L’insufficienza renale nel gatto This article is verified by a vet

insufficienza renale nel gatto

Non aspettare, consulta un veterinario ai primissimi segnali di un’insufficienza renale nel tuo gatto.

Con l’avanzare dell’età, è probabile che l’insufficienza renale nel gatto si presenti più spesso della media: può capitare infatti che i gatti anziani soffrano di insufficienza renale cronica, conosciuta anche come malattia renale cronica.

Si tratta di una sindrome progressiva, che segna una perdita di funzionalità dei reni.

Man mano che la malattia avanza, il danno progredisce e diventa via via irreparabile. Infatti il gatto inizia a mostrare sintomi come vomito, affaticamento o disturbi a livello metabolico solo dopo diversi mesi dall’insorgenza del problema, quando oramai il rene è già in buona parte compromesso.

Funzione e anatomia dei reni

I reni sono un organo fondamentale, mantengono l'equilibrio idro-salino dell’organismo ed eliminano le tossine attraverso l'urina. La loro forma ricorda quella di un fagiolo e, nel gatto, si trovano nell’area superiore della cavità addominale. A differenza dei cani, nei gatti i due reni sono posizionati alla stessa altezza.

Questi organi, molto irrorati di sangue, sono formati da una capsula superficiale, una parte corticale e una parte midollare. Tra queste componenti troviamo i nefroni, piccole strutture in grado di svolgere tutte le funzioni dell’organo. Queste unità funzionali sono essenzialmente composte da due parti: i corpuscoli renali all’interno della zona corticale e i tubuli nel midollo renale.

Infine, nella parte inferiore si trova la pelvi renale, che raccoglie l'urina prodotta e la fa confluire nell'uretere, verso la vescica.

Quali sono le cause di un’insufficienza renale nel gatto?

Nel gatto, sono diverse le cause che possono danneggiare i reni fino a provocare un'insufficienza renale acuta (improvvisa) o, più comunemente, cronica:

  • Patologie renali ereditarie e acquisite: cisti congenite, tumori dei reni o degli organi circostanti (ad esempio delle ghiandole surrenali), malattie autoimmuni, calcoli renali, disturbi del sistema vascolare (ischemia)
  • Malattie infettive (es. Peritonite Infettiva Felina - FIP)
  • Assunzione di sostanze tossiche (per esempio piante, farmaci, pesticidi, metalli pesanti)
  • Alimenti contenenti quantità eccessive di fosforo

Come posso riconoscere l'insufficienza renale nel gatto?

Sembra che le patologie renali colpiscano maggiormente i gatti più anziani: in ogni caso tutto dipende dalla capacità di compensazione dei reni.

Un rene danneggiato continua comunque a funzionare senza limitazioni fino a un certo livello di compromissione delle unità funzionali (circa il 75%). Quando questa soglia viene superata e quindi sono troppi i nefroni danneggiati, il gatto inizia a manifestare i primi segni clinici di un’insufficienza renale.

Presta particolare attenzione a questi sintomi, soprattutto se il tuo micio è un po’ avanti con gli anni:

  • Stato di debolezza generale: stanchezza, letargia, perdita di appetito e di peso
  • Aspetto poco curato, il pelo è particolarmente opaco
  • Aumento della minzione e disidratazione
  • Disturbi nell'equilibrio elettrolitico (per esempio, aumento della concentrazione di potassio nel sangue): aritmie cardiache
  • Ritenzione di liquidi (edema)
  • Pressione sanguigna elevata e conseguente cecità
  • Nelle forme più avanzate, proprio a causa della ridotta capacità dei reni di eliminare tossine come l'ammoniaca, possono comparire segni di avvelenamento come vomitodiarrea e anche alitosi

Purtroppo, nei casi più gravi l’insufficienza renale può rivelarsi fatale per il gatto.

Come si diagnostica l’insufficienza renale nel gatto?

