L’Alimentazione del cane per ogni età

alimentazione del cane per ogni età

Puppy

Gli alimenti dovrebbero fornire ai nostri amici animali tutto ciò di cui hanno bisogno per restare in salute. Le loro esigenze però cambiano, nel corso della vita: un cane giovane ha bisogno di nutrienti diversi rispetto a quelli che servono ad uno adulto. Quando sono anziani, d'altra parte, i cani necessitano di meno calorie e devono tenere sotto controllo i sintomi della vecchiaia. Ecco spiegata fase per fase, come cambia l'alimentazione del cane per ogni età.

L’alimentazione perfetta per i cuccioli e i cani giovani

Durante le prime 5 settimane di vita, i cuccioli si nutrono solo di latte materno, l’alimento per eccellenza, in grado di fornire loro tutto ciò di cui hanno bisogno. Dalla quinta settimana in poi, di solito i cagnolini iniziano a rubare dalla ciotola della mamma qualche crocchetta inzuppata nell’acqua o nel latte, oppure un po’ di cibo umido.

Nelle settimane successive la proporzione tra latte materno e cibo solido si modifica lasciando sempre più spazio al secondo, anche per dare modo alla mamma di allentare il ritmo delle poppate. Arrivati a 9 settimane, i cuccioli di solito sono completamente svezzati.

Quando è il momento di passare agli alimenti per cuccioli?

Già in queste prime settimane di vita è importante offrire al cucciolo anche un alimento di alta qualità, come integrazione al latte materno. Visto che la mamma consuma molte energie, puoi offrirle ad esempio un alimento di alta qualità per cuccioli, che anche i piccoli possono iniziare ad assaggiare. In alternativa, puoi dare ai tuoi cagnolini del cibo umido ad alto contenuto di carne e un po’ d'acqua in aggiunta.

Durante questa fase di forte crescita, i nostri giovani amici hanno un notevole bisogno di energia sotto forma di grassi grezzi e di proteine. Un mix equilibrato di vitamine e minerali supporta lo sviluppo graduale ed armonico dell'intero sistema muscolo-scheletrico del cane.

Da questo punto di vista, se scegli un alimento per cuccioli vai sul sicuro, nel senso che proteggi il tuo piccolo amico dai rischi di una dieta non equilibrata. Si tratta di un fattore particolarmente importante soprattutto per i cani di taglia grande e gigante come ad esempio il San Bernardo e l'Alano.

Se i cuccioli assumono troppe proteine durante il loro primo anno di vita, la crescita sarà troppo rapida, con il rischio di seri problemi articolari. Ecco perché, se sei il proprietario di un cucciolo di taglia L o XL, ti consigliamo di monitorare periodicamente la sua curva della crescita insieme al tuo medico veterinario di fiducia o insieme all’allevatore.

Scopri tutto quello che c’è da sapere sull’alimentazione dei cani in fase di crescita leggendo anche il nostro articolo “Cibo per cuccioli”.

Fino a quando bisogna proseguire con gli alimenti per cuccioli?

Le razze piccole completano la loro crescita nei primi 9 mesi di vita. Se il tuo peloso è una taglia mini, quindi, puoi iniziare ad abituarlo agli alimenti per adulti già qualche settimana prima dei suoi 9 mesi. I cani di taglia media, invece, dovrebbero fare il passaggio intorno all’anno.

Un discorso diverso va fatto per quelli di taglia grande, che crescono più lentamente e dovrebbero quindi ricevere un alimento specifico sino ai 24 mesi di vita. Gli alimenti per cani junior esistono proprio per accompagnare i quattrozampe futura taglia grande o gigante nel loro graduale percorso di crescita.

Non sai come far passare il tuo peloso dal cibo per cuccioli a quello per cani adulti? Mischia una piccola porzione del nuovo alimento al cibo abituale, per vedere come reagisce. Se il tuo pet mostra di tollerarlo bene, puoi aumentare la quantità gradualmente sino completare il passaggio al nuovo alimento. In questo modo eviterai il rischio che il tuo quattrozampe abbia reazioni da ipersensibilità a qualche componente.

il cibo giusto per ogni età

L’alimentazione giusta per ogni fase della vita: il cane adulto

La scelta degli alimenti per cani adulti è decisamente più ampia: sul mercato si trovano numerose varianti di crocchette e di alimenti umidi e tu non hai che l’imbarazzo della scelta. Se un produttore cambia la ricetta o ha problemi di consegna, di norma non dovrebbe rappresentare un problema: i cani adulti sono in grado di tollerare bene un cambio di alimento, se fatto con gradualità e se la qualità è simile.

