Differenze tra lepre e coniglio

due conigli

Sono lepri o conigli?

A prima vista, la lepre e il coniglio si assomigliano molto: orecchie lunghe, occhi tondi e pelliccia soffice. Nonostante alcune somiglianze, però, si tratta di due specie diverse. Questo articolo spiega le differenze più importanti tra questi animaletti saltellanti.

Biologia della lepre e del coniglio

Per via del loro aspetto simile, lepri e conigli vengono facilmente confusi l’uno con l’altro. I due termini sono spesso usati come sinonimi. Esistono perfino delle razze di coniglio chiamate “lepre belga” e “leprino di Viterbo”.

Entrambe le specie appartengono all’ordine dei lagomorfi (Lagomorpha). Questi, a loro volta, si dividono in due famiglie: i leporidi (Leporidae) e gli ocotonidi (Ochotonidae).

Sia la lepre che il coniglio appartengono alla famiglia dei leporidi. I conigli sono presenti in quasi tutto il mondo, anche se in Australia e in Nuova Zelanda sono stati introdotti dall’uomo. Nel 1859, un immigrato portò in Australia 24 conigli come ricordo del suo Paese d’origine. Lì si moltiplicarono così rapidamente da essere oggi sono considerati una piaga.

I pica vivono soprattutto in montagna e nelle regioni più fredde. Sono conosciuti anche come “lepri fischiatrici” perché emettono dei fischi acuti come segnale di avvertimento e di riconoscimento.

Suddividendo ulteriormente la famiglia dei leporidi, si arriva ai generi. La lepre e il coniglio appartengono a generi diversi all’interno di questa famiglia. Il loro stile di vita differisce in molti modi e l’incrocio tra i due generi non è possibile. Un coniglio, dunque, non può accoppiarsi con una lepre.

Erbivori con denti da roditore e doppia digestione.

Tutte i leporidi si nutrono esclusivamente di piante. Una caratteristica particolare sono i loro grandi incisivi, adatti a rosicchiare. Dietro i due incisivi si trova un’altra piccola coppia di denti, i cosiddetti “piccoli incisivi”.

Un’altra particolarità dei leporidi è la loro “doppia digestione“: oltre alle normali feci dure, lepri e conigli espellono anche i cosiddetti “ciecotrofi”. Si tratta di feci piuttosto morbide che contengono molti nutrienti essenziali.

Entrambe le specie mangiano i ciecotrofi e li digeriscono una seconda volta. Questo comportamento, che a noi umani appare disgustoso, per i nostri piccoli amici saltellanti è assolutamente normale, perfino sano.

Lo sapevi? Per molto tempo lepri e conigli sono stati erroneamente considerati dei roditori. Oggi appartengono alla famiglia dei leporidi. A differenza dei roditori, i leporidi non possono afferrare oggetti con le zampe anteriori.

lepre marrone
La lepre, grande e snella, generalmente ha orecchie più lunghe di quelle del coniglio.

La lepre

La specie di lepre più conosciuta in Europa è la Lepre Europea (Lepus europaeus). È di casa nei campi, nelle foreste e nei prati, ma a causa dell’espansione delle città e dell’agricoltura moderna il suo habitat è in pericolo. In alcune zone, è già stata inserita nella Lista Rossa delle specie a rischio.

A differenza dei conigli domestici, le lepri sono animali selvatici e non possono essere tenute in cattività.

Una caratteristica tipica della lepre: le orecchie lunghe

Tipiche della lepre sono le sue orecchie, notevolmente più lunghe di quelle del coniglio.

Il coniglio

Il coniglio domestico discende dal coniglio selvatico (Oryctolagus cuniculus). Già circa 4.000 anni fa, l’uomo iniziò ad allevare conigli, soprattutto per mangiarne la carne.

Nel XIX secolo, sempre più persone si trasferirono nelle città. Spesso non avevano abbastanza spazio per allevare maiali e mucche, che nel menù vennero sostituiti da conigli arrosto.

Questi piccoli animali vengono allevati sistematicamente da molto tempo. Questo ha dato origine a diverse razze, come il Coniglio Rex, il Coniglio Testa di Leone, il Coniglio Blu di Vienna il Coniglio d’Angora. Oggi i conigli sono degli animali domestici molto popolari.

Uno o più simpatici coniglietti fanno parte della tua famiglia? Dai un’occhiata all’assortimento di mangime per conigli disponibile nello shop online di zooplus!

conigli nel prato
A differenza delle lepri, che sono solitarie, i conigli sono degli animali molto sociali.