Tieni sempre a mente che i gatti sono particolarmente predisposti alle patologie renali. Se quindi noti che il tuo peloso mostra anche uno solo dei sintomi sopra elencati in modo prolungato, non perdere tempo e contatta subito un veterinario. Prima si interviene, meglio è!

Il medico ti farà subito delle domande sulla comparsa dei primi sintomi, su un’eventuale ingestione di sostanze tossiche e sullo status vaccinale del tuo micio: tutte queste informazioni lo aiuteranno a inquadrare meglio la situazione.

Se durante la visita il gatto si mostra gravemente indebolito o addirittura se il medico rileva condizioni acute già potenzialmente fatali, come ad esempio aritmia cardiaca, è molto probabile che deciderà di intervenire immediatamente.

Somministrerà al tuo peloso medicinali e liquidi per via endovenosa, per compensare i disturbi idro-elettrolitici e combattere la disidratazione.

Successivamente passerà a controllare i reni nel dettaglio, dapprima palpandoli nella parte superiore dell’addome. Già da questo primo test, noterà se il micio manifesta dolore in determinati punti o se si evidenziano cambiamenti strutturali anomali nei reni, come ad esempio differenze nelle dimensioni, ingrossamenti o deformazioni.

L’ultimo esame, il più preciso, sarà quello effettuato tramite la cosiddetta metodica di imaging, ossia con una radiografia a raggi X o un’ecografia.

Contrariamente alle eventuali modifiche nella conformazione dei reni, che possono essere rilevate al tatto, solo specifici esami del sangue e delle urine saranno in grado di stabilire il livello di funzionalità o compromissione di questo organo.

In base al risultato, il veterinario classificherà l’insufficienza renale del micio come acuta o cronica.

I valori che vengono valutati in questi esami sono:

  • nel sangue: sostanze urinarie (per esempio creatinina, urea, SDMA), elettroliti (per esempio potassio), eccesso di acidità del sangue (acidosi)
  • nelle urine: il peso specifico (misura della capacità di concentrazione dei reni), il contenuto di proteine

Affrontare al meglio la situazione

Nei casi in cui la diagnosi permette di identificare una causa specifica per l’insufficienza renale, è ovviamente possibile instaurare una terapia specifica.

Tuttavia nella maggior parte dei casi la terapia è rivolta a ridurre segni clinici e complicanze e si basa quindi su una dieta mirata a recuperare il più possibile la salute dei reni e a misure di sostegno del povero pelosetto.

Dieta

Una dieta bilanciata e specifica per non appesantire i reni può essere un buon punto di partenza per migliorare la qualità di vita di un micio affetto da patologie renali.

Lo scopo di una dieta di questo tipo è abbassare i metaboliti tossici nell’organismo e compensare le carenze di elettroliti e vitamine, in particolare attraverso:

  • una ridotta quantità di fosforo e, se necessario, la somministrazione aggiuntiva di leganti di fosfato
  • un ricco, ma ben bilanciato, apporto di proteine, ben digeribili
  • un alto contenuto di carboidrati
  • un ridotto contenuto di sale (per intervenire sulla pressione alta)
  • l’integrazione di vitamine (es. D, B) e acidi grassi di alta qualità (es. acidi grassi omega 3)

Ricorda: un gatto affetto da un’insufficienza renale deve essere sottoposto regolarmente a esami del sangue. Guai a interrompere la dieta fino a che non vedi miglioramenti nei valori del sangue!

Ti consigliamo anche di evitare gli snack: spesso contengono infatti alti livelli di fosforo e proteine scadenti. Sicuramente saprai trovare un altro modo per viziare il tuo dolce peloso!

Scopri la nostra selezione di alimenti per gatti con problemi renali!

Hill's Prescription Diet k/d Kidney Care secco per gatti

  • Alimento dietetico ideale per gatti con insufficienza renale cronica o acuta.
  • Supporta la funzionalità renale grazie al ridotto apporto di fosforo e proteine.
  • Migliora la durata e la qualità della vita.

