Levriero Irlandese

levriero irlandese - irish wolfhound

Questo “gigante irlandese”, utilizzato nel Medioevo per cacciare lupi e orsi, viene oggi allevato esclusivamente come cane da famiglia.

Il Levriero Irlandese è uno dei cani più grandi del mondo. Utilizzato per cacciare lupi e orsi nell’Irlanda medievale, oggi viene allevato esclusivamente come cane da famiglia. Nonostante le sue dimensioni imponenti, l’Irish Wolfshound è molto docile e coccolone. Purtroppo, questo simpatico gigante è anche piuttosto suscettibile alle malattie e ha un’aspettativa di vita relativamente breve.

Carattere dell’Irish Wolfhound

Sdraiato su un morbido divano e accoccolato vicino alla sua persona di riferimento: è così che il Levriero Irlandese si sente davvero a casa. Questo gigante gentile tende a dimenticare di essere uno dei cani più grandi del mondo e non un piccolo cane da compagnia. Il suo carattere un po’ impetuoso può far cadere non solo qualche vaso, ma anche i membri della famiglia non proprio stabili. Ciononostante, l’Irish Wolfhound è fondamentalmente un peloso dal cuore buono che non ha bisogno di molto di più che stare vicino alla sua famiglia umana.

Gigante gentile con senso della famiglia

Questa razza è molto affettuosa e orientata verso le persone. Il Levriero Irlandese cerca costantemente il contatto visivo con la sua persona di riferimento e si assicura che questa gli presti sufficiente attenzione. Tenere questo peloso socievole esclusivamente al di fuori delle mura domestiche, in una cuccia per cani da esterno, è quindi fuori questione. È adatto ai bambini, che ama più di ogni altra cosa, e si diverte quando tutta la famiglia è riunita.

Questo cagnolone è aperto e amichevole perfino nei confronti degli estranei, purché non siano malintenzionati. Grazie al suo carattere sensibile e attento, capisce subito se qualcuno non ha buone intenzioni con la sua famiglia e, in questo caso, interviene coraggiosamente. Ciononostante, non è adatto come cane da guardia a causa della sua mancanza di acutezza. Ad ogni modo, quale ladro vorrebbe mettere alla prova la pazienza di questo gigante a quattro zampe?

Non sottovalutare il suo bisogno di correre e cacciare

La tranquillità interiore che trasmette questo imponente amico di zampa è straordinaria. Non è esigente, è paziente e si adatta facilmente alle diverse situazioni quotidiane. Tuttavia, la calma innata del Levriero Irlandese non deve far dimenticare che questo cane era originariamente un cacciatore e un corridore.

In quanto cane da caccia e da corsa, ha ancora un bisogno molto pronunciato di correre e un istinto predatorio che non va sottovalutato. Puoi soddisfare la sua necessità di correre velocemente con il cosiddetto “coursing”, le corse dei levrieri o su percorsi speciali. Quando vai a cavallo o in bici con il cane e durante le passeggiate ti consigliamo di tenerlo al guinzaglio perché il suo istinto di caccia può avere la meglio in qualsiasi momento.

L’importanza di un addestramento coerente

Per via della sua taglia e del suo istinto di caccia, un addestramento coerente e amorevole è essenziale per questo cagnolone. Se impara presto i comandi più importanti, in seguito potrai lasciargli più libertà. Un Levriero Irlandese che risponde in modo affidabile al tuo richiamo ha più probabilità di potere essere liberato dal guinzaglio (nelle aree in cui ciò è consentito) rispetto ad uno che risponde solo occasionalmente.

Tuttavia, non aspettarti un’obbedienza cieca da questa razza. Nonostante la sua natura orientata verso le persone, l’Irish Wolfhound, intelligente e sicuro di sé, a volte mostra una certa testardaggine e ha bisogno di un po’ più di tempo per rispondere ai comandi. Malgrado ciò, se hai un po’di dimestichezza con l’addestramento dei cani e tratti il tuo amico di zampa con la coerenza, l’amore e la pazienza necessari, ti divertirai molto con questa razza pacifica.

levriero irlandese nero
Il Levriero Irlandese ha un grande bisogno di correre e un marcato istinto predatorio.

