Cairn Terrier

cairn terrier

Questo pelosetto di taglia piccola è una delle razze di terrier da caccia più antiche della Scozia.

Il primitivo Cairn Terrier è uno dei più antichi terrier da caccia della Scozia e ha mantenuto fino ad oggi il suo aspetto rustico, il suo coraggio e la sua sicurezza. Invece di cacciare volpi e tassi sotto cumuli di pietre, questo cane da caccia piccolo e socievole viene oggi utilizzato principalmente come cane da compagnia e da famiglia.

Carattere del Cairn Terrier

Il vivace Cairn Terrier ama partecipare a qualsiasi attività insieme alla sua famiglia umana, dalle lunghe passeggiate nel bosco, alle corse sfrenate nel prato agli esercizi sul campo sportivo per cani. L’importante è che ci sia qualcosa da fare!

Trattandosi di un terrier da caccia che in passato era solito scovare instancabilmente lontre, volpi e tassi tra i ghiaioni delle brughiere scozzesi, ha nel sangue la passione per il “lavoro” all’aperto nella natura. Ama ancora correre, cercare, scavare e cacciare. Ma non preoccuparti: l’istinto predatorio, molto diffuso tra i terrier, può essere tenuto sotto controllo con un addestramento coerente, tanto che i Cairn Terrier ben addestrati e socializzati possono anche correre senza guinzaglio di tanto in tanto.

Affettuoso e intraprendente

Nonostante il suo carattere vivace e la sua passione per la caccia, il Cairn Terrier è oggi un perfetto cane da famiglia, che porta molta gioia in casa grazie alla sua natura amichevole e paziente.

Ama stare in famiglia e si sente a suo agio sia in un nucleo familiare composto da una sola persona sia in una famiglia con bambini. Dopo il necessario esercizio fisico all’aria aperta, può anche godersi la pace e la tranquillità in casa. Questo pelosetto vivace può trasformarsi in un affettuoso “cane da divano” che gode appieno della vicinanza della sua persona di riferimento. È adatto ai bambini, con i quali è paziente e di buon umore, anche se a volte, con i bambini molto piccoli, può assumere un atteggiamento leggermente dominante.

Tutto tranne che un bullo

Questo amico di zampa non manca certo di fiducia in sé stesso. Tuttavia, nonostante il suo comportamento dominante e la sua capacità di lavorare in modo indipendente, il Cairn Terrier è raramente testardo o ostinato. Nonostante il suo atteggiamento sicuro di sé e impavido, ha un carattere molto flessibile che si adatta facilmente al ritmo di vita dei suoi umani.

La frenesia o il nervosismo non hanno scampo con il suo carattere equilibrato e flessibile. A differenza di altre razze terrier, il Cairn non ha la tendenza a “litigare”. Sebbene sia sempre vigile e pronto a difendersi, preferisce chiaramente un contatto senza conflitti e armonioso, sia quando incontra altri pet che estranei.

Un mantello dello stesso colore del paesaggio roccioso delle Highlands

Il pelo ruvido e folto del Cairn Terrier è disponibile nei colori crema, grano, rosso, grigio, quasi nero o tigrato, nelle stesse tonalità del paesaggio roccioso delle Highlands scozzesi, che appare rossiccio, beige o grigio ardesia.

Anche il peso ideale del Cairn, che è di una “pietra” (equivalente a 14 libbre inglesi) è indicativo del carattere “roccioso” della razza. Le sue zampe grosse e forti, ideali per scavare, testimoniano il suo “lavoro” di cacciatore di prede sotto i “cairn” (cumuli di pietre) della Scozia.

L’archetipo del terrier scozzese

L’aspetto generale del Cairn è primitivo, proprio come il paesaggio roccioso delle Highlands. Rispetto ai suoi parenti scozzesi, lo Scottish Terrier, lo Skye Terrier e il West Highland White Terrier, il Cairn Terrier ha conservato la maggior parte del suo carattere originario.

Il suo corpo compatto e basso, il suo mantello resistente alle intemperie composto da un pelo ruvido e da un fitto sottopelo, i suoi arti forti e muscolosi e la sua testa piccola e larga con le sopracciglia arruffate emanano una grande robustezza, resistenza e vitalità.

