Come abituare il gatto ad uscire all’esterno

Gattini

Da che età puoi abituare il gatto ad uscire all'esterno liberamente?

Il sole invita a godersi delle belle scorribande all'aria aperta … e anche i nostri gatti lo sanno! Una volta che hanno provato l’ebbrezza di uscire, vorranno farlo di nuovo! Non sempre però è consigliabile far uscire liberamente il proprio gatto che dovrà abituarsi a stare all'aperto e rientrare in casa. Dovrai prestare attenzione ai seguenti aspetti.

Come abituare il gatto ad uscire all'esterno

Abituare il gatto a stare all'aperto – cosa c’è da sapere?

  • Inizialmente il gattino dovrebbe rimanere per minimo quattro settimane in casa, al fine di instaurare un legame con il nuovo ambiente e poter ricreare il proprio territorio.
  • Assicurati che il tuo terrazzo o giardino non presenti pericoli per il cucciolo di gatto. Piscine e stagni dovrebbero essere coperti per evitare che cada in acqua, ma anche la presenza di altri animali potrebbe risultare pericolosa. Se vivi in prossimità di una strada molto trafficata presta ulteriore attenzione alle auto.
  • Il gatto dovrebbe avere di giorno accesso alla casa attraverso una gattaiola con microchip oppure un ad luogo protetto in cui rifugiarsi in caso di intemperie o minaccia da parte di cani o altri animali, come una casetta in legno per gatti.
  • Il tuo gatto riconosce il suo nome e torna a casa quando lo chiami? Come richiamo va bene anche il rumore di una busta di croccantini. Provalo!
  • Assicurati che l’animale abbia un microchip o un tatuaggio identificativo, utile per ricondurre prontamente l’animale in caso di necessità.
  • Il tuo gatto dispone di tutti i vaccini di base? I gatti che vivono prevalentemente all'aperto devono essere vaccinati contro la panleucopenia felina, l’herpesvirus felino e la rabbia. Spesso è una decisione responsabile ricorrere alla castrazione del gatto: il tuo veterinario di fiducia saprà consigliarti al meglio.
  • È poi doveroso sottoporre l’animale a regolari sverminazioni e utilizzare degli antiparassitari.
  • L'utilizzo del collare per gatti non è consigliato per le scorribande all'aperto: è possibile, infatti, che il collare possa rimanere impigliato ad arbusti o cespugli rischiando di ferire gravemente l'animale.
  • Nel primo giorno di libera uscita è meglio non esagerare: rimani sempre nelle vicinanze dell’animale in caso di necessità. Dopo le prime due/tre scorribande all'aperto il gatto saprà orientarsi e cavarsela da solo.

Con la giusta preparazione le scorribande all'aperto del gatto diventeranno fonte di grande divertimento!

Scopri anche i nostri consigli su come mettere il giardino in sicurezza per il gatto.

Articoli più letti

Sverminare il gatto

I vermi possono colpire i gattini piccoli relativamente spesso, e se non eliminati possono portare all'insorgere di gravi malattie. Per fortuna questi parassiti del gatto possono essere debellati in modo semplice una volta individuato il problema. La nostra “tigre da accarezzare”, come la definiva con affetto Victor Hugo, va sverminata per la prima volta dopo tre settimane dalla nascita del gatto, per poi ripetere il trattamento ogni tre o quattro settimane. Si tratta tuttavia di linee guida generali. Soltanto un veterinario può stabilire il ciclo di sverminazione del tuo gatto. I medicinali vermifughi vengono spesso somministrati anche nei rifugi per animali, dal momento che alcuni gattini vi giungono in condizioni molto gravi.

La castrazione del gatto

I padroni sono spesso dubbiosi quando si tratta di profilassi e castrazione per il proprio gatto. Una castrazione precoce sembra essere essenziale però quando si tratta di gatti senza un padrone o di gattili strapieni. Faccio qualcosa di sbagliato al mio gatto quando gli impedisco di avere una prole? Quand’è il periodo idoneo per la castrazione? Come si differenzia una sterilizzazione da una castrazione? E quand’è il periodo giusto per l’intervento?

Il raffreddore nei gatti

Il tempo freddo e umido, il fango e le frequenti variazioni di temperatura tipici del periodo autunnale e invernale mettono a dura prova il sistema immunitario di persone e animali. Per questo chi vive con un gatto ha probabilmente già fatto esperienza con il raffreddore del suo felino domestico.