L’udito formidabile del gatto

gattino all'aperto

Meglio dell’uomo e del cane

L’udito e la localizzazione dei suoni nel gatto sono decisamente migliori che nell’uomo. La soglia superiore di udibilità per gli animali adulti è di ca. 50.000 Hz e i gatti giovani sono addirittura in grado di sentire suoni con una frequenza di 100.000 Hz, mentre noi umani al massimo riusciamo a percepire suoni con una frequenza di 20.000 Hz. Nei soggetti anziani questo dato tende a diminuire rapidamente, il che risulta evidente quando gli anziani non riescono più a sentire i fischietti ad ultrasuoni oppure i suoni emessi dai pipistrelli. Anche i cani, con un limite del campo uditivo pari a 40.000 Htz, sono inferiori ai gatti.

Pianissimo

Anche per quel che riguarda l’intensità del suono i gatti sono decisamente avanti rispetto a noi. Un suono per noi appena percepibile, da loro può essere percepito a 1/1000 della sua intensità. Per non essere schiacciati da un enorme sottofondo sonoro proveniente da tutte le direzioni, i gatti filtrano e selezionano i suoni che per loro sono significativi: per esempio i topi emettono sempre un leggero squittio per rimanere in contatto con i loro simili. Il gatto riesce a percepirlo anche da una distanza di 20 metri. Con l’età anche nel gatto l’udito si indebolisce, ma rimane sempre così fino che insieme al tatto potrebbe sostituire completamente la vista. Quindi un gatto cieco non è mai disorientato.

Sempre in ascolto

La conseguenza di questo udito eccezionale è evidente: i gatti detestano la musica ad alto volume e le urla. A causa della loro tecnica “venatoria” per loro è sempre stato importante percepire anche i rumori più lievi. Anche se adesso molti gatti non devono più cacciare per la sopravvivenza, il loro udito continua a essere ultrasensibile. Registrano gli ultrasuoni prima che noi ci accorgiamo che si sta profilando qualcosa di insolito. Anche nel sonno le loro orecchie sono sempre in ascolto. Forse è per questo che hanno bisogno di così tanto riposo, perché manca loro il sonno veramente profondo e ristoratore!

 

Prenditi cura dell'udito del tuo gatto con i prodotti specifici per la cura delle sue orecchie.

I nostri articoli più utili

Il coronavirus nel gatto

I coronavirus non sono presenti solo nei proprietari di animali, ma anche nei loro amici a quattro zampe. Contrariamente al nuovo coronavirus umano, però, i gatti conoscono i coronavirus felini (FCoV) già da molti anni. Questi virus includono il coronavirus enterico felino (FECV) e il virus molto più noto della peritonite infettiva felina (FIP). Quest’ultimo causa la patologia mortale della peritonite infettiva felina che in alcuni casi conduce ad un accumulo di liquidi nel torace o nell’addome. Le persone che contraggono il coronavirus, invece, in particolare le persone immunodepresse come gli anziani e i malati, soffrono di sintomi analoghi a quelli influenzali.

Calcolare l’età del gatto

Come è noto, non è difficile calcolare l’età di un cane: un anno di un cane equivale all’incirca a sette anni di una persona, fermo restando che hanno una certa incidenza anche la razza e il peso del cane. Ma come si fa a calcolare l’età di un gatto? E soprattutto quanto a lungo vivono i gatti? Da che età un gatto può essere considerano anziano?

La castrazione del gatto

I padroni sono spesso dubbiosi quando si tratta di profilassi e castrazione per il proprio gatto. Una castrazione precoce sembra essere essenziale però quando si tratta di gatti senza un padrone o di gattili strapieni. Faccio qualcosa di sbagliato al mio gatto quando gli impedisco di avere una prole? Quand’è il periodo idoneo per la castrazione? Come si differenzia una sterilizzazione da una castrazione? E quand’è il periodo giusto per l’intervento?