino porta con sé delle trasformazioni, tanto in termini di spazio che di relazioni. È importante che il cane non venga preso alla sprovvista e che gli venga data la possibilità di abituarsi per tempo alla nuova situazione.

Quando li fai socializzare, procedi con delicatezza. In questo modo nulla impedirà una relazione armoniosa tra cane e bebè.

Utilizza anche il periodo della gravidanza per definire alcune regole e preparare il tuo amico di zampa al suo nuovo ruolo in famiglia. Per far sì che il nuovo arrivato e il tuo peloso possano vivere sotto lo stesso tetto in armonia, dovresti educare il cane ad adeguare il suo comportamento.

Suggerimento: è meglio iniziare a metà della gravidanza, poiché l’ultima fase è spesso molto faticosa per la madre.

Quando arriva un nuovo membro in famiglia, ognuno deve ridefinire il proprio posto al suo interno. Il bebè occupa molto tempo e nella maggior parte dei casi viene prima del cane. Questa può essere una situazione poco familiare per il tuo fedele amico.

Il cane deve imparare che non può pretendere costantemente le tue attenzioni, ma che le riceverà quando lo decidi tu. È importante che tu agisca con sensibilità e in base alla situazione.

Abitua il tuo peloso alla presenza di regole chiare già prima della nascita, agendo con sicurezza e tranquillità. Ad esempio, mandalo nella sua cuccia per cani e lascialo lì finché non sarai tu a chiamarlo per giocare.

Nella frenesia del gioco, può succedere che il tuo amico di zampa si scateni troppo e che un dente o un’unghia colpiscano il bersaglio sbagliato. Dopo la nascita, quando sarà il tuo bebè a giocare con lui, questo non dovrà accadere. Quindi ti consigliamo di educare il tuo cane ad una maggiore attenzione in generale.

Quando giochi con il cane, addestra il tuo peloso a comportarsi con cautela e a rispondere attentamente ai tuoi comandi. Se è troppo aggressivo o ringhia, togligli il suo gioco per cani. Ricomincia a giocare solo quando farà di nuovo il bravo e si sarà rilassato.

Introdurre un comando può aiutare a far capire al cane quando ha raggiunto il limite di intensità. Ad esempio, puoi ripetete “attento!” quando questo limite viene superato durante il gioco e interromperlo.

Se dopo il momento critico riprendi il gioco, fallo delicatamente e lentamente. In questo modo il tuo fedele amico riconoscerà la differenza. Quando risponde al comando, dagli una ricompensa. Accarezzalo intensamente, dagli quella bella grattatina che tanto gli piace e premialo con i suoi snack per cani preferiti.

La maggior parte dei cani è istintivamente più cauta con i neonati e i bambini piccoli. Ciononostante, il nuovo comando ti permette, se dovesse essere necessario, di fermare il tuo peloso anche a distanza.

Come creare un buon rapporto tra cane e bebè

Anche durante la gravidanza si può fare molto per far sì che il cane si trovi bene con il nuovo arrivato in famiglia.

I cani sono delle creature sociali e soffrono quando si sentono esclusi. Dai al tuo peloso la sensazione di far parte della famiglia. Anche durante la gravidanza, puoi coinvolgerlo attivamente facendogli ascoltare il tuo pancione e tenendolo sempre vicino a te.

Quand’è che il mio cane capirà che sono incinta?

Durante questi momenti di coccole accarezzalo e dimostragli che va tutto bene. Anche se è difficile da credere, nel momento in cui il cane sente il battito del cuore della nuova vita nella tua pancia, capisce istintivamente cosa sta succedendo.

Se tutto procede bene, sarà proprio in quel momento che il tuo amico di zampa accetterà il nascituro come nuovo membro della famiglia.

L’arrivo di un bimbo comporta delle modifiche anche nella situazione abitativa. Si arreda la cameretta, si allestisce il lettino e arriva anche la carrozzina.

Ti suggeriamo di collocare i nuovi arredi nella loro posizione definitiva già durante la gravidanza. In questo modo il tuo peloso avrà la possibilità di familiarizzare, attenuare eventuali paure e abituarsi alla nuova organizzazione degli spazi prima dell’arrivo del bebè.