Aspetto del levriero irlandese

“È un pony?”. Commenti di questo tipo non sono rari durante le passeggiate con l’Irish Wolfhound. Con un’altezza al garrese media di 81-86 cm, non c’è affatto da stupirsi che questo amico di zampa attiri l’attenzione. Dopo tutto, nonostante il suo carattere modesto, è pur sempre uno dei cani più grandi del mondo.

Lo standard di razza prevede un’altezza minima di 79 cm per i maschi. Le femmine sono leggermente più piccole, con un’altezza minima di 71 cm. Il record è detenuto da un esemplare con un’altezza al garrese di 106 cm.

Naturalmente, oltre ad essere molto grande questo cagnolone è anche piuttosto pesante: i maschi pesano almeno 54,5 kg, le femmine almeno 40,5 kg.

Un levriero dal pelo ruvido in un’ampia gamma di colori

Nonostante le dimensioni imponenti e il peso considerevole, L’Irish Wolfhound non appare mai goffo o ingombrante. Come ogni Levriero, ha una corporatura snella con muscoli asciutti e un torace profondo. Le orecchie “a rosa”, portate piuttosto indietro sul cranio stretto, sono piccole rispetto alle dimensioni generali di questo cagnolone.

Il mantello è ruvido e duro ed è disponibile nei seguenti colori:

  • bianco
  • grigio
  • nero
  • fulvo
  • rosso
  • tigrato

L’Irish Kennel Club ammette anche qualsiasi variazione di colore presente nella razza Deerhound.

Storia

Il Levriero Irlandese non è solo una delle razze canine più grandi al mondo, ma anche una delle più antiche. Proprio come il suo parente stretto, il Greyhound, le sue origini risalgono probabilmente al mondo arabo. Diversi reperti archeologici dimostrano che già nell’antico Egitto esistevano dei cani di grossa taglia simili ai levrieri, che arrivarono in Europa e nelle isole britanniche con i Celti nel terzo secolo a.C..

Nell’Irlanda antica e medievale, questi pelosi grandi e possenti, adatti alla caccia a lupi, orsi, cinghiali e alci, erano molto richiesti. I cosiddetti wolfhound (cacciatori di lupi) erano diffusi tra l’alta nobiltà, che nel Medioevo era l’unica a detenere questi imponenti cani da caccia. L’Irish Wolfhound divenne uno status symbol e un dono ambito per altre case reali europee.

Da status symbol a cacciatore di lupi disoccupato

Come per molti cani da caccia, l’invenzione delle armi da fuoco causò la fine della “carriera” dell’Irish Wolfhound. I fucili resero i cani da caccia sempre più superflui, tanto che il Levriero Irlandese divenne sempre più raro. Per salvare gli ultimi esemplari rimasti, a metà del XVII secolo fu imposto un divieto di esportazione dall’Irlanda. Ma la razza continuò a declinare e l’estinzione del lupo in Gran Bretagna e Irlanda intorno al 1800 le inflisse un ulteriore colpo.

A metà del XIX secolo, l’Irish Wolfhound era praticamente estinto. Il fatto che esista ancora oggi e sia riconosciuto come razza è merito dello scozzese George Graham. Graham incrociò i pochi Levrieri Irlandesi superstiti con esemplari di Deerhound, Alano, Borzoi e altre razze. Il “nuovo” Irish Wolfhound che ne risultò, un po’ più forte e più grande, fu presentato per la prima volta alle mostre canine alla fine degli anni Settanta del XIX secolo e fu presto riconosciuto dal British Kennel Club.

Allevamento e diffusione oggi

Tra la fine del XIX secolo e l’inizio del XX, i primi esemplari riproduttori arrivarono in Nord America e nel continente europeo, dove la popolazione di questa razza era quasi completamente scomparsa a causa delle due guerre mondiali. Il numero di nuove cucciolate aumentò lentamente solo a metà del XX secolo, e la maggior parte di esse venne registrata nelle isole britanniche e in Nord America.

Sebbene a partire dagli anni ’70 l’Irish Wolfhound sia stato nuovamente allevato con maggiore frequenza nell’Europa continentale, questo cagnolone è ancora raro al di fuori della regione anglosassone.

