Beagle: aspetto, carattere e origini

beagle

Niente sfugge al fiuto sopraffino di un Beagle.

Non farti ingannare dalle sue zampe corte: il Beagle è un cane di taglia media dal temperamento vivace, che ti farà muovere molto, sempre pronto alle novità. È una razza attiva, che non conosce paura ed è piuttosto intelligente. Scopriamo insieme tutto quello che c’è da sapere sul Beagle!

Aspetto del Beagle: una taglia media con i muscoli scolpiti

Il Beagle è un cane di taglia media dalla corporatura compatta. Di solito al garrese misura tra i 33 e i 40 cm e pesa all’incirca tra i 10 e i 18 kg. I suoi arti piuttosto corti sono però molto robusti, regalando a questa razza simpatica sia velocità sia resistenza fisica.

Il Beagle ha una testa leggermente allungata con due grandi orecchie arrotondate, portate basse, per le quali è famoso e molto riconoscibile. Anche lo sguardo fedele da cane dagli occhi dolci e malinconici è tipico del Beagle.

Il mantello del Beagle può essere tricolore (nero/fuoco/bianco; blu/bianco/fuoco) o bicolore (tasso “pied”; lepre “pied”; limone “pied”; limone/bianco; marrone/bianco, rosso/bianco; fuoco/bianco; nero/bianco; bianco puro).

Tutti i colori sopra elencati tranne il bianco puro possono essere presenti come moschettature. Secondo lo standard di razza, la punta della coda deve essere sempre bianca.

Carattere del Beagle: testardo e sicuro di sé

Il Beagle è un cane che sa cosa vuole: essendo stato allevato per anni come cane da caccia, ha buon senso dell'olfatto ed è in grado di correre velocemente, aiutato dal suo fisico agile e robusto.

Si tratta di una razza con un forte istinto di caccia: per questo non devi stupirti se il tuo Beagle ogni tanto sparisce dietro a un cespuglio nonostante tu lo stia chiamando a gran voce. Probabilmente ha annusato una lepre.

Essendo un cane molto intelligente, da piccolo può sembrare tenero e innocente ma ha bisogno da subito di un addestramento coerente, sin da quando è cucciolo. Un tratto importante, soprattutto quando si tratta di educazione, è il suo irrefrenabile entusiasmo.

Questa tratto del carattere del Beagle rende l’addestramento più facile, perché in pratica farebbe di tutto per una ricompensa golosa e questo si rivela particolarmente utile ad esempio nel momento in cui gli si insegna a tornare chiamandolo.

D'altra parte, la famosa golosità di questa razza rappresenta un rischio che va assolutamente considerato perché è essenziale addestrare un Beagle a riconoscere e a non mangiare le esche velenose.

La sua determinazione e il suo eccellente olfatto lo rendono perfetto anche per il lavoro di pattugliamento dei confini di stato. Negli Stati Uniti, ad esempio, le cosiddette Brigate Beagle vengono utilizzate con successo sin dagli anni ’80 dalla Customs and Border Protection Authority (USCBP). Lo scopo di questi Beagle è cercare cibo, piante e animali importati illegalmente.

Nonostante sia molto sicuro di sé e coraggioso, questo cagnolino è anche molto affettuoso e coccolone. Con il suo carattere socievole, vorrebbe venire con te ovunque. Ecco perché questa razza viene spesso scelta nell’addestramento per formare i cosiddetti cani da terapia o pet therapy.

Sfortunatamente, i Beagle sono spesso usati anche come animali da esperimento: purtroppo questi adorabili cagnolini detengono anche il triste primato di razza più utilizzata nella ricerca scientifica.

Il Beagle è famoso per il suo sguardo languido che suscita tenerezza.

Fai attenzione alle sue orecchie

Per fortuna non è difficile prendersi cura del pelo corto di un Beagle. Il consiglio è quello di spazzolarlo almeno una volta a settimana. In questo modo si possono rimuovere lo sporco e i peli ormai caduti rimasti impigliati nel suo mantello.

Quando fa la muta - all'inizio della primavera e dell'autunno – puoi spazzolarlo due o tre volte a settimana.

Particolare attenzione va riservata invece alle orecchie del Beagle, che purtroppo sono soggette ad infiammazioni. È importante rimuovere regolarmente lo sporco che si deposita sulla loro superficie. Per farlo, è sufficiente pulire il padiglione auricolare con un panno morbido ed umido.

È vivamente sconsigliato l'uso di cotton fioc, invece, i quali possono causare ferite ed irritazioni alle orecchie sensibili del tuo pelosetto.

Un componente della famiglia molto attivo

Grazie alla sua natura amichevole e affettuosa, il Beagle è un perfetto cane da compagnia che si sente a suo agio tanto in campagna quanto in un appartamento di città. Quello che non va mai dimenticato, per contro, è il suo livello di energia, che è obiettivamente piuttosto elevato.

