Australian Mist

Australian Mist gatto

L'Australian Mist, noto anche come ‘il gatto delle nebbie’, è l'unica razza felina proveniente dal continente australiano. Questo micio docile e affettuoso è il risultato di un incrocio tra il Burmese, l’Abissino e il gatto domestico ed è un perfetto gatto da appartamento. Deve il suo nome al tipico disegno del mantello, che sembra ricoperto da un leggero velo di nebbia.

Carattere

Se deve scegliere tra uscire a dar la caccia ai topi o rimanere in casa con i propri umani, l'Australian Mist preferisce sempre la seconda opzione. Almeno, questo è quel che si dice di questo gatto domestico australiano. In effetti, questo pelosetto socievole e affettuoso con gli umani è particolarmente adatto alla vita in appartamento. Ama così tanto la compagnia delle sue persone di riferimento e di altri suoi simili da preferirla perfino alla sua libertà. Questo, però, non significa che se ne stia tutto il giorno a poltrire nella sua cesta. Al contrario, questo micio dalla corporatura muscolosa è molto attivo e giocherellone. Se sta sempre in casa, è indispensabile mettergli a disposizione molto spazio per giocare e accessori come un tiragraffi con percorsi di arrampicata.

Un gatto da appartamento socievole e giocherellone

Questo gatto curioso e vivace ha bisogno di spazio per giocare ed esplorare. Sebbene diventi un po’ più sedentario con l’avanzare dell’età, mantiene sempre il suo carattere giocherellone. Ama perlustrare ogni angolo, gironzolare, arrampicarsi e giocare. Il suo ambiente ideale è una famiglia con bambini, ma si trova a suo agio anche con anziani che vivono da soli o con le coppie. Grazie al suo carattere socievole e semplice, dopo un normale periodo di ambientamento si inserisce bene in qualunque contesto.

Tuttavia, proprio per via della sua natura amichevole, l'Australian Mist non ama stare da solo. Se il tuo lavoro non ti permette di stare molto a casa, la soluzione migliore è quella di adottare più di un gatto. Per questo pelosetto il gioco con altri suoi simili è altrettanto piacevole che intrattenersi con i suoi umani e sicuramente lo distrarrà dalla noia durante la tua assenza.

Aspetto

Le caratteristiche fisiche dell’Australian Mist rivelano il suo desiderio di stare in attività e la sua natura vivace. Con i suoi occhi grandi ed espressivi osserva chi gli sta intorno con attenzione ed interesse. Il suo corpo forte e muscoloso, con un torace ampio e zampe piuttosto robuste, sembra sempre pronto per un gioco di movimento. Le sue zampe di media lunghezza - quelle posteriori leggermente più lunghe di quelle anteriori - appaiono forti e atletiche. È un micio di taglia media che pesa tra i 3 kg e i 6 kg; i maschi sono generalmente più grossi e pesanti delle femmine.

Segno distintivo: il mantello ricoperto da un velo di nebbia.

Complessivamente l'Australian Mist è ben proporzionato. La testa è larga e rotonda con un portabaffi pronunciato e un mento prominente. Le orecchie, larghe e di media grandezza, sono leggermente inclinate in avanti e si assottigliano fino alla punta arrotondata, Queste caratteristiche, unite al bellissimo disegno del suo mantello, fanno sì che questo pelosetto dagli occhi grandi ricordi un po’ un ocelot, noto anche come ‘gattopardo americano’.

Il pelo corto e setoso dell'australiano è costituito dal sovrapporsi di diversi strati di colore: 1. il colore di base, 2. un delicato disegno di una tonalità più scura e 3. il cosiddetto "misted mantel", con un motivo puntinato di macchie che fa apparire il disegno sottostante come ricoperto da un leggero velo di nebbia. Proprio dalla caratteristica colorazione del suo mantello deriva il nome “Australian Mist”, che letteralmente significa ‘nebbia australiana’.

