Viaggiare in aereo con il gatto

katze im flugzeug

Viaggiare in aereo con il gatto

Viaggiare in aereo per il tuo gatto è molto più difficile che viaggiare in auto. Odori sconosciuti, rumori forti e il cambiamento di pressione rendono il volo un'esperienza non molto piacevole. Tuttavia non sempre si può evitare di portare il gatto con sé in aereo. Poco importa se si tratta di un trasferimento o di un soggiorno lungo all’estero: con un pochino di preparazione renderai il viaggio in aereo il più piacevole possibile per il tuo amico felino.

Burocrazia

Chi vuole portare con sé in aereo il proprio gatto deve prima di tutto controllare le condizioni valide per la compagnia aerea con cui viaggerà. Mentre alcune compagnie non accettano animali in cabina, ma solo nella stiva, altre invece ne consentono la presenza. Il regolamento varia a seconda del peso e della misura del trasportino: nella maggior parte dei casi sono preferibili i trasportini morbidi. Normalmente gli animali devono essere dichiarati al momento della prenotazione dei biglietti e va pagata la relativa tassa.

Se andrai all’estero, dovrai fare anche attenzione ai regolamenti di ingresso del paese di destinazione. Potrai trovare le informazioni necessarie sulla homepage del relativo consolato. A seconda dei regolamenti il gatto potrà aver bisogno di un certificato di salute o di particolari vaccinazioni. In ogni caso il passaporto UE per gli animali domestici è d’obbligo. Non dimenticare di portare con te tutta la documentazione necessaria!

Medicine

Anche se pensi di far qualcosa di buono per il tuo gatto, somministrargli tranquillanti potrebbe non essere la soluzione migliore, anzi per alcune compagnie aeree è addirittura vietato. Il motivo? Le medicine somministrate in alta quota hanno un effetto molto più forte rispetto quelli che avrebbero sulla terraferma. Per questo molte compagnie aeree consigliano di non trasportar animali sedati, né in stiva né in cabina.

Chi vuole tranquillizzare il proprio gatto, può ricorrere invece agli spray Feliway o Feliway Friends ai feromoni, o come alternativa d’emergenza, ai fiori di Bach. Nei negozi per animali sono disponibili dei globuli a base di un mix di fiori di Bach, medicinale 100% omeopatico. Integratori come l’amminoacido triptofano dovrebbero aiutare a rilasciare maggiore serotonina (l'ormone della felicità) nel cervello, e quindi portare a maggiore tranquillità.

Controlli di sicurezza

Per i controlli di sicurezza gli animali che viaggiano in cabina devono essere tirati fuori dal trasportino. In questo caso puoi chiedere di poter disporre di uno spazio separato e ricorda agli impiegati che un gatto che scorrazza qua e là non è di aiuto a nessuno, anzi, può ostacolare le procedure: molto spesso insistere aiuta!

Durante il volo

Prepararsi al volo significa prepararsi a una situazione particolare: rimanere in un aereo in cui con il decollo aumenta la pressione nella cabina è tutt’altro che piacevole per il tuo gatto. Ma ognuno reagisce a modo suo: alcuni rimangono calmi, altri si lamentano. Altri ancora finiscono nel panico totale o respirano velocemente. Poco importa che cosa gli succede intorno: durante il volo i gatti devono sempre rimanere nel trasportino, che deve essere chiuso e che deve rimanere al suo posto. Queste regole sono esplicate dalle stesse compagnie aeree, e hanno delle ragioni per esistere: nessuno vuole che un gatto scappi sull’aereo…Questo anche per evitare il contatto con altri viaggiatori, che potrebbero avere paura o essere allergici, e naturalmente per evitare ore e ore di ricerca.

A seconda della lunghezza del volo puoi però offrire un po’ d’acqua o calmare il tuo gatto…Un sorso d’acqua o un pochino di pasta per gatti lo motivano ad idratarsi e possono aiutare in caso di alta pressione. Non ogni gatto desidera infatti bere durante il viaggio: ma la sete c’è e c’è bisogno di assumere liquidi. Per animali di indole docile si può spruzzare con una piccola siringa senza ago del liquido in bocca. Inoltre questa soluzione risulta semplice, facile da portare nella borsa e da utilizzare. Non desistere se quando ti avvicini il gatto si allontana o addirittura soffia: il trovarsi in aereo è davvero una situazione estrema!

Grazie al sistema d'aria condizionata spesso nell’aereo fa un pochino freddo: un asciugamano sul trasportino potrebbe quindi aiutare a riparare il tuo gatto dalla corrente. Tuttavia non tutti i gatti amano viaggiare al buio…Molti trasportini in tessuto, come Sturdibag, hanno però diverse finestre, che possono essere chiuse con delle cerniere a seconda delle necessità e poi riaperte nuovamente.

 

L'atterraggio

Finalmente arrivati! Quando si arriva in aeroporto però il viaggio non è ancora finito. Se stai viaggiando in un paese straniero, c’è ancora il controllo doganale. Molto spesso questo non coinvolge gli animali domestici, ma in ogni caso tieni con te il certificato di salute e il passaporto del tuo animale. Senza questi l’arrivo e il ritorno non sono possibili. Puoi trovare maggiori informazioni sul sito del consolato del paese in oggetto.

 

Dopo il volo

A casa, nel luogo di vacanza o in un nuovo posto il tuo gatto sarà leggermente spaventato: lascialo tranquillo! Mentre si abitua alla nuova situazione puoi anche utilizzare eventualmente Feliway o fiori di Bach.

Auguriamo a te e al tuo gatto un buon viaggio!

Articoli più letti

Gatto del Bengala

Il gatto del Bengala è una razza felina davvero unica. È un gatto domestico nel vero senso della parola, ma nelle sue vene scorre un pizzico di sangue selvatico. Le razze ibride come il Bengala o il Savannah rappresentano la nuova tendenza dell’allevamento felino. Ma cosa sono questi ibridi e a cosa bisogna prestare attenzione quando si decide di introdurre in casa un incrocio tra un gatto domestico e uno selvatico? Questo articolo ti fornirà le risposte a tanti dubbi.

Norvegese delle Foreste

Il gatto delle foreste norvegesi è il frutto di una lunga selezione naturale. Ha fatto la sua comparsa proprio in Norvegia, da dove ha iniziato a conquistare sempre più estimatori grazie al suo aspetto imponente e selvaggio e alla sua indole.

British Shorthair

La razza British Shorthair è ritenuta la più antica razza felina britannica. Si dice che sia stata portata dai Romani in Gran Bretagna, dove è rimasta per lungo tempo isolata. Da oltre 100 anni i British Shorthair vengono allevati in modo mirato. Nel 1871 i primi gatti British Shorthair vennero esposti al Crystal Palace.