Obiettivo primario dell’allevamento: la salute

Come (quasi) tutte le razze giganti, l’Irish Wolfhound è purtroppo particolarmente soggetto a problemi di salute. L’allevamento di esemplari sempre più grandi e veloci ha fatto sì che la salute della razza passasse in secondo piano. L’aspettativa di vita media di questa razza oggi è di soli 6 – 7 anni. Secondo uno studio pubblicato nel 2005, solo il 9% di tutti i Levrieri Irlandesi vive 10 anni o più, la maggior parte muore prima degli 8 anni e alcuni vivono addirittura solo 5 anni.

Fortunatamente, questa aspettativa di vita relativamente bassa ha fatto sì che molti allevatori adottassero un nuovo approccio. Oggi gli allevatori seri tornano a dare priorità alla salute della razza.

cucciolo irish wolfhound
In pochi mesi, questo cucciolo di Levriero Irlandese raggiungerà le dimensioni gigantesche della razza.

Quali sono le malattie tipiche della razza?

I problemi alle ossa e alle articolazioni, come la displasia dell’anca e del gomito, sono ancora tra le malattie più comuni negli Irish Wolfhound. Ma anche le malattie cardiache, la torsione dello stomaco, l’epilessia e il cancro alle ossa vengono diagnosticati frequentemente in questa razza. Naturalmente, non tutti i Levrieri Irlandesi soffrono di una di queste malattie, ma il rischio è piuttosto elevato rispetto ad altre razze canine. Per questo è ancora più importante scegliere con cura l’allevatore.

Cosa considerare prima di adottare un Levriero Irlandese

Se desideri adottare un peloso di questa razza, non dovresti prendere alla leggera l’argomento “malattie”. Con questo non vogliamo certo scoraggiarti, ma invitarti a prestare particolare attenzione alla salute nella scelta dell’allevamento. Anche se l’allevatore ti assicura che i suoi cani sono sani e i genitori hanno un bell’aspetto, chiedi di vedere il pedigree del cucciolo e verifica l’età dei nonni e dei prozii. Dovresti anche visitare l’allevamento e verificare di persona quanto l’allevatore consideri davvero importante la salute e il benessere dei suoi amici di zampa.

Quanto costa un Irish Wolfhound?

Naturalmente, un cucciolo proveniente da una linea sana e sottoposto a tutti i test sanitari ha un certo prezzo. Il costo attuale dei pelosetti provenienti da allevamenti affidabili si aggira tra i 1.500 e i 2.000 euro. Ti suggeriamo di stare alla larga da presunte “occasioni” pubblicizzate su internet o sui giornali: anche se pensi di risparmiare, questa scelta potrebbe costarti il doppio o il triplo per le spese veterinarie.

Come mantenere in salute il tuo Levriero Irlandese

La salute della razza, però, non dipende solo dall’allevatore. Anche tu dovrai prodigarti per mantenere il tuo fedele amico in salute. Dopo tutto, non è solo il materiale genetico di un cane a determinare se si ammalerà o no. Anche l’alimentazione, la cura e il modo in cui viene tenuto possono favorire o ridurre il rischio delle malattie sopra citate.

Alimentazione dell’Irish Wolfhound

Scopri la nostra vasta gamma di crocchette per cani e cibo umido per cani!

Come si distingue il cibo sano da quello di scarsa qualità? Meglio crocchette o cibo umido? La dieta BARF è migliore dei pasti preparati in casa? Le opinioni su quale sia la dieta più adatta sono tanto varie quanto gli scaffali di cibo per animali del supermercato. La tipologia di alimento è meno importante della sua composizione, ovvero di ciò che l’alimento dovrebbe o non dovrebbe contenere.

Come tutti i cani, il Levriero Irlandese ha bisogno soprattutto di carne, che deve essere integrata con verdure, riso, patate o pasta. Gli alimenti pronti per cani contengono spesso una quantità sproporzionata di cereali e ingredienti non necessari come zucchero, soia o esaltatori di sapidità. Pertanto, assicurati sempre di scegliere un alimento con una buona composizione, cioè tanta buona carne, verdure e pochi cereali, indipendentemente dal fatto che si tratti di pasti cucinati da te o di cibo già pronto.

irish wolfhound bianco
Come tutti i cani, anche il Levriero Irlandese ha bisogno di mangiare molta carne.

Quanto mangia un Irish Wolfhound?

