5 ottime ragioni per adottare un gatto anziano

adottare un gatto anziano

Che teneri, i gattini di poche settimane! Impossibile non sognare di portarsene a casa almeno uno per riempirlo di coccole. Ma hai mai pensato che potresti adottare un gatto anziano o già adulto? No? Beh, vale la pena rifletterci, invece, perché i gatti senior sono spesso più grati e sicuramente più facili da gestire dei gattini.

5 validi motivi per adottare un gatto anziano

Con gli anni si diventa più saggi? Magari non sarà vero per tutte le persone, ma di sicuro lo è per i gatti. Quelli anziani o comunque i gatti già adulti non graffiano tende e i divani, ad esempio, né si divertono a rovistare nel cestino della spazzatura o a cacciare i topi di notte.

Sanno godersi la vita restandosene tranquilli, insomma. Sonnecchiano, fanno le fusa e aspettano con pazienza che il loro umano arrivi per aprire la loro scatoletta e fargli qualche carezza. Godersi la casa e la tua presenza affettuosa è quasi tutto quello che chiedono, in pratica.

Insomma, vivere con un gatto adulto è senz’altro più semplice e rilassante rispetto a far spazio in casa ad un vivace gattino di pochi mesi, che passa il giorno a rovistare tra gli oggetti e a rovesciare qualunque cosa solletichi la sua curiosità.

Ecco perché, se stai pensando di accogliere un gatto tra le pareti di casa, non dovresti dimenticare di considerare questa opzione: adottare un gatto anziano può rivelarsi l’idea migliore, molto gratificante da tanti punti di vista. Vediamo insieme le principali ragioni a favore di questa scelta.

·       Non lo adotti a “scatola chiusa”

Se scegli un gatto anziano, sai molte cose in anticipo: conosci già le sue dimensioni e il peso, quindi non devi preoccuparti che possa diventare troppo grande o troppo grasso. Puoi vederne il colore e la struttura del mantello, sapere in anticipo se perde molto pelo, se è un tipo dinamico o se, al contrario, è un vero pigrone da divano.

Nonostante quello che spesso dicono gli allevatori, un gattino rimane un “pacchetto a sorpresa”: sono tanti gli aspetti che non è possibile prevedere in anticipo, quando si adotta un gatto giovane. Uno già adulto o meglio ancora senior difficilmente riserva sorprese: puoi arrivare molto più preparato alla sua adozione, insomma.

Anche a livello di personalità, vale lo stesso discorso: non c’è bisogno di sperare che sia un gatto calmo e tranquillo. Un gatto anziano lo è quasi sempre. In più, se adotti da un rifugio o gattile, di solito i volontari sanno darti tantissime informazioni sui loro gatti.

È un grande vantaggio quello di sapere in anticipo se il tuo pelosetto è un tipo che ama giocare o se invece preferisce starsene sdraiato sul divano la gran parte del giorno, se ama la compagnia o se invece tende a chiudersi quando c'è un po’ troppo trambusto, se gli piace essere accarezzato e preso in braccio o se invece è un tipo schivo che ama vivere in maniera indipendente.

Insomma, adottare un gatto anziano significa poter scegliere un compagno veramente adatto al tuo carattere e al tuo stile di vita, e allo stesso tempo godere dell’enorme vantaggio di poterti preparare in anticipo ai comportamenti e alle caratteristiche del tuo pelosetto, invece di doverti adattare a lui quando oramai si è già trasferito.

·       Avrete più tempo per coccole e fusa

Superati gli anni un po’ “selvaggi” della giovinezza, il gatto impara a rilassarsi e inizia a godersi le comodità della vita domestica. Un po’ come succede anche a noi umani, superata l’irrequietezza della giovinezza, sentiamo meno la paura di perderci qualcosa, restando a casa. Diamo più valore alla pace e alla quiete.

Per i nostri amici felini non è diverso, in fondo: i gattini si distraggono facilmente e hanno costantemente bisogno di esplorare nuove cose, fare scoperte e mettersi alla prova. Al contrario i gatti anziani trascorrono molto più tempo a farsi coccolare e a rilassarsi. Si divertono semplicemente stando insieme al loro umano e facendosi accarezzare.

Se sei un tipo a cui piace la vita tranquilla, rilassarti sul divano leggendo un libro o guardando qualche serie tv appassionante, oppure se lavori da casa e trascorri molte ore al computer, adottare un gatto anziano è sicuramente la scelta più azzeccata.

Dopotutto, non c'è niente di più bello che accarezzare il proprio pelosetto e ascoltare le sue fusa rilassate. E se decidi di uscire di casa, non devi preoccuparti troppo del tuo miciotto. I gatti adulti sono abituati a stare da soli ogni tanto e non si annoiano così facilmente come i gattini: non hanno bisogno di essere costantemente intrattenuti con qualche giochino.

·       Un gatto anziano sa come si vive in un appartamento

Sicuramente uno dei vantaggi più grande nell’adottare un gatto anziano o comunque già adulto è che è già addomesticato. Sa usare la lettiera e di solito non lascia più i suoi bisogni sul tappeto, sul letto o tra tue piante di casa. Nel complesso, addestrare un gatto adulto richiede molto meno tempo e pazienza di quanta non ne serva per addomesticare da zero un gattino, che per natura è molto irrequieto e deve ancora imparare le regole della casa.