Nonostante le sue dimensioni ridotte, con un’altezza al garrese di appena 28-31 cm e un peso di soli 6-7,5 kg, si muove in modo agile e forte e sorprende con il suo aspetto decisamente sicuro e impavido.

Storia del Cairn Terrier

In linea con il suo aspetto primitivo, il Cairn è uno dei terrier più antichi della Gran Bretagna. È originario delle Highlands scozzesi, dove molto tempo fa veniva impiegato come terrier da caccia, per scovare volpi, tassi, martore e altri predatori tra rocce e ghiaioni o sottoterra.

Scavava per catturare le sue prede e, se necessario, le uccideva: un compito molto pericoloso e audace per un pelosetto così piccolo, considerato che alcuni animali selvatici erano estremamente feroci.

cairn terrier cucciolo © Mikkel Bigandt / stock.adobe.com
Nonostante le sue piccole dimensioni, questo cagnolino da caccia veniva impiegato nella caccia di volpi, martore, tassi e altri predatori.

Riconoscimento tardivo come razza terrier indipendente

Nonostante la sua storia lunga e di successo come terrier da lavoro, il Cairn Terrier è stata l’ultima fra tutte le razze terrier a essere riconosciuta ufficialmente.

Prima del riconoscimento ufficiale come razza a sé stante da parte del British Kennel Club nel 1910, il Cairn era classificato con altre razze di terrier. I cuccioli venivano registrati come Scottish Terrier, come West Highland White Terrier (se avevano il mantello bianco) o soprattutto come variante a pelo corto dello Skye Terrier.

Solo dopo le proteste degli allevatori di Skye si decise di riconoscerli come razza canina indipendente con il nome di Cairn Terrier. Nel 1910, gli esemplari precedentemente registrati come Skye Terrier furono iscritti per la prima volta come Cairn Terrier nel nuovo registro delle razze canine del Kennel Club.

Le origini dell’allevamento puro

Nonostante il riconoscimento come razza indipendente, il Cairn è strettamente imparentato con gli altri terrier, in particolare con lo Skye Terrier. L’allevamento puro di entrambe le razze ha origine sull’isola di Skye, situata nell’Oceano Atlantico vicino alla costa occidentale della Scozia.

L’allevatore Alastair Campeil è oggi considerato il fondatore del moderno Cairn Terrier. Il suo cane “Callamhor” fu il primo Cairn Terrier ad essere registrato. Nel 1909, i primi esemplari di questa razza furono esposti in una mostra canina in Scozia, il che probabilmente portò alla fondazione dello Scottish Cairn Terrier Club nello stesso anno. Il primo registro della razza venne istituito nel 1912.

Allevamento del Cairn Terrier e diffusione oggi

Attualmente questo nanerottolo vivace e robusto vanta molti estimatori tra gli appassionati di cani di tutto il mondo. In Europa, oltre che nel Regno Unito si trovano allevatori di questa razza anche in Germania, Austria, Paesi Bassi, Svizzera, Slovenia, Slovacchia e, da qualche anno, anche in Italia. Già da tempo, inoltre, questo pelosetto di razza ha fatto il salto oltreoceano, in Canada e negli Stati Uniti, dove oggi esistono club indipendenti di Cairn Terrier.

Consigli per l’adozione di un cucciolo di Cairn Terrier

Chi desideri adottare un cucciolo di questa razza, dunque, può scegliere tra diversi allevatori. Ma quale di questi è quello giusto? La risposta a questa domanda non dipende certo da chi offre i pelosetti più carini. Solo dopo un esame approfondito e un incontro personale con diversi allevatori potrai scoprire quale sia quello giusto. Ma a quali aspetti bisogna prestare attenzione durante questo incontro?

