Riconoscere la giardia nel gatto: dalla diagnosi alla cura This article is verified by a vet

giardia nel gatto

Purtroppo, anche i gatti in perfetta salute possono contrarre la giardia.

Se il tuo gatto soffre spesso di diarrea, potrebbe avere la giardia. Si tratta di parassiti intestinali unicellulari che possono risultare pericolosi, soprattutto per gli animali giovani o fragili di salute. Scopriamo insieme cosa puoi fare per mettere al riparo il tuo micio dai rischi della giardia felina.

Quanto sono pericolosi i parassiti della giardia, per i gatti?

Se il tuo gatto ha contratto la giardia purtroppo non c’è da scherzare. La diarrea che persiste per giorni causa una notevole perdita di liquidi, soprattutto nei gatti più giovani, mettendo velocemente a rischio la vita stessa del tuo pet. Come se non bastasse, questi parassiti sono molto contagiosi e anche noi umani possiamo ammalarci di giardia.

I sintomi: quali sono i principali segnali da cogliere?

Per fortuna non tutte le infezioni da giardia (giardiasi) causano una grave infiammazione intestinale, nel gatto. In pratica, i sintomi sono più o meno pronunciati in base alle condizioni del sistema immunitario, all'età e alla quantità di cisti ingerita dal singolo gatto.

Specialmente nei gattini, i più comuni sintomi di una infezione da giardia sono:

Soprattutto i gatti più anziani spesso non mostrano sintomi, quando sono colpiti da giardiasi. Tuttavia, siccome espellono comunque gli agenti patogeni (ossia le cisti di giardia), possono infettare altri animali e i loro umani.

La diagnosi: come si individua la giardia nel gatto?

Di base, se il tuo gatto ha avuto la diarrea per più di due o tre giorni consecutivi, sarebbe meglio consultare il tuo medico veterinario di fiducia. Questa è una regola generale valida sempre perché la diarrea è un sintomo da non sottovalutare. Sono da tenere sotto controllo anche i sintomi aspecifici come il dimagrimento e la perdita di appetito.

Il modo migliore per ottenere una diagnosi rapida è portare con te un campione di feci del tuo gatto, quando lo fai visitare dal ​​veterinario. Dovresti raccogliere le feci di tre giorni consecutivi perché il gatto non espelle questi agenti patogeni continuamente, perciò serve più di un campione.

La maggior parte degli studi veterinari dispone oramai di test rapidi in grado di identificare la giardia rapidamente. Il risultato di questi test può essere letto nel giro di 10-15 minuti.

 

test per giardia nei gatti
I gatti che vivono in una comunità devono essere sottoposti spesso al test per rilevare la giardia.

La terapia: come si cura la giardiasi nel gatto?

Se il test mette in luce che il tuo gatto ha effettivamente contratto la giardia, il veterinario ha a disposizione diversi farmaci. Di solito i principi attivi utilizzati sono il fenbendazolo e il metronidazolo. Ti verrà chiesto di somministrare le necessarie medicine al tuo gatto per via orale, per diversi giorni.

Siccome questa parassitosi è estremamente tenace e difficile da debellare, il trattamento va eseguito in due cicli distinti, con una pausa di tre-cinque giorni l'uno dall'altro. Al termine di questo doppio ciclo di farmaci, occorre rifare il test. La terapia può dirsi conclusa solo quando i parassiti vengono definitivamente eliminati.

Pulire a fondo l‘ambiente

Per debellare la giardiasi è fondamentale anche pulire in maniera accurata l'intero ambiente nel quale vive e si muove il gatto. Purtroppo i classici disinfettanti in commercio non funzionano contro le cisti di giardia. Queste muoiono solo per siccità o con temperature superiori a 60°C.

La prognosi: si può guarire dalla giardiasi felina?

Con le giuste precauzioni a livello di igiene dell’ambiente e con una corretta terapia farmacologica, puoi sconfiggere la giardia felina. Se in casa tua ci sono altri animali oltre al gatto, dovresti trattare anche i tuoi altri pet facendoti prescrivere dal veterinario una opportuna profilassi. Il rischio, se no, è che i tuoi amici di zampa continuino ad infettarsi tra loro uno dopo l’altro.

Le cause: come mai i gatti si ammalano di giardia?

La Giardia intestinalis è un parassita intestinale unicellulare diffuso in tutto il mondo, anche tra i gatti. I protozoi colonizzano l'intestino tenue dell’animale, innescando i tipici sintomi.

Le cisti di giardia, una volta ingerite, passano al trofozoite attaccandosi alle pareti dell'intestino tenue del gatto, che le espelle attraverso le feci, infettando a sua volta altri animali. Le cisti sono molto resistenti anche una volta espulse e quindi al di fuori dell’organismo del gatto. Di conseguenza ci si può infettare anche tramite le superfici e oggetti contaminati.

Prevenzione: posso evitare che il mio gatto contragga la giardia?

Per evitare che il tuo gatto contragga periodicamente la giardia, puoi mettere in atto le seguenti misure preventive:

  • Elimina rapidamente le feci del tuo gatto, lavando la vaschetta con acqua ad almeno 60°C.
  • Disinfetta regolarmente la toilette del gatto, le ciotole e fontanelle da cui
  • Periodicamente lava il tuo gatto con shampoo specifici (le cisti potrebbero restare sul pelo e dare origine a nuove infezioni).

 

I nostri articoli più utili
3 min

Calcolare l’età del gatto

Come è noto, non è difficile calcolare l’età di un cane: un anno di un cane equivale all’incirca a sette anni di una persona, fermo restando che hanno una certa incidenza anche la razza e il peso del cane. Ma come si fa a calcolare l’età di un gatto? E soprattutto quanto a lungo vivono i gatti? Da che età un gatto può essere considerano anziano?
9 min

Dovrei far sterilizzare o castrare il mio gatto?

Ci sono ben poche cose al mondo che suscitano tenerezza quanto i gattini appena nati. Purtroppo però non tutti i cuccioli trovano una bella casa. Quando i randagi senza padrone si accoppiano tra loro o con i gatti domestici che vivono liberi all’aperto, quel che attende la loro prole è una vita di miseria.
8 min

Il coronavirus nel gatto

I coronavirus non sono presenti solo nei proprietari di animali, ma anche nei loro amici a quattro zampe. Contrariamente al nuovo coronavirus umano, però, i gatti conoscono i coronavirus felini (FCoV) già da molti anni. Questi virus includono il coronavirus enterico felino (FECV) e il virus molto più noto della peritonite infettiva felina (FIP). Quest’ultimo causa la patologia mortale della peritonite infettiva felina che in alcuni casi conduce ad un accumulo di liquidi nel torace o nell’addome. Le persone che contraggono il coronavirus, invece, in particolare le persone immunodepresse come gli anziani e i malati, soffrono di sintomi analoghi a quelli influenzali.