5 ottime ragioni per adottare un cane anziano

Cane

Siamo onesti: quasi tutti gli amanti dei cani che decidono di adottarne uno desiderano un tenere cucciolo da coccolare. I cani adulti, ad esempio provenienti da un rifugio per animali o da una rete di volontari di una qualche organizzazione contro il randagismo, hanno spesso scarse probabilità di successo, se messi a confronto con la tenerezza che suscita un cucciolo. È un peccato, però, perché esistono molti vantaggi nell'adottare un cane anziano. Con questo articolo vogliamo aiutarti a scoprire quali sono e perché molti pregiudizi sui cani adulti non corrispondono a verità.

I cani adulti hanno già le loro abitudini, si integrano con difficoltà in una nuova famiglia, sono difficili da addestrare e spesso sono malati. Questi sono alcuni dei pregiudizi che molte persone hanno in mente all’idea di adottare un cane anziano. Tuttavia, sono preoccupazioni che si rivelano spesso infondate. Vivere insieme ad un cane adulto di solito è invece più semplice e rilassante del previsto. Per quale motivo? Le cinque ragioni che abbiamo elencato qui sotto ti spiegano perché vale la pena adottare un cane adulto e come i cani più anziani possano diventare una risorsa per l'intera famiglia.

Cinque ottime ragioni a favore dell’adozione di un cane anziano

Cane
  • Quando lo scegli sai già cosa porti a casa

Quando si acquista un cucciolo, è necessario informarsi molto attentamente circa i genitori e i nonni del cane, per poter valutare preventivamente il tipo di sviluppo che si presume avrà il nostro giovane amico, quali saranno le sue future caratteristiche, il colore del mantello, il livello di vivacità e la salute di cui godrà una volta che sarà diventato adulto e quindi anziano. Ma anche se studi il suo pedigree, ti informi sulle caratteristiche tipiche della razza e fai mille domande all'allevatore, rimane sempre una buona dose di incertezza.

 

I cani più anziani, invece, non cambiano quasi più. Di regola, il carattere di un cane adulto è consolidato e non devi temere brutte sorprese, nello sviluppo della personalità del tuo nuovo amico di zampa. Prima ancora di sceglierlo, puoi vedere se si tratta di un esemplare molto attivo, ad esempio, quanto pelo perde, se tende ad essere sovrappeso o se ha eventualmente sviluppato una displasia delle anche. Già in occasione della tua prima visita puoi notare come reagisce di fronte alle persone che non conosce, se rimane calmo e rilassato o se sembra timido e nervoso.

 

Ovviamente è importante cercare di raccogliere quante più informazioni possibili circa la storia e il passato del cane che vuoi adottare, ma avendo davanti un esemplare adulto puoi – con un po’ di empatia – valutare già quali inclinazioni, peculiarità e preferenze ha il tuo futuro coinquilino e prepararti di conseguenza.

  • I cani anziani conoscono già le regole

La preoccupazione che soprattutto i cani più anziani, che hanno dovuto trascorrere diverso tempo in un canile o in un rifugio per animali, siano difficili da addestrare e che presentino cattive abitudini ormai radicate è, in molti casi, una preoccupazione infondata. Naturalmente vi sono anche casi in cui i precedenti proprietari non sono stati in grado di educare il loro quattrozampe e hanno finito per rinunciarvi, portandolo in un canile a causa del suo comportamento difficile. Ma si tratta di casa particolari che i responsabili dei rifugi segnalano sempre e che non vengono affidati a nuovi proprietari ignari. La maggior parte dei cani adulti in attesa di una nuova famiglia ospitati in canili, rifugi o associazioni di volontari è stata abbandonata a causa di cambiamenti nella vita personale o professionale dei precedenti proprietari, cambiamenti quali divorzi, trasferimenti, nuovi impieghi o la morte del proprietario.

