Cavallo Minorchino

Scritto da Jana Schubert
cavallo minorchino

Testa grande e orecchie piccole: il Minorchino è inequivocabilmente un cavallo barocco.

Il Menorchino è un cavallo dal mantello nero originario dell’isola spagnola di Minorca. Questo popolare cavallo da dressage discende probabilmente dalle razze Lusitano, Berbero e Arabo. Ciò che è certo è che il Minorchino è un cavallo da esposizione di altissimo livello.

Aspetto del Minorchino: un cavallo da dressage dalle zampe lunghe

Il Minorchino o PRM (Pura Raza Menorquina) è un cavallo imponente. La giumenta dovrebbe avere un’altezza al garrese di almeno 148 cm, lo stallone di 156 cm. Tuttavia, non è raro che un esemplare raggiunga i 170 cm.

Il peso oscilla tra i 450 e i 600 kg. Particolarmente notevoli sono le sue zampe lunghe, con articolazioni larghe e robuste e zoccoli stabili. La corporatura è complessivamente molto armoniosa, ma più robusta di quella del cavallo Arabo.

Elegante dalla testa alla coda

Come ogni classico cavallo barocco, il Minorchino ha una testa allungata con orecchie piccole. Gli occhi rotondi sono espressivi, mentre il profilo leggermente arcuato da un tocco di eleganza.

Il collo è di media lunghezza ma molto muscoloso. La criniera rigogliosa, spesso ondulata, termina in una groppa lunga con un torace forte ma non troppo largo e dorso dritto. Queste caratteristiche sottolineano l’aspetto aggraziato di questo agile velocista.

L’unico colore ammesso è il nero

La gamma di colori del Minorchino è piuttosto esigua: alla nascita il mantello è marrone e diventa nero col tempo. Le marcature sono ammesse solo sugli arti e sulla testa, ma in misura molto limitata. I pastorali chiari non sono ammessi.

Il colore nero contribuisce in modo significativo all’aspetto nobile di questo destriero rendendolo inconfondibile.

Il Minorchino ha un carattere molto forte ed è dotato di grande temperamento ed arguzia, ma anche intelligente e pacifico. La sua docilità si riflette nella sua passione per gli esercizi e le sfide.

Ciononostante, la sua natura amichevole non lo rende eccessivamente impaziente. Si distingue per i suoi nervi saldi e una sana dose di compostezza, che lo rende un perfetto cavallo da esposizione.

Lo sapevi? Il Minorchino è l’unico cavallo in grado di “corbettare” con maestria, cioè di camminare fino a 40 metri sulle sole zampe posteriori.

Grazie ai suoi nervi d’acciaio e al suo particolare talento nel dressage, il Minorchino è particolarmente adatto agli spettacoli e gli eventi equestri. Né i rumori improvvisi né le grandi folle riescono a turbare questo stoico cavallo spagnolo se vi è stato abituato fin da piccolo.

Nella nativa isola di Minorca, questa razza equina è la protagonista di ogni festa di strada con giochi equestri ed è molto attesa dagli spettatori.

Il Minorchino come cavallo da diporto

Questo amico equino è diventato famoso per la sua capacità di “danzare” su due zampe negli spettacoli equestri. Nel suo paese d’origine, tuttavia, non viene impiegato solo nelle feste, ma anche quotidianamente come normale cavallo da diporto.

La sua idoneità per i cavalieri meno esperti è piuttosto discutibile: alcuni esemplari tendono ad appoggiarsi improvvisamente sui quarti posteriori e sono generalmente un po’ irruenti. Altri sono estremamente docili e pazienti, tanto che perfino i bambini possono cavalcarli.

Il Minorchino come cavallo sportivo

È innegabile che questo destriero sensibile abbia un grande talento per gli esercizi di dressage e le acrobazie. In questo ambito, i cavalieri ambiziosi troveranno nel Minorchino un partner entusiasta, che già per il suo aspetto cattura l’attenzione.

Sebbene non sia ancora ampiamente rappresentato nello sport al di fuori del suo Paese d’origine, nulla impedisce a questo elegante cavallo nero di intraprendere una carriera nelle competizioni sportive.

Doma Minorchina: a Minorca, questo destriero viene valorizzato con un proprio stile di equitazione, un misto di dressage ed elementi dell’alta scuola.

Il Minorchino è originario delle calde isole Baleari. Si è quindi adattato alle alte temperature estive e agli inverni miti. Non ama il freddo e l’umidità. Se viene allevato in zone dal clima più rigido, è consigliabile proteggerlo tenendolo in un luogo asciutto o con una coperta per cavalli.

Una stalla aperta con lettiera asciutta è una buona soluzione perché permette a questo attivo amico di zampa di ripararsi dalle intemperie. Come tutti i cavalli, si sente più a suo agio insieme ad altri conspecifici e all’aria aperta.