Per quanto riguarda i colori, lo standard di razza ammette le seguenti sette variazioni:

- Marrone (con disegno nero)

- Blu

- Chocolate

- Lilac

- Gold (con disegno Cinnamon)

- Peach (con disegno Fawn)

- Caramello

Piccola curiosità: fino al 1998 il nome di questa razza felina era "Spotted Mist" (nebbia maculata). Con l'approvazione dei disegni tabby e blotched il nome venne cambiato in "Australian Mist".

Storia

L'aspetto grazioso e il temperamento equilibrato dell’Australian Mist non sono dovuti al caso. Quando nel 1976 l'allevatrice australiana Dr. Truda M. Straede iniziò a incrociare gatti burmesi, abissini e domestici, il suo obiettivo era chiaro: creare una nuova razza felina a pelo corto e maculato con un temperamento estremamente docile, adatta alla vita in casa. In effetti, in questo micio australiano sono riconoscibili le principali caratteristiche di queste tre razze feline: la conformazione e il carattere affettuoso con gli umani del Burmese, il temperamento e il motivo ticking dell'Abissino e il motivo tabby del gatto domestico maculato.

Il risultato migliore venne raggiunto dall’incrocio selettivo con le seguenti proporzioni: 50% Burmese, 25% Abissino e 25% gatto domestico maculato. 10 anni dopo, nel 1986, la nuova razza felina "Spotted Mist" venne riconosciuta ufficialmente in Australia.

Allevamento e diffusione

L'allevamento di questa razza felina relativamente giovane è ancora concentrato in Australia e Nuova Zelanda. Sebbene l'Australian Mist sia ormai conosciuto anche al di fuori del suo paese d'origine, in particolare in Europa e negli Stati Uniti, non ha ancora ottenuto il riconoscimento da parte di altre associazioni feline, né sono nate strutture di allevamento più grandi nel continente europeo o americano. Trovare un esemplare di razza pura al di fuori dell'Australia non è quindi facile. Una ricerca in Gran Bretagna ha, probabilmente, più possibilità di successo, anche se nella maggior parte dei casi si tratta di gatti importati in Europa dall'Australia.

Salute e malattie specifiche della razza

A differenza di alcune razze frutto di selezione eccessiva, l'Australian Mist, il cui allevamento si è finora concentrato in Australia, non soffre di malattie specifiche della razza. Questo pelosetto è ritenuto molto sano e robusto. Non è raro che raggiunga i 15 anni di età. Naturalmente, neanche questa razza è immune dalle malattie tipiche della specie, come le infezioni delle vie respiratorie superiori o i disturbi gastrointestinali. Nei pelosetti liberi di esplorare all’esterno esiste anche il rischio di infestazioni parassitarie. Ti consigliamo, dunque, di far vaccinare il tuo amico di zampa contro il raffreddore e l’ influenza felina e, se lo lasci libero di gironzolare all’aperto, anche contro la rabbia e la leucemia felina. Consulta il tuo veterinario per sapere quali vaccinazioni siano importanti per il tuo micio e quando vadano effettuate.

Cure e alimentazione

Oltre alle vaccinazioni, anche le cure e una dieta adeguate alla specie contribuiscono notevolmente alla salute di questo pelosetto. Chi ha già esperienza con i gatti sa benissimo che questo non richiede un grosso impegno. Fortunatamente, questo micio australiano a pelo corto provvede da sé alla cura del suo mantello. Di tanto in tanto, tuttavia, è necessario rimuovere i peli morti con un panno o una spazzola morbida.

Una dieta sana svolge un ruolo importante per il benessere del micio. Degli alimenti per gatti di qualità e con un elevato contenuto di carne sono la scelta giusta per il tuo Australian Mist. Evita un’eccessiva quantità di cereali e carboidrati, perché l’organismo dei felini non è in grado di utilizzarli in modo ottimale. Inoltre, non dare mai al tuo pelosetto quello che mangi tu. Generalmente il nostro cibo è troppo grasso e troppo speziato per il sensibile sistema gastrointestinale dei gatti.

