Capibara

Scritto da Natalie Decker
capibara

Il Capibara è il più grande roditore vivente al mondo e i video che lo ritraggono sono diventati virali su Tik Tok, Instagram e altri social media

Il Capibara è originario del Sud America. Come il castoro o la lontra, vive nei pressi di grandi specchi d’acqua. Questo simpatico roditore è molto popolare su TikTok, Instagram e altri social media. Ma cosa rende questa creatura esotica così speciale? Può essere allevato come animale domestico? Leggi questo articolo per saperne di più sul peloso più trendy del momento.

Aspetto: il roditore più grande del mondo

Il Capibara (nome scientifico: Hydrochoerus hydrochaeris) è il più grande roditore vivente. Con una lunghezza di 100-134 cm e un’altezza al garrese di 50-62 cm, ha le stesse stesse dimensioni di un Golden Retriever. Il suo peso è addirittura molto superiore a quello di questo cagnolone e si aggira tra i 50 e i 75 kg.

Questa specie appartiene alla famiglia dei caviidi (Caviidae) e in effetti somiglia un po’ al Porcellino d’India. Il pelo di questo imponente roditore è lungo, ruvido e di un colore che va dal bruno-rossastro al grigio-giallastro. Il mantello, però, non è molto folto. In alcuni punti è addirittura così sottile da far trasparire la sua pelle.

Corpo tozzo, testa larga

La testa larga del Capibara ha un aspetto incredibilmente massiccio. Orecchie, occhi e narici sono disposti in linea sulla sommità della testa. Questo permette a questo peloso di avere una visione ottimale dell’ambiente circostante, anche quando la maggior parte del corpo è sott’acqua.

Il suo corpo è grassoccio e massiccio, con arti corti e una coda cortissima, quasi assente. Le dita – quattro negli arti anteriori e tre in quelli posteriori – sono palmate. Come gli altri roditori, possiede dei denti incisivi “a scalpello” a crescita continua, perfetti per rosicchiare.

Una piccolissima differenza tra maschi e femmine

I maschi e le femmine di questa specie non si differenziano quasi per nulla dal punto di vista estetico. Tuttavia, i maschi hanno una speciale ghiandola odorosa sul muso. Le femmine sono in media leggermente più grandi dei maschi.

capibara con cuccioli
I cuccioli di Capibara nascono già completamente ricoperti di pelo.

Il Capibara popola gran parte del Sud America. Questo simpatico roditore è presente in Colombia, Venezuela, Guyana, Ecuador, Brasile, Bolivia, Paraguay, Uruguay e Argentina.

Poiché ama stare in acqua, il suo habitat naturale si trova principalmente lungo i grandi fiumi, come l’Orinoco, il Rio delle Amazzoni, il São Francisco e il Río de la Plata. Anche laghi, stagni e foreste di mangrovie ospitano questi mammiferi. Il Pantanal, la più grande zona umida del mondo, ospita un numero particolarmente elevato di questi pelosi.

I nuovi habitat del Capibara

A differenza di molti altri animali selvatici, il Capibara può sopravvivere piuttosto bene in prossimità delle zone residenziali. In alcuni casi ne trae addirittura vantaggio, ad esempio quando le foreste secche o le savane con arbusti spinosi vengono convertite in piantagioni o pascoli per il bestiame. I sistemi di irrigazione artificiale e le fonti d’acqua, infatti, creano nuovi habitat per questo roditore extra-large amante dell’acqua.

Il Capibara è ritenuto un animale pacifico. Negli zoo viene spesso tenuto insieme ad altre specie sudamericane, come alpaca, tapiri o formichieri. Questo tranquillo roditore va generalmente d’accordo anche con gli uccelli: tollera persino che un uccellino si sieda sulla sua testa o sulla sua schiena.

Questo socievole quadrupede vive in branco insieme ad altri conspecifici. Il branco è generalmente composto da un numero di Capibara compreso tra 6 e 20. Durante la stagione secca, quando molti di questi mammiferi si radunano presso i laghi e i fiumi, i gruppi possono temporaneamente diventare molto più numerosi. Questi roditori comunicano tra loro utilizzando diversi versi come fischi, fusa, grugniti e clic.

Crepuscolare o notturno

Il Capibara non scava delle tane. Durante il giorno sonnecchia in acque poco profonde o in pozze d’acqua. Generalmente, è attivo al crepuscolo e va in cerca di cibo solo nel tardo pomeriggio o al mattino presto.

Di notte, il Capibara si ritira sulla terraferma e dorme protetto da una fitta vegetazione. Nelle aree in cui è perseguitato dall’uomo, modifica il suo comportamento e diventa notturno.

Un eccellente nuotatore

I suoi nemici naturali sono il giaguaro, il puma, lo speoto, il caimano e l’anaconda. Talvolta, gli esemplari giovani vengono predati anche dagli uccelli rapaci.

