Cosa fare quando il gatto sporca in casa

Gatto

Come è noto, il gatto per natura è un animale pulito. Se ad un certo punto il tuo micio smette di usare correttamente la toilette o di lavarsi, si tratta di un vero e proprio campanello di allarme che indica possibili problemi di salute, fisica o psichica. Ci sono molti modi in cui può esprimersi questa condotta anomala. Se il tuo gatto fa i suoi bisogni fuori della lettiera, non si può certo ignorare il problema. Ma anche nel caso in cui il tuo micio non si pulisca più o lo faccia troppo spesso occorre fare attenzione: all’origine potrebbe esserci una grave patologia fisica o psichica.

Il primo step: consultare il proprio medico veterinario

Se il tuo gatto mostra un comportamento anomalo rispetto alla sua igiene personale oppure sporca in giro per casa, il primo step dovrebbe essere sempre quello di consultare il tuo veterinario di fiducia. Un medico può visitare il tuo animale accuratamente ed escludere cause fisiche. Una pulizia eccessiva, infatti, può essere l’espressione di un’allergia o il tipico segno della presenza di parassiti. Un comportamento igienicamente non adeguato da parte di un gatto, invece, si verifica spesso quando vi sono infezioni alla vie urinarie o a carico di altri organi. Se invece il tuo animale sul piano fisico è sano, è opportuno indagare sulle altre possibili cause.

Gatto

Perché il gatto prende a fare i suoi bisogni fuori dalla toilette?

Cosa deve mai accadere perché un animale pulito come il gatto prenda a comportarsi in maniera igienicamente inappropriata? Se non ci sono ragioni fisiche e il veterinario esclude qualsiasi patologia, una simile condotta indica una sola cosa: stress cronico. Tieni a mente prima di tutto una cosa: il tuo gatto non vuole certo infastidirti, con questo suo comportamento. Il più delle volte non si rende conto del disagio che provoca ai suoi umani urinando in luoghi indesiderati: spesso, semplicemente, non trova un altro modo per esprimere il suo disagio. Se lo punisci, lo sgridi o peggio ancora gli immergi il naso nella sua urina, non solo non lo aiuti ma crei solo più stress, mettendo in atto un circolo vizioso dagli effetti disastrosi. Il tuo gatto continuerà a sentirsi sotto pressione e il problema della sua minzione inappropriata potrà solo aggravarsi. La cosa migliore che puoi fare, invece, è investire le tue energie nell’individuazione della causa di questo comportamento anomalo.

Spesso, una condotta igienicamente inadeguata è correlata a condizioni di vita non idonee. Magari hai adottato un gattino che proviene dalla campagna, ma non puoi offrirgli la compagnia di un altro gatto, un adeguato spazio esterno o qualcosa da fare per riempire le sue giornate. Magari invece lavori molto e il tuo animale resta solo tutto il giorno. Oppure di recente ci sono stati cambiamenti importanti, nella vita del tuo gatto: un trasloco, l’arrivo di un nuovo partner o di un bebè. Forse hai posizionato la toilette in un punto infelice della casa, poco discreto, e il tuo gatto non si sente a suo agio a fare i suoi bisogni in una stanza di passaggio del vostro appartamento; oppure ancora gli altri gatti di casa non lo lasciano in pace quando vuole fare i suoi bisogni.

Le abitudini igieniche del gatto

Per il gatto l’atto di lavarsi è come dormire: una parte essenziale della sua vita quotidiana. I nostri amati felini domestici sono animali molto puliti, che usano la lingua per rimuovere i peli caduti dal loro mantello nonché erba, foglie e piccoli frammenti di sporco rimasti tra i peli, ad esempio dopo aver usato la toilette. Quando capita che le abitudini igieniche del gatto non siano nella norma, ciò può tradursi in una pulizia insufficiente o, al contrario, in una eccessiva pratica igienica.

La durata e l’intensità con cui un gatto si dedica alla sua igiene personale sono aspetti legati essenzialmente al carattere del singolo animale. Diverso è il caso in cui un micio cambi improvvisamente il suo comportamento in fatto di igiene: in questo caso il cambiamento è motivo di preoccupazione.

Un discorso a parte merita il cosiddetto "overgrooming", termine con il quale si fa riferimento ad un comportamento di pulizia improvviso ed eccessivo da parte del gatto. Comunemente si identifica questa condotta anomala con un disturbo ossessivo compulsivo. Spesso ci si accorge del fatto che qualcosa non va solo quando si scoprono aree glabre sulla pancia, all'interno delle cosce, alla base della coda o in altre aree del mantello del gatto. L'overgrooming può avere cause fisiche o psicologiche. Se il tuo veterinario non riscontra un problema di salute come un'allergia o un'intolleranza alimentare, la causa va identificata in uno stato di forte stress.

Lo stesso dicasi per una condotta di pulizia insufficiente. Se il tuo gatto non si pulisce più da solo, dopo aver usato la toilette, ciò può essere dovuto all'avanzare dell'età o ad un'infezione nella zona della bocca. Tuttavia non possono essere esclusi né lo stress cronico né i disturbi d'ansia.

Prendi in considerazione anche le condizioni di vita del tuo gatto. Il tuo micio dorme abbastanza e sembra avere sufficienti occupazioni? Hai forse l'impressione che sia stressato, magari soprattutto in presenza di determinati (nuovi?) membri della famiglia o in un determinato momento della giornata? Magari il tuo gatto anziano non riesce più riposare a causa del nuovo gattino di casa. Sono tutti aspetti che è bene valutare con attenzione.

Gatto

L’aiuto di un esperto

Nel caso in cui, nonostante tutti i tuoi sforzi, tu non riesca a trovare alcuna ragione per cui il tuo gatto debba avere all’improvviso una condotta igienica inappropriata, si senta a disagio, marchi eccessivamente, non si pulisca o al contrario lo faccia eccessivamente, possono venirti in aiuto i cosiddetti "terapisti del comportamento felino" o "psicologi felini". Si tratta di esperti che si occupano in maniera approfondita del comportamento del gatto e possono aiutarti a mediare tra te e il tuo pet, identificando i problemi e guidandoti verso la risoluzione delle eventuali difficoltà a livello di convivenza.

Auguriamo tutto il meglio a te e al tuo gatto!

I nostri articoli più utili

Insegnare dei comandi al gatto: 10 esercizi per tipi in gamba!

I gatti sono animali curiosi, hanno sempre voglia di scoprire cose nuove, e amano divertirsi in compagnia del loro padrone. Per far sì che non diventi un vero pigrone, è importante fornirgli qualche svago e fargli svolgere qualche esercizio che stimoli la sua intelligenza. Anche i gatti che solitamente vivono all'esterno saranno felici di imparare qualche semplice comando.

Educare un gattino: i fondamentali

Nelle prime settimane di vita, i gattini imparano molto dalla loro madre e anche dai loro fratelli. Nonostante ciò, l’educazione dei giovani gatti da parte della persona che se ne prenderà cura è assolutamente indispensabile: dopo tutto, la mamma non alleva i suoi gattini secondo gli standard umani.

Abituare il gatto al guinzaglio

Un gatto al guinzaglio: ma ha senso? Assolutamente sì! Con il giusto allenamento in realtà ai nostri amici felini non dispiace affatto. Certo, la passeggiata al guinzaglio non è una prerogativa scontata adatta a tutti i mici. Ecco perché con questo articolo vogliamo spiegarti come puoi abituare il tuo gatto al guinzaglio.