Il Minorchino ha una salute molto stabile. È molto resistente e tenace e non è stata finora riscontrata nessuna vulnerabilità legata alla razza. Gli abitanti di Minorca celebrano la resistenza, sia fisica che mentale, del loro emblema.

Naturalmente, ciò non significa che non possa ferirsi o ammalarsi. Se noti qualcosa di insolito, consulta immediatamente il veterinario.

Aspettativa di vita

Questa robusta razza equina può vivere fino a 30 anni.

Il Minorchino non ha particolari esigenze riguardo all’alimentazione e si adatta bene alle diverse condizioni. Naturalmente, la quantità di mangime e il suo contenuto energetico devono essere adeguati alle esigenze del singolo esemplare.

I pascoli particolarmente ricchi potrebbero rendere obesi i cavalli ai quali non venga fatto fare sufficiente esercizio fisico. Se, invece, il tuo destriero è molto attivo, la sua dieta dovrebbe includere anche complementi alimentari per cavalli a base di minerali e mangime energetico.

cavallo minorchino si abbevera
Il cavallo Minorchino è abituato alle calde temperature delle Isole Baleari. Non ama il freddo e l'elevata umidità.

Origine: un cavallo che viene dalle isole Baleari

Come indica il suo nome, il Minorchino è originario di Minorca, una delle isole Baleari, in Spagna, ed è strettamente legato alle tradizioni culturali dei suoi abitanti. Probabilmente è nato da diversi incroci tra cavalli arabi, autoctoni e inglesi. È riconosciuto come razza indipendente solo dal 1989.

Per molto tempo, è stato allevato quasi esclusivamente a Minorca, motivo per cui conta ancora su una piccola popolazione. Al di fuori dell’isola, questa razza ha acquisito notorietà solo negli ultimi anni.

A ciò ha certamente contribuito il famoso galà equestre “Apassionata”, che ha portato questo splendido cavallo nero danzante sulla scena internazionale.

Adozione: dove posso trovare un Minorchino?

A Minorca esistono attualmente due grandi scuderie che si dedicano all’allevamento di questa razza. In Italia l’offerta è ancora molto limitata, ma esiste già qualche allevamento, nonché l’Associazione Italiana Cavalli in Alta Scuola Minorchina.

Quanto costa un Minorchino?

Quanto bisogna pagare per avere un autentico Pura Raza Menorquina? Non esiste una risposta generale a questa domanda. Per un cavallo giovane non ancora addestrato si possono mettere in conto poche migliaia di euro, per un destriero di ottima qualità già addestrato qualche decina di migliaia o anche più.

cavallo minorchino con puledro
Esistono solo pochi esemplari di Minorchino perché per molto tempo è stato allevato quasi esclusivamente a Minorca.

Conclusione: un cavallo esclusivo e con carattere

Il Minorchino è un cavallo vivace e intelligente destinato ad essere impiego in campi molto specifici. Dovrebbe essere allevato da persone esperte che sanno come addestrarlo in modo appropriato e tenerlo occupato.

È necessaria anche molta creatività perché questo destriero dal manto nero ha bisogno di stimoli sempre nuovi. Anche se non desideri possederne uno, è sempre un piacere ammirarlo: assistere ad uno spettacolo di questo cavallo che “danza” sulle zampe posteriori è un’emozione indimenticabile.

Scheda del cavallo Minorchino

In breve: Elegante cavallo barocco dal manto nero, originario di Minorca, nell’arcipelago spagnolo delle Baleari
Carattere: forte, vivace, arguto, intelligente, docile, paziente, dai nervi saldi
Altezza al garrese: 154 – 166 cm
Peso: 450 – 600 kg
Colore del mantello: nero
Tipo: cavallo barocco
Andatura: leggera, ritmata, aggraziata
Aspettativa di vita: fino a 30 anni
Possibili malattie: nessuna vulnerabilità legata alla razza
Origine: Minorca, Spagna
Tipo di impiego: dressage e spettacoli
Bisogno di esercizio: elevato
Prezzo: da poche migliaia a diverse decine di migliaia, a seconda dell’età e del livello di addestramento
Adatto ai principianti: no

Proposte d’acquisto dalla redazione di zooplus

I prodotti selezionati nel box sono proposte effettuate dalla redazione, alimenti e accessori che puoi trovare nel negozio online per animali di zooplus e non costituiscono advertising da parte dei brand citati.


Jana Schubert
Profilbild von zooplus Magazin Autorin Jana Schubert

Già da piccola, preferivo coccolare il nostro gatto Persiano piuttosto che il mio orsacchiotto di pezza. Quando sono cresciuta, ho fatto impazzire i miei genitori fino a quando non mi hanno permesso di adottare un cavallo. Tutta la mia vita è costellata di meravigliose esperienze insieme ai miei pet. E, anche se vivere con gli animali non è sempre facile, non potrei nemmeno immaginare di farne a meno perché mi toccano l'anima come nient'altro. Ogni volta che scrivo di loro sento questa magia, che spero tocchi un po' tocchi anche te.


