I parassiti nel gatto: ospiti indesiderati

i parassiti nel gatto

Con l’inizio della bella stagione anche i parassiti sono di nuovo in agguato nell’erba alta.

Come ci si deve comportare con i parassiti nel gatto? Di che animali si tratta, quanti tipi ce ne sono? Rappresentano un pericolo per il mio micio? Leggendo questo articolo potrai farti un’idea più precisa!

Che cosa sono i parassiti?

Il termine “parassita” deriva dal Greco e letteralmente significa "scroccone". E come descrivere altrimenti questi piccoli intrusi? I parassiti vivono infatti all'insaputa del proprio ospite all'interno o comunque a contatto con il suo organismo.

Questi sfacciati opportunisti possono essere in generale suddivisi in due categorie: gli endoparassiti (che si stabiliscono all'interno) e gli ectoparassiti (che vivono sulla cute).

Quanto sono pericolosi i parassiti nel gatto?

Per un micio in salute la maggior parte dei parassiti rappresenta più un fastidio che non un pericolo. In ogni caso ci sono diversi motivi per cui sarebbe meglio debellare un’eventuale infestazione quanto prima:

  • Nei gatti giovani o con il sistema immunitario indebolito i parassiti possono scatenare diversi sintomi in maniera intensa. Il prurito e la perdita di pelo portano il gatto a grattarsi in modo eccessivo, mentre la diarrea potrebbe essergli persino fatale.
  • Leccando il pelo e grattandosi molto il micio rischia di ferire la cute. Se le lesioni vengono in contatto con batteri o funghi, potrebbero presentarsi altre patologie.
  • I parassiti sono spesso portatori di agenti patogeni. .
  • Diverse tipologie di parassiti sono trasmissibili all’uomo, rientrano dunque tra le malattie dette zoonosi.
  • Alcuni parassiti si nutrono del sangue del gatto. A seconda di quanto è massiccia l’infestazione, il pelosetto potrebbe anche sviluppare un’anemia.

Se pensi che il tuo micio sia infestato dai parassiti, rivolgiti subito al veterinario . Una volta accertato di che parassiti si tratta, potrà prescriverti una cura mirata e il problema sarà per lo più già risolto.

Il prurito è il segnale tipico della presenza di parassiti nel pelo del micio.

Endoparassiti: nemici invisibili

Questi ospiti indesiderati vivono “all'interno" gatto. A seconda della tipologia possono infestare diversi organi e si riproducono nutrendosi del sangue del malcapitato micio.

Gli endoparassiti si suddividono in due gruppi:

I parassiti unicellulari nel gatto

Questi organismi unicellulari (protozoi) vivono nel tratto intestinale, per questo sono chiamati anche protozoi intestinali. In questo primo gruppo troviamo questi parassiti:

  • Giardia
  • Tritrichomonas foetus
  • Cestodi (Isospora felis, Isospora rivolta)
  • Cryptosporidium felis
  • Toxoplasmosi (Toxoplasma gondii)
  • Hammondia hammondi

I vermi del gatto

Questo è l’altro grande gruppo di parassiti che possono infestare il micio. I veterinari consigliano di sverminare il gatto o di eseguire ogni tre mesi un controllo delle feci. In questo modo sarà possibile scoprire subito un’eventuale infestazione e trattarla in modo tempestivo.

Ecco i diversi tipi di vermi del gatto :

  • Vermi intestinali: ascaridi, anchilostomi, tricocefali e tenia
  • Dirofilaria immitis
  • Strongili bronco-polmonari

Per difendere il tuo micetto da un’infestazione da ectoparassiti concentrati sulla prevenzione, per esempio con dei preparati spot-on.

Ectoparassiti: nemici esterni

Gli ectoparassiti si annidano nel mantello e attaccano la cute del gatto. Si nutrono di particelle di pelle e sangue del malcapitato micio.

Tra questi ci sono:

  • Acari, in particolare gli acari degli orecchi
  • Zecche
  • Pulci

Tutti questi parassiti hanno in comune il fatto di provocare forte prurito nel micio, perciò tienilo a mente come campanello d'allarme.

Gli ectoparassiti possono trasmettere malattie, ma per i mici son meno pericolosi rispetto che per i cagnoni. L’infestazione rimane comunque possibile, specialmente con le zecche. In realtà anche le pulci, in determinate circostanze, possono essere vettori di larve di tenia.

Una minaccia estiva

La maggior parte degli ectoparassiti prolifera nei mesi estivi, per cui in questa stagione presta maggior attenzione. In commercio si trovano diversi prodotti per proteggere il tuo aMico, ricordati che la prevenzione è la miglior arma!

Questo articolo di zooplus Magazine è puramente informativo. Se il tuo animale presenta malessere e fastidi, contatta il tuo veterinario per diagnosi e cure.

I nostri articoli più utili
4 min

Calcolare l’età del gatto

Come è noto, non è difficile calcolare l’età di un cane: un anno di un cane equivale all’incirca a sette anni di una persona, fermo restando che hanno una certa incidenza anche la razza e il peso del cane. Ma come si fa a calcolare l’età di un gatto? E soprattutto quanto a lungo vivono i gatti? Da che età un gatto può essere considerano anziano?
12 min

Sterilizzare o castrare il gatto

Ci sono ben poche cose al mondo più tenere di una cucciolata di gattini. Purtroppo però è raro che tutti quei dolci micetti trovino una casa accogliente in cui vivere. Se i gatti sono lasciati liberi di riprodursi, quasi certamente si mettono al mondo tante vite misere e infelici.   Sterilizzando il tuo gatto, invece, previeni il sovraffollamento. Scopriamo insieme quali sono gli aspetti da considerare prima di prendere questa decisione e qual è la differenza tra sterilizzare o castrare il gatto.
6 min

Le 6 fasi di crescita del gatto: maturare insieme

Quanto a lungo crescono i gatti e quanto grandi diventano? Da un lato, dipende dal loro corredo genetico, dall'altro la crescita è influenzata anche da elementi esterni quali la nutrizione. Scopriamo insieme le fasi della crescita del gatto. Conoscendo questo processo, potremo regalare ai nostri gattini un perfetto avvio verso una vita sana, e supportarli nel migliore dei modi nella loro fase adulta.