Coniglio e lepre: le differenze più importanti

Il modo migliore per vedere le differenze è confrontare la lepre con il coniglio selvatico. Innanzitutto, entrambi si differenziano per la loro corporatura: mentre la lepre ha una corporatura grande e snella, il coniglio selvatico è piccolo e piuttosto tozzo. Le sue orecchie, inoltre, sono più corte di quelle della lepre.

Una lepre pesa dai 4 ai 6 kg, mentre un coniglio selvatico pesa solo circa 2 kg. Tuttavia, alcune razze di conigli domestici, come il Coniglio Blu di Vienna, possono essere più grandi e pesanti.

Trattandosi di una specie nidifuga (in grado di abbandonare il nido appena usciti dall’uovo), già alla nascita i piccoli di lepre ci vedono e sono ricoperti di piumino. I coniglietti appena nati, invece, sono nudi e ciechi. Si tratta, infatti, di animali nidiacei.

Differenze nel comportamento sociale

Conigli e lepri si differenziano anche per il loro comportamento sociale: le lepri sono animali solitari che incontrano i conspecifici solo durante la stagione riproduttiva.

I conigli, invece, vivono in colonie. In caso di maltempo o di pericolo, possono ritirarsi nelle loro tane. Si tratta di un sistema sotterraneo di gallerie e cunicoli che questi animaletti scavano nel terreno.

Tabella: le differenze tra lepre e coniglio

In questa tabella sono riportate le differenze più importanti tra lepre e coniglio. Le informazioni sull’aspetto si riferiscono al coniglio selvatico.

Tra i conigli addomesticati ci sono forti variazioni a seconda della razza: Il Coniglio Gigante, ad esempio, può raggiungere una lunghezza del corpo di 72 cm. Le sue orecchie sono lunghe almeno 17 cm.

Lepre Coniglio (coniglio selvatico)
Corporatura grande e snella piccola e tondeggiante
Lunghezza del corpo 50 – 70 cm 25 – 40 cm
Peso 4 – 6 kg 1 – 3 kg
Lunghezza delle orecchie 10 – 14 cm circa 7 cm
Numero di cromosomi 48 44
Gestazione circa 40 giorni circa 30 giorni
Dimensioni della cucciolata 1 – 5 piccoli 2 – 7 piccoli
Neonati nidifughi nidiacei
Comportamento sociale animale solitario vive in colonie
Può essere allevato in casa no coniglio selvatico: no

coniglio domestico: sì

Come vedi, non tutti i pelosetti saltellanti sono uguali. Il coniglio e la lepre si differenziano per molti aspetti. Se viene allevato in modo idoneo alla specie, il socievole coniglio domestico è perfetto come animale da compagnia. La lepre, invece, è un animale selvatico che ha bisogno di vivere nel suo habitat naturale.

Proposte d’acquisto dalla redazione di zooplus

I prodotti selezionati nel box sono proposte effettuate dalla redazione, alimenti e accessori che puoi trovare nel negozio online per animali di zooplus e non costituiscono advertising da parte dei brand citati.

I nostri articoli più utili
11 min

Criceto

Criceto dorato, criceto d'angora, criceto nano ecc. Esistono molti tipi di criceti diversi per colori e taglia: in virtù del loro tenero aspetto e delle loro piccole dimensioni, sono particolarmente amati dai bambini. Tuttavia, i criceti non sono caratterialmente così teneri come sembrano, sono molto delicati, presentano esigenze ben specifiche e richiedono attenzione e dedizione da parte di chi li adotta.
7 min

Degu

I degu sono roditori originari del Cile, dove vivono in spazi aperti e creano delle reti di piccoli passaggi sotterranei che collegano le tane. Il loro aspetto ricorda un incrocio tra il ratto e il cincillà. Come il cincillà e i topi utilizzano abilmente anche le zampe anteriori come se fossero delle manine. I loro artigli consentono loro di salire su rocce e rami. Il degu è attivo di giorno e vive fino a quattro anni circa. Gli piace essere partecipe di quello che succede attorno e avere contatti con gli umani, ragion per cui la sua gabbia va posizionata in un posto tranquillo, ma di passaggio. I degu però hanno una caratteristica poco piacevole: sono roditori non solo per collocazione biologica, ma nel vero senso della parola, quindi attenzione alla loro voglia di rosicchiare!
3 min

Cane della prateria

Il cane della prateria deve il suo nome al suo luogo d’origine, le praterie e le radure del Nord America, ma anche al suono che emette, simile al latrato di un cane. In Italia il cane della prateria non è ancora molto diffuso come animale domestico, ma questo simpatico roditore che assomiglia molto a una marmotta gode di una sempre maggiore popolarità e non c’è da stupirsi: è un animale che dà molta confidenza all’uomo e instaura con lui un rapporto molto stretto. Tuttavia, se gestire un cane della prateria richiede molto tempo, la sua alimentazione è per contro molto semplice.