Il collare con campanellino per il gatto

Scritto da Bärbel Edel
collare campanellino gatto

Siamo sicuri che sia proprio il caso di far indossare un collare con campanellino al gatto?

Per proteggere gli uccelli in giardino, alcuni acquistano un collare con campanellino per il gatto. Questo nella speranza che il suono funga da avvertimento e permetta a passeri e fringuelli di mettersi in salvo. Ma è davvero una buona idea?

Il campanellino protegge davvero gli uccelli?

gatti da appartamento, in genere, non catturano altro che mosche e ragni. Gli spiriti liberi, invece, vivendo anche all’esterno, portano a casa bottini ben più voluminosi e purtroppo non si tratta solo di topi. Succede spesso, infatti, di ritrovarsi in casa qualche uccellino morto o agonizzante, catturato dal nostro pelosetto tutto fiero per il successo della sua battuta di caccia.  

Ed ecco che si accende una lampadina: perché non far indossare al micio un   con campanellino? Lo scopo sarebbe quello di lanciare un avvertimento alle possibili prede, evitando così la strage di uccellini.

Peccato però che questo accessorio sia una vera e propria tortura per il gatto, oltre a non essere nemmeno utile per proteggere i volatili che frequentano il nostro giardino.

I campanellini sono nocivi per i mici?

Ebbene sì, i campanelli non fanno per niente bene ai gatti, in ragione del fatto che i nostri amici felini percepiscono i rumori ben 4 volte più amplificati rispetto a noi.

Per il tuo micio significherebbe essere esposto ad un fastidio insopportabile e continuo, capace di diventare nel giro di poco tempo una significativa fonte di stress.

Un udito super sensibile

I gatti si avvalgono di un udito molto più sviluppato del nostro. La gamma di frequenze udibili per un umano può arrivare ad un massimo di 20.000 Hz, mentre i mici adulti possono percepirne fino a 65.000. Ma sapevi che i gattini toccano addirittura soglie di 100.000 Hz?

 

Questi simpatici felini ci superano anche in quanto a intensità: possono captare lo squittio di un topolino anche a 20 m di distanza. Gli esperti stimano che siano dotati di capacità uditive di 3 o 4 volte superiori alle nostre.

Collare con campanellino per il gatto: come avere l’acufene

È chiaro quindi che il tintinnio del campanellino viene percepito dal povero gatto che lo indossa in modo estremamente amplificato rispetto alla nostra percezione di quel suono. E a peggiorare il tutto vi è il fatto che il rumore ha origine dal collarino, che si trova a pochi dalla sua testa.

E non dimentichiamo che il suono lo accompagna costantemente, 24 ore su 24, 7 giorni su 7. In pratica il povero gatto non ha mai tregua e l’effetto è simile a quello che si prova quando si soffre di acufene.

Il gatto possiede un udito incredibilmente sviluppato: evita di sottoporlo ad inutile stress

Quanto può essere dannoso un collare con campanellino per il gatto?

Tieni presente che anche il collarino in sé può rappresentare un per il tuo micio. E non stiamo parlando di un semplice fastidio, quanto piuttosto di un concreto rischio di strangolamento o soffocamento. Insomma, il collarino al collo del gatto è molto pericoloso.

Rischio di soffocamento

Molti gatti sono rimasti seriamente feriti cercando in tutti i modi di liberarsene. Ad esempio alcuni riescono ad infilare una zampa anteriore attraverso il collare, ma poi non sanno più toglierla. A volte, sfortunatamente, tra collo e zampa incastrata, il collare diventa talmente stretto da provocare tagli profondi.

Nei casi peggiori può accadere che il flusso sanguigno si interrompa, rendendo necessaria l’amputazione della zampa rimasta incastrata nel collarino, sempre che il gatto torni a casa vivo nonostante la sua grave condizione e possa essere portato in tempo dal veterinario.

Rischio di strangolamento

Altrettanto pericoloso è quando il collare resta impigliato nel musetto del gatto, come fosse un morso da cavallo, oppure in un ramo, lasciando il micio penzoloni senza che si possa liberare. In questo caso potrebbe addirittura andare incontro ad una morte atroce per strangolamento.

Un’orribile fine che può capitare anche ai gattini smarriti, i quali, crescendo, si ritroveranno ad avere un collare eccessivamente stretto, che si trasformerà infine in un cappio alla gola.