Se vivi in un appartamento, devi fare in modo di offrire al tuo Beagle abbastanza esercizio fisico. Hai la fortuna di avere un giardino? Ottimo, ma fai attenzione all'altezza della recinzione: i Beagle sono famosi anche per essere i re delle evasioni!

Questa razza non sta bene da sola. È molto socievole e quindi particolarmente amante della compagnia umana. Di solito è molto amichevole anche con gli estranei, quindi non è molto adatto come cane da guardia.

Magari annuncia l’arrivo di un intruso abbaiando a gran voce, ma è più probabile che un minuto dopo inizi a salutarlo scodinzolando piuttosto di mettersi a ringhiare o peggio a mordere.

Essendo un tipico cane da branco, il Beagle socializza senza difficoltà anche con gli altri cani di tutte le età, razze e dimensioni. Questo cane simpatico e festoso di solito va d'accordo anche con i gatti.

Il Beagle si sente molto a suo agio quando può stare con il suo branco.

Il movimento: una priorità

Soprattutto quando sono giovani (ma non solo!) i Beagle hanno l’argento vivo addosso e amano essere impegnati al massimo delle loro potenzialità. D’altra parte, offrire al tuo pelosetto tanto buon esercizio fisico presenta almeno due vantaggi.

Prima di tutto, un cane impegnato non prende iniziative bizzarre e non combina guai, e in secondo luogo il movimento previene l'obesità. Come abbiamo visto, il rischio di sovrappeso non è da sottovalutare, visto che questa razza è parecchio golosa.

Ecco perché, se scegli il Beagle, devi mettere in conto almeno due sessioni giornaliere di attività fisica, ciascuna di circa un'ora.

La sua intelligenza e l'ottimo fiuto rendono questa razza adatta a praticare diversi sport cinofili. Ad esempio l’Agility Dog, il Mantrailing e l’attività del lancio e riporto. Fondamentalmente, con il giusto training, non c’è attività che il Beagle non possa praticare con successo e divertendosi.

Robusti ma con diverse patologie genetiche

Come molte razze canine, il Beagle è predisposto a determinate malattie. Particolarmente rilevanti e frequenti, purtroppo, sono le patologie che elenchiamo qui sotto:

  • Sindrome dolorifica Beagle Pain Sindrome: si tratta di una malattia infiammatoria del midollo spinale che provoca forti dolori.
  • Atassia cerebellare: spesso definita come mielopatia degenerativa canina, è un disturbo neurologico piuttosto serio. L'infiammazione degenerativa del midollo spinale e della materia grigia nel tronco cerebrale si manifesta con disturbi del movimento e paralisi spastica. Tuttavia, non sembra essere dolorosa per il cane.
  • Malattia di Lafora: si tratta di una malattia metabolica ereditaria. A causa di un difetto genetico, la conversione del glucosio nella sua forma di riserva, il glicogeno, non avviene correttamente. Si formano i cosiddetti corpi di Lafora, che si depositano nel fegato, nei muscoli e, soprattutto, nelle cellule nervose. Come conseguenza, il cane soffre di convulsioni, visione offuscata e . Da qualche tempo è disponibile sul mercato un test genetico in grado di rilevare in anticipo la presenza di questa patologia.
  • Patologie oculari: purtroppo nei Beagle non sono rari il glaucoma, la distrofia corneale e l’atrofia retinica.

Sfortunatamente, le sue caratteristiche orecchie lunghe e cadenti lo rendono soggetto ad infezioni. Secrezioni bloccate o la possibile presenza di corpi estranei come fili d'erba possono causare al Beagle dolorose infiammazioni.

Anche gli acari si nascondono volentieri nelle orecchie del Beagle. I primi segnali di una infezione possono sono di solito il cane che scuote violentemente la testa o la inclina di lato.

Infine, ma non ultimo per importanza, il Beagle mostra un appetito quasi insaziabile e quindi . Quando succede, il peso in eccesso mette a dura prova la sua colonna vertebrale e le sue articolazioni. Avendo una costituzione piuttosto lunga e minuta, poi, questa razza è soggetta ad ernie del disco.

La migliore prevenzione resta l'esercizio fisico. Mantieni attivo il tuo Beagle e fai in modo che sia spesso occupato, sia fisicamente sia mentalmente. Anche una dieta sana è essenziale per mantenerlo davvero in forma.

Scopri la nostra gamma di alimenti specificamente pensati per il tuo Beagle!

In generale, comunque, il Beagle è un cane attivo e robusto che può vivere 12-15 anni. Con una dieta sana e molto esercizio fisico, non c’è ragione per cui non possa vivere una lunga vita felice.

Solo da un allevatore serio

In linea di principio, non si può dar torto a chi pensa che, per scegliere un cane da amare e da accogliere in famiglia, non ci sia bisogno del pedigree.  Ma questo discorso è perfetto se si decide di orientarsi per uno dei tanti pelosetti sfortunati che aspettano di trovare la loro nuova famiglia, in qualche .