Naturalmente, un cane di taglia grande come l’Irish Wolfhound mangia di più di un piccolo Bassotto. Anche in questo caso, però, più il cibo è ricco, meno ne avrà bisogno. In altre parole, non è la quantità che conta, ma la qualità. Un buon alimento copre in modo ottimale il fabbisogno nutrizionale del cane. Questo dipende non tanto dalla razza, quanto da fattori individuali quali l’età, il peso, la taglia e il livello di attività. Ad esempio, un cane molto attivo ha bisogno di più energia di un cane da compagnia che fa poco esercizio.

Allo stesso modo, un cucciolo necessita di alimenti con una composizione diversa rispetto ad un cane adulto. Poiché questo cagnolone cresce molto rapidamente, la sua crescita non deve essere accelerata da un apporto energetico eccessivo. Questo perché una crescita precoce nei primi mesi spesso porta a problemi articolari dolorosi, come la displasia dell’anca. Un rapporto squilibrato tra calcio e fosforo nell’alimento può anche avere un effetto negativo sulla crescita ossea del giovane cane.

Oltre a scegliere il cibo adatto, puoi fare ancora di più per la salute del tuo Levriero Irlandese: evita di fargli salire le scale o di fare altri movimenti bruschi, soprattutto durante la fase di crescita. Questo potrebbe affaticarlo eccessivamente e in seguito favorire l’insorgere di malattie delle ossa e delle articolazioni.

Poiché i levrieri, come molti altri cani di grossa taglia, sono soggetti a pericolose torsioni gastriche, assicurati che il tuo peloso riposi a sufficienza dopo i pasti. Ti consigliamo, inoltre, di suddividere la razione giornaliera di cibo in circa due o tre pasti. È utile anche utilizzare delle ciotole rialzate per cani di taglia grande, la cui altezza può essere regolata man mano che il tuo amico di zampa cresce evitando che si pieghi troppo e assuma una postura scorretta quando mangia.

Prendersi cura di un Levriero Irlandese

Il carattere calmo di questo peloso gigante fa sì che accetti con grande compostezza buona parte di ciò che gli viene offerto dalla sua persona di riferimento, che si tratti di cibo, del tipo di esercizio quotidiano o di altro. Sopporta persino le malattie, spesso finché non è troppo tardi. Affidarsi al suo comportamento per sapere quando qualcosa non va, dunque, può avere gravi conseguenze.

Assicurati che il tuo fedele amico riceva il cibo adatto, che faccia il necessario esercizio fisico, in linea con la sua natura di cacciatore e cane da corsa, e osserva molto attentamente se noti cambiamenti nel suo comportamento, nei suoi movimenti o nel suo corpo (ad esempio, perdita o aumento di peso). Questi potrebbero essere i primi segni di una malattia e vanno analizzati da un veterinario.

Anche dei cambiamenti nella struttura del mantello possono indicare una dieta scorretta o altre patologie. Anche se la cura del pelo di questo levriero dal pelo ruvido è molto semplice e una spazzolatura occasionale è assolutamente sufficiente, osserva sempre attentamente il tuo cagnolone.

Stai per accogliere un pelosetto in casa tua e vuoi prepararti al meglio? Leggi anche i nostri articoli

Consigli per adottare un cucciolo di cane e Nomi per cani maschi!

Scheda del Levriero Irlandese (Irish Wolfshound)

In breve: L’Irish Wolfhound è considerato la razza canina più grande del mondo e viene descritto come un “gigante gentile”. Un tempo era allevato per cacciare lupi e orsi, ma oggi viene allevato prevalentemente come cane da famiglia.
Charattere: calmo, equilibrato, amichevole, fedele
Altezza al garrese: 79 – 90 cm (maschi)
71 – 79 cm (femmne)
Peso: 54 – 59 kg (maschi)
40 – 50 kg (femmine)
Pelo: piuttosto lungo, ruvido e duro
Colore del mantello: grigio, tigrato, rosso, nero, fulvo, bianco
Cura del pelo: facile, basta spazzolarlo ogni tanto
Bisogno di movimento: elevato
Adatto ai principianti:
Va d’accordo con i bambini:
Tendenza ad abbaiare: molto bassa
Tendenza ad ingrassare: media
Aspettativa di vita: circa 7 – 10 anni
Adatto come cane da appartamento: no
Adatto come cane da guardia: no
Possibili malattie: malattie cardiache, cancro alle ossa, displasia dell’anca e del gomito, epilessia, torsione dello stomaco
Prezzo: a partire da circa 1.500 euro
Classificazione FCI: Gruppe 10: Levrieri
Sezione 2: levrieri a pelo duro
Origine: Irlanda