Suggerimento: il passeggino potrebbe spaventare i nostri fedeli amici. Prima del parto, porta la carrozzina con te durante le passeggiate con il tuo cane. Questo lo aiuterà a familiarizzare con il nuovo contesto e a rilassarsi.

Hai degli amici o conoscenti che hanno già avuto un bebè? Organizza delle occasioni in cui, sotto la vostra sorveglianza, cane e bebè possano entrare in contatto tra loro.

In questo modo il tuo fedele amico potrà fare un po’ di pratica ed imparare a trattare con neonati e bambini. Trasferirà automaticamente le esperienze fatte con questi cuccioli umani al tuo bebè.

Di corsa in sala parto

Il momento è finalmente arrivato: iniziano le contrazioni e bisogna andare in fretta in ospedale. Per fortuna la tua borsa è già pronta. Ma dove lasci il tuo cane? È una questione a cui bisogna pensare in anticipo.

A chi affidare il tuo peloso?

Decidi per tempo a chi affidare il cane in caso di emergenza, anche se dovesse avvenire nel cuore della notte. Sarebbe meglio lasciarlo in mani a lui familiari. Se durante il parto il tuo peloso è ben accudito, sarai già a metà dell’opera.

Al tuo amico di zampa non dovrebbe mancare nulla. Se è ben accudito, gioca e riceve molte attenzioni affettuose, non assocerà il neonato a sentimenti di delusione, solitudine e abbandono.

Lascia al tuo cane il tempo di annusare e conoscere il suo nuovo coinquilino.

Il bebè è arrivato! A cosa devo fare attenzione?

Adesso comincia un periodo molto intenso per te. Da un lato, il tuo bambino richiederà attenzioni costanti, dall’altro, dovrai tenere d’occhio le reazioni del tuo fedele amico nei suoi confronti, soprattutto quando entrambi stanno imparando a conoscersi.

Il primo incontro tra cane e bebè dovrebbe avvenire in un momento di tranquillità. Presenta il nuovo arrivato al tuo peloso quando non sta piangendo e il cane è rilassato e contento. Siediti sul divano o su una sedia con il bambino in braccio e lascia che il cane si avvicini e lo annusi.

Nella maggior parte dei casi, il primo contatto è pacifico. In caso di emergenza, tuttavia, alzati subito dalla posizione seduta e sposta il bambino fuori dalla portata del tuo amico di zampa. Per maggiore sicurezza, una seconda persona può tenere il cane al guinzaglio.

Ogni volta che il tuo peloso reagisce in modo positivo e attento al bambino, dovresti premiarlo. Accarezzalo, ricompensalo con uno snack e fagli capire che si sta comportando bene.

In questo modo, apprenderà fin dall’inizio a riconoscere la nuova situazione come positiva e non assocerà il neonato a nessuno svantaggio per sé. Così sarà più facile per lui accettare il nuovo membro della famiglia.

Il tuo cane ha accettato bene il bebè e si comporta con lui in maniera attenta? Fantastico! Goditi la felicità della tua famiglia, ma senza troppa leggerezza. Non perdere mai di vista il bambino quando il cane è nella stessa stanza.

Questo perché i neonati e i bambini piccoli spesso oltrepassano inconsapevolmente i limiti. Ad esempio, se il piccolo si aggrappa al pelo, può causare dolore al cane che potrebbe reagire istintivamente.

Facendo attenzione, riconoscerai subito questo tipo di situazione: di solito il cane reagisce cambiando il linguaggio del corpo e segnalando che sta sopportando troppo. In questo caso, intervieni per evitare che la situazione degeneri e provochi danni duraturi al rapporto tra cane e bebè.

Per una vita familiare felice: luoghi in cui ritirarsi e zone tabù

Quando un neonato entra a far parte della famiglia, diventa particolarmente importante che tutti abbiano un posticino in cui rifugiarsi. Può trattarsi di alcuni punti o di intere stanze. Questi luoghi dovrebbero essere disponibili sia per gli umani che per i pelosi.

La cameretta del bambino: una zona off-limits per il cane?

La camera del bambino è un luogo di riposo, gioco e relax. Qui il piccolo umano deve poter dormire, avere cambiato il pannolino ed essere vestito in tutta tranquillità, senza che altri fattori richiedano attenzione.

