Bovaro del Bernese

Quello che un tempo era un cane da pastore utilizzato nelle valli bernesi, conosciuto con diversi nomi in tedesco, è oggi uno dei cani per la famiglia più amati. Il Bovaro del Bernese è molto dolce con gli esseri umani e ama la natura, il freddo e la neve.

Caratteristiche

Il carattere bonario e amichevole ha reso il Bovaro del Bernese un cane da guardia eccellente, conosciuto in tutto il mondo. Come cane di famiglia è fedele, leale e affezionato. Ha un’alta soglia dello stimolo e reagisce agli attacchi esterni in modo rilassato. È un fedele amico dell’uomo e non ha un comportamento aggressivo.

Nonostante possa incutere timore per le dimensioni, non bisogna avere paura del Bovaro del Bernese: può addirittura succedere che si approcci agli sconosciuti che incontra con una scodinzolata. È un ottimo cane di famiglia e non ha alcun problema nel rapporto con i bambini piccoli, nonostante le possibili urla e lo scatenarsi, anzi ama giocare con loro e coccolarli. Purtroppo, talvolta i maschi possono trovarsi in conflitto con altri cani dello stesso sesso quando si sentono minacciati nel loro territorio.

Del Bovaro del Bernese si dice inoltre che si dimostri particolarmente testardo in determinate situazioni, per esempio quando gli viene impartito un ordine che non ritiene utile eseguire. La razza è particolarmente conscia di sé e molto intelligente: ciò permette al cane di mettere in discussione diversi ordini. Con tanto amore e un paio di ricompense però i cuccioli dal forte temperamento possono facilmente diventare ottimi cani da lavoro, da sport, salvataggio, ricerca o terapia. Se l'educazione del cane viene svolta con successo, il carattere socievole del Bovaro del Bernese svelerà tante sorprese: potrà per esempio essere portato ovunque, anche senza guinzaglio.

Aspetto del Bovaro del Bernese

Non solo il carattere, ma anche l'aspetto rendono il Bovaro del Bernese un cane molto apprezzato. Caratteristici della razza sono i tre colori del pelo: quello principale è il nero, che si estende come un mantello su tronco, collo, testa e coda. Il bianco simmetrico parte dalla fronte e si allarga verso la coda, arrivando talvolta sino alla punta. Caratteristici sono inoltre la croce bianca sul petto, le zampe e la punta della coda bianche. I segni rossicci tendenti al marrone sono tipici per guance, zampe e lati del petto, e aggiungono un tono di bellezza al cane e completando il quadro dei 3 colori. Il Bovaro del Bernese presenta inoltre alcune macchie rossicce-marroni vicino agli occhi.

Il pelo, a differenza degli altri Bovari, è molto lungo e liscio, al massimo leggermente ondulato. Il pelo è morbido, splendente e protegge questo cane da guardia dal freddo e dalla neve. Il Bovaro del Bernese però non sopporta molto il caldo: in estate dovrebbe avere un posticino all’ombra dove stare tranquillo, evitando attività impegnative durante le ore più calde.

Con un'altezza al garrese che va da 64 a 70 cm per i maschi e da 58 a 66 per le femmine, il Bovaro del Bernese sicuramente appartiene a cani di razza grande. Purtroppo però questi cani possono tendere al sovrappeso, spesso a causa del poco movimento o dell’alimentazione scorretta. Come per gli esseri umani, anche per i cani l’eccesso di grasso può portare a problemi articolari e all'insorgere di altre patologie. Il peso di un Bovaro del Bernese sano si aggira per i maschi intorno ai 55 kg, per le femmine non dovrebbe andare oltre i 45 kg.

Bovaro del Bernese

Storia

Un corpo massiccio, non corpulento o grasso, per cui forte e muscoloso, ha caratterizzato gli antenati del Bovaro del Bernese, che venivano allevati come cani da fattoria nei pressi di Berna, occupandosi di fare da guardia al gregge, portare carri e spostare mandrie.

Da quali razze abbia avuto origine non è chiaro: si pensa che fra gli antenati vi possano essere Molossi e Mastini, portati nelle regioni alpine dai romani.