  • l’allevatore è membro di un club ufficiale di Cairn Terrier e alleva seguendo le linee guida della FCI.
  • i riproduttori e i cuccioli sono registrati ufficialmente e dispongono di tutti i documenti necessari, come il pedigree. Sono vaccinati e dotati di chip e sono stati sottoposti a tutti i test sanitari
  • quando incontri l’allevatore per la prima volta, ti riceverà a casa sua e sarà felice di mostrarti il suo allevamento e la madre dei cuccioli. Fai attenzione se mette i suoi cuccioli proprio “sotto il tuo naso”. La maggior parte degli allevatori affidabili evita un contatto troppo ravvicinato all’inizio, perché teme che il potenziale umano di riferimento, alla vista di quei graziosi batuffoli di pelo, decida in maniera troppo affrettata di adottarli, anche se non è sicuro di poter soddisfare i requisiti che la detenzione di un cane di questo tipo comporta.
  • l’allevatore ti porrà delle domande dettagliate sulla tua situazione di vita e verificherà attentamente se sei adatto come persona di riferimento di un Cairn Terrier. Ciò include domande personali sulla tua famiglia, sul tuo lavoro, sulla tua salute e sul luogo in cui vivi. Vorrà sapere anche se hai familiarità con questa razza e con i suoi requisiti di allevamento. Non esitare a porre, a tua volta, molte domande all’allevatore di cuccioli. Con un colloquio personale, non solo imparerai molte cose interessanti sulla razza e sul suo allevamento, ma capirai anche se sei sulla stessa lunghezza d’onda dell’allevatore. Dopo tutto, l’ideale sarebbe rimanere in contatto con lui anche dopo l’adozione e potergli chiedere dei consigli su allevamento, alimentazione e cura.
  • l’allevatore affida i suoi cuccioli non prima dell’ottava settimana di vita.
  • l’allevatore non ti offrirà i suoi pelosetti a un “prezzo stracciato”, ma ti farà pagare il prezzo giusto per un cucciolo di Cairn di razza pura. È meglio astenersi dalle “offerte speciali” al di sotto dei 000 euro.

Salute

L’adozione di un cucciolo di razza pura, in buone condizioni di salute e vaccinato è sicuramente uno dei migliori presupposti affinché il tuo fedele amico abbia una vita sana e tu non debba sostenere i costi di frequenti visite veterinarie. Grazie alla conservazione del suo aspetto e del suo carattere originari, il Cairn Terrier è una razza di taglia piccola molto sana con un’aspettativa di vita di 15 anni, dunque superiore alla media.

Malattie oculari tipiche della razza

I possibili problemi di salute sono rappresentati principalmente da patologie oculari. Sono noti casi di glaucoma e di entropion, noto anche colloquialmente come “palpebra arrotolata”. Tuttavia, le possibilità di guarigione per entrambe le malattie sono abbastanza buone se diagnosticate precocemente.

L’entropion può essere rimosso chirurgicamente e di solito non ricompare in seguito. Nel caso del glaucoma, il riconoscimento precoce dei sintomi è di grande importanza perché, se non viene trattato, l’aumento della pressione intraoculare danneggia il nervo ottico e la retina e può quindi rendere il tuo cane cieco in un tempo piuttosto breve.

Toelettatura del Cairn Terrier

La toelettatura del tuo peloso ha un ruolo decisivo nel riconoscere precocemente i primi segni di malattia. Controllando regolarmente gli occhi, le orecchie, la bocca, il mantello e le zampe del cane, sarai in grado di riconoscere tempestivamente i cambiamenti e di segnalarli al veterinario.

Dopo una lunga passeggiata, il tuo Cairn Terrier apprezzerà sicuramente il “rituale della toelettatura” associato a molte carezze. Se lo adotti quando è ancora un cucciolo, ti consigliamo di abituarlo fin da subito a stare fermo quando esamini accuratamente i suoi occhi e la sua bocca.

cairn terrier chiaro © Eberhard / stock.adobe.com
Il Cairn Terrier è una razza di taglia piccola molto sana.

Quanto tempo richiede la cura del pelo?

Grazie alla sua consistenza dura e repellente, prendersi cura del pelo del Cairn Terrier è molto semplice. È sufficiente spazzolare il tuo amico di zampa due o tre volte alla settimana con un pettine grosso o una striglia per terrier. Si consiglia inoltre di tagliare il pelo con una tosatrice per cani da due a quattro volte all’anno per mantenerne la struttura.

Generalmente, è necessario fare il bagno al cane solo in presenza di sporcizia particolarmente persistente che non può essere rimossa con acqua e shampoo per cani.

Alimentazione

Esistono pareri discordanti su quale cibo debba essere presente nella ciotola di questo peloso. Soprattutto le persone di riferimento alle prime armi sono spesso sopraffatte dalle opinioni talvolta contraddittorie e dall’enorme scelta tra diversi tipi di alimenti. In questo caso, un colloquio con il veterinario o con l’allevatore, che hanno molta esperienza nell’alimentazione dei nostri amici di zampa e tengono conto delle loro esigenze individuali, può essere illuminante.

