Si possono baciare i cani?

Molti padroni danno baci ai loro cani e gatti, ma solo dopo essersi lavati i denti! Scherzi a parte, baciare i propri animali può, in alcuni casi, non solo essere poco igienico, ma anche pericoloso.

Si possono baciare cani e gatti sani?

Naturalmente, lo stesso essere umano è portatore di innumerevoli germi e funghi e dissemina, nell'ambiente intorno a sé, milioni di cellule morte, invisibili ad occhio nudo, cibo per gli acari della polvere… così come fa l’animale.

Attenzione soprattutto a parassiti e malattie

Dovremmo comunque riflettere a lungo se permettere al nostro cane o al nostro gatto di passare la notte sul nostro letto: se porta con sé zecche o pulci dai suoi giretti all'aperto, potrebbe crearsi una situazione spiacevole, con conseguenze sulla salute. Le pulci portano cestodi, le zecche invece borreliosi ed enfacelite. Per questo dovresti prima di tutto proteggere il tuo animale dai parassiti del cane. Far dormire il gatto nel letto è comunque piacevole, ma anche quando si tratta di far stare il cane nel letto, vanno prese alcune precauzioni.

Si possono baciare i cani?

Particolarmente spiacevoli e pericolose sono le zecche, che possono cadere dal manto del cane e finire in giro per la casa: alla ricerca di nuovo cibo, potrebbero decidere di optare per l’essere umano. Questo problema si presenta molto più raramente nei gatti che passano il loro tempo in casa. Anche quando gli animali sono malati, per esempio se hanno problemi al tratto gastro-intestinale o infezioni alle vie respiratore, bisognerebbe riflettere un attimo se è il caso o meno che passino la notte con noi.

In ogni caso, il gatto può essere lavato: quindi prima delle coccole, se non sei sicuro delle condizioni igieniche dei luoghi in cui ha scorazzato, puoi sempre fargli un bagnetto.

Ma i baci?

In realtà la voglia dovrebbe già passare al pensiero del proprio cane che durante la passeggiata giornaliera ha, per esempio, annusato le feci di un proprio simile. Il prof. Wilfried Kraft dell’Università di Medicina Veterinaria di Monaco afferma che bisogna stare particolarmente attenti nel baciare il proprio animale, perché potrebbe portare con sé l’Helicobacter pylori, un microrganismo patogeno spesso presente in animali che hanno problemi intestinali. E, naturalmente, gli esseri umani infettati dal batterio devono stare lontani dal proprio cane o gatto.

Il contatto con gli animali rafforza il sistema immunitario

Se il sistema immunitario funziona si è in salute: i figli di contadini o veterinari, per esempio, molto spesso non vivono in ambienti completamente privi di germi. Uno gioca nella stalla, condivide il pane con il cane da guardia e con le galline, mentre l’altro aiuta volentieri il genitore a prendersi cura di animali malati o è spesso presente nello studio. Naturalmente non vivono nello sporco e si lavano regolarmente: semplicemente durante le loro giornate sono molto più in contatto di altri con i germi.

Si possono baciare i cani?

La pubblicazione del Pet Health Council in Gran Bretagna

Secondo la pubblicazione del Pet Health Council in Gran Bretagna, gli animali aiuterebbero a ridurre il rischio di allergie: “coccolare i propri amici pelosi rafforza il sistema immunitario dei bambini e previene la formazione di allergie a pollini, acari della polvere e pelo di animali in età adulta”. Anche uno studio pubblicato di recente dall'Università di Monaco afferma che i bambini che vivono a stretto contatto con gli animali presentano meno problemi respiratori e allergie rispetto a coloro i quali invece vivono in un ambiente in cui non ci sono animali.

Articoli più letti

Gatto del Bengala

Il gatto del Bengala è una razza felina davvero unica. È un gatto domestico nel vero senso della parola, ma nelle sue vene scorre un pizzico di sangue selvatico. Le razze ibride come il Bengala o il Savannah rappresentano la nuova tendenza dell’allevamento felino. Ma cosa sono questi ibridi e a cosa bisogna prestare attenzione quando si decide di introdurre in casa un incrocio tra un gatto domestico e uno selvatico? Questo articolo ti fornirà le risposte a tanti dubbi.

Norvegese delle Foreste

Il gatto delle foreste norvegesi è il frutto di una lunga selezione naturale. Ha fatto la sua comparsa proprio in Norvegia, da dove ha iniziato a conquistare sempre più estimatori grazie al suo aspetto imponente e selvaggio e alla sua indole.

British Shorthair

La razza British Shorthair è ritenuta la più antica razza felina britannica. Si dice che sia stata portata dai Romani in Gran Bretagna, dove è rimasta per lungo tempo isolata. Da oltre 100 anni i British Shorthair vengono allevati in modo mirato. Nel 1871 i primi gatti British Shorthair vennero esposti al Crystal Palace.