Il raffreddore nei gatti

gatto grigio domestico che dorme

Il tempo freddo e umido, il fango e le frequenti variazioni di temperatura tipici del periodo autunnale e invernale mettono a dura prova il sistema immunitario di persone e animali. Per questo chi vive con un gatto ha probabilmente già fatto esperienza con il raffreddore del suo felino domestico.

 

Quali sono i tipici sintomi del raffreddore nel gatto?

Quando un animale ha il nasino che cola, perde l’appetito e si rintana in un angolo, probabilmente sta covando un raffreddore.

Altri sintomi nei gatti possono essere:

  •     mucose arrossate;
  •     spossatezza inconsueta;
  •     starnuti regolari;
  •     secrezioni dal naso;
  •     tosse (possibile);
  •     febbre.

Come puoi aiutare il tuo gatto?

Concedi al tuo gatto qualche giorno di tranquillità. Non spingerlo a giocare, ma fai in modo che possa avere la calma che necessita per guarire.

Il calore è molto importante per un micio con il raffreddore. Puoi provare a ricorrere ai raggi infrarossi: dieci minuti a seduta sono più che sufficienti. Durante questo periodo stai vicino al tuo animale, che dovrebbe restare a una distanza minima di mezzo metro dall’apparecchio. Anche un cuscino riscaldante potrà essere di conforto al tuo gatto. In casa, per l'inverno, un altro accessorio indispensabile per il gatto è l'amaca da calorifero, che gli permetterà di godere di un tepore costante nelle giornate più fredde.

Fai in modo che assuma liquidi a sufficienza. Se il tuo gatto rifiuta di bere, aggiungi un’abbondante quantità d'acqua alla razione di alimenti secchi che gli somministri di solito. Se puoi, aggiungi anche del cibo umido alla sua dieta, o affianca alla ciotola dei croccantini una fontanella automatica, che lo stimoli a bere acqua pulita con regolarità.

Misura la temperatura del tuo gatto. La temperatura normale è tra i 38 e i 39 gradi. Per rendere più semplice la misurazione per via rettale, ricopri il termometro con la vasellina e inseriscilo con attenzione. Se la temperatura supera i 39 gradi contatta il veterinario che ti fornirà un quadro clinico preciso.

Se il tuo gatto non presenta febbre, ma è solo abbacchiato, puoi ricorrere all'omeopatia per favorire la guarigione e rinforzare il sistema immunitario. Se il raffreddore persiste per più di tre giorni, recati presso un veterinario.

Nel caso di gatti molto giovani o anziani, alla comparsa di uno qualsiasi di questi sintomi ti consigliamo di consultare il veterinario, poiché in questi animali le difese immunitarie sono molto deboli e spesso necessitano di un intervento farmacologico.

 

Cosa evitare se il tuo gatto ha il raffreddore

  • non somministrargli medicinali per esseri umani;
  • evita il contatto con gli altri gatti, il rischio di contagio è molto alto!

Auguriamo a Micio una buona guarigione e ti consigliamo in ogni caso di consultare il veterinario.

I nostri articoli più utili

Calcolare l’età del gatto

Come è noto, non è difficile calcolare l’età di un cane: un anno di un cane equivale all’incirca a sette anni di una persona, fermo restando che hanno una certa incidenza anche la razza e il peso del cane. Ma come si fa a calcolare l’età di un gatto? E soprattutto quanto a lungo vivono i gatti? Da che età un gatto può essere considerano anziano?

Il coronavirus nel gatto

I coronavirus non sono presenti solo nei proprietari di animali, ma anche nei loro amici a quattro zampe. Contrariamente al nuovo coronavirus umano, però, i gatti conoscono i coronavirus felini (FCoV) già da molti anni. Questi virus includono il coronavirus enterico felino (FECV) e il virus molto più noto della peritonite infettiva felina (FIP). Quest’ultimo causa la patologia mortale della peritonite infettiva felina che in alcuni casi conduce ad un accumulo di liquidi nel torace o nell’addome. Le persone che contraggono il coronavirus, invece, in particolare le persone immunodepresse come gli anziani e i malati, soffrono di sintomi analoghi a quelli influenzali.

Dovrei far sterilizzare o castrare il mio gatto?

Ci sono ben poche cose al mondo che suscitano tenerezza quanto i gattini appena nati. Purtroppo però non tutti i cuccioli trovano una bella casa. Quando i randagi senza padrone si accoppiano tra loro o con i gatti domestici che vivono liberi all’aperto, quel che attende la loro prole è una vita di miseria.