 Misure di sostegno

Come abbiamo visto, oltre alla dieta anche una terapia farmacologica di sostegno può aiutare il tuo micio a stare meglio, alleviando i sintomi.

In base allo stato di salute del tuo micio, il veterinario prescriverà i seguenti farmaci:

  • Vomito: medicinali gastroprotettori
  • Infezioni: farmaci antibiotici o antivirali, se necessario
  • Dolore: farmaci analgesici

La prognosi: aspettativa e qualità di vita

Vogliamo essere chiari da subito: una volta che i reni sono danneggiati, non si può tornare indietro ad una funzionalità ottimale. Ma questo non significa che tutto è perduto!

Una diagnosi precoce e una dieta mirata possono ridurre anche notevolmente gli spiacevoli effetti dell'insufficienza renale e migliorare quindi nettamente la durata e la qualità della vita del tuo gatto.

È possibile prevenire l’insufficienza renale nel gatto?

Anche se le cause dell'insufficienza renale sono davvero molte e molto diverse tra loro, una dieta sana è un’ottima base di partenza per mantenere in salute qualsiasi organo, reni compresi.

Presta particolare attenzione a quello che compri e leggi sempre la lista dei nutrienti: gli alimenti per gatti disponibili in commercio abbondano spesso di fosforo e di proteine di bassa qualità, che rischiano di sovraccaricare i reni del tuo amato pelosetto.


Franziska G., Veterinaria
Profilbild von Tierärztin Franziska Gütgeman mit Hund

Mi sono laureata in Medicina Veterinaria all’Università Justus-Liebig di Gießen, in Germania, e ho maturato una vasta esperienza in diversi ambiti quali la medicina clinica per piccoli animali, la pratica veterinaria per animali di grossa taglia e per animali esotici, approfondendo le mie conoscenze in fatto di farmacologia, patologia e igiene alimentare. Da allora svolgo attività come autrice non solo di testi di argomento veterinario ma anche in quello che è l’ambito della mia dissertazione scientifica. Il mio obiettivo è quello di riuscire a proteggere meglio gli animali dagli agenti patogeni di tipo batterico. Oltre alle mie conoscenze mediche, mi piace condividere la mia felice esperienza di proprietaria di un cane: in questo modo posso comprendere da vicino e allo stesso tempo fare chiarezza sulle principali problematiche che riguardano la salute degli animali.


I nostri articoli più utili
3 min

Calcolare l’età del gatto

Come è noto, non è difficile calcolare l’età di un cane: un anno di un cane equivale all’incirca a sette anni di una persona, fermo restando che hanno una certa incidenza anche la razza e il peso del cane. Ma come si fa a calcolare l’età di un gatto? E soprattutto quanto a lungo vivono i gatti? Da che età un gatto può essere considerano anziano?
10 min

Dovrei far sterilizzare o castrare il mio gatto?

Ci sono ben poche cose al mondo che suscitano tenerezza quanto i gattini appena nati. Purtroppo però non tutti i cuccioli trovano una bella casa. Quando i randagi senza padrone si accoppiano tra loro o con i gatti domestici che vivono liberi all’aperto, quel che attende la loro prole è una vita di miseria.
8 min

Il coronavirus nel gatto: tutto quello che c’è da sapere

I coronavirus non sono presenti solo nei proprietari di animali, ma anche nei loro amici a quattro zampe. Contrariamente al nuovo coronavirus umano, però, i gatti conoscono i coronavirus felini (FCoV) già da molti anni. Questi virus includono il coronavirus enterico felino (FECV) e il virus molto più noto della peritonite infettiva felina (FIP). Quest’ultimo causa la patologia mortale della peritonite infettiva felina che in alcuni casi conduce ad un accumulo di liquidi nel torace o nell’addome. Le persone che contraggono il coronavirus, invece, in particolare le persone immunodepresse come gli anziani e i malati, soffrono di sintomi analoghi a quelli influenzali.