I problemi dell’apparato respiratorio nei gatti

Veterinario che visita un gatto

Durante la visita, il veterinario esaminerà con attenzione, auscultandoli, le vie respiratorie e i polmoni del tuo gatto

Da qualche giorno noti che il tuo gatto tossisce o starnutisce? Magari gli cola anche il naso e quando dorme russa rumorosamente? I disturbi all’apparato respiratorio, nel gatto, non sono certo una rarità, ma le cause possono essere molteplici ed è bene saperle riconoscere con certezza.

Leggi questo articolo per avere una panoramica sulle patologie che coinvolgono più di frequente l’apparato respiratorio nel gatto.

Le patologie respiratorie, nel gatto, possono rivelarsi pericolose?

I problemi dell'apparato respiratorio nel gatto non dovrebbero mai essere presi sottogamba: soprattutto in caso di affanno o se noti che le mucose assumono un colore bluastro non perdere tempo e contatta uno specialista.

Solo con una visita approfondita, il tuo veterinario di fiducia potrà escludere malattie gravi e pericolose e identificare le cause del problema, per risolverlo quanto prima e nel modo migliore.

Sintomi: come riconoscere un problema all’apparato respiratorio nel gatto?

L’apparato respiratorio, nel gatto come nell’uomo, è composto da un tratto superiore e uno inferiore. Naso, faringe e laringe fanno parte di quelle superiori, trachea, e polmoni di quelle inferiori.

I sintomi tipici di un problema alle vie respiratorie superiori sono gli starnuti, il naso che cola, un respiro rumoroso e la difficoltà a deglutire. I disturbi alle vie respiratorie inferiori invece si riconoscono da tosse, fiato corto o affanno e respirazione con la bocca aperta.

In entrambi i casi i sintomi possono essere accompagnati da uno stato di malessere generale, febbre e scarso appetito.

I problemi dell'apparato respiratorio nei gatti

Quali sono le malattie respiratorie più frequenti nel gatto?

L’elenco delle patologie che possono colpire l’apparato respiratorio nel gatto è purtroppo piuttosto lungo.

I sintomi sono pressoché identici in ogni situazione, ma il trattamento varia a seconda della causa scatenante.

Più si agisce in modo mirato, migliori sono i tempi e le possibilità di guarigione: ecco perché una diagnosi sicura e precisa da parte del veterinario è fondamentale, anche se a te sembra “solo un semplice raffreddore”.

Tra le malattie respiratorie che più frequentemente colpiscono i nostri amici pelosi ricordiamo soprattutto:

  • Infezioni: l’esempio per eccellenza, in questo caso, è la rinotracheite virale felina, una patologia scatenata da virus (herpes virus e calicivirus) o batteri (bordetella, clamidia, micoplasmi).
  • Asma: l’infiammazione dei bronchi si manifesta con tosse improvvisa o cronica che può anche degenerare in un respiro piuttosto affaticato e affannoso.

In caso di asma, una radiografia ai polmoni evidenzierà delle tipiche alterazioni.

Per ridurre lo stato infiammatorio dell’organismo si ricorre spesso al cortisone, mentre una terapia inalatoria o altri farmaci specifici sono utili per aprire i bronchi e facilitare la respirazione.

  • Problemi ai denti: può sembrare strano, ma anche alcune patologie dentali possono manifestarsi con disturbi dell'apparato respiratorio, nel gatto, come ad esempio tosse, difficoltà a deglutire e starnuti.
  • Parassiti: in caso di parassiti polmonari si riscontra spesso una tosse cronica, ma la presenza di questi sgraditi ospiti può essere anche totalmente asintomatica.

Per accertare un’infestazione parassitaria ai polmoni, il veterinario ha a disposizione strumenti diagnostici come l’esame delle feci o il lavaggio broncoalveolare.

  • Allergie: proprio come noi, anche i gatti soffrono di allergie, ad esempio ai pollini, agli acari della polvere o anche a determinati alimenti.

Ad ogni modo, la maggior parte delle reazioni allergiche, nei gatti, si manifestano a livello gastro-intestinale o cutaneo.

  • Corpi estranei: può capitare che durante uno dei suoi giretti per l’isolato il micio ingerisca un filo d’erba o qualsiasi altro corpo estraneo che finisce per errore nella trachea o nella laringe, provocando un'irritazione che si manifesta con la tipica sintomatologia di tosse, starnuti o difficoltà a deglutire.
  • Polipi: i polipi sono formazioni anomale di tessuto, di carattere benigno, che si presentano soprattutto nei gatti giovani.

Quando tali escrescenze crescono nella faringe o in corrispondenza dell’apertura del canale uditivo, il gatto mostra naso che cola e respiro rumoroso.

Niente paura: i polipi sono molto facili da eliminare, naturalmente sottoponendo il gatto ad un semplice intervento chirurgico sotto anestesia.

Come avrai capito, i disturbi dell’apparato respiratorio, nel gatto, possono avere numerose cause, la maggior parte delle volte con prognosi piuttosto positiva.

Cerca di rivolgerti al veterinario alla comparsa dei primi sintomi, permettendogli così di definire una diagnosi precisa e curare il tuo gatto per tempo.

Auguriamo una lunga vita sana e felice a te e al tuo pelosetto!

Questo articolo di zooplus Magazine è puramente informativo. Se il tuo animale presenta malessere e fastidi, contatta il tuo veterinario per diagnosi e cure.

I nostri articoli più utili
4 min

Calcolare l’età del gatto

Come è noto, non è difficile calcolare l’età di un cane: un anno di un cane equivale all’incirca a sette anni di una persona, fermo restando che hanno una certa incidenza anche la razza e il peso del cane. Ma come si fa a calcolare l’età di un gatto? E soprattutto quanto a lungo vivono i gatti? Da che età un gatto può essere considerano anziano?
12 min

Sterilizzare o castrare il gatto

Ci sono ben poche cose al mondo più tenere di una cucciolata di gattini. Purtroppo però è raro che tutti quei dolci micetti trovino una casa accogliente in cui vivere. Se i gatti sono lasciati liberi di riprodursi, quasi certamente si mettono al mondo tante vite misere e infelici.   Sterilizzando il tuo gatto, invece, previeni il sovraffollamento. Scopriamo insieme quali sono gli aspetti da considerare prima di prendere questa decisione e qual è la differenza tra sterilizzare o castrare il gatto.
6 min

Le 6 fasi di crescita del gatto: maturare insieme

Quanto a lungo crescono i gatti e quanto grandi diventano? Da un lato, dipende dal loro corredo genetico, dall'altro la crescita è influenzata anche da elementi esterni quali la nutrizione. Scopriamo insieme le fasi della crescita del gatto. Conoscendo questo processo, potremo regalare ai nostri gattini un perfetto avvio verso una vita sana, e supportarli nel migliore dei modi nella loro fase adulta.