La diarrea del cane

la diarrea nel cane

La diarrea nel cane

Purtroppo la diarrea non è cosa rara nei cani. Molti infatti soffrono regolarmente di disturbi dell’apparato digerente che si manifestano sia con l’aumento della frequenza della defecazione che con la crescita della porzione di liquidi all’interno delle feci. 

Qual è la causa della diarrea nei cani?

I motivi possono essere molto diversi e variano dalle intolleranze o allergie alimentari passando per i disturbi del metabolismo per arrivare alle infezioni e alle infestazioni da parassiti. Anche lo stress e una maggiore sollecitazione a livello fisico possono provocare episodi di diarrea. 

Il trattamento della diarrea nel cane

Non appena il cane deposita le prime feci liquide, per precauzione sarebbe meglio non somministrargli alcun cibo per un giorno, per consentire ai villi intestinali di rigenerarsi. Occorre assicurarsi che il cane per questo periodo di tempo assuma una quantità sufficiente di liquidi in forma di acqua bollita o camomilla. Dopo 24 ore si può somministrare al cane quark magro, un formaggio fresco a pasta molle, e riso in piccole porzioni oppure un’alimento dietetico ipocalorico. Nella maggior parte dei casi la diarrea scompare da sola dopo due giorni. 

Se in un cane adulto la diarrea dovesse durare più di 48 ore, se fosse presente sangue nelle feci oppure se il cane dovesse avere crampi, occorre consultare il veterinario, che effettuerà un esame delle urine. Per i cuccioli occorre consultare il veterinario già dopo 6 ore, perché questi non dispongono di molte riserve e si indeboliscono rapidamente. L’emocromo fornisce indicazioni relative a virus e leptospire. Nelle feci si possono individuare diversi agenti patogeni e parassiti come i clostridi, gli istoplasmi e i coccidi e, quando c’è un’infiammazione in corso, anche un maggior numero di leucociti. Spesso il veterinario effettua anche una coltura dei campioni fecali, per individuare le salmonelle e i campilobatteri. Non ci si deve preoccupare se il veterinario mette un catetere al cane, perché questo è necessario per rifornirlo di una quantità sufficiente di liquidi. In caso di infezioni batteriche è altresì opportuno somministrare un antibiotico. 

Quando la diarrea del cane persiste, è necessario che il veterinario esegua una radiografia per individuarne possibili cause, quali occlusione intestinale o corpi estranei. Un esame ad ultrasuoni può fornire informazioni anche in merito a possibili cambiamenti della mucosa intestinale. In casi più rari occorre procedere con una biopsia che consente di diagnosticare eventuali cambiamenti morfologici. 

Come si può prevenire la diarrea del cane?

Tra le cause più frequenti della gastroenterite semplice acuta c’è una dieta scorretta. Perciò occorre tener conto delle seguenti indicazioni: 

  • non somministrare al cane porzioni di cibo troppo grandi
  • ridurre il più possibile i carboidrati; 
  • evitare improvvisi cambiamenti nell’alimentazione; 
  • il cibo troppo ricco di grassi è difficile da digerire; 
  • rispettare la data di scadenza! Il cibo andato a male va buttato!

Nel nostro negozio per cani trovi un’ampia selezione di integratori e complementi alimentari e di cibo ipocalorico per nutrire al meglio il tuo cane. Scopri tutti i prodotti!

 

Articoli più letti

Vaccinare il cane: ecco cosa c’è da sapere

Non c'è dubbio: i vaccini proteggono il tuo cane da malattie infettive che possono rivelarsi letali. Ma quali sono i vaccini essenziali a cui sottoporre assolutamente il proprio cane? In cosa consiste l'immunizzazione primaria dei cuccioli e quanto spesso bisogna effettuare il richiamo per salvaguardare il cane a lungo termine?

Sverminare il gatto

I vermi possono colpire i gattini piccoli relativamente spesso, e se non eliminati possono portare all'insorgere di gravi malattie. Per fortuna questi parassiti del gatto possono essere debellati in modo semplice una volta individuato il problema. La nostra “tigre da accarezzare”, come la definiva con affetto Victor Hugo, va sverminata per la prima volta dopo tre settimane dalla nascita del gatto, per poi ripetere il trattamento ogni tre o quattro settimane. Si tratta tuttavia di linee guida generali. Soltanto un veterinario può stabilire il ciclo di sverminazione del tuo gatto. I medicinali vermifughi vengono spesso somministrati anche nei rifugi per animali, dal momento che alcuni gattini vi giungono in condizioni molto gravi.

La castrazione del gatto

I padroni sono spesso dubbiosi quando si tratta di profilassi e castrazione per il proprio gatto. Una castrazione precoce sembra essere essenziale però quando si tratta di gatti senza un padrone o di gattili strapieni. Faccio qualcosa di sbagliato al mio gatto quando gli impedisco di avere una prole? Quand’è il periodo idoneo per la castrazione? Come si differenzia una sterilizzazione da una castrazione? E quand’è il periodo giusto per l’intervento?