Chiusure di sicurezza: non sempre ci si può fidare

Per tutte queste ragioni, è meglio evitare i collarini per gatti, con o senza campanello. Anche quelli con chiusura di sicurezza sono rischiosi, perché in realtà non è detto che si aprano immediatamente qualora il tuo gatto venga a trovarsi in una situazione di emergenza.

Collare con campanellino per il gatto: funziona con gli uccelli?

Il collare con campanellino per il gatto non solo rappresenta un supplizio per il nostri amico felino, ma si rivela anche inefficace come sistema di protezione degli uccelli.

Se da un lato, infatti, molte specie utilizzano versi specifici per avvertirsi del pericolo rappresentato da un potenziale predatore, dall'altro non sono soliti associare un tintinnio ad un segnale di pericolo.

E poi, se il tuo gatto trova dei piccoli indifesi in un nido, non sarà certo un campanellino a metterli in salvo!  Se non sono ancora in grado di volare e non possono fuggire, purtroppo hanno ben poche chance di sopravvivere al desiderio di cacciare del tuo micio.

Infatti si sentono in giro parecchie storie di gatti che hanno imparato a cacciare pur avendo al collo un campanellino: si muovono in modo così cauto e felpato da cogliere di sorpresa la loro preda, senza che dal collare provenga alcun rumore.

Riassumendo... una sfilza di svantaggi

Anche se il collare con campanellino per il tuo gatto può sembrarti un’idea carina e persino utile,  il benessere del tuo gatto dovrebbe sempre essere la tua priorità, quindi il nostro consiglio è di rinunciarvi senza rimpianti.

Al massimo può essere utile far indossare un collarino con targhetta al gatto solo in ben determinate circostanze: ad esempio se vi trovate a viaggiare in aereo, oppure se lo lasci in una pensione per gatti e ti senti più sicuro sapendo che il tuo micetto indossa un collarino con i dati per rintracciarti.

Nel migliore dei casi, quel tintinnio costante creerebbe molto stress al tuo micione. Nel peggiore, invece, il collare può diventare un serio pericolo per la sua stessa vita. Insomma, puoi tranquillamente fare a meno di questo accessorio, soprattutto perché non aiuta nemmeno a proteggere gli uccellini che passano dal tuo giardino.


Bärbel Edel
Profilbild von Magazin-Autorin Bärbel Edel

Sono una giornalista con un grande interesse per la relazione tra l’uomo e gli animali, argomento che ho approfondito anche a livello universitario. Alcuni anni fa ho adottato un gatto di nome Elvis, un trovatello che si trovava nel canile di Monaco di Baviera e che nel giro di poco tempo è diventato il boss di casa. Proprio la relazione con Elvis ha ispirato il mio blog “Lieblingskatze” e mi ha portato ad occuparmi, come giornalista, di argomenti legati al mondo animale. Con i miei articoli spero di aiutare le persone a capire ancora meglio i loro pet.


I nostri articoli più utili
9 min

10 cose che dovresti sapere prima di adottare un gatto

Niente da dire: i gattini sono davvero carini! Talmente carini che molte persone fanno entrare precipitosamente un micio nella loro vita senza aver prima adeguatamente affrontato il tema dell’educazione del gatto e del suo mantenimento. Eppure i teneri gattini diventano presto gatti adulti con esigenze che ti accompagneranno per i prossimi 15-20 anni! L’adozione di un gattino o di un gatto adulto dovrebbe quindi essere prima meditata a lungo! Con questo articolo sulle „10 cose che dovresti sapere prima di adottare un gatto“, vogliamo aiutarti in questo processo decisionale.
5 min

Quando il gatto ti vuole bene: 5 segnali per capirlo

Un rapporto sereno e armonioso con il tuo gatto si fonda sull'affetto. Ma come lo si crea e soprattutto come dimostrano il proprio amore i nostri amici felini? I gatti sono considerati creature indipendenti e difficili da interpretare, ma questi 5 comportamenti ti dicono se e quanto il gatto ti vuole bene.
12 min

Convivenza cane-gatto: sfatiamo qualche mito

“Sono proprio come cane e gatto!”. Siamo cresciuti sentendo ripetere questo modo di dire secondo il quale i nostri fedeli compagni cani e gatti non riuscirebbero in nessun modo ad andare d’accordo. Ma è davvero sempre così? O forse esiste un modo di impostare felicemente la convivenza cane-gatto?