La storia del Bovaro del Bernese può essere raccontata con precisione solo a partire dal XX secolo ed è particolarmente legata alla piccola cittadina di Dürrbach e alla sua locanda, punto di incontro per abitanti, viandanti e mercanti: proprio qui venivano tenuti questi cani di 3 colori. Anche il nome antico, dal tedesco “Dürrbächler” fa proprio riferimento alla regione di Berna e alla cittadina dove inizialmente questa razza si è sviluppata. Questi cani furono esposti per la prima volta in un caffè di Berna nel 1902: da lì in poi l’interesse per la razza aumentò gradualmente e con esso anche il numero di mostre canine. Nel 1907 venne fondato il “club del Bovaro del Bernese”, il cui compito era proprio quello di allevare la razza con standard specifici. Il nome Bovaro del Bernese viene dal geologo e cinologo svizzero Prof. Dr. Albert Heim, che collaborò alla creazione dello standard di razza. Il nome ha creato quindi i legami con gli altri Bovari Svizzeri. Grazie al suo carattere socievole e alla corporatura massiccia il Bovaro del Bernese fu apprezzato ben presto in altri paesi d’Europa.

Allevamento e salute del Bovaro del Bernese

Il Bovaro del Bernese è stato, inizialmente, un cane da pastore e da guardia: controllava infatti il cortile, muoveva le mandrie ed è per questo che è stato utilizzato principalmente da commercianti viaggiatori, anche grazie alla sua volontà di lavorare, all’attenzione, alla forza e alla salute di ferro che lo caratterizzano. Con l’avvento delle industrie questi cani sono stati mano a mano sempre meno impiegati per questi scopi e ben presto divennero perfetti cani per la famiglia. Per la riproduzione gli allevatori hanno iniziato a mettere in primo piano soprattutto il loro carattere bonario e socievole, basandosi poi anche su canoni estetici.

Per un po’ di tempo avere un Bovaro del Bernese divenne una moda. Le conseguenze sono state un indebolimento del carattere e problemi ereditari dovuti a un maggior numero di persone che sono diventate allevatori per hobby e per guadagnare soldi in modo facile. Per fortuna gli amanti della razza si sono sostituiti a questo tipo di allevatori, mettendo in primo piano aspetti come salute e longevità del cane. Le regole per l’allevamento del Bovaro del Bernese oggi sono molto rigide: per ridurre malattie ereditarie e migliorare le condizioni di salute della razza, i valori sono stati cambiati sia per genitori che fratelli e altri parenti della razza canina. L’aspettativa di vita del Bovaro del Bernese va dai 7 ai 10 anni ed è tutt'ora bassa. Fra le malattie più riscontrate nella razza troviamo problemi alle articolazioni (DA e DG), problemi ai reni e tumori cancerosi. Per assicurarti di acquistare un cane in salute, che offra a te e alla tua famiglia tanti anni di gioia, rivolgiti ad allevatori seri, che abbiano a cuore il benessere dei cuccioli piuttosto che il mero profitto.

Allevare un cane con serietà non porta solo via molto tempo, ma è anche molto costoso e questo talvolta si riflette sul costo di acquisto del cucciolo.

Un'alimentazione idonea alla razza

Prima di adottare un cucciolo non bisogna solo acquistare gli accessori di base, come pettorina e trasportino, ma anche fare molte riflessioni. Un tema su cui pensare è, per esempio, l’alimentazione del cane: il tuo allevatore di fiducia saprà darti tutti i consigli a riguardo e potrà offrirti un piano alimentare per le prime settimane in casa. Senza ogni dubbio per i primi tempi dovrai dare al cane gli alimenti con cui lo nutriva l'allevatore. I cuccioli poi hanno altre necessità alimentari rispetto ai cani adulti. Se alla fine opti per cambiare piano alimentare, fallo sempre in modo lento e graduale, in modo tale che l’intestino del cane possa abituarsi al nuovo alimento.

Per evitare problemi di sovrappeso e prevenire eventuali malattie dovresti affiancare a un alimento bilanciato un’attività motoria sufficiente. La scelta migliore è sicuramente un’alta percentuale di carne mischiata a frutta e verdura. Potrai offrirgli sia cibo umido che cibo secco. In alternativa a prodotti già pronti puoi optare per una dieta BARF, che si basa su ingredienti freschi e crudi. Il vantaggio principale di questo tipo di dieta è rappresentato dai nutrienti pregiati contenuti in carne cruda e verdure fresche, che potrebbero andare perduti con la cottura. Se sei insicuro sul tipo di alimentazione da offrire al tuo Bovaro del Bernese, chiedi consiglio al tuo allevatore o veterinario di fiducia per creare un piano nutrizionale adeguato sulle sue specifiche esigenze. Le necessità possono variare a seconda di diversi fattori, come razza, sesso, peso, età e attività svolta.