Se invece stai cercando specificamente un Beagle, evita di dare fiducia ad allevatori di dubbia reputazione. Allevare cani è un hobby impegnativo e purtroppo costoso: non ci si improvvisa e sicuramente non lo si può fare bene seguendo logiche da discount.

Dopotutto, gli allevatori non devono solo scegliere gli alimenti giusti per i loro cuccioli in attesa di trovare un nuovo proprietario e una nuova casa: devono anche fare in modo che socializzino circondati da tanto affetto.

Scegliendo un Beagle c’è di mezzo anche la responsabilità del patrimonio genetico della razza. Non si tratta solo dell'aspetto esteriore, ma anche della salute di ciascun animale. Le associazioni e i club ufficiali a cui gli allevatori seri sono iscritti controllano sia le condizioni di allevamento e sia gli esemplari di Beagle che vengono fatti accoppiare.

Un allevatore rispettabile è membro di un'associazione riconosciuta ed è sempre in grado di darti informazioni dettagliate sui genitori del tuo cucciolo. Nel caso tu lo richieda, puoi visionare anche i documenti sanitari che attestano le condizioni di salute dei suoi ascendenti. Il modo migliore resta sempre e comunque visionare i genitori del cucciolo dal vivo, direttamente in allevamento.

Un altro indicatore di serietà da parte dell’allevatore è il fatto che non affidi volentieri i suoi cuccioli senza aver prima verificato che la famiglia che intende adottarli sia in grado di farlo al meglio. Quindi aspettati che ti vengano fatte molte domande dall’allevatore, se decidi di adottare un Beagle proveniente da un allevamento serio.

I cuccioli si adottano non prima che abbiano compiuto 10-12 settimane: a quell’età devono già essere chippati, regolarmente sverminati e vaccinati almeno per le vaccinazioni obbligatorie.

Tutto questo si riflette ovviamente anche sul prezzo. Per l'acquisto di un cucciolo di Beagle devi mettere in conto di spendere circa 1500-2000 euro. Inoltre, devi considerare le spese per l’attrezzatura di base. Tieni presente anche i costi per il veterinario e quelli per la normale gestione del cane (soprattutto gli alimenti.).

Leggi anche l’articolo del magazine sul tema “Cosa dovresti sapere prima di adottare un cane”!

Insomma, prima di prendere la decisione di adottare un cane per la vita, è bene fare due conti ed essere certi di potersi permettere le spese che questa scelta comporta.

Già da cucciolo il Beagle ha un atteggiamento curioso e coraggioso.

Un cane da caccia con una lunga tradizione alle spalle

Per secoli il Beagle è stato allevato come cane da caccia. La sua funzione originaria era quella di scovare e seguire le tracce degli animali da preda e spaventarli. Quando sono in branco, i Beagle fanno in modo che la preda corra letteralmente verso il cacciatore.

L'allevamento di questa specifica razza si fa risalire al cosiddetto Hubertushund o Northern Hound. Fu introdotto in Inghilterra dai Normanni quando conquistarono la Gran Bretagna intorno al 1066. È lì che avvenne l’incrocio con il Segugio del sud della Francia meridionale, intorno al 1400.

Il nome "Beagle" è apparso per la prima volta nei libri contabili di re Enrico VIII intorno al 1515. Nel 1615 si menziona per la prima volta una piccola razza di cane chiamata "Piccolo Beagle" che, per le sue piccole dimensioni, riusciva a stare anche nelle bisacce dei cacciatori. La razza Beagle è stata ufficialmente riconosciuta dal British Kennel Club nel 1890.

In sintesi: un cane da compagnia vivace e determinato

Con un Beagle porti a casa tua un cane da compagnia, adatto alla famiglia, intelligente, attivo e affettuoso. Gli aspetti da tenere sempre in considerazione, nella fase di training iniziale, sono soprattutto l'istinto a cacciare e la sua golosità.

Ma con coerenza e con una buona dose di pazienza puoi avere la meglio su questo splendido cagnolino dalla testa dura e dal cuore generoso.

© jarun011 / stock.adobe.com
I nostri articoli più utili
11 min

Barbone nano

Il Barbone nano è una varietà della razza del Barbone di cui conserva tutti i pregi. Questo concentrato di 6 kg di energia gode di grande popolarità e questo non sorprende, visto che questo furbo cagnolino non solo è intelligente, ma anche felice di seguire la sua famiglia ovunque.
12 min

Lagotto Romagnolo: scopriamo la razza

In origine il Lagotto romagnolo era conosciuto come un cane d'acqua, ma oggi è diventato uno dei più noti cani da tartufo. A prescindere da questa sua caratteristica, è una razza canina sportiva e amichevole, che sempre più padroni scelgono di allevare come cane da compagnia.
14 min

Australian Shepherd: origini, curiosità e tanto altro

Originariamente allevato per condurre le greggi, il pastore australiano è un bel cane di medie dimensioni che ha bisogno di essere impegnato in attività strutturate e versatili, in grado di stimolarlo sia fisicamente sia mentalmente. Scopriamo assieme tutto quello che c'è da sapere sull'Australian Shepherd!