I cincillà

chinchilla

I cincillà sono roditori piccoli e graziosi provenienti dal Sud America

Con il loro pelo morbido, le lunghe orecchie e la coda folta i cincillà sono molto carini e conquistano immediatamente il cuore di chi li vede! Tuttavia prima di adottare un cincillà, bisogna informarsi sul cibo, il comportamento e le abitudini di questi animali per accertarsi che le loro speciali esigenze e il loro modus vivendi corrispondano alle proprie aspettative. A questo proposito è importante sapere da dove vengono e come vivono in natura. 

Le specie di cincillà

Esistono due specie di cincillà: quelli a coda corta e quelli a coda lunga. Tutti i tentativi di addomesticare i cincillà a coda corta sono falliti; quindi gli antenati dei nostri cincillà domestici sono i cincillà a coda lunga. Originariamente i cincillà vivevano esclusivamente nelle aride regioni andine del Sud America, molto prima che si iniziasse ad allevarli in Europa. Mentre i cincillà a coda corta vivono nelle zone ad altitudine più elevata delle Ande, tra i 3500 e i 4500 m s.l.m., i cincillà a coda lunga si trovano soltanto ad un’altitudine compresa tra i 1000 e i 2500 metri s.l.m.. 

L’ambiente naturale del cincillà

Nella regione delle Ande il clima è secco e desertico caratterizzato da scarse precipitazioni e da una ridotta umidità dell’aria; gli animali sono esposti a forti variazioni di temperatura: di notte, pronti ad un'eventuale fuga, dormono nei crepacci delle rocce, nelle grotte, nei buchi del terreno e tra la sterpaglia. Si nutrono all’imbrunire o durante la notte.

A causa delle condizioni di vita di questa regione, l’alimentazione dei cincillà è povera di sostanze nutritive e ricca di fibre. In natura i cincillà si nutrono delle radici di alcune specie di cactacee e dei loro frutti, dei semi di alcuni arbusti, di fiori e di diverse erbe.

Assorbono l’acqua loro necessaria dal lato inferiore delle cactacee e bevendo la rugiada mattutina di diverse foglie. 
Per la cura del pelo di questi eccezionali saltatori e arrampicatori è assolutamente indispensabile una spazzolatura quotidiana. 

Le esigenze del cincillà domestico

Prima di adottare un cincillà, devi assicurarti di poter installare a casa una gabbia per roditori sufficientemente grande da consentire a questo saltatore e arrampicatore tutto il movimento che gli è necessario. 
Inoltre in natura i cincillà vivono in grandi nuclei familiari e quindi non devono mai essere allevati da soli. 
Dato che i cincillà dormono durante il giorno, per loro è molto importante un ambiente tranquillo. La gabbia del cincillà deve essere posizionata in prossimità di una finestra, senza però esporre l’animale ai raggi diretti del sole e neppure alle correnti d’aria. 
I cincillà sono animali notturni e timidi e perciò non sono molto adatti per i bambini. L’aspettativa di vita in natura è di 10 – 15 anni, mentre gli esemplari domestici possono addirittura vivere fino a 18 – 22 anni. 

Per una vita salutare, l'alimentazione del cincillà deve essere costituita preferibilmente da erbe, erbette e verdure. 

Articoli più letti

Gatto del Bengala

Il gatto del Bengala è una razza felina davvero unica. È un gatto domestico nel vero senso della parola, ma nelle sue vene scorre un pizzico di sangue selvatico. Le razze ibride come il Bengala o il Savannah rappresentano la nuova tendenza dell’allevamento felino. Ma cosa sono questi ibridi e a cosa bisogna prestare attenzione quando si decide di introdurre in casa un incrocio tra un gatto domestico e uno selvatico? Questo articolo ti fornirà le risposte a tanti dubbi.

Norvegese delle Foreste

Il gatto delle foreste norvegesi è il frutto di una lunga selezione naturale. Ha fatto la sua comparsa proprio in Norvegia, da dove ha iniziato a conquistare sempre più estimatori grazie al suo aspetto imponente e selvaggio e alla sua indole.

British Shorthair

La razza British Shorthair è ritenuta la più antica razza felina britannica. Si dice che sia stata portata dai Romani in Gran Bretagna, dove è rimasta per lungo tempo isolata. Da oltre 100 anni i British Shorthair vengono allevati in modo mirato. Nel 1871 i primi gatti British Shorthair vennero esposti al Crystal Palace.