Adottare un cane da un paese estero

Cucciolo di Labrador

Può capitare talvolta che il cucciolo ideale si trovi al di là del confine: il cane e il suo futuro padrone devono superarlo per iniziare la loro nuova vita insieme. Questo accade spesso per chi decide di adottare una razza specifica di un paese o decide di adottare un cane da un particolare allevatore. O ancora altri vogliono donare una casa a un animale che vive in un rifugio. In questo articolo potrai trovare alcuni consigli per adottare un cucciolo dall’estero.

Informarsi per tempo

Prima di acquistare un cucciolo dall'estero è necessario avere quante più informazioni possibili, anche se nelle foto si presenta dolcissimo e ti ha già rubato il cuore. Se l’allevamento o il rifugio in cui si trova dista solo poche ore di macchina, sarebbe necessario fare una visita al cucciolo direttamente sul posto, per esempio durante una gita fuori porta nel weekend. Questa soluzione ha particolarmente senso se si tratta di allevamenti: l’allevatore potrà infatti farsi un’idea dei futuri padroni e tu potrai controllare i metodi di allevamento. È anche un ottimo metodo per trovare risposta a tutti i dubbi su questioni di salute e per socializzare con il cucciolo: questo vale anche per un’eventuale visita nel rifugio o canile. Spesso invece la distanza è eccessiva e l’opzione della visita preliminare si elimina automaticamente. Prima di telefonare, segnati tutte le domande che ritieni necessario porre, soprattutto se la conversazione non si terrà nella tua lingua madre.

Se sei interessato a prendere un cucciolo in un’organizzazione di difesa degli animali, molto spesso viene effettuato un controllo dell’abitazione in cui il cane andrà a vivere: in questo caso saranno rappresentanti dell’organizzazione in loco ad effettuarlo. Se vivi in affitto, prima di prendere l’appuntamento, assicurati che il tuo padrone di casa sia d’accordo. Utilizza questa visita come possibilità per conoscere più a fondo l'organizzazione e fare eventualmente domande sulle procedure di adozione.

cane con un sacchetto

Arrivare sani e in salute

Quando entrambe le parti avranno preso l’accordo sull'adozione, il cucciolo sarà tutto tuo: nella maggior parte dei casi dovrai versare un acconto e verrà poi preparato il contratto.

Il costo per un cucciolo non si rifà soltanto all’allevamento, ma anche all’organizzazione: nello stipulare un contratto, per esempio pari a 100 €, questa cifra coprirà solo parte della spesa. Prima della partenza il tuo cucciolo verrà visitato da un veterinario e otterrà un certificato di salute, insieme a un documento che attesta vaccinazioni e sverminazione. Nelle organizzazioni di alcuni paesi bisogna fare anche un test per le cosiddette “malattie del Mediterraneo”: nei paesi dell’Europa meridionale e orientale esistono malattie canine, come la leishmaniosi, che non esistono in Europa centrale e settentrionale. Alcune di queste possono avere conseguenze mortali per gli animali e costituiscono anche un pericolo per l’uomo, soprattutto per i bambini. Prima dell’acquisto informati su tutte le malattie legate a quel determinato paese e richiedi la preparazione di un documento scritto che attesti il controllo per le malattie del Mediterraneo. Normalmente vengono effettuate regolari analisi del sangue, non test superficiali. In molti paesi europei l’età per poter importare un cucciolo è abbastanza avanzata: in Italia deve avere almeno 3 mesi e 21 giorni per poter viaggiare legalmente. Informati tempestivamente sulle regole precise di entrata nel tuo paese. Non fidarti di organizzazioni e allevatori che vogliono far entrare in un paese cuccioli che non hanno ancora raggiunto l’età adatta. Questa questione ha un suo senso: un cucciolo di tale età è già stato vaccinato contro la rabbia, cosa necessaria per viaggiare all’interno dell’Europa. Inoltre dovresti sempre avere con te una carta di identità UE per il tuo cane, che contiene il numero del chip e tutta la documentazione relativa alle vaccinazioni del cane, necessario quindi per entrare in ogni paese europeo.

cane con una copertina

Adottare un cane da un paese estero: il viaggio

Una volta concluse tutte le formalità il tuo cucciolo potrà fare un tranquillo viaggio verso la sua nuova vita! Se acquisti da un allevatore lontano, dovrai recarti tu stesso a prendere il cucciolo, mentre un’organizzazione potrebbe avere dei collaboratori, cioè persone che nel loro ritorno dalla vacanza possono portare con loro il cane in viaggio. In questo caso potrai prelevare il tuo cucciolo direttamente in aeroporto.

Vien da sé che il cucciolo, appena arrivato, ha bisogno di riposo e di orientarsi nel suo nuovo ambiente: un viaggio lungo è molto faticoso per lui. Questo vale sia per i viaggi in aereo che per quelli in auto. Se viaggiate in due, uno dovrà prendersi cura del cane, e dovrete fare tante pause. Viaggia senza prendere l’autostrada, per evitare troppo rumore e spavento per il tuo cucciolo. Durante il viaggio offrigli acqua e giochi. Se sarai in viaggio per molto tempo, ricordati anche di pianificare i pasti se il cucciolo ha fame. Resta tranquillo, rilassato al suo fianco e, una volta arrivati nella sua nuova casa, lasciagli tutta la tranquillità di cui ha bisogno.

Per accoglierlo al meglio, ti invitiamo a visitare la nostra sezione di prodotti per cuccioli.

Ti auguriamo tantissima felicità con il tuo nuovo amico “straniero”!

I nostri articoli più utili

I segnali che dimostrano che il mio cane mi vuole bene

Il mio cane mi vuole bene? Quando amiamo qualcuno, naturalmente desideriamo che quel qualcuno nutra per noi gli stessi sentimenti che proviamo per lui. Quindi anche nei nostri animali vogliamo leggere quei segnali, che ci permettono di capire che ci hanno a cuore tanto quanto noi abbiamo a cuore loro. Tuttavia i cani hanno modi diversi di mostrare il loro amore e non potendo usare le parole per dire "ti voglio bene", trovano altri modi molto teneri per mostrarci il loro affetto. Riconoscere questi segnali è più facile di quanto sembri poiché la capacità di comprendere il linguaggio dei nostri amati cani si cela nell'istinto di ognuno di noi.

I segnali che dimostrano che il cane è felice

"Come faccio a capire che il mio cane sta bene?", "Come posso essere sicuro che nel mio rapporto con lui agisco correttamente e che con me ha una bella vita che lo rende felice?". Queste sono domande che i padroni dei cani si pongono spesso. Le probabilità che il cane sia felice sono molto alte, soprattutto se lo tieni in movimento ed è in salute. Questo risultato lo otterrai non solo trascorrendo almeno qualche ora al giorno giocando con il cane, ma anche nutrendolo nella maniera adeguata. Sotto questo aspetto, non ci stancheremo mai di sottolinearlo, una corretta alimentazione del cane è assolutamente determinante per la sua salute fisica e mentale e, di conseguenza, per il suo stato d’animo. Infine una spiegazione conclusiva in merito alla felicità del tuo animale è data anche dal quadro ormonale.

Il cane può dormire nel letto?

È difficile trovare una risposta univoca a questa domanda. La questione è parecchio dibattuta e i pareri sono contrastanti. Probabilmente le argomentazioni a sfavore di quest'abitudine pesano abbastanza. Ti mostriamo alcuni pro e contro per aiutarti a decidere se lasciar dormire il tuo cane con te oppure no, certi che il rapporto con il tuo cane rimarrà splendido in ogni caso!