Pensaci bene, dunque, prima di permettere l’accesso al tuo amico di zampa. Se decidi di lasciarlo entrare, l’ideale è che possa farlo solo con il tuo permesso.

Fagli capire che in questa cameretta è solo un ospite e che non può dare per scontato di avervi accesso. Premialo quando si comporta correttamente e chiedigli di uscire di nuovo dalla stanza dopo un po’.

Non c’è una stanza per il bebè?

Se il tuo appartamento è piuttosto piccolo e non hai abbastanza spazio per allestire una cameretta separata per il tuo bimbo, vieta al tuo cane l’accesso ad alcune zone. Individua un punto in cui allestire il fasciatoio e chiedi al tuo peloso di tenersi a distanza. Se si comporta in modo esemplare, premialo con coccole e biscottini per cani.

cane nella cuccia
Anche il cane deve avere a disposizione un posticino in cui potersi ritirare.

Cane e bebè: attenzione alle misure igieniche

Se fai convivere un bambino e un cane, dovresti prestare attenzione anche alle necessarie misure igieniche. Tieni in considerazione i seguenti punti:

  • il cane deve essere regolarmente controllato e trattato per verificare la presenza di vermi e parassiti come le zecche. Fallo sverminare in accordo con il tuo veterinario.
  • dopo le passeggiate, spazzola il tuo peloso con una spazzola o pettine per cani ed esaminalo accuratamente. Parassiti come vermi o zecche potrebbero essere presenti nel suo mantello.
  • se dopo una passeggiata il tuo amico di zampa è sporco, lavalo con uno shampoo per cani. Altrimenti, è sufficiente una doccia o un bagno una o due volte al mese.
  • se il tuo fedele amico lecca i giocattoli del bimbo, lavali accuratamente con acqua.
  • il cane non dovrebbe leccare il viso del bebè, perché il suo sistema immunitario può essere sopraffatto dai batteri contenuti nella saliva.
  • i bambini a volte toccano parti sporche del cane. Se il tuo bebè lo fa, lava le sue mani.
  • quando viaggiate, porta sempre con te delle salviette umidificate. Possono essere utili per rimediare rapidamente a piccoli incidenti igienici con cani e bebè.
  • rimuovi regolarmente lo sporco ed elimina i peli del cane da casa passando l’aspirapolvere e pulendo pavimenti, tappezzeria e simili.

Attenzione: se proteggi il tuo peloso con dei prodotti antiparassitari per cani (ad esempio uno spot-on per cani o un collare antiparassitario per cani), è necessario prestare particolare attenzione. In questo periodo è necessario evitare il contatto diretto tra cane e bebè, soprattutto evitare che il tuo bambino tocchi il pelo del tuo amico di zampa. È inoltre necessario lavarsi accuratamente le mani dopo aver toccato il cane.

Nonostante la necessità di queste precauzioni, non bisogna esagerare con l’igiene. A lungo termine, un ambiente troppo pulito fa più male che bene. I bambini sono più robusti di quanto si possa pensare. Soprattutto nei primi mesi, il contatto con microrganismi di ogni tipo allena il loro sistema immunitario. Disinfetta solo in caso di sporco intenso o di piccole ferite.

Cosa fare se il cane è geloso del bambino?

Il cane ringhia contro il bebè o si mette tra te e il neonato? Non farti prendere dal panico: un po’ di gelosia è normale all’inizio. Concedigli un po’ di tempo e non sgridarlo. Questo non farebbe che intensificare i suoi sentimenti negativi e le sue riserve nei confronti del nuovo arrivato.

Sfrutta invece ogni occasione per associare il bambino a esperienze positive per il cane. Mantieni un comportamento calmo, chiaro e affettuoso. Fissa dei limiti, ma poco dopo ricompensa il cane con la tua attenzione. Così facendo gli insegnerai che, sebbene il bambino sia la tua priorità, anche lui è importante per te.

Quanto tempo ci vuole perché il cane si abitui al bebè?

Possono essere necessarie alcune settimane perché il tuo peloso accetti la nuova situazione e si abitui al neonato. Tuttavia, se il cane mostra forti difficoltà con il nuovo membro della famiglia, che non migliorano nemmeno dopo qualche settimana, è necessario l’aiuto di un professionista.

Non esitare a contattare un addestratore di cani esperto. Ti fornirà consigli utili e un coaching personalizzato sulla convivenza tra cane e bebè.