Di norma, si tratta di cani che hanno già appreso le principali norme di convivenza in famiglia. Un cane che ha vissuto in una casa, in precedenza, sa che il cibo è disponibile solo a orari prestabiliti, che non si abbaia continuamente e che di notte bisogna dormire. Nel migliore dei casi, sa già andare al guinzaglio, ha già interiorizzato le e reagisce opportunamente a comandi di base quali "Seduto!", "A cuccia!" o "Resta".

  • I cani anziani sono grati e desiderosi di imparare

Ovviamente a volte capita che si tratti di cani adulti che devono ancora essere addestrati. La migliore educazione del cucciolo è inutile, infatti, se non la si segue con costanza anche negli anni successivi. Alcune razze canine, poi, si accorgono immediatamente se il proprietario è poco concentrato sulle regole e sfruttano spudoratamente questo suo punto debole. Per questo motivo sarebbe bene che, come nuovo proprietario, tu avessi una certa competenza di base nell'addestramento cinofilo, anche nel caso in cui il tuo nuovo amico di zampa fosse già in là con gli anni. Soprattutto quando le cattive abitudini sono radicate, la rieducazione di un cane necessita di costanza e pazienza.

 

Tuttavia, educare un cane adulto di per sé non è necessariamente più difficile o complicato di educare un cucciolo: l’aspetto positivo, in questo, è che i cani non smettono mai di imparare. Sono in grado di acquisire nuovi comandi, regole e comportamenti fino alla vecchiaia. Spesso sono soprattutto i cani adulti, che sono tendenzialmente più tranquilli, rilassati e meno distratti dall’ambiente circostante rispetto ai cuccioli, a mostrare un'elevata disponibilità ad imparare. Ci se ne accorge anche durante l'addestramento: mentre i cani giovani sono subito esausti e perdono la concentrazione, quelli più anziani mostrano una maggiore capacità di mantenere stabile l’attenzione anche a lungo.

 

Inoltre, i cani anziani che sono stati in difficoltà e poi  risultano essere particolarmente riconoscenti. Sanno quello che ti devono e faranno di tutto per compiacerti. Il cane adottato da adulto ti mostrerà ogni giorno questa sua gratitudine per la possibilità che gli hai dato, e non solo quando avrai voglia di coccole ma anche quando ti aspetterai che obbedisca ai tuoi comandi.

 

  • I cani senior apprezzano il dolce-far-niente

Mentre i cuccioli non ne hanno mai abbastanza di giocare e vorrebbero divertirsi con te tutto il giorno, i cani più anziani apprezzano i tempi del riposo. Amano addormentarsi nella loro nuova cuccia e non si indispettiscono se vengono lasciati soli per un po’. Un cane non più giovane è felice anche di una breve passeggiata intorno all’isolato e non ha bisogno di fare ogni giorno qualcosa di entusiasmante.

La quantità di esercizio e di attività necessaria varia ovviamente da cane a cane. Le razze cosiddette “da lavoro”, in particolare, rimangono attive per tutta la vita e necessitano di dare un senso alle loro giornate anche durante la vecchiaia. Tuttavia, con il passare degli anni, anche il quattrozampe più sportivo impara a godersi la quiete: dopotutto, riposarsi è un ottimo modo per ricaricare le batterie in vista della prossima passeggiata con il proprio umano.

Cane
  • Sono meno costosi

Nel migliore dei casi, al momento dell’adozione dal canile, un cane adulto viene consegnato già vaccinato, sverminato e dotato di microchip. Molti cani anziani sono anche già stati castrati. Se scegli di adottare un cane senior, di solito puoi evitare costose spese veterinarie per le vaccinazioni e l'eventuale intervento di castrazione. Inoltre, l’adozione di un animale proveniente da un canile o da un rifugio di norma non comporta spese, cosa che non si può dire dell’acquisto di un cucciolo da un allevatore. Anche nel caso in cui optassi per un animale di razza, il prezzo di acquisto di un esemplare adulto o anziano sarà notevolmente inferiore a quello di un cucciolo, che costa facilmente 1.000 euro o più.

