La temperatura corporea del gatto: quando è normale?

La temperatura corporea del gatto

La temperatura interna di un gatto di solito è compresa tra 38,0°C e i 39,3°C.

La temperatura corporea è un fattore importante, nel quadro di salute di un gatto. Ma qual è la “temperatura normale” dei nostri amici felini? Quando si può parlare di febbre e quando di ipotermia? Scopriamo insieme quali sono i sintomi e i valori a cui fare attenzione.

La temperatura del gatto: quali valori sono “normali”?

Il termine "temperatura corporea" fa riferimento alla temperatura interna del gatto. Quindi con questa parola si intende la temperatura degli organi interni dei nostri mici.

Ma qual è la normale temperatura di un gatto? Nei soggetti adulti la temperatura normale è di solito compresa tra 38,0°C e 39,3°C. Alcuni esperti però citano i 39,0-39,2°C come limite superiore massimo accettabile, in un gatto adulto.

Nei gattini, invece, la temperatura interna può essere leggermente più alta: di solito hanno una temperatura corporea compresa tra i 38,0 e i 39,5°C.

Da quale temperatura in poi si può parlare di febbre?

Se la temperatura interna di un gatto è superiore a 39,3°C si parla di febbre.

Un valore di 41°C viene definito “febbre alta”, mentre a partire da 41,6°C la febbre diventa pericolosa per la sopravvivenza stessa dell’animale. Superati i 43°C il gatto di norma non sopravvive.

Per inciso, la febbre di per sé non è una malattia, ma semplicemente il sintomo di una malattia: anzi, di base la febbre aiuta il corpo a combattere gli agenti infettivi.

Quindi, se il tuo gatto ha la febbre, la ragione potrebbe un'infezione di origine batterica, ad esempio, oppure dovuta ad un virus, a funghi o a parassiti. Anche l'infiammazione di alcuni organi interni, le malattie autoimmuni, i tumori o l'avvelenamento possono essere associati alla febbre.

Se il tuo gatto ha un rialzo della temperatura interna, comunque, dovresti assolutamente portarlo dal tuo veterinario di fiducia.

Per essere certi della misurazione, nei gatti la febbre si rileva per via rettale.

La temperatura del gatto: ecco i valori più importanti

Condizione del gatto   °C (gradi centrigradi)
Ipotermia < 38
Temperatura normale 38 – 39,3
Febbre 39,3 – 41
Febbre molto alta > 41
Febbre potenzialmente fatale > 41,6
Febbre fatale > 43

I segnali associati alla febbre

Come fai a capire se il tuo gatto ha la febbre? Beh, ci sono alcuni segnali che, se mostrati dal tuo pelosetto, devono metterti in allerta. Potrebbero significare che il tuo micione ha una temperatura corporea elevata:

  • diminuzione dell’appetito
  • non ha voglia di bere
  • sonnolenza e apatia
  • naso asciutto, a volte caldo
  • il gatto trema o ansima

In questi casi, per stare tranquillo, ti conviene misurargli la febbre con un termometro.

Febbre e ipertermia non sono la stessa cosa

La febbre non va confusa con l'ipertermia. Quest’ultima è un surriscaldamento del corpo e può essere dovuta, ad esempio, ad un ambiente troppo caldo.

Nel peggiore dei casi, questo può portare ad un colpo di calore nel gatto. Il caso purtroppo più frequente è quello dell'animale lasciato a lungo in un'auto chiusa, in estate.

La temperatura corporea di un gatto può anche aumentare a causa dello stress, un fattore che non va mai sottovalutato e a cui i gatti sono, in generale, molto sensibili.

Scopri tutto su La febbre nei gatti leggendo anche l’articolo dedicato a questo argomento, nella sezione “Salute e cura del gatto” del Magazine di zooplus. 

