Il gatto cieco: tutto quello che serve sapere This article is verified by a vet

gatto cieco

Il gatto è cieco dall’occhio destro

Un micio può perdere la vista a causa di alcune malattie o semplicemente vederci meno a causa dell’età, continuando però ad avere una vita piena e felice. Ecco qualche consiglio per aiutare il tuo gatto cieco nella vita di tutti i giorni e una panoramica sulle terapie oggi esistenti.

Sintomi: come faccio a capire se il gatto è cieco?

Il quadro clinico dipende dalla causa scatenante e da quanto in percentuale il gatto ha perso della propria capacità visiva. Il tuo pelosetto potrebbe avere problemi di vista se:

  • Urta contro gli oggetti
  • Fatica a vedere bene gli scalini e inciampa
  • Si spaventa quando sente rumori improvvisi
  • Tende a essere pigro, è meno agile
  • È disorientato davanti a un muro e non sa come uscire da una stanza
  • Prende paura quando lo accarezzi, diventando aggressivo o timido
  • Uno o entrambi gli occhi sono opachi
  • Le pupille sono molto dilatate
  • La secrezione è purulenta, chiara o giallognola (Epifora).
  • Si è ferito, è cambiato, un occhio ti sembra più grande dell’altro

Cause: quali sono i fattori scatenanti?

Con l’avanzare dell’età il cristallino tende a offuscarsi, ma allora perché anche un gatto giovane può diventare cieco? Ecco le malattie che spesso causano la perdita della vista.

Cateratta

Alcune patologie opacizzano il cristallino e la luce non filtra come dovrebbe. Nel gatto la cateratta può essere congenita o acquisita, nel secondo casi in genere si manifesta quando il felino si ferisce a un occhio o soffre di disturbi metabolici.

Se il tuo gatto soffre di diabete mellito, l’alto livello di zucchero nel sangue potrebbe causargli un rigonfiamento del cristallino e fargli così perdere la vista.

Le secrezioni oculari sono segno di infezione o malattia

Glaucoma

Il glaucoma è una malattia degli occhi causata dall’aumento della pressione intraoculare. Ciò si verifica per lo più quando l’umor acqueo non riesce più a defluire dall’occhio.

In uno stadio avanzato la malattia può essere molto dolorosa per il gatto; i veterinari fanno una distinzione tra glaucoma primario e glaucoma secondario:

Glaucoma primario

Insorge quando l’angolo di drenaggio dell’occhio è troppo stretto già alla nascita, oppure se il “Ligamentum pectinatum” è danneggiato.

Glaucoma secondario

Si manifesta quando altre patologie causano un’infiammazione dell’occhio, impedendo il deflusso dell’umor acqueo.

Distacco della retina

La retina è una membrana composta da cellule, che trasforma gli stimoli luminosi in immagini. Quando si distacca, non è più in grado di trasmettere immagini al cervello e di conseguenza subentra la cecità. Il più delle volte può essere causata dall’ipertensione.

Spesso capita quando i reni del gatto non funzionano bene (insufficienza renale) oppure se soffre di cardiomiopatia ipertrofica (HCM).

Terapie: cosa si può fare

Nel caso di cateratta forse potrebbe essere possibile la rimozione chirurgica, ma dipende dal quadro clinico del gatto. Per valutare la situazione è bene rivolgersi a un veterinario .

Se si trattasse di glaucoma invece, si potrebbe curare con colliri o infusioni, che favoriscono la riduzione della pressione intraoculare. In ogni caso, è bene agire prima che il danno sia irreversibile. Se la terapia non fosse efficace, il veterinario potrebbe comunque decidere di intervenire chirurgicamente.

I colliri servono a curare disturbi che interessano l’occhio.

Infine, il distacco della retina è trattato con il controllo dell’ipertensione. Il veterinario generalmente prescrive medicinali antipertensivi, ma è altresì importante curare la dieta del gatto, prediligendo alimenti per gatti con problemi renali.

Come accudire un gatto cieco

La convivenza con un gatto cieco può spaventare, ma con poche e semplici mosse potrai migliorare il benessere del tuo pelosetto:

  1. Metti acqua e qualcosa da mangiare in ogni stanza

Disponi una ciotola per gli alimenti e una per l'acqua  in ogni ambiente della casa, così il tuo micio potrà mangiare e bere quando vuole. Potrebbe sporcare, quindi ti consigliamo di usare un sottociotola, in modo da mantenere pulita con maggior facilità la “zona pappa”.

  1. Rendi facilmente accessibili i suoi punti di riferimento

Di norma un gatto si muove e arrampica parecchio. Per aiutarlo ad arrivare facilmente a cuccia e lettiera, posiziona delle piccole rampe, così il tuo gatto cieco rischierà meno di farsi male.