Proposte d’acquisto dalla redazione di zooplus

I prodotti selezionati nel box sono proposte effettuate dalla redazione, alimenti e accessori che puoi trovare nel negozio online per animali di zooplus e non costituiscono advertising da parte dei brand citati.

I nostri articoli più utili
16 min

Lagotto Romagnolo: scopriamo la razza

In origine il Lagotto romagnolo era conosciuto come un cane d'acqua, ma oggi è diventato uno dei più noti cani da tartufo. A prescindere da questa sua caratteristica, è una razza canina sportiva e amichevole, che sempre più padroni scelgono di allevare come cane da compagnia.
16 min

Barboncino media mole: oltre le apparenze

Tutte e quattro le varianti del Barbone discendono dai cani d'acqua che venivano usati per la caccia sin dal Medioevo. Il suo mantello, più lungo su alcune zone del corpo come fronte, petto e spalle, serviva a proteggerlo durante le battute di caccia. I cacciatori decisero, ad un certo punto, di rasare il resto del mantello per permettergli di nuotare meglio in acqua. Gli antenati del Barbone media mole erano leggermente più pesanti del cane attuale: pesavano tra i 10 e i 20 kg. Non sappiamo molto sull’origine geografica della razza, ma quel che è certo è che nei secoli questi cani vivaci e intelligentissimi hanno affascinato migliaia di persone in tutto il mondo.

Da secoli, un meraviglioso tuttofare

Quando, a partire dal 1600, i cacciatori iniziarono a preferire le razze a pelo corto, il nostro amico Barbone conquistò in particolare una ben determinata categoria di persone: la nobiltà europea. Fa così che sempre più Barboni media mole, con l’aspetto ben curato e vezzoso, diventarono i protagonisti dei salotti di molte nobildonne. Da cane da caccia a cane da compagnia: la capacità di adattarsi di questo cane è dimostrata anche dalla sua storia. Siccome questi cagnolini non sono solo belli ma anche molto intelligenti, in passato non erano pochi i Barboni impiegati nei circhi con ogni genere di spettacoli. Grazie alla dedizione degli allevatori, soprattutto inglesi e francesi, negli anni questa razza canina si è caratterizzata sempre meglio diventando molto popolare. Il riconoscimento da parte della FCI è arrivato solo nel 1936, con l’indicazione della Francia quale Paese d’origine. Il Barbone grande mole e quello nano (Barboncino) sono la varietà più antiche: le altre due sono media mole e toy. Negli anni '60, il Barbone diventò estremamente popolare e diffuso in tutto il mondo: per il riconoscimento della varietà Toy, però, si è dovuto attendere sino agli anni '90. Ad un certo punto, tutto ad un tratto  l'entusiasmo per questa razza finì: il Barbone iniziò ad essere visto come un cane modaiolo ma soffocante. Ovviamente la responsabilità di questa cattiva reputazione dipende dagli umani che se ne occupano, non sempre in maniera adeguata e competente. L'americano John Sutor ha dimostrato anche quanto questa razza sia straordinariamente adattabile. Nel 1976 ha preso parte alla corsa di cani da slitta più dura del mondo (la Iditarod Trail Sled Dog Race) attraverso l'Alaska, con 6 , e fu uno dei pochi a raggiungere la meta. A dimostrazione che non è la razza ad essere antiquata, ma l'opinione (sbagliata) che molti ne hanno.

Un aspetto molto particolare

13 min

Chihuahua: piccoletti alla riscossa

La razza di cani più piccola al mondo è la preferita di molti personaggi famosi e ha una delle aspettative di vita più alta in assoluto. Il Chihuahua è un cane eccezionale da tanti punti di vista: siamo abituati a vederlo spuntare dalle borsette delle celebrities quasi fosse un accessorio, ma questa razza canina di origine messicana è molto di più di un batufolo di pelo da coccolare e tenere in braccio!