Nonostante la confusione, una cosa è certa: non tutti i cani sono uguali! Ci sono cani giovani e cani senior, cani vivaci e cani pigri, cani allergici o cani in sovrappeso. È necessario tenerlo presente quando scegli le crocchette per cani o il cibo umido per cani per il tuo fedele amico. Per essere sicuro, puoi anche far calcolare il fabbisogno esatto del tuo Cairn Terrier prendendo in considerazione fattori individuali come l’età, il peso, la razza, il sesso, le condizioni di salute e il livello di attività.

Di quali ingredienti ha bisogno un cane e di quali no?

Sebbene la composizione esatta dei singoli nutrienti possa variare in base ai criteri citati, la base nutrizionale rimane la stessa per tutti i cani. Questa è costituita principalmente dalla carne. Tuttavia, non si tratta di frattaglie, cioè di sottoprodotti animali, ma di carne pura, di alta qualità e preferibilmente fresca.

I cani mangiano anche frutta, verdura, fiocchi e occasionalmente uova. Per soddisfare di tanto in tanto il bisogno di masticare del tuo amico di zampa, puoi dargli una volta alla settimana delle strisce da masticare in pelle di manzo, nerbi di bue o ossi da masticare; questi ultimi, tuttavia, non devono mai essere cavi, altrimenti potrebbero facilmente scheggiarsi e causare lesioni.

Allevamento e addestramento

In linea di massima, questo pelosetto robusto e di taglia piccola non ha grandi esigenze. Naturalmente, prima di accogliere un Cairn in casa, è necessario familiarizzare con le regole generali su come addestrare un cucciolo e con le caratteristiche individuali della razza. In questo è necessaria la collaborazione di tutti i membri della famiglia.

Se sei in grado di informarti e prepararti bene, il Cairn Terrier diventerà ben presto un arricchimento per la tua casa: può essere un allegro e paziente compagno di giochi per bambini, un fedele cane da compagnia per persone sole o un vivace ed entusiasta compagno di sport per persone attive. Questo peloso flessibile e duttile, infatti, si adatta facilmente a quasi tutte le situazioni di vita, a patto che riceva un’educazione coerente che, fin da subito, limiti il suo istinto predatorio e la sua tendenza a dominare.

Appartamento di città, parco o giardino di casa?

Grazie alle sue dimensioni, questo pelosetto si trova a suo agio anche in un piccolo appartamento di città, purché venga tenuto occupato e gli sia permesso di correre nel parco, nei boschi e nei campi. In fondo, il Cairn Terrier è un cane da lavoro e da caccia che ha bisogno di fare molto esercizio e attività. Certamente ti perdonerà se qualche volta lo porti a fare solo una breve passeggiata. In quel caso, però, dovresti ripagare il tuo amico di zampa con un’uscita più lunga il giorno dopo.

Se hai un giardino, puoi far uscire il tuo Cairn Terrier da solo di tanto in tanto. Ma attenzione: questo nanerottolo adora scavare nella terra. Né i fiori né delle semplici recinzioni sono un ostacolo per lui.

Stai per adottare un cucciolo e non sai ancora come chiamarlo? Per trovare l’ispirazione, leggi anche i nostri articoli Nomi per cani femmina e Nomi per cani maschi!

Scheda del Cairn Terrier

In breve: Il Cairn Terrier è un cane di taglia piccola della razza di terrier da caccia più antica della Scozia. Un tempo impiegato nella caccia a volpi, lontre, tassi e martore, oggi è un cane da famiglia socievole ed equilibrato
Carattere: vivace, socievole, legato ai suoi umani, sicuro di sé, impavido, equilibrato
Altezza al garrese: 28 – 31 cm
Peso: 6 – 7,5 kg
Pelo: ruvido, folto, resistente alle intemperie, con sottopelo corto, soffice e fitto
Colore del mantello: crema, grano, rosso, grigio, quasi nero, tigrato
Cura del pelo: facile, basta spazzolarlo due o tre volte alla settimana
Bisogno di movimento: elevato
Adatto ai principianti:
Va d’accordo con i bambini:
Tendenza ad abbaiare: media
Tendenza ad ingrassare: media
Aspettativa di vita: 15 anni
Difficoltà di addestramento: bassa
Adatto come cane da appartamento:
Possibili malattie: malattie oculari (ad es. glaucoma e entropion)
Prezzo: 1.000 / 1.500 euro
Classificazione FCI: Gruppo 3: Terrier Sezione 2: Terrier di piccola taglia (gamba corta)
Origine: Gran Bretagna