  1. Usa paraspigoli in gomma per i mobili

Alcuni mobili – tavoli, comò o sedie – sono molto spigolosi e il tuo gatto rischia di farsi male. I paraspigoli in gomma usati per i bambini sono anche a prova di gatto e quindi ideali per questa situazione. In alternativa potresti delimitare le “aree a rischio” o bloccarne l’accesso, come nel caso delle scale.

  1. Dagli la possibilità di isolarsi da confusione e rumori forti

Il gatto cieco fa completamente affidamento su udito, tatto e olfatto. Se hai ospiti a casa o tieni alto il volume del televisore, aiuta il tuo micio creando degli angoli ad hoc in cui sentirsi al riparo dalla confusione.

  1. Cerca di ridurre le situazioni di potenziale stress

Fai capire al gatto quando stai per entrare in una stanza, in questo modo non si spaventerà sentendoti all’improvviso. Per limitare lo stress causato da potenziali trambusti, potresti chiedere al tuo veterinario di fiducia se non sia il caso di somministrargli dei feromoni o un’altra sostanza dall’effetto rilassante.

Scopri tutto quello che c’è da sapere sui feromoni per gatti

  1. Rendi sicure porte e finestre

Le finestre a ribalta sono un pericolo per tutti i gatti, indipendentemente dal fatto che siano ciechi o meno. Chiudi quindi porte e finestre prima di uscire da una stanza, sulle finestre a ribalta applica una griglia di protezione.

  1. Non lasciarlo solo se esci di casa

Rendi la casa a misura di gatto e sarà più facile proteggerlo. Mettigli a disposizione dei giochi e un tiragraffi), lo farai felice.

Se volessi comunque portarlo all’aperto, educalo al guinzaglio o fagli compagnia mentre è in giardino, ti consigliamo di rendere il giardino sicuro e il balcone a prova di gatto . Un micio ipovedente può farsi male o addirittura perdersi quando è fuori casa.

Infine, scrivi sul suo collare il tuo nome e indirizzo. Se dovesse perdersi, sarà più facile che qualcuno te lo riporti a casa.


Franziska G., Veterinaria
Franziska G.

Mi sono laureata in Medicina Veterinaria all’Università Justus-Liebig di Gießen, in Germania, e ho maturato una vasta esperienza in diversi ambiti quali la medicina clinica per piccoli animali, la pratica veterinaria per animali di grossa taglia e per animali esotici, approfondendo le mie conoscenze in fatto di farmacologia, patologia e igiene alimentare. Da allora svolgo attività come autrice non solo di testi di argomento veterinario ma anche in quello che è l’ambito della mia dissertazione scientifica. Il mio obiettivo è quello di riuscire a proteggere meglio gli animali dagli agenti patogeni di tipo batterico. Oltre alle mie conoscenze mediche, mi piace condividere la mia felice esperienza di proprietaria di un cane: in questo modo posso comprendere da vicino e allo stesso tempo fare chiarezza sulle principali problematiche che riguardano la salute degli animali.


I nostri articoli più utili
3 min

Calcolare l’età del gatto

Come è noto, non è difficile calcolare l’età di un cane: un anno di un cane equivale all’incirca a sette anni di una persona, fermo restando che hanno una certa incidenza anche la razza e il peso del cane. Ma come si fa a calcolare l’età di un gatto? E soprattutto quanto a lungo vivono i gatti? Da che età un gatto può essere considerano anziano?
9 min

Dovrei far sterilizzare o castrare il mio gatto?

Ci sono ben poche cose al mondo che suscitano tenerezza quanto i gattini appena nati. Purtroppo però non tutti i cuccioli trovano una bella casa. Quando i randagi senza padrone si accoppiano tra loro o con i gatti domestici che vivono liberi all’aperto, quel che attende la loro prole è una vita di miseria.
8 min

Il coronavirus nel gatto: tutto quello che c’è da sapere

I coronavirus non sono presenti solo nei proprietari di animali, ma anche nei loro amici a quattro zampe. Contrariamente al nuovo coronavirus umano, però, i gatti conoscono i coronavirus felini (FCoV) già da molti anni. Questi virus includono il coronavirus enterico felino (FECV) e il virus molto più noto della peritonite infettiva felina (FIP). Quest’ultimo causa la patologia mortale della peritonite infettiva felina che in alcuni casi conduce ad un accumulo di liquidi nel torace o nell’addome. Le persone che contraggono il coronavirus, invece, in particolare le persone immunodepresse come gli anziani e i malati, soffrono di sintomi analoghi a quelli influenzali.