30 maggio 2018

Viaggiare in treno con il cane

un cane e il suo proprietario aspettano il treno

Chi tutti i giorni per lavoro, chi solo in vacanza: sono in molti a scegliere il treno per viaggiare in relax. Un buon inizio per il viaggio non è solo una partenza puntuale, ma anche un compagno di viaggio calmo e abituato a questo tipo di mezzo di trasporto. Scopri i nostri consigli per muoverti in treno serenamente insieme al tuo cane.

Informati bene prima della partenza

Prima di andare in vacanza col cane, è necessario informarsi sulle condizioni di trasporto. Generalmente In Italia gli animali possono viaggiare in treno nell'apposito trasportino, o, nel caso dei cani grandi, tenuti al guinzaglio e muniti di museruola pagando un biglietto ridotto. Le situazioni variano da Paese a Paese, pertanto è consigliabile leggere sempre attentamente il biglietto: può succedere infatti che in caso di biglietto per comitive l'animale paghi il prezzo intero.

Oltre a pagare il biglietto, in diversi paesi chi viaggia con un cane deve munirsi di museruola. In alcuni basta portarla con sé, in altri è obbligatorio che il cane la indossi. È importante scegliere il modello idoneo e provarla prima di partire, per assicurarsi che indossandola il cane possa respirare bene anche tirando fuori la lingua. Se non farai indossare la museruola al tuo cane su richiesta del personale del treno, questo sarà autorizzato a farvi scendere alla stazione successiva. Non sono tenuti a indossare la museruola i cani guida per persone invalide e non vedenti, che inoltre viaggiano gratuitamente.

Passo dopo passo

Il modo migliore per viaggiare serenamente insieme al cane è abituarlo sin da cucciolo. Questo perché la calca e i rumori forti, come gli annunci al binario, uniti allo stress del viaggio in sé, possono rendere inquieto anche un cane normalmente tranquillo, se non abituato. In ogni caso è importante trasmettere calma e comportarsi in modo normale, in modo che il tuo compagno di viaggio capisca che in treno non ci sono pericoli. Se il tuo cane si mostra insicuro, dovrai resistere alla tentazione di parlargli in modo eccessivamente rassicurante, perché confermerai soltanto la sua convinzione che c'è qualcosa che non va. Al momento di salire e scendere dal treno comportati in modo deciso e stai davanti a lui per dimostrargli che vi trovate in un ambiente sicuro. Se il tuo fedele compagno di viaggio è un tipo timoroso, una buona idea è abituarlo al treno in momenti tranquilli, eventualmente facendo le prime esperienze in piccole stazioni e su brevi tragitti. Un altro modo per rendere piacevole il viaggio per il vostro amico a quattro zampe è offrirgli qualche snack per cani.

In generale, per intraprendere un viaggio in treno il cane deve essere molto ubbidiente. Comandi quali "seduto", "resta", "terra" e "al passo" sono sicuramente di grande aiuto. Un altro fattore fondamentale è un buon legame tra te e il cane: lo hai adottato al canile, ed è quindi già adulto e tendenzialmente timoroso, prima di portarlo in treno è necessario stringere un forte rapporto di fiducia e rispetto con lui.

Godersi il viaggio anche in un treno affollato

Per quanto possibile sarebbe meglio evitare ai cani grandi e ai cuccioli di fare le scale, anche se inevitabilmente capita di dover salire e scendere cambiando binario. In questo caso cerca di portare il tuo cane in braccio o di usare gli ascensori o le scale mobili.

Sul marciapiede o sul treno tieni il guinzaglio corto per averlo sempre sotto controllo, anche se, per esempio, sul vagone c'è un altro cane. Riservagli un posticino tra i tuoi piedi: molti cani si sentono maggiormente sicuri a dormicchiare proprio in questa posizione. Stai attento che non si trovi in mezzo al corridoio del vagone, in modo che gli altri passeggeri riescano a passare e che non venga inavvertitamente calpestato. Dato che nella maggior parte dei paesi non è possibile riservare un posto per i cani, nei treni affollati dovrai essere flessibile. Se invece il tuo cane viaggia in un trasportino morbido, questo andrebbe posizionato sulle tue gambe, oppure sul pavimento o sul sedile libero di fianco al tuo.

Inoltre per viaggiare più sereno fai in modo che il cane faccia il suo ultimo pasto circa 12 ore prima della partenza, così che non debba fare i suoi bisogni proprio durante il viaggio. Prima di salire sul treno ricordati di portarlo a fare un giro per fargli svuotare la vescica. Oltre alla museruola, o al trasportino in caso di cani piccoli, esistono altri accessori utili in treno, soprattutto se di lunga durata. Una ciotola da viaggio e una copertina per cani ad esempio renderanno il viaggio più confortevole.

Non ci resta che augurare buon viaggio a te e al tuo cane!

Articoli più letti

Il mal d’auto nei cani

Alcune persone non stanno bene ogni volta che utilizzano moderni mezzi di trasporto, quali l’automobile, l’autobus, la nave e il loro organismo sembra tollerare soltanto il viaggio in treno, in bicicletta o a piedi. Questo può valere anche per i cani.

Dove posso lasciare il cane quando vado in vacanza: dog sitter o pensione per cani?

Finalmente in vacanza! Ma sorge spesso una domanda: dove posso lasciare il cane quando vado in vacanza o mi assento per lavoro? Nei casi in cui, per qualche ragione non si possa viaggiare con il cane, vengono in aiuto dog sitter e pensioni per animali. Ma quale soluzione è la migliore per il tuo cane? E che spesa comporta? A cosa fare attenzione? Ti elencheremo i pro e i contro di ciascuna alternativa e ti daremo qualche consiglio per sistemare nel modo migliore il tuo cane mentre sei assente.

Viaggiare in crociera con il cane

Treno, auto e addirittura nave: qualsiasi sia il mezzo di trasporto, sempre più proprietari di animali decidono di trascorrere le vacanze e i viaggi insieme al proprio amico fedele. Non sono sempre necessarie grandi traversate, a volte anche una gita domenicale può includere un piccolo tratto di navigazione. Che sia per un breve tratto su una barchetta a remi oppure per una lunga crociera, se direte "Sali a bordo, Fido!" tenete a mente i nostri consigli per un viaggio piacevole e senza stress, né per voi, né per il vostro cane.