Parlando di qualità, è fondamentale fissare standard elevati perché la composizione degli alimenti che dai al tuo cane incide direttamente sul suo stato di salute. Un alimento di qualità per cani deve:

  • Contenere molta carne: la carne o il pesce devono trovarsi al primo posto nella lista dei componenti
  • Contenere pochissimi cereali o addirittura nessun cereale (grano, mais, etc.)
  • Non contenere coloranti o conservanti artificiali
  • Se si tratta di crocchette, queste devono avere una dimensione idonea alla mandibola del cane
  • Avere un gusto e una consistenza graditi al tuo cane.

 Scopri tutta la gamma degli alimenti senza cereali per cani che trovi nel nostro shop online!   

Adattare la BARF alle diverse fasi di vita

Questo passaggio da un alimento all’altro sulla base dell’età viene meno quando si sceglie di far seguire al proprio cane la dieta BARF. Ecco perché ti suggeriamo di consultare un esperto, idealmente il tuo veterinario, specialmente se hai a che fare con un cucciolo di taglia grande e se hai poca esperienza con la BARF. Tieni presente che l'equilibrio della dieta gioca un ruolo cruciale, nel quadro di salute del tuo peloso. Troppe proteine ​​o troppo pochi minerali possono causare danni irreversibili alle sue articolazioni.

Scopri di più sull’argomento leggendo anche il nostro articolo “BARF per cani: di cosa si tratta?”  

L’alimentazione giusta ad ogni età: il cane anziano

Rispetto al passato, la maggior parte dei cani di oggi può contare sull’assistenza medica, molte attenzioni e una dieta equilibrata, tutti elementi che favoriscono una maggiore probabilità di raggiungere la vecchiaia.

I cani anziani, proprio come noi umani, soffrono di disturbi e di acciacchi più o meno fastidiosi. Non di rado si manifestano malattie come l’osteoartrite o , per fare due esempi che ci accomunano ai nostri amici di zampa.

I cani si muovono meno, tendono ad accumulare il tartaro sui denti e a pesare di più. Un po’ come noi, anche i cani anziani vedono la loro massa muscolare ridursi e lo strato di grasso sulla pancia crescere a poco a poco. Molti "vecchietti", poi, hanno difficoltà a digerire.

Capita spesso che l’alimento abituale improvvisamente dia loro fastidio, provocando flatulenza o stitichezza. Ecco perché può essere opportuno passare a qualcosa di più facile da digerire. Gli alimenti specifici per cani anziani tengono conto di questi cambiamenti dovuti all’età: ad esempio, sono a basso contenuto di grassi e contengono preziosi additivi.

Se il tuo amico di zampa sta invecchiando, le visite regolari dal veterinario sono importanti quanto una dieta adeguata: fare un controllo una volta all'anno dal medico è un ottimo modo di tenere sotto controllo la sua salute e prendere le eventuali contromisure quando le patologie dovute all’età sono ancora in una fase iniziale. In un cane senior la corretta alimentazione può fare molto per ridurre i sintomi dell'invecchiamento.

Da quando è meglio passare agli alimenti per cani senior?

A partire da che età un cane è considerato anziano? Anche qui dipende molto dalla taglia: i cani di piccola taglia di solito vivono più a lungo e di conseguenza diventano anziani più tardi. I nostri amici di grossa taglia, invece, tendono ad invecchiare più velocemente.

Per rispondere alla domanda, quindi, una regola pratica è quella di considerare anziano un cane che abbia raggiunto i tre quarti della sua vita, calcolata ovviamente in termini di aspettativa media della razza. Per un Golden Retriever, quindi, la vecchiaia inizia intorno ai 7-8 anni, laddove il Chihuahua non è anziano prima dei 10-12 anni.

Ovviamente nessuno meglio di te può valutare la salute generale del tuo amico di zampa. Se noti i primi segni dell'invecchiamento – ti sembra pigro, si alza più lentamente, improvvisamente ha problemi gastrointestinali, etc. – è giunto il momento di fargli fare un controllo dal veterinario. Questo ti aiuterà ad evitare di trascurare una malattia più grave o eventuali problemi dentali.

Se il tuo cane è in salute e sta quindi semplicemente invecchiando, puoi limitarti a passare alla versione senior del suo alimento abituale.

I vantaggi degli alimenti per cani anziani

Da un po‘ di tempo ormai sono disponibili sul mercato molte varietà di alimenti umidi per cani anziani. Si tratta di prodotti altamente digeribili, caratterizzati, tra l'altro, da un contenuto di fosforo inferiore a quello presente negli alimenti per cani adulti. Spesso sono presenti diverse vitamine e sostanze nutritive specifiche per aiutare a contrastare l’invecchiamento, così come speciali additivi come la farina di alghe marine per supportare le articolazioni del cane anziano.