Proposte d’acquisto dalla redazione di zooplus

I prodotti selezionati nel box sono proposte effettuate dalla redazione, alimenti e accessori che puoi trovare nel negozio online per animali di zooplus e non costituiscono advertising da parte dei brand citati.

I nostri articoli più utili
16 min

Lagotto Romagnolo: scopriamo la razza

In origine il Lagotto romagnolo era conosciuto come un cane d'acqua, ma oggi è diventato uno dei più noti cani da tartufo. A prescindere da questa sua caratteristica, è una razza canina sportiva e amichevole, che sempre più padroni scelgono di allevare come cane da compagnia.
16 min

Barboncino media mole: oltre le apparenze

Tutte e quattro le varianti del Barbone discendono dai cani d'acqua che venivano usati per la caccia sin dal Medioevo. Il suo mantello, più lungo su alcune zone del corpo come fronte, petto e spalle, serviva a proteggerlo durante le battute di caccia. I cacciatori decisero, ad un certo punto, di rasare il resto del mantello per permettergli di nuotare meglio in acqua. Gli antenati del Barbone media mole erano leggermente più pesanti del cane attuale: pesavano tra i 10 e i 20 kg. Non sappiamo molto sull’origine geografica della razza, ma quel che è certo è che nei secoli questi cani vivaci e intelligentissimi hanno affascinato migliaia di persone in tutto il mondo.

Da secoli, un meraviglioso tuttofare

Quando, a partire dal 1600, i cacciatori iniziarono a preferire le razze a pelo corto, il nostro amico Barbone conquistò in particolare una ben determinata categoria di persone: la nobiltà europea. Fa così che sempre più Barboni media mole, con l’aspetto ben curato e vezzoso, diventarono i protagonisti dei salotti di molte nobildonne. Da cane da caccia a cane da compagnia: la capacità di adattarsi di questo cane è dimostrata anche dalla sua storia. Siccome questi cagnolini non sono solo belli ma anche molto intelligenti, in passato non erano pochi i Barboni impiegati nei circhi con ogni genere di spettacoli. Grazie alla dedizione degli allevatori, soprattutto inglesi e francesi, negli anni questa razza canina si è caratterizzata sempre meglio diventando molto popolare. Il riconoscimento da parte della FCI è arrivato solo nel 1936, con l’indicazione della Francia quale Paese d’origine. Il Barbone grande mole e quello nano (Barboncino) sono la varietà più antiche: le altre due sono media mole e toy. Negli anni '60, il Barbone diventò estremamente popolare e diffuso in tutto il mondo: per il riconoscimento della varietà Toy, però, si è dovuto attendere sino agli anni '90. Ad un certo punto, tutto ad un tratto  l'entusiasmo per questa razza finì: il Barbone iniziò ad essere visto come un cane modaiolo ma soffocante. Ovviamente la responsabilità di questa cattiva reputazione dipende dagli umani che se ne occupano, non sempre in maniera adeguata e competente. L'americano John Sutor ha dimostrato anche quanto questa razza sia straordinariamente adattabile. Nel 1976 ha preso parte alla corsa di cani da slitta più dura del mondo (la Iditarod Trail Sled Dog Race) attraverso l'Alaska, con 6 , e fu uno dei pochi a raggiungere la meta. A dimostrazione che non è la razza ad essere antiquata, ma l'opinione (sbagliata) che molti ne hanno.

Un aspetto molto particolare

13 min

Chihuahua: piccoletti alla riscossa

La razza di cani più piccola al mondo è la preferita di molti personaggi famosi e ha una delle aspettative di vita più alta in assoluto. Il Chihuahua è un cane eccezionale da tanti punti di vista: siamo abituati a vederlo spuntare dalle borsette delle celebrities quasi fosse un accessorio, ma questa razza canina di origine messicana è molto di più di un batufolo di pelo da coccolare e tenere in braccio!