 

Ovviamente, può accadere che il cane si ammali, invecchiando, e che tu debba sostenere spese dovute a visite e terapie veterinarie, ma si tratta di costi che anche adottando un cucciolo devi mettere in conto, prima o poi. Scegliendo per lui un’alimentazione basata sulle sue esigenze nutrizionali, facendo regolari controlli dal medico veterinario, rispettando la profilassi delle vaccinazioni raccomandate e prendendoti cura del tuo animale in maniera idonea alla specie, puoi riuscire ad evitare molte delle classiche patologie connesse alla vecchiaia, o almeno riconoscerle in tempo utile, in modo che sia possibile un trattamento più veloce e quindi meno costoso. Quando adotti un ​​cane, informati sempre sulle eventuali sintomatologie che presenta e sulle possibili malattie dei genitori, se note. In definitiva, scegliendo un cane anziano non “compri a scatola chiusa”: puoi conoscerlo in anticipo, con il vantaggio di gestire meglio le eventuali criticità del tuo nuovo amico.

Non sei ancora convinto?

Decidendo di adottare un cane adulto o anziano, sai cosa aspettarti. Tutta la fatica che inevitabilmente comporta l'acquisto di un cucciolo (numerosi appuntamenti per le vaccinazioni, iscrizione ad una scuola cinofila, percorsi di educazione e socializzazione, pasti più frequenti, etc.) ti viene risparmiata, con un cane adulto. Le persone che non possono dedicare diverse ore al giorno ad insegnare al cucciolo ad andare al guinzaglio o a fare i suoi bisogni fuori casa, di solito sono più a loro agio insieme ad un peloso già adulto. E anche se lentamente il suo muso imbianca e l'andatura si fa più lenta, la gratitudine e l'amore assoluti di un cane a cui hai regalato una nuova casa e quindi una seconda possibilità ti toglieranno gli ultimi dubbi, in merito alla bontà della tua decisione di adottare un cane anziano.

I nostri articoli più utili

I segnali che dimostrano che il mio cane mi vuole bene

Il mio cane mi vuole bene? Quando amiamo qualcuno, naturalmente desideriamo che quel qualcuno nutra per noi gli stessi sentimenti che proviamo per lui. Quindi anche nei nostri animali vogliamo leggere quei segnali, che ci permettono di capire che ci hanno a cuore tanto quanto noi abbiamo a cuore loro. Tuttavia i cani hanno modi diversi di mostrare il loro amore e non potendo usare le parole per dire "ti voglio bene", trovano altri modi molto teneri per mostrarci il loro affetto. Riconoscere questi segnali è più facile di quanto sembri poiché la capacità di comprendere il linguaggio dei nostri amati cani si cela nell'istinto di ognuno di noi.

I segnali che dimostrano che il cane è felice

"Come faccio a capire che il mio cane sta bene?", "Come posso essere sicuro che nel mio rapporto con lui agisco correttamente e che con me ha una bella vita che lo rende felice?". Queste sono domande che i padroni dei cani si pongono spesso. Le probabilità che il cane sia felice sono molto alte, soprattutto se lo tieni in movimento ed è in salute. Questo risultato lo otterrai non solo trascorrendo almeno qualche ora al giorno giocando con il cane, ma anche nutrendolo nella maniera adeguata. Sotto questo aspetto, non ci stancheremo mai di sottolinearlo, una corretta alimentazione del cane è assolutamente determinante per la sua salute fisica e mentale e, di conseguenza, per il suo stato d’animo. Infine una spiegazione conclusiva in merito alla felicità del tuo animale è data anche dal quadro ormonale.

Il cane può dormire nel letto?

È difficile trovare una risposta univoca a questa domanda. La questione è parecchio dibattuta e i pareri sono contrastanti. Probabilmente le argomentazioni a sfavore di quest'abitudine pesano abbastanza. Ti mostriamo alcuni pro e contro per aiutarti a decidere se lasciar dormire il tuo cane con te oppure no, certi che il rapporto con il tuo cane rimarrà splendido in ogni caso!