Scopri di più sull'alimentazione vegetariana per cani!

Bovaro del Bernese

Prendersi cura di un Bovaro del Bernese

Accanto all’alimentazione è importante anche pensare a dove andrà a vivere il tuo cane: il Bovaro del Bernese ha bisogno di molto spazio, per cui una casa con giardino o addirittura un terreno in cui scorazzare, sarebbero ottimali. La razza non è ideale quindi per quelle persone che vivono in piccoli appartamenti di città.

Pensa anche al fatto che i cuccioli nei primi mesi di vita non possono fare le scale, per non incorrere in problemi alle articolazioni durante la crescita. Per questo una casa in un piano superiore al primo senza ascensore non è idonea. Un accesso al pianterreno può costituire un vantaggio anche nel caso in cui il tuo cane anziano non possa più fare le scale e tu non riesca più a portarlo in braccio a causa del peso.

Il Bovaro del Bernese ha bisogno di molto spazio e movimento. Come padrone devi avere voglia e tempo di muoverti con il tuo cane, fare lunghe passeggiate e sottoporlo a sfide mentali. I giochi di intelligenza e gli sport per cani, insieme al lavoro di salvamento o di ricerca sono l’ideale per questi cani intelligenti.

In alcuni sport per cani i Bovari del Bernese non eccellono, a causa della loro taglia: infatti un’attività come l’Agility, che necessità di molta velocità, non si addice a un cane pesante, che si stancherebbe e sforzerebbe inutilmente.

Per il benessere del tuo Bovaro del Bernese sarà necessario pensare anche alla cura quotidiana: il pelo lungo e liscio va spazzolato almeno 2-3 volte alla settimana, per evitare la presenza di nodi e mantenere un pelo splendente.

Durante la muta del pelo poi spazzola e pettine dovrebbero essere utilizzati giornalmente.

Inoltre occhi, orecchie, zampe, pelle e denti devono essere controllati regolarmente ed eventualmente puliti. Con questi piccoli controlli di routine potrai accorgerti in tempo di possibili anomalie, che potrebbero essere segno di cancro, quindi riconosciute per tempo e adeguatamente curate.

Questi sono alcuni consigli per assicurare al tuo Bovaro del Bernese una vita lunga e felice.

Articoli più letti

Insegnare al cucciolo a stare da solo in casa

I cani sono animali dall'indole socievole che provano quindi piacere a stare in compagnia del proprio padrone. Tuttavia, dovrai insegnare al cucciolo a stare da solo in casa: farlo sin dalla giovane età è utile, dato che i cani adulti che mai sono rimasti soli fanno fatica ad abituarsi a questa novità.

Comportamento dominante del cane

Se il cane non ascolta, è aggressivo nei confronti degli altri cani, mostra un esagerato istinto di difesa e non lascia avvicinare nessuno al suo cibo, si tratta spesso di un atteggiamento di dominanza che deve essere fermato. Ma cosa significa davvero dominanza nel cane? Sono dominanti solamente gli animali alpha? E se il mio cane non ubbidisce, significa davvero che ho un problema di dominanza?

Cose fare quando il cane ha un comportamento distruttivo?

Scarpe, cavi, telefoni, pennarelli, divani, tappeti o bidoni della spazzatura: la furia distruttiva di alcuni cani è potenzialmente molto pericolosa, soprattutto perché in pochissimo tempo potrebbero distruggere tutti i mobili di casa. Ma perché alcuni cani tendono a comportarsi in questo modo, e, soprattutto, come si fa a far  perdere loro l’abitudine? Certamente lo spavento è grande quando per la prima volta torni a casa e trovi il salotto ridotto a un campo di battaglia. Quando hai messo tutto di nuovo in ordine, sicuramente inizierai a chiederti: si tratta di un episodio isolato? Che cosa faccio se succede un’altra volta? Sicuramente non ti comporterai con tanta leggerezza come la prima volta, soprattutto se il tuo cane romperà oggetti di valore o se dovrai portarlo dal veterinario perché ha ingoiato qualche cosa di non commestibile. Come ci si deve però comportare di fronte a un tale atteggiamento?