I cincillà

chinchilla

I cincillà sono roditori piccoli e graziosi provenienti dal Sud America

Con il loro pelo morbido, le lunghe orecchie e la coda folta i cincillà sono molto carini e conquistano immediatamente il cuore di chi li vede! Tuttavia prima di adottare un cincillà, bisogna informarsi sul cibo, il comportamento e le abitudini di questi animali per accertarsi che le loro speciali esigenze e il loro modus vivendi corrispondano alle proprie aspettative. A questo proposito è importante sapere da dove vengono e come vivono in natura. 

Le specie di cincillà

Esistono due specie di cincillà: quelli a coda corta e quelli a coda lunga. Tutti i tentativi di addomesticare i cincillà a coda corta sono falliti; quindi gli antenati dei nostri cincillà domestici sono i cincillà a coda lunga. Originariamente i cincillà vivevano esclusivamente nelle aride regioni andine del Sud America, molto prima che si iniziasse ad allevarli in Europa. Mentre i cincillà a coda corta vivono nelle zone ad altitudine più elevata delle Ande, tra i 3500 e i 4500 m s.l.m., i cincillà a coda lunga si trovano soltanto ad un’altitudine compresa tra i 1000 e i 2500 metri s.l.m.. 

L’ambiente naturale del cincillà

Nella regione delle Ande il clima è secco e desertico caratterizzato da scarse precipitazioni e da una ridotta umidità dell’aria; gli animali sono esposti a forti variazioni di temperatura: di notte, pronti ad un'eventuale fuga, dormono nei crepacci delle rocce, nelle grotte, nei buchi del terreno e tra la sterpaglia. Si nutrono all’imbrunire o durante la notte.

A causa delle condizioni di vita di questa regione, l’alimentazione dei cincillà è povera di sostanze nutritive e ricca di fibre. In natura i cincillà si nutrono delle radici di alcune specie di cactacee e dei loro frutti, dei semi di alcuni arbusti, di fiori e di diverse erbe.

Assorbono l’acqua loro necessaria dal lato inferiore delle cactacee e bevendo la rugiada mattutina di diverse foglie. 
Per la cura del pelo di questi eccezionali saltatori e arrampicatori è assolutamente indispensabile una spazzolatura quotidiana. 

Le esigenze del cincillà domestico

Prima di adottare un cincillà, devi assicurarti di poter installare a casa una gabbia per roditori sufficientemente grande da consentire a questo saltatore e arrampicatore tutto il movimento che gli è necessario. 
Inoltre in natura i cincillà vivono in grandi nuclei familiari e quindi non devono mai essere allevati da soli. 
Dato che i cincillà dormono durante il giorno, per loro è molto importante un ambiente tranquillo. La gabbia del cincillà deve essere posizionata in prossimità di una finestra, senza però esporre l’animale ai raggi diretti del sole e neppure alle correnti d’aria. 
I cincillà sono animali notturni e timidi e perciò non sono molto adatti per i bambini. L’aspettativa di vita in natura è di 10 – 15 anni, mentre gli esemplari domestici possono addirittura vivere fino a 18 – 22 anni. 

Per una vita salutare, l'alimentazione del cincillà deve essere costituita preferibilmente da erbe, erbette e verdure. 

I nostri articoli più utili

Criceto

Criceto dorato, criceto d'angora, criceto nano ecc. Esistono molti tipi di criceti diversi per colori e taglia: in virtù del loro tenero aspetto e delle loro piccole dimensioni, sono particolarmente amati dai bambini. Tuttavia, i criceti non sono caratterialmente così teneri come sembrano, sono molto delicati, presentano esigenze ben specifiche e richiedono attenzione e dedizione da parte di chi li adotta.

Il gerbillo della Mongolia

Il nome latino del gerbillo della Mongolia è Meriones unguiculatus, il cui significato letterale è "guerriero con gli artigli". Questi ultimi sono infatti un'arma che il gerbillo della Mongolia usa piuttosto frequentemente, quando si trova a combattere con esemplari rivali, per stabilire l'ordine gerarchico o per difendere il territorio: durante questi scontri può arrivare a ferirsi anche molto seriamente.

Degu

I degu sono roditori originari del Cile, dove vivono in spazi aperti e creano delle reti di piccoli passaggi sotterranei che collegano le tane. Il loro aspetto ricorda un incrocio tra il ratto e il cincillà. Come il cincillà e i topi utilizzano abilmente anche le zampe anteriori come se fossero delle manine. I loro artigli consentono loro di salire su rocce e rami. Il degu è attivo di giorno e vive fino a quattro anni circa. Gli piace essere partecipe di quello che succede attorno e avere contatti con gli umani, ragion per cui la sua gabbia va posizionata in un posto tranquillo, ma di passaggio. I degu però hanno una caratteristica poco piacevole: sono roditori non solo per collocazione biologica, ma nel vero senso della parola, quindi attenzione alla loro voglia di rosicchiare!