Vaccinare il coniglio

Vaccinare il coniglio

Vaccinare il coniglio

Devo vaccinare il coniglio? Se il tuo animale trascorre parte dell’anno in recinti o conigliere è importante vaccinarli.

Dal momento che, altri membri della famiglia a quattro zampe come cani e gatti vengono regolarmente vaccinati, è normale chiedersi se vaccinare il coniglio sia consigliabile o meno.

Quali sono le malattie più pericolose per i conigli?

Al di là di problemi di malocclusione dentale, disturbi digestivi e malattie da raffreddamento, con i conigli è importante fare attenzione soprattutto a tre malattie infettive difficili da curare:

  • Mixomatosi

La mixomatosi è un'infezione che si manifesta innanzitutto sotto forma di gonfiore della sottocute. È mortale in circa il 20% dei casi e ha matrice virale. Il virus viene trasmesso da insetti ematofagi come pulci, acari e pidocchi, ma può essere trasmesso anche attraverso verdura infetta, mosche o addirittura tramite il padrone stesso. Il coniglio che ne è affetto tende a diventare apatico e a mangiare poco. In un secondo momento, la patologia si manifesta con delle infiammazioni, soprattutto nell'area della testa.

  • