In barca con il gatto

gatto nel trasportino

Crociera con il gatto? Suona folle, ma è possibile. Anche i vacanzieri, infatti, sono costretti talvolta a portare con sé il proprio gatto. Di seguito vi diamo alcuni consigli per affrontare la navigazione in modo piacevole per voi stessi, per il vostro animale e per gli altri viaggiatori!

In crociera con il gatto?

Molti proprietari di animali portano con sé il proprio gatto in vacanza, ma non tutti sanno che alcuni operatori di crociere danno la possibilità di portare a bordo i propri gatti. Se e con quali modalità è possibile farlo, dipende naturalmente dalla compagnia. In ogni caso è opportuno accordarsi preventivamente e prenotare anche per il proprio gatto.

Informatevi per tempo circa le condizioni dettate dall'armatore, così da evitare cattive sorprese!

Per le crociere all'estero, i gatti devono avere un passaporto per animali da compagnia valido nell'Unione Europea. Inoltre, sono da considerare anche le disposizioni riguardo l'ingresso nel paese di destinazione: queste informazioni sono disponibili sui siti internet delle varie ambasciate.

Prepararsi per tempo è sempre un punto a favore, in quanto possono eventualmente essere necessari certificati di salute o specifiche vaccinazioni.

Non dimenticate di portare con voi in viaggio tutti i documenti del caso!

Il gatto sul traghetto

Poco importa la ragione della traversata, se siete isolani oppure se il vostro viaggio per mare è una vacanza, in alcune circostanze è davvero indispensabile portare il gatto con sè.

Alcuni armatori consentono di portare il gatto con sé, altri impongono di lasciare l'animale nell'auto, in garage. Quest'ultima opzione non è però ideale, proprio perché il gatto resta incustodito. Considerate pertanto l'alloggio temporaneo in auto sul ponte-garage come soluzione di emergenza. Forse potrebbe esserci la possibilità di restare insieme al gatto? In questo caso potreste controllare l'animale, intervenire in caso di rischio di colpo di calore e tranquillizzare l'animale.

Un viaggio insieme a voi sul ponte passeggeri è ben più piacevole per il gatto, sebbene la permanenza a bordo è tutt'altro che priva di stress, perché ai rumori insoliti spesso si aggiunge un vento forte.

Per questo è preferibile utilizzare un trasportino per gatti e un telo può essere utile per proteggere l'animale dalle correnti d'aria. Per evitare che l'animale possa scappare, è necessario che non esca dal trasportino. A seconda della durata del viaggio può essere consigliato offrire da bere all'animale e tranquillizzarlo. Come anche nei viaggi in aereo e nei mezzi di trasporto pubblico, è utile che il trasportino possa aprirsi con una cerniera per poter infilare la mano e raggiungere l'animale. Molti gatti affrontano il viaggio con paura o stress: non stupitevi se li vedete indietreggiare o addirittura soffiare! Un prodotto calmante per gatti come Feliway o un integratore rilassante come Zylkene possono sicuramente ridurre questa condizione di stress e rendergli il viaggio in mare meno traumatico.

Prepararsi per tempo

Come detto, le condizioni per il trasporto di animali a bordo dipendono dalla compagnia scelta per il viaggio o dalla tratta stessa.

Chi ben comincia è a metà dell'opera: informarsi preventivamente è consigliabile per avviare al meglio ogni viaggio, non solo quelli all'estero!

Per progettare un viaggio senza stress, ad esempio, potrete abituare gradualmente il gatto al trasportino. Date al vostro animale l'opportunità di farne conoscenza attraverso esperienze positive: fategli trovare nel trasportino i suoi topini in tessuto preferiti, offrite il cibo dentro la borsa per il trasporto e allestitevi all'interno un giaciglio accogliente per il riposo dell'animale.

Durante questa fase in cui il gatto si abitua al trasportino l'animale deve poterlo lasciare in qualunque momento.

Questa tipologia di preparazione aiuta a far sentire al sicuro l'animale durante i viaggi.

Quindi, a voi e al vostro amico felino auguriamo un buon viaggio in sicurezza!

I nostri articoli più utili

In auto con il gatto

Ai gatti non piace viaggiare. Per questi animali sensibili ogni cambio di scenario si traduce in una dose di forte stress, perché suoni e odori insoliti rendono nervosi anche i mici dal carattere più stabile. Tuttavia, di tanto in tanto capita di dover utilizzare l’auto per spostarsi insieme al proprio gatto, che si tratti della visita annuale dal veterinario, di un trasloco o di una vacanza più lunga del solito. L’auto potrebbe non essere il modo di spostarsi preferito dal tuo felino di casa, ma con un po’ di organizzazione puoi togliergli la paura di viaggiare.

Rendere il box confortevole    

Il trasportino fa parte della dotazione di base indispensabile per chi decide di adottare un gatto. Indipendentemente dal fatto che provenga da un rifugio, da un allevatore o da un privato, il gattino va accompagnato nella sua nuova casa in tutta sicurezza. Anche in occasione delle frequenti visite dal veterinario, avere un trasportino si rivelerà utile. Ecco perché ha senso acquistare un box gatti prima che il tuo nuovo amico di zampa si trasferisca da te. In questo articolo abbiamo raccolto 9 suggerimenti utili, per aiutarti a scegliere il trasportino perfetto per il tuo gatto.

Viaggiare in aereo con il gatto

Viaggiare in aereo per il tuo gatto è molto più difficile che viaggiare in auto. Odori sconosciuti, rumori forti e il cambiamento di pressione rendono il volo un'esperienza non molto piacevole. Tuttavia non sempre si può evitare di portare il gatto con sé in aereo. Poco importa se si tratta di un trasferimento o di un soggiorno lungo all’estero: con un pochino di preparazione renderai il viaggio in aereo il più piacevole possibile per il tuo amico felino.