Devo lavare il mio gatto?

Gatto grigio

Devo lavare il mio gatto?

La maggior parte dei cani viene abitualmente lavata o portata a fare la toelettatura. Per i gatti questo è necessario? Oppure è meglio evitare di far loro il bagnetto?

La cura del pelo dei gatti

I gatti sono animali puliti per natura e raramente si ritrovano con il pelo molto sporco. .  Dedicano gran parte della giornata alla pulizia del proprio manto, che praticano in modo scrupoloso. Per farlo, i nostri tigrotti si aiutano esclusivamente con la loro lingua, uno strumento davvero straordinario per la cura del pelo, rivestita da migliaia di papille cornee che le conferiscono la tipica ruvidezza. Esse sono come uncini rivolti all'indietro che durante la caccia e l’assunzione del cibo si rivelano indispensabili.

Gatto che viene spazzolato

Ma non sono utilissimi solo per spiumare o spellare le prede, bensì anche per pulire e pettinare il pelo, poiché riescono a rimuovere sporco, peli morti e persino parassiti. I gatti a pelo lungo di tanto in tanto hanno bisogno dell’aiuto dell’uomo, ma più per rimuovere i peli morti che per la vera e propria pulizia.

Perciò i casi in cui è necessario lavare i gatti sono davvero rarissimi.

Quando è il caso di lavare Micio

Qualora il tuo gatto si sporcasse molto, o non potesse pulirsi da solo a causa di dolori o ferite, lavarlo è possibile, oltre che sensato.

In questo caso munisciti di acqua tiepida e un po’ di shampoo per gatti e ricorda che dovrai farlo in un ambiente caldo in modo che Micio non prenda freddo. Tieni poi a disposizione un asciugamano per asciugarlo. Procedi molto delicatamente, perché gran parte dei gatti ha paura dell’acqua.

Nel nostro shop puoi trovare alcuni prodotti specifici per il bagno del tuo felino.

Quindi si può lavare il gatto sì o no?

I gatti hanno raramente bisogno di aiuto quando si tratta della loro igiene personale. Durante la muta del pelo o negli animali a pelo lungo si consiglia di tanto in tanto di ricorrere alla spazzola o al pettine, ma di norma Micio è in grado di occuparsi del suo manto in autonomia. I peli ingeriti normalmente vengono espulsi in modo naturale e tu puoi aiutare questo processo somministrando al tuo gatto pasta al malto o erba gatta.

Se il tuo gatto è finito in una pozza di fango e la sua lingua dalle favolose doti pulitrici non ha svolto abbastanza bene il suo dovere, prima cerca di rimuovere con un panno inumidito la maggior parte dello sporco incrostato e poi, se Micio non è ancora pulito, puoi lavarlo. Se il pelo del tuo amico a quattro zampe è stato infestato dai parassiti invece chiedi consiglio al tuo veterinario, il quale ti proporrà diverse possibilità di trattamento con cui potrai evitare di doverlo lavare.

La regola generale è questa: i gatti sono animali puliti e la natura li ha muniti del miglior strumento per provvedere alla propria igiene, perciò non hanno bisogno dell’aiuto del loro padrone, se non per qualche sporadica spazzolata.

Auguriamo il meglio a te e a Micio!

I nostri articoli più utili

Calcolare l’età del gatto

Come è noto, non è difficile calcolare l’età di un cane: un anno di un cane equivale all’incirca a sette anni di una persona, fermo restando che hanno una certa incidenza anche la razza e il peso del cane. Ma come si fa a calcolare l’età di un gatto? E soprattutto quanto a lungo vivono i gatti? Da che età un gatto può essere considerano anziano?

Il coronavirus nel gatto

I coronavirus non sono presenti solo nei proprietari di animali, ma anche nei loro amici a quattro zampe. Contrariamente al nuovo coronavirus umano, però, i gatti conoscono i coronavirus felini (FCoV) già da molti anni. Questi virus includono il coronavirus enterico felino (FECV) e il virus molto più noto della peritonite infettiva felina (FIP). Quest’ultimo causa la patologia mortale della peritonite infettiva felina che in alcuni casi conduce ad un accumulo di liquidi nel torace o nell’addome. Le persone che contraggono il coronavirus, invece, in particolare le persone immunodepresse come gli anziani e i malati, soffrono di sintomi analoghi a quelli influenzali.

Dovrei far sterilizzare o castrare il mio gatto?

Ci sono ben poche cose al mondo che suscitano tenerezza quanto i gattini appena nati. Purtroppo però non tutti i cuccioli trovano una bella casa. Quando i randagi senza padrone si accoppiano tra loro o con i gatti domestici che vivono liberi all’aperto, quel che attende la loro prole è una vita di miseria.