Cane e bebè: i nostri consigli in sintesi

  • abitua per tempo il tuo cane ai cambiamenti spaziali.
  • cerca di renderlo partecipe durante la fase della gravidanza.
  • fissa dei confini importanti e crea delle zone tabù.
  • permetti al tuo amico di zampa di fare esperienza con altri neonati e bambini piccoli già prima della nascita del tuo bebè.
  • decidi per tempo come organizzare il giorno del parto per il tuo fedele amico.
  • una volta diventato genitore, assicurati di non trascurare il tuo cane.

Conclusione: il cane e il bebè sono una squadra fantastica!

La maggior parte dei cani adora i bambini. All’inizio, però, il nuovo arrivo può essere un po’ problematico. Inizia per tempo a preparare il tuo peloso alle trasformazioni imminenti e non trascurarlo. In questo modo sarà più facile per lui accettare sia il cambiamento che il nuovo arrivato.

Proposte d’acquisto dalla redazione di zooplus

I prodotti selezionati nel box sono proposte effettuate dalla redazione, alimenti e accessori che puoi trovare nel negozio online per animali di zooplus e non costituiscono advertising da parte dei brand citati.


Jana Schubert
Profilbild von zooplus Magazin Autorin Jana Schubert

Già da piccola, preferivo coccolare il nostro gatto Persiano piuttosto che il mio orsacchiotto di pezza. Quando sono cresciuta, ho fatto impazzire i miei genitori fino a quando non mi hanno permesso di adottare un cavallo. Tutta la mia vita è costellata di meravigliose esperienze insieme ai miei pet. E, anche se vivere con gli animali non è sempre facile, non potrei nemmeno immaginare di farne a meno perché mi toccano l'anima come nient'altro. Ogni volta che scrivo di loro sento questa magia, che spero tocchi un po' tocchi anche te.


I nostri articoli più utili
8 min

Il mio cane mi vuole bene: 10 segnali per capirlo

Il mio cane mi vuole bene? Quando qualcuno ci sta a cuore, è naturale desiderare che i nostri sentimenti siano ricambiati. Questo vale con il partner, per le amicizie e ovviamente anche nei confronti dei nostri pelosi. Ma il cane, non potendo parlare, deve necessariamente trovare altri modi per dimostrare tutto il suo amore: il tuo peloso è intelligente ed escogiterà delle soluzioni davvero tenere per farti capire quanto ci tiene a te. E se non riesco a capire se il mio cane mi vuole bene? Impossibile. La capacità di comprendere il linguaggio dei nostri amati cani si cela nell'istinto di ognuno di noi. In questo articolo abbiamo raccolto i dieci segnali più comuni che confermano che il tuo cane ti vuole bene e che scodinzola solo per te. Lasciati incantare da tutte le prove di affetto del tuo adorato compagno di zampa!
5 min

I segnali che dimostrano che il cane è felice

"Come faccio a capire che il mio cane sta bene?", "Come posso essere sicuro che nel mio rapporto con lui agisco correttamente e che con me ha una bella vita che lo rende felice?". Queste sono domande che i padroni dei cani si pongono spesso. Le probabilità che il cane sia felice sono molto alte, soprattutto se lo tieni in movimento ed è in salute. Questo risultato lo otterrai non solo trascorrendo almeno qualche ora al giorno giocando con il cane, ma anche nutrendolo nella maniera adeguata. Sotto questo aspetto, non ci stancheremo mai di sottolinearlo, una corretta alimentazione del cane è assolutamente determinante per la sua salute fisica e mentale e, di conseguenza, per il suo stato d’animo. Infine una spiegazione conclusiva in merito alla felicità del tuo animale è data anche dal quadro ormonale.
5 min

Dormire con il cane nel letto: si o no?

Posso dormire con il cane nel letto? Se hai la fortuna di condividere il tuo appartamento con un peloso ti sarà certamente capitato di cercare risposta a questa domanda. Le opinioni sul tema sono da sempre le più disparate. In questo articolo abbiamo raccolto una panoramica dei vantaggi e degli svantaggi di questa decisione, per aiutarti a capire, senza farti influenzare dalle opinioni altrui, se vuoi permettere al tuo amico di zampa di dormire insieme a te.