Ovviamente, anche per gli amici di zampa in là con gli anni vale il solito principio: la qualità è fondamentale. Ecco perché è bene verificare che gli alimenti che scegli per il tuo "vecchietto" abbiano un elevato contenuto di carne e siano assolutamente privi di zucchero, cereali o esaltatori di sapidità.

Nell’umido Wolf of Wilderness Senior, ad esempio, la carne e i componenti animali rappresentano il 66% del contenuto.

Accanto agli alimenti umidi di marchi noti, puoi senz’altro trovare anche snack e complementi alimentari specifici per questa fascia di età. Che ne dici di dare al tuo quattrozampe uno snack da masticare che gli offra anche qualcosa in più? Per i cani senior sono l’ideale gli ossi da masticare ripieni di glucosamina, ad esempio, oppure gli snack a base di pelle di nuca di manzo con cozza verde.

Puoi anche aggiungere alla pappa del tuo peloso la polvere speciale a base di estratto di cozza verde e altri ingredienti attivi. E per supportare il suo sistema immunitario puoi offrirgli le compresse multivitaminiche per cani anziani, perfette anche se il tuo amico di zampa segue la dieta BARF. Nel nostro shop trovi tanti altri complementi alimentari per supportare la .

Il nostro consiglio però è quello di non esagerare e di attenerti sempre alle dosi indicate su base giornaliera. Anche quando si tratta di integrare la dieta del tuo “vecchietto”, vale quanto detto in precedenza: se noti i primi segni dell'età, consulta il tuo medico veterinario di fiducia. In questo modo puoi rispondere correttamente alle esigenze nutrizionali del tuo cane dovute all'età.

Ad ogni età il giusto alimento: la tabella riassuntiva

Quale alimento e a quale età?

taglia Piccola taglia Media taglia Grande
Alimenti per cuccioli 5 settimane 5 settimane 5 settimane
Alimenti per cani adulti 6 mesi 12 mesi 24 mesi
Alimenti per cani senior 10-12 anni 8-9 anni 7-8 anni

Nota: i dati riportati nella tabella vanno intesi come semplici riferimenti di massima. I passaggi da un alimento all’altro vanno effettuati sulla base dei parametri di salute, costituzione e razza del singolo cane.

This is custom heading element

I nostri articoli più utili
7 min

Alimenti che il cane non può mangiare

Esistono alimenti che i cani non possono effettivamente mangiare. Nonostante il fatto che, oggi come in passato, i cani vengano spesso utilizzati per “eliminare gli avanzi” della nostra cucina, è chiaro che bisognerebbe riservare alla loro ciotola soltanto alimenti di elevata qualità e specifici per cani. Un bocconcino goloso ogni tanto è ammesso, purché risulti salutare per la salute del cane. È innegabile che esistano prodotti alimentari comunemente consumati dagli esseri umani che risultano invece nocivi per i cani, quando non addirittura tossici o velenosi.  Per questo motivo, è importante che le persone che vivono con un cane conoscano molto bene quali alimenti e sostanze possono provocare danni anche seri al loro amico a quattro zampe. Nel caso in cui, nonostante queste accortezze, il tuo cane mangiasse qualcosa che non avrebbe dovuto, ti consigliamo di recarti prontamente, insieme al cane, dal tuo medico veterinario di fiducia. Quest’ultimo ti domanderà a quando risale l’assunzione dell’alimento nocivo e in che quantità è stato assunto. Sulla base di questi elementi, il medico prescriverà la terapia più opportuna. Purtroppo ci sono casi in cui qualsiasi tipo di aiuto giunge troppo tardi o non è sufficiente per salvare il cane: per questo motivo, bisogna sempre fare attenzione ed evitare che il nostro amico di zampa assuma alimenti che non sono adatti ad un cane.
12 min

Biscotti per cani fatti in casa

Ovviamente acquistando gli snack già pronti nello Shop cani di zooplus si fa prima. Ma dopo un po’ non è così divertente. E poi ci sono tanti ottimi motivi per cui puoi decidere di preparare da solo i biscotti per il tuo cane. Con questo articolo te ne spieghiamo le ragioni e ti sveliamo come vengono cotti e conservati gli snack per cani, oltre a presentarti alcune deliziose e facili ricette che il tuo cane adorerà.
6 min

Alimentare un cane diabetico

Scoprire che il proprio cane soffre di diabete mellito è sempre uno shock. Fortunatamente però alimentare un cane diabetico nel modo giusto e sottoporlo a cure adeguate possono portarlo ad avere una vita lunga e felice.