I problemi dell’apparato respiratorio nei gatti

Il tuo gatto tossisce o starnutisce? Gli cola il naso o russa forte? I problemi dell'apparato respiratorio nei gatti sono molto comuni: i sintomi sono simili a quelli dell'uomo, ma le cause possono essere molteplici.

Cause e sintomi dei problemi dell'apparato respiratorio nei gatti

Le vie respiratorie del gatto si suddividono in superiori e inferiori. Naso, faringe e laringe fanno parte di quelle superiori, trachea, e polmoni di quelle inferiori. I sintomi tipici di un problema alle vie respiratorie superiori sono gli starnuti, il naso che cola, il russare e la fatica a inghiottire. I disturbi alle vie respiratorie inferiori invece si riconoscono da tosse, fiato corto o affanno e respirazione con la bocca aperta. In entrambi i casi a questi sintomi si possono aggiungere uno stato di malessere generale, febbre e scarso appetito.

I problemi dell'apparato respiratorio nei gatti vanno presi seriamente. Alla comparsa dei sintomi appena descritti il micio va portato dal veterinario! Soprattutto in caso di affanno o se le mucose diventano bluastre: veri e propri segnali di emergenza. Il tuo veterinario di fiducia potrà escludere malattie gravi e pericolose e identificare le cause del problema.

Spesso la causa dei disturbi respiratori va identificata in allergie, corpi estranei all’interno delle vie respiratorie, problemi ai denti, parassiti polmonari e infezioni. Ma tali problemi possono anche essere un segnale di altre malattie, per esempio quelle cardiache.

I problemi dell'apparato respiratorio nei gatti

Infezioni

Causa frequente dei problemi dell'apparato respiratorio nei gatti sono le infezioni, come la rinotracheite virale felina, scatenata da virus (herpes virus e calicivirus) o batteri (bordetella, clamidia, micoplasmi). Un segnale frequente è anche il naso che cola sempre di più, inoltre gli animali malati russano in modo molto rumoroso e sono affetti da un malessere generale. Il virus può essere identificato tramite il tampone, e il trattamento è costituito in primis dal rafforzamento del sistema immunitario del gatto e dalla riduzione dei sintomi. Il raffreddore nei gatti è una malattia importante, che va sempre seguita da un veterinario. L’ideale sarebbe vaccinare i gatti in tenera età.

Anche nel caso della polmonite il gatto presenta tosse, affanno e mucose bluastre, nonché un malessere generale accompagnato da febbre. La polmonite va trattata con una cura antibiotica prescritta dal veterinario che può durare diverse settimane, se non mesi. Possono alleviare la malattia anche espettoranti e inalazioni.

Asma

Ebbene sì, anche i gatti soffrono d'asma. L'infiammazione dei bronchi si manifesta con tosse improvvisa e cronica, sino ad insufficienza respiratoria. Con una radiografia ai polmoni si possono notare delle tipiche alterazioni. Il cortisone può ridurre la reazione del corpo all’infiammazione, mentre le inalazioni o altri farmaci specifici aprono i bronchi e facilitano la respirazione.

Patologie dentali

Anche alcune patologie dentali possono essere causa di problemi dell'apparato respiratorio nei gatti. I sintomi più comuni sono tosse, fatica a inghiottire e starnuti. In questo caso il veterinario normalmente riesce a stabilire una diagnosi precisa.

Parassiti

I parassiti polmonari sono frequenti soprattutto nei gatti non domestici che mangiano le lumache. I sintomi sono quelli dell'infiammazione alle vie respiratorie, particolarmente frequente è la tosse cronica, ma l'infezione può essere anche asintomatica. Il veterinario può accorgersi di un parassita tramite i raggi X o l’esame delle feci. Il trattamento, che spesso va ripetuto, consiste nella somministrazione di antielmintici idonei. Purtroppo, raramente i problemi alle vie respiratorie di questo tipo scompaiono insieme ai parassiti, perciò spesso vanno curati in modo mirato fino a quando il gatto non è di nuovo in forma.

I problemi dell'apparato respiratorio nei gatti

Allergie

Come noi, anche i gatti soffrono di allergie. Se i problemi alle vie respiratorie si manifestano soprattutto in particolari situazioni o periodi dell’anno, allora possono essere causati da un'allergia. Proprio come gli esseri umani, i gatti possono essere allergici ai pollini, agli acari della polvere o a determinati alimenti. La terapia dipende dai sintomi e dalla loro causa. I gatti, come gli umani, possono anche soffrire di intolleranze alimentari, per esempio ai cereali: in questi casi particolari, dovrai nutrire il tuo animale con croccantini grain-free.

Corpi estranei

Se un filo d’erba o qualsiasi altro corpo estraneo finisce nella trachea o nella laringe del gatto, può provocare un'irritazione che si manifesta con tosse, starnuti o difficoltà ad inghiottire. Inoltre potrebbe spostarsi nel naso e causare gravi danni. Per questo è essenziale rivolgersi al veterinario il più rapidamente possibile!

Polipi

I polipi sono formazioni anomale di tessuto di carattere benigno che si presentano soprattutto nei gatti giovani. Quando tali escrescenze crescono nella faringe o in corrispondenza dell’apertura del canale uditivo, il gatto ha il naso che cola e russa rumorosamente. Il veterinario potrà rimuovere i polipi molto facilmente con l’anestesia.

Come avrai capito, nei gatti i problemi alle vie respiratorie possono essere determinati da numerose cause! Cerca di rivolgerti al veterinario alla comparsa dei primi sintomi, poiché potrà definire una diagnosi precisa e curare il tuo gatto per tempo.

Da parte nostra, auguriamo il meglio a te e al tuo animale!

I nostri articoli più utili

Calcolare l’età del gatto

Come è noto, non è difficile calcolare l’età di un cane: un anno di un cane equivale all’incirca a sette anni di una persona, fermo restando che hanno una certa incidenza anche la razza e il peso del cane. Ma come si fa a calcolare l’età di un gatto? E soprattutto quanto a lungo vivono i gatti? Da che età un gatto può essere considerano anziano?

Il coronavirus nel gatto

I coronavirus non sono presenti solo nei proprietari di animali, ma anche nei loro amici a quattro zampe. Contrariamente al nuovo coronavirus umano, però, i gatti conoscono i coronavirus felini (FCoV) già da molti anni. Questi virus includono il coronavirus enterico felino (FECV) e il virus molto più noto della peritonite infettiva felina (FIP). Quest’ultimo causa la patologia mortale della peritonite infettiva felina che in alcuni casi conduce ad un accumulo di liquidi nel torace o nell’addome. Le persone che contraggono il coronavirus, invece, in particolare le persone immunodepresse come gli anziani e i malati, soffrono di sintomi analoghi a quelli influenzali.

Dovrei far sterilizzare o castrare il mio gatto?

Ci sono ben poche cose al mondo che suscitano tenerezza quanto i gattini appena nati. Purtroppo però non tutti i cuccioli trovano una bella casa. Quando i randagi senza padrone si accoppiano tra loro o con i gatti domestici che vivono liberi all’aperto, quel che attende la loro prole è una vita di miseria.