Scegliere il trasportino perfetto per il tuo gatto

Gatto

Il trasportino fa parte della dotazione di base indispensabile per chi decide di adottare un gatto. Indipendentemente dal fatto che provenga da un rifugio, da un allevatore o da un privato, il gattino va accompagnato nella sua nuova casa in tutta sicurezza. Anche in occasione delle frequenti visite dal veterinario, avere un trasportino si rivelerà utile. Ecco perché ha senso acquistare un box gatti prima che il tuo nuovo amico di zampa si trasferisca da te. In questo articolo abbiamo raccolto 9 suggerimenti utili, per aiutarti a scegliere il trasportino perfetto per il tuo gatto.

Le dimensioni giuste

Il trasportino dovrebbe essere abbastanza grande da consentire al gatto di stare in piedi, di voltarsi, di sedersi comodamente e di sdraiarsi. Allo stesso tempo non dovrebbe essere troppo grande, per evitare che l’animale possa scivolare al suo interno durante il trasporto. Si tratta di una situazione potenzialmente stressante, per il gatto, che va pertanto evitata.

Accesso facilitato

Pochissimi gatti entrano volontariamente in un trasportino o sono felici di esservi collocati all’interno. Per questo motivo spesso portare il proprio animale dal veterinario è una vera e propria sfida, per molti proprietari di gatti. L’operazione si rivela meno complicata se il box è accessibile da sopra, perché l'apertura superiore rende più facile l’inserimento del gatto rispetto al dover spingere l’animale attraverso la porticina anteriore.

La cosa migliore è che il trasportino abbia due aperture: una nella parte superiore e una nella parte frontale.

Focus sulla sicurezza

I gatti che si sentono imprigionati dentro un contenitore possono sviluppare abilità inimmaginabili e diventare veri artisti della fuga. Ecco perché se si cerca un trasportino per gatti conviene assicurarsi che la serratura sia sicura e il box non possa essere aperto dall’animale. Dovrebbe trattarsi anche di un accessorio robusto, in grado di resistere agli artigli e ai denti del gatto. Maniglie e tracolle devono essere resistenti e il materiale di cui è composto deve essere sicuro, di modo che il gatto non possa rimanervi impigliato con gli artigli o ferirsi in altro modo.

Una buona aerazione

Il trasportino non rappresenta qualcosa di piacevole, dal punto di vista del gatto. Alla fine del viaggio spesso lo attende il veterinario, che il tuo animale non vede di buon occhio. Ecco perché di solito i gatti reagiscono mostrando stress quando il trasportino fa la sua comparsa sulla scena. Lo stress può farli ansimare, facendo sì che consumino più ossigeno di quando respirano normalmente. È quindi molto importante che questo accessorio offra loro un buon ricambio di aria.

Facile da pulire

Durante il trasporto può accadere che si verifichi un “incidente”: assicurati che il trasportino sia facile da pulire. Da questo punto di vista i box in plastica rigida sono facilmente lavabili.

Abitua gradualmente il tuo gatto al trasportino

Spesso provare ad inserire il gatto nel trasportino è una vera e propria battaglia. I gatti per lo più associano il box alla visita dal veterinario e comprensibilmente hanno poca voglia di viaggiare nel trasportino. Per questo diventa tutto più facile se il gatto lo associa a qualcosa di bello. Prima di iniziare ad usarlo, quindi, lascia il box aperto nella zona giorno di modo che il tuo amico peloso possa curiosare e familiarizzare con questo oggetto.

L'obiettivo è fare in modo che il tuo micio percepisca il box come una nicchia sicura, un luogo familiare nel quale ritirarsi volentieri. Una morbida coperta, i suoi giochi preferiti e qualche snack possono aiutarti a rendere il trasportino più interessante agli occhi del tuo amico peloso.

Gatto trasportino

Se necessario, sostituisci il trasportino

Se il gatto non vuole entrare nel box, diventa difficile per il proprietario ovviare al problema. Non di rado l’animale scappa nell’angolo più remoto, sotto il letto, e si difende usando persino denti ed artigli. Se il tuo animale ha avuto precedenti esperienze negative con quel determinato trasportino, vale la pena ricominciare da capo e sostituire il box con un contenitore nuovo.

È più facile, infatti, far accettare al gatto il trasportino se l’animale non lo associa a precedenti esperienze negative e se gli si lascia il tempo, con un po’ di pazienza, di abituarvisi.

Rendere il box confortevole

È improbabile che al tuo gatto piaccia stare all’interno di un trasportino vuoto. Ecco perché è importante cercare di rendergli il contesto il più confortevole possibile. Puoi utilizzare materiali adatti, antiscivolo, come una coperta spessa o un tappetino antiscivolo. Anche un morbido sacchettino imbottito di erba gatta può aiutarti a far sentire a suo agio il tuo micio.

Non limitarti ad appoggiare il trasportino sul sedile dell’auto

Analogamente ai cani, anche i gatti devono essere messi in sicurezza, quando viaggiano in auto. In caso di incidente, se il gatto non è protetto, la situazione può immediatamente diventare pericolosa. I crash test ADAC con un manichino di cane non protetto hanno dimostrato che, in caso di impatto a 50 km/h, il manichino subisce un’accelerazione all’interno dell’abitacolo pari a 30 volte il suo peso corporeo.

Per evitare che, in caso di incidente, il tuo gatto diventi un proiettile e metta in pericolo se stesso e gli altri occupanti del veicolo, non devi mai limitarti ad appoggiare sul sedile anteriore o posteriore il trasportino con il tuo gatto al suo interno. I crash test ADAC hanno dimostrato che il posto più sicuro per il trasportino del gatto è la zona piedi posta dietro i sedili anteriori o meglio ancora il bagagliaio.

Quando viene semplicemente adagiato sul sedile posteriore, infatti, il trasportino in plastica si è rivelato troppo fragile, nella simulazione di un impatto a 50 km/h: la porta e il coperchio con reticolo si sono rotti sotto il carico del manichino che simulava un gatto di 4 kg.

Le caratteristiche del trasportino ideale per il tuo gatto, in sintesi:

  • È dotato di due aperture: una superiore e una frontale.
  • È robusto: a prova di denti e artigli di gatto.
  • Maniglia ed eventuale tracolla sono resistenti.
  • È facile e sicuro da chiudere.
  • È semplice da pulire.
  • Consente una buona aerazione.
  • Non è troppo pesante.
  • È sicuro: il gatto non può restarvi impigliato con gli artigli o ferirsi in altro modo.
I nostri articoli più utili
5 min

I gatti si offendono?

Se vivi con un gatto lo avrai già sperimentato anche tu: torni dalle vacanze e non vedi l'ora di rivedere il tuo micione. Entri in casa e lui cosa fa? Sta sulle sue, si defila e ti volta le spalle di proposito. Ma i gatti si offendono o è solo una nostra impressione? Vediamo insieme cosa c’è di vero.

I gatti sono considerati animali indipendenti, in grado di stare bene anche da soli, per qualche giorno. Ma dopo una lunga vacanza, molti micioni sembrano offesi: invece di correre subito verso la porta per salutare il loro umano, si voltano dall'altra parte, si defilano e lo evitano. Non vogliono essere accarezzati, e non si fanno coinvolgere dai giochi e dalle solite attività. Insomma, sembrano risentiti o arrabbiati. I più ostinati evitano ogni contatto visivo anche mentre si riempie loro la ciotola. Sembra quasi che vogliano vendicarsi per essere stati lasciati soli per così tanto tempo. Ma i gatti provano davvero rancore perché ce ne siamo andati senza di loro, o sono solo fantasie umane?
8 min

Traslocare con il gatto: prepararsi al meglio

Che il tuo gatto sia un autentico spirito libero a suo agio soprattutto all’aperto oppure che si tratti del classico gatto da appartamento, non fa alcuna differenza: tutti sono molto legati al loro territorio. Lo ispezionano ogni giorno difendendolo, se necessario, dagli intrusi, dopo di che si mettono comodi nei loro posticini preferiti. Se hai deciso di traslocare, quindi, è normale che tu ti ponga la questione: come riuscirci senza turbare troppo il gatto? Con questo articolo vogliamo offrirti qualche utile consiglio!
6 min

In auto con il gatto: come organizzarsi al meglio

Il primo passo per assicurarti dei viaggi tranquilli insieme al tuo micio è abituarlo al trasportino, sia che si tu debba spostarti in auto, in aereo o in treno. È importante che il tuo gatto non colleghi il trasportino solamente alle spiacevoli visite dal veterinario, altrimenti convincerlo ad entrarvi sarà una vera impresa. Il trasportino è infatti uno strumento imprescindibile per spostarsi in auto con il gatto: solo utilizzando un box in plastica rigida o una robusta borsa in tessuto esplicitamente omologati per il trasporto di animali avrai la certezza di viaggiare in sicurezza insieme al tuo amico di zampa. L’idea di assicurare il tuo gatto solo legandolo con collare, pettorina e guinzaglio è certamente allettante, ma questi accessori non lo proteggono adeguatamente in caso di incidente. Il gatto non dovrebbe mai essere libero di muoversi nell’abitacolo dell’auto: può infatti saltare troppo rapidamente sul poggiatesta, sulle tue gambe o nascondersi nel vano proprio sotto il pedale dell’acceleratore, causando incidenti anche fatali.