Inoltre, preoccupati di sottoporre il tuo micio a controlli annuali dal veterinario. Spesso i disturbi dei gatti sono asintomatici in una prima fase e si manifestano solo quando sono già ad uno stadio avanzato. Se vuoi assicurarti che il tuo Australian Mist goda di buona salute, è necessario farlo controllare regolarmente da uno specialista.

Scopri la nostra selezione di alimenti umidi e crocchette per gatti!

L’ambiente ideale per l’Australian Mist

Oltre a richiedere poche cure, l'Australian Mist non ha particolari esigenze dal punto di vista abitativo. Non ha bisogno di un grande giardino o di altri spazi all'aperto, è perfettamente a suo agio anche in un semplice appartamento. Ciò di cui ha davvero bisogno è trascorrere molto tempo con i suoi umani o avere al suo fianco dei simili come compagni di gioco.

Il pelosetto australiano è estremamente socievole e, più che di una casa spaziosa o di elaborati tiragraffi su cui arrampicarsi, necessita del contatto con altri esseri viventi. Se stai spesso fuori casa e desideri un gatto indipendente che passi la maggior parte del suo tempo gironzolando da solo nei dintorni, l’Australian Mist non fa per te.

A chi è adatto l'Australian Mist?

L’Australian Mist è senza dubbio un pet semplice da accudire e molto socievole, in grado di adattarsi bene alla vita dei suoi umani di riferimento. Tuttavia, è più adatto a persone che hanno voglia di trascorrere molto tempo ed impegnarsi in attività con il loro amico di zampa. Il suo desiderio di socializzare può essere soddisfatto anche dalla presenza in famiglia di altri suoi simili, insieme ai quali potersi divertire a giocare ed esplorare.

Sebbene apprezzi la compagnia dei suoi umani più di ogni altra cosa, questo micio australiano è tutt’altro che un "gatto da divano". Ama esplorare nuovi angoli e "allenarsi" arrampicandosi sul tiragraffi ed affilando i suoi artigli. Per questo motivo, è bene intrattenerlo con diversi accessori, come giocattoli per gatti e giochi di movimento, soprattutto se trascorre tutto o buona parte del suo tempo in casa. Naturalmente, puoi anche abituare il tuo Australian Mist ad una passeggiata quotidiana all'aperto. Generalmente, però, questo pelosetto affettuoso preferisce trascorrere la maggior parte del suo tempo tra le mura di casa, in compagnia dei suoi umani.

Dove posso adottare un Australian Mist?

Un micio così dolce e affettuoso, di bell’aspetto e adatto alla vita in casa ha, comprensibilmente, molti fan. Tuttavia, solo in pochi riescono a realizzare il proprio sogno di adottare un Australian Mist di razza pura, a meno che non vivano in Australia o in Nuova Zelanda.

La crescente popolarità di questa razza felina fa prevedere che ben presto verrà allevata anche in Europa. Se desideri adottare un amico di zampa in tempi brevi, però, ti consigliamo di estendere la tua ricerca anche ad altre razze. Magari sarai così fortunato da trovare un gatto che sia almeno "in parte" un Australian Mist. Contatta degli allevatori e fai una visita al canile per vedere se riesci a trovare un micio che si avvicini il più possibile ai tuoi desideri.

In Sintesi

In breve: L’unica razza felina proveniente dall’Australia. Nato dall’incrocio tra il Burmese, l’Abissino e il gatto domestico. Particolarmente adatto alla vita in appartamento.
Altezza al garrese: 20 - 25 cm
Peso: 3 - 6 kg
Aspettativa di vita: 12-16 anni
Prezzo: 800 - 1000 Euro
Carattere: affettuoso, giocherellone, socievole sia con gli umani, che con i suoi simili e con gli altri pet. Ama stare in casa. Perfetto da allevare in famiglia. Non gli piace stare da solo.
Mantello: corto e setoso, costituito dal sovrapporsi di 3 diversi strati di colore: il colore di base, un disegno più scuro e il "misted mantel", con un motivo puntinato di macchie.
Colore: marrone (con disegno nero), blu, caramello, chocolate, lilac, gold (con disegno cinnamon) e peach (con disegno fawn).
Difficoltà di addestramento: bassa
Cura del pelo: bassa
Bisogno di attività fisica: medio
Provenienza: Australia
I nostri articoli più utili
15 min