Il gatto anziano sa già che non ci si deve aggrappare alle tende, che non si graffiano i tappeti e che non si può correre e saltare come selvaggi su tavoli e sedie in piena notte, quando gli umani cercano di dormire. Un gatto già adulto sa già anche che di notte non può aspettarsi che qualcuno si alzi dal letto per dargli le sue crocchette preferite e che ci sono orari fissi per mangiare, giocare, dormire e uscire in giardino.

Ovviamente anche nei gattili e nei rifugi per animali ci sono gatti adulti che nelle prime settimane e nei loro primi anni di vita non sono stati adeguatamente socializzati e che quindi, nonostante la loro età già avanzata, devono ancora imparare alcune regole di base.

Ma la cosa buona è che i gatti adulti salvati dai rifugi di solito sono così grati per la loro nuova casa che cercano soprattutto di compiacere il loro umano. I gatti anziani non hanno più bisogno di mettersi alla prova e sicuramente hanno meno problemi a seguire le regole.

Per altro, vale la pena sfatare un mito. Nei rifugi per animali ci sono molti meno gatti "difficili" di quanto non si pensi. La grandissima maggioranza dei mici che si trova nei gattili è lì perché il loro proprietario ha rinunciato a loro o è morto. La restante parte è stata semplicemente abbandonata perché nessuno ha voluto o potuto farsi carico dei costi e dell’impegno necessari per allevare un gatto.

·       Spendi meno

Di solito i gatti adulti - soprattutto nella fase di ambientamento - costano meno dei gattini di poche settimane che devono ancora fare tutti gli esami e le vaccinazioni obbligatorie. Un gatto adulto di solito è già stato vaccinato, sverminato e microchippato e spesso è anche già stato sterilizzato.

A differenza dell’allevatore, che chiede diverse centinaia di euro per cederti uno dei suoi gattini di razza, adottando un gatto anziano non spendi nulla e ti ritrovi già pagate molte delle classiche spese fisse di tipo medico-sanitario.

Una regola che vale per tutti i gatti, di ogni età: se mangiano in maniera idonea, se ricevono le cure di cui hanno bisogno e se fanno abbastanza esercizio fisico, le spese per il veterinario sono quasi sempre minime, anche quando invecchiano.

·       Paradossalmente, ti sta vicino più a lungo   

Anche se sembra assurdo, un gatto anziano ti sta più vicino di quanto non lo faccia uno giovane, che ha tutta la vita davanti a sé ma ha molto meno interesse a trascorrere il suo tempo con gli umani. La verità è che la quantità di tempo che un gatto anziano o comunque già adulto trascorre con le persone è molto maggiore di quello che passano con noi i gattini, soprattutto se possono uscire e sono quindi gatti domestici fuori casa.

I gatti adulti si sono già lasciati alle spalle il tempo delle escursioni notturne e preferiscono trascorrere le loro serate acciambellati vicino al loro umano.

E tieni presente anche che i gatti outdoor da anziani tendono a restare più vicini a casa, quando escono, a differenza di quelli giovani che invece esplorano continuamente i dintorni e tendono ad avere un territorio ben più vasto. Questo non solo riduce il rischio di incidenti, ma rafforza anche il legame tra te e il tuo gatto.

Non sei ancora convinto e hai paura di adottare un gatto anziano?

Come puoi vedere, sono molte le ragioni per adottare un gatto anziano. Soprattutto se decidi di vivere con un gatto ed è la tua prima esperienza, oppure se fai un lavoro che ti impegna molto, te la caverai molto meglio con un gatto adulto piuttosto che con un gattino che è stato appena separato dalla madre.

Insegnare ad un micetto tutte le regole necessarie per impostare una buona convivenza domestica non è un’impresa semplice, a dirla tutta. Servono tempo e pazienza.

Senza contare che, per quanto i micetti siano senz’altro molto carini, in un batter d’occhio saranno già adulti. In meno di un anno saranno sessualmente maturi e ti daranno parecchio da fare. Non pensi quindi che ti convenga conoscere in anticipo il carattere e le preferenze del tuo futuro compagno di vita?   

I nostri articoli più utili
7 min

10 cose che dovresti sapere prima di adottare un gatto

Niente da dire: i gattini sono davvero carini! Talmente carini che molte persone fanno entrare precipitosamente un micio nella loro vita senza aver prima adeguatamente affrontato il tema dell’educazione del gatto e del suo mantenimento. Eppure i teneri gattini diventano presto gatti adulti con esigenze che ti accompagneranno per i prossimi 15-20 anni! L’adozione di un gattino o di un gatto adulto dovrebbe quindi essere prima meditata a lungo! Con questo articolo sulle „10 cose che dovresti sapere prima di adottare un gatto“, vogliamo aiutarti in questo processo decisionale.
5 min

Quando il gatto ti vuole bene: 5 segnali per capirlo

Un rapporto sereno e armonioso con il tuo gatto si fonda sull'affetto. Ma come lo si crea e soprattutto come dimostrano il proprio amore i nostri amici felini? I gatti sono considerati creature indipendenti e difficili da interpretare, ma questi 5 comportamenti ti dicono se e quanto il gatto ti vuole bene.
13 min

Convivenza cane-gatto: sfatiamo qualche mito

“Sono proprio come cane e gatto!”. Siamo cresciuti sentendo ripetere questo modo di dire secondo il quale i nostri fedeli compagni cani e gatti non riuscirebbero in nessun modo ad andare d’accordo. Ma è davvero sempre così? O forse esiste un modo di impostare felicemente la convivenza cane-gatto?