Come si misura la febbre al gatto

Qual è il modo migliore per misurare la temperatura corporea del gatto? L’ideale è per via rettale, cioè inserendo dolcemente il termometro nell'ano del tuo micio. Funziona meglio se siete in due: una persona lo tiene fermo con dolcezza, l’altra gli misura la febbre. In questi casi un po' di vaselina rende le cose più facili.

Fai molta attenzione a non ferire accidentalmente il tuo micio lesionando il suo intestino. Se il tuo pet si agita troppo, lascia che pensi il veterinario a misurargli la temperatura interna.

Sfortunatamente, i classici termometri auricolari per gli umani non sono adatti ai gatti perché danno risultati non affidabili.

Per ridurre il rischio di lesioni, se vuoi misurare la temperatura interna del tuo gatto, ti conviene procurarti un termometro per animali con una punta flessibile.

L’ipotermia nel gatto

L'ipotermia si verifica quando la temperatura corporea dell’animale scende al di sotto dei parametri normali. Nei gatti, si parla di ipotermia se la temperatura corporea è inferiore a 38°C.

Soprattutto le razze feline di taglia piccola e a pelo corto spesso non riescono a far fronte adeguatamente al freddo invernale. Se il tuo micio è rimasto a lungo esposto al gelo o al vento freddo, può rischiare un'ipotermia. Anche la combinazione “mantello bagnato + clima freddo” è pericolosa.

I sintomi dell’ipotermia nel gatto

Questi sono i sintomi che mostra un gatto in ipotermia:

  • trema
  • ha le gambe e le zampe molto fredde
  • mostra i sintomi di uno shock (polso rapido, respiro superficiale, mucose più pallide del normale)

Se sospetti che il tuo gatto sia in ipotermia, puoi misurare la sua temperatura corporea utilizzando un termometro.

Primo soccorso in caso di ipotermia

Nel caso in cui il tuo micio mostri i sintomi dell’ipotermia, devi spostarlo subito in un luogo caldo o riscaldato. Se ti accorgi che ha il pelo bagnato, prima asciugalo con molta cura.

A questo punto puoi avvolgere il tuo pet in una coperta e mettergli vicino una borsa dell'acqua calda (facendo attenzione a che non scotti!). Per essere al sicuro, avvolgi la borsa dell’acqua calda in un asciugamano.

In caso di ipotermia, per prima cosa riscalda il tuo gatto gradualmente, quindi portalo dal veterinario il prima possibile. Se mostra sintomi di shock, fai tu le manovre di primo soccorso e poi contatta immediatamente la clinica veterinaria più vicina.

I nostri articoli più utili
3 min

Calcolare l’età del gatto

Come è noto, non è difficile calcolare l’età di un cane: un anno di un cane equivale all’incirca a sette anni di una persona, fermo restando che hanno una certa incidenza anche la razza e il peso del cane. Ma come si fa a calcolare l’età di un gatto? E soprattutto quanto a lungo vivono i gatti? Da che età un gatto può essere considerano anziano?
9 min

Dovrei far sterilizzare o castrare il mio gatto?

Ci sono ben poche cose al mondo che suscitano tenerezza quanto i gattini appena nati. Purtroppo però non tutti i cuccioli trovano una bella casa. Quando i randagi senza padrone si accoppiano tra loro o con i gatti domestici che vivono liberi all’aperto, quel che attende la loro prole è una vita di miseria.
8 min

Il coronavirus nel gatto: tutto quello che c’è da sapere

I coronavirus non sono presenti solo nei proprietari di animali, ma anche nei loro amici a quattro zampe. Contrariamente al nuovo coronavirus umano, però, i gatti conoscono i coronavirus felini (FCoV) già da molti anni. Questi virus includono il coronavirus enterico felino (FECV) e il virus molto più noto della peritonite infettiva felina (FIP). Quest’ultimo causa la patologia mortale della peritonite infettiva felina che in alcuni casi conduce ad un accumulo di liquidi nel torace o nell’addome. Le persone che contraggono il coronavirus, invece, in particolare le persone immunodepresse come gli anziani e i malati, soffrono di sintomi analoghi a quelli influenzali.