I nostri articoli più utili
8 min

Cavallo Shire

Il cavallo Shire è davvero inconfondibile. Cattura immediatamente l'attenzione per le sue dimensioni. Con la sua stazza imponente e un peso compreso tra gli 800 e i 1.100 kg è il più grande tra le razze a sangue freddo, nonché una delle razze equine più grandi al mondo.

Che dimensioni può raggiungere un Cavallo Shire?

Basta dare un’occhiata a due record per capire quali dimensioni possano raggiungere questi giganti a quattro zampe: l’esemplare di Shire più alto al mondo è Noddy. Questo stallone, che vive in Australia, è alto 205 cm e pesa ben 1.500 kg. Tuttavia, non può competere con Sampson, il castrone che a metà del XIX secolo raggiunse l'altezza record di 219 cm. L’altezza di questi giganti va dai 160 cm ai 205 cm di Noddy.

Cosa caratterizza la conformazione e la corporatura del cavallo Shire?

Oltre alla grande statura, anche la forma elegante della testa contribuisce all'aspetto imponente dello Shire. Altre caratteristiche tipiche sono la coda alta e lunga, la folta criniera e i lunghi ciuffi di pelo che ricoprono le zampe. Piccola curiosità: in alcuni Paesi è tradizione tosare o mozzare la coda dei cavalli a sangue freddo, come lo Shire, che partecipano a spettacoli equestri. In Italia, invece, l’amputazione della coda, che nello Shire può arrivare fino quasi a terra, è vietata. Gran parte dei cavalli Shire ha il mantello baio o morello, mentre quello grigio è meno comune. Gli esemplari con mantello sauro, invece, sono meno desiderati negli allevamenti da riproduzione e quindi meno numerosi. Le marcature bianche sulla testa e sui pastorali sono piuttosto comuni.
9 min

Cavallo Avelignese

Da quando, partendo da un piccolo paese dell’Alto Adige, il cavallo Avelignese ha iniziato a galoppare a gran velocità alla conquista degli amanti dei cavalli di tutto il mondo, il colore del suo mantello, definito “sauro” dagli esperti equinofili, è diventato un importante elemento identificativo, non solo di questa razza. Una tonalità che sicuramente non passa inosservata e che al giorno d’oggi si ritrova in questo affascinante destriero in diverse gradazioni, dal chiaro al bruciato. Tra i principi fondanti del libro genealogico d’origine della razza Avelignese si ritrovano, nell’aspetto esteriore, la presenza di un colore di fondo più chiaro, netto e uniforme. È ammessa una macchia sul muso, che invece è sgradita sulle zampe. Il pelo non deve essere ispido, sono apprezzate criniera e coda lisce e setose e dal colore particolarmente chiaro. Il cavallo Avelignese presenta una taglia media, con un peso che va dai 400 ai 600 kg. Ha una corporatura relativamente robusta, dalla struttura rettangolare: la testa, piccola ma nobile, si inserisce armoniosamente nell’aspetto generale. Spiccano due occhi di grandi dimensioni, che conferiscono alla razza uno sguardo a dir poco penetrante. L’altezza auspicabile negli allevamenti di tutto il mondo va dai 148 ai 152 cm, con un massimo di 155 cm al garrese per gli stalloni.

Purosangue o sangue caldo?

La risposta è semplice, né l'uno né l'altro: il cavallo Avelignese è infatti prima di tutto una razza di pony. Esistono tuttavia alcuni esemplari “nobilitati”, i cosiddetti Edelbluthaflinger, che oggi giorno godono di un posto riservato all’interno di un libro genealogico a sé stante. L’Associazione Allevatori Haflinger del Tirolo e l’Associazione Mondiale Haflinger Allevamento e Sport si pongono come obiettivo la selezione di esemplari purosangue, vietando ogni aggiunta di sangue estraneo.

Carattere: un vero alpinista dai nervi d’acciaio

9 min

Quarter Horse: un versatile compagno

Il Quarter Horse è conosciuto anche con il nome di American Quarter Horse. Tra le caratteristiche tipiche della razza troviamo una struttura quadrata e muscolosa, in prosecuzione di una testa tanto corta quanto cuneiforme. L’altezza al garrese è di 145-165 cm, per un peso che va dai 450 a 600 kg. Nel libro genealogico di razza sono riportate ben 17 diverse colorazioni di mantello, dal marrone scuro al sauro fino ad arrivare al bianco puro. La tonalità che si incontra con più frequenza è la “dun”, un colore marrone chiaro che pare ricordi la pelle di daino conciata.