Il gatto Bengala: la meraviglia dell’Oriente

Quella del Bengala non è una vera e propria razza. È piuttosto un ibrido nato dall’incrocio tra un gatto domestico ed un felino selvatico asiatico. Gatti come il Bengala e il Serval appassionano sempre più persone. Ma quali caratteristiche ha e cosa bisogna sapere se si sceglie di adottare un Bengala?
10 min

Maine Coon: carattere, aspetto, alimentazione

Con una lunghezza che può raggiungere anche i 120 cm, il Maine Coon è probabilmente la razza felina più grande al mondo. Può avere un'altezza al garrese di 40 cm e anche il peso non è da meno: le femmine si aggirano attorno ai 4-6 kg mentre i maschi di solito pesano tra i 5 e i 9 kg. Più di molti cani di piccola taglia, insomma! I gatti di questa razza si distinguono per il loro fisico atletico, però. Non si tratta di un micio tozzo. Al contrario, soprattutto nella selezione europea della razza, la linea è sinuosa e asciutta, con un ampio torace. Anche le zampe sono muscolose, di media lunghezza, con piedi grandi e tondi.

Un mantello folto e semilungo per proteggersi dal freddo

Il Maine Coon è un gatto a pelo semilungo. È originario del nord-est degli Stati Uniti, una zona con inverni lunghi e freddi. Per questo motivo, il nostro gattone ha un mantello idrorepellente con un parte superiore molto folta e un sottopelo morbido e fine. I coonies hanno orecchie grandi e appuntite ma dalla base larga, con ciuffi di pelo all'estremità che ricordano quelli della lince. Anche tra le zampe sporgono ciuffi di pelo, utili quando ci si deve muovere anche in mezzo alla neve. Gli allevatori accettano quasi tutti i colori e le fantasie di mantello del Maine Coon, anche se i colori di base sono bianco, nero e rosso. Solo considerati indesiderati solo i colori chocolate, lilac, fawn e colored point ma in generale si accettano mantelli di colori solidi (uniformi) come pure tabby (tigrati). Il Maine Coon ha occhi grandi e chiari: il colore dovrebbe corrispondere a quello del mantello.
10 min

Come riconoscere il Gatto Europeo

Lo European Shorthair è conosciuto in Italia con il nome di gatto Europeo ma viene spesso chiamato anche Celtic Shorthair (ossia gatto celtico dal pelo corto). Si pensa discenda dal gatto selvatico, una sottospecie di piccolo felino originario del Nord Africa, a cui assomiglia a livello anatomico. Gli antenati del nostro gatto Europeo arrivarono in Europa via mare, e presto si diffusero un po’ ovunque. Nelle fattorie, specie in passato, questi animali intelligenti venivano utilizzati per cacciare topi e ratti. Il gatto Europeo ha riscosso subito molto successo in Scandinavia, dove ancora oggi si trova la maggior parte degli allevatori. Questa particolare razza felina viene menzionata per la prima volta in Finlandia nel 1926 e successivamente in Svezia nel 1947. La prima femmina europea registrata ufficialmente si chiamava "Ujan", come riportano i registri del club felino svedese "SVERAK". Prima che la Fédération Internationale Féline (FIFe) ne ufficializzasse lo standard di razza, nel 1982, il gatto Europeo veniva ancora annoverato tra i British Shorthair. Presso la World Cat Federation (WCF) questa razza viene tuttora denominata “Celtic Shorthair”. Ancora oggi, quando si parla di razze feline, l’Europeo è sinonimo di comune gatto domestico, ma si tratta di una razza a sé stante, con un proprio standard e relativo pedigree. Il termine generico “gatto domestico” raggruppa una cinquantina di razze feline diverse e rappresenta una classificazione sistematica ben più ampia.

Aspetto: il più classico dei gatti, almeno in Italia