Vaccinare il coniglio

Vaccinare il coniglio

Vaccinare il coniglio

Devo vaccinare il coniglio? Se il tuo animale trascorre parte dell’anno in recinti o conigliere è importante vaccinarli.

Dal momento che, altri membri della famiglia a quattro zampe come cani e gatti vengono regolarmente vaccinati, è normale chiedersi se vaccinare il coniglio sia consigliabile o meno.

Quali sono le malattie più pericolose per i conigli?

Al di là di problemi di malocclusione dentale, disturbi digestivi e malattie da raffreddamento, con i conigli è importante fare attenzione soprattutto a tre malattie infettive difficili da curare:

  • Mixomatosi

La mixomatosi è un'infezione che si manifesta innanzitutto sotto forma di gonfiore della sottocute. È mortale in circa il 20% dei casi e ha matrice virale. Il virus viene trasmesso da insetti ematofagi come pulci, acari e pidocchi, ma può essere trasmesso anche attraverso verdura infetta, mosche o addirittura tramite il padrone stesso. Il coniglio che ne è affetto tende a diventare apatico e a mangiare poco. In un secondo momento, la patologia si manifesta con delle infiammazioni, soprattutto nell'area della testa.

  • Raffreddore del coniglio

Sono tanti e diversi i germi alla base del cosiddetto "raffreddore del coniglio", che negli animali con un sistema immunitario debole può diventare una patologia cronica che aumenta l’incidenza, a sua volta, di altre malattie.

  • Malattia emorragica virale (MEV/RHD)

La malattia emorragica virale (MEV/RHD) viene trasmessa, come suggerisce il nome stesso, da virus. Sono molto frequenti i casi di morte improvvisa senza una sintomatologia pregressa.

Tra i sintomi della MEV/RHD ricordiamo comunque: mancanza di appetito, irrequietezza, febbre e insufficienza respiratoria. In alcuni casi la morte sopraggiunge il secondo o il terzo giorno dopo la prima manifestazione dei sintomi della malattia. Il contagio può avvenire tramite altri conigli, persone, cibo per coniglilettiera per roditori, insetti e trasmissione aerea.

Posso vaccinare il coniglio da queste patologie?

È possibile vaccinare il coniglio contro tutte e tre le malattie. Il veterinario valuterà caso per caso quanto alto è il rischio di contrarre le patologie e somministrerà i vaccini di conseguenza. Come avviene anche per cani e gatti, sono necessari dei richiami regolari per garantire una difesa sicura dalle malattie.

I nostri articoli più utili

La malocclusione dentale nei conigli

I denti dei conigli crescono durante il corso della loro vita, per questo è estremamente importante che i denti abbiano una posizione corretta e che durante la masticazione combacino perfettamente. 

La malocclusione nei conigli porta spesso a una crescita smisurata dei denti, perché non viene esercitata una corretta abrasione durante la masticazione. Questa patologia è per lo più di origine genetica oppure conseguenza di un’alimentazione scorretta. La malocclusione può essere molto dolorosa e nei casi più gravi i conigli smettono addirittura di mangiare. Si capisce quindi facilmente quanto sia importante aver cura dei denti dei conigli, a partire proprio dall’alimentazione. Molti padroncini sono convinti che sia sufficiente somministrare alimenti duri perché i denti del proprio animale rimangano di una lunghezza accettabile. Tuttavia ciò che conta non è tanto lo sfregamento dei denti sul cibo, quanto quello tra i denti stessi. Per questo è bene che la dieta del coniglio sia composta prevalentemente da fieno, verdure, rametti freschi e foraggio fresco. Invece che mangime di granella a base di cereali, i conigli devono assumere il fieno in grandi quantità, per coprire il loro fabbisogno nutrizionale. In questo modo i denti si consumano al meglio e si minimizza il rischio di malocclusioni.