In caso di pericolo, il Capibara preferisce rifugiarsi in acqua. Questo simpatico roditore non solo è un eccellente nuotatore, ma è anche in grado di chiudere le narici e immergersi per cinque minuti.

Il termine “Capibara” deriva dalla lingua indigena Guaraní e può essere tradotto come “signore delle erbe”. Un nome appropriato, dato che l’animale è uno dei più grandi erbivori del Sud America.

Rigorosamente vegetariano

La sua dieta consiste principalmente in erbe palustri e piante acquatiche. Di tanto in tanto, tuttavia, questo grosso roditore invade anche le piantagioni e si nutre di colture come la canna da zucchero o il mais.

Buono a sapersi: come il Porcellino d’India e il Coniglio, anche il Capibara si nutre delle sue feci intestinali. In questo modo, può assimilare tutti i principi nutritivi contenuti nelle piante difficilmente digeribili che sono alla base della sua dieta.

Quanto mangia un Capibara?

Un esemplare adulto ha bisogno di circa 2,7-3,6 kg di erba al giorno. Solo quattro o sei specie vegetali costituiscono la parte principale della dieta, tra queste la cosiddetta “erba palustre delle Indie occidentali” (Hymenachne amplexicaulis).

I Capibara si accoppiano durante tutto l’anno. La maggior parte dei piccoli nasce durante la stagione delle piogge, che nella parte settentrionale del Sud America cade tra aprile e maggio, nella parte meridionale in ottobre.

Generalmente, le femmine danno alla luce una cucciolata all’anno, raramente due. Dopo un periodo di gestazione di circa 110-150 giorni, nascono da quattro a otto piccoli. Dato che questi mammiferi non costruiscono dei nidi, il parto può avvenire in qualsiasi punto del loro territorio.

Il Capibara è una specie nidifuga

I cuccioli di Capibara nascono già completamente ricoperti di pelo e con denti permanenti. Trattandosi di una specie nidifuga, i piccoli possono mangiare l’erba poco dopo la nascita e vengono svezzati a tre o quattro mesi. Raggiungono la maturità riproduttiva a 15-18 mesi.

Il Capibara è ampiamente diffuso in Sud America e non è quindi considerato una specie a rischio di estinzione. Tuttavia, in alcune regioni in cui un tempo erano estesamente presenti, le popolazioni sono diminuite drasticamente o sono scomparse del tutto, ad esempio in alcune zone del Perù o del Venezuela.

Il motivo principale è la caccia. Con la pelle di questo roditore viene prodotto un cuoio di colore chiaro utilizzato, ad esempio, per realizzare guanti, giacche o selle. Inoltre, in queste regioni la carne di Capibara viene trasformata in salsicce o consumata durante il periodo quaresimale.

Quanto vive un Capibara?

In natura, questo gigantesco roditore vive circa 8 – 10 anni. Gli esemplari in cattività possono vivere molto più a lungo: negli zoo non è raro che raggiungano 12 anni o più.

capibara con uccellino sulla testa
A questo pacifico roditore non dà alcun fastidio che un uccellino si posi sulla sua testa o sul dorso

È possibile allevare un Capibara come animale domestico?

In alcuni Paesi, è possibile tenere i capibara come animali domestici. Il commercio internazionale di questi animali non è soggetto ad alcuna restrizione, poiché la specie non è attualmente in pericolo di estinzione.

In Italia, dal 1996 la detenzione di Capibara da parte di privati è proibita per legge, perché specie inserita nell’elenco delle specie selvatiche e pericolose. Questo divieto assoluto potrebbe sembrare eccessivo dato che, come abbiamo visto, questo animale è fondamentalmente pacifico. Non dobbiamo, però, mai perdere di vista la necessità di salvaguardare il benessere dei nostri amici di zampa.

È davvero improbabile che le esigenze di detenzione di questo grande roditore possano essere soddisfatte nelle abitazioni private. In natura, questo mammifero vive in territori che vanno dagli 80 ai 200 ettari.  A ciò si aggiunga che non possono vivere da soli e che, oltre ad uno spazio molto ampio, avrebbero bisogno anche di una grandissima vasca d’acqua in cui immergersi.

Conclusione: una star dei social media

Il Capibara è una vera e propria star sui social media come TikTok e Instagram. Questo simpatico roditore è il protagonista di numerosi meme, video e canzoni. Non sorprende, quindi, che molti amanti degli animali sognino di tenere un Capibara come pet.

Ma anche se in diversi Paesi, ad esempio in Germania, la detenzione privata è teoricamente possibile, questo affascinante peloso è, e rimane, un animale selvatico e può vivere in maniera rispettosa della specie solo in natura nella sua regione d’origine, il Sud America. Se anche tu sei affascinato da questo simpatico roditore e desideri vederlo dal vivo, puoi sempre visitare uno dei tanti zoo che ospitano esemplari di Capibara. Lì l’habitat di questi animali può essere ricreato il più fedelmente e il personale specializzato, dai custodi ai veterinari, può prendersene cura in modo adeguato.

Scheda del Capibara

In breve: Il Capibara è la specie di roditore più grande del mondo. Appartiene alla stessa famiglia del Porcellino d’India ed ha una grande passione per l’acqua
Altezza al garrese: 50-62 cm
Peso: 50-75 kg
Aspettativa di vita: 8-10 anni, in cattività fino a 12 anni e più
Nemici naturali: giaguaro, puma, anaconda, speoto, caimano
Carattere: socievole, pacifico
Pelo: lungo, ruvido, non molto folto
Colore del mantello: da bruno-rossastro a grigio-giallastro
Alimentazione: erbe di palude e piante acquatiche
Raggiungimento della maturità riproduttiva: 15 – 18 mesi
Gestazione: 110 – 150 giorni
Dimensioni della prole: 4 – 8 cuccioli
Area di distribuzione: diverse zone del Sud America
Detenzione come animale domestico: in Italia la detenzione di Capibara da parte di privati è proibita per legge, perché specie inserita nell’elenco delle specie selvatiche e pericolose

Proposte d’acquisto dalla redazione di zooplus

I prodotti selezionati nel box sono proposte effettuate dalla redazione, alimenti e accessori che puoi trovare nel negozio online per animali di zooplus e non costituiscono advertising da parte dei brand citati.


Natalie Decker
Profilbild Natalie Decker (mit Pferd)

Una volta, un famoso comico tedesco disse: "Senza un Carlino la vita è possibile, ma inutile”. Sono assolutamente d’accordo con lui, e anzi aggiungo: "Anche senza un cavallo, un gatto e un coniglio!". Insomma, sono innamorata di tutti gli animali, grandi e piccoli, e ho la grande fortuna di poter scrivere di questa che è la mia grande passione come autrice freelance. Con i miei articoli vorrei sensibilizzare le persone sul benessere degli animali e offrire qualche utile consiglio.


I nostri articoli più utili
11 min

Criceto

Criceto dorato, criceto d'angora, criceto nano ecc. Esistono molti tipi di criceti diversi per colori e taglia: in virtù del loro tenero aspetto e delle loro piccole dimensioni, sono particolarmente amati dai bambini. Tuttavia, i criceti non sono caratterialmente così teneri come sembrano, sono molto delicati, presentano esigenze ben specifiche e richiedono attenzione e dedizione da parte di chi li adotta.
7 min

Degu

I degu sono roditori originari del Cile, dove vivono in spazi aperti e creano delle reti di piccoli passaggi sotterranei che collegano le tane. Il loro aspetto ricorda un incrocio tra il ratto e il cincillà. Come il cincillà e i topi utilizzano abilmente anche le zampe anteriori come se fossero delle manine. I loro artigli consentono loro di salire su rocce e rami. Il degu è attivo di giorno e vive fino a quattro anni circa. Gli piace essere partecipe di quello che succede attorno e avere contatti con gli umani, ragion per cui la sua gabbia va posizionata in un posto tranquillo, ma di passaggio. I degu però hanno una caratteristica poco piacevole: sono roditori non solo per collocazione biologica, ma nel vero senso della parola, quindi attenzione alla loro voglia di rosicchiare!
7 min

Criceto nano

Occhi neri, orecchie piccole, zampette corte e corpo arrotondato: queste sono le principali caratteristiche comuni a tutte le specie di Criceto nano. Quanto alle dimensioni e ai colori, invece, le diverse specie appartenenti a questa razza di piccoli animali mostrano una certa varietà.

Quali sono le diverse specie di Criceto nano?

Esistono in totale 20 specie diverse. Quelle seguenti vengono allevate come animali domestici:
  • Criceto siberiano
  • Criceto nano di Campbell
  • ibridi di siberiano e Campbell
  • Criceto Roborowskijj
  • Criceto cinese
La specie più nota e diffusa come piccolo animale domestico è il Criceto siberiano. Il Criceto cinese, meno diffuso come animale domestico, si distingue per la sua coda lunga, mentre tutte le altre specie hanno la coda corta.

Differenze di dimensioni

Le quattro specie si differenziano principalmente per le dimensioni. Il Criceto siberiano e il Criceto nano di Campbell crescono fino a circa 8-10 cm. Il Roborowskijj, che non supera i 7 cm, è la specie più piccola. Il più grande è il Criceto cinese, che cresce fino a circa 12 cm di lunghezza e ha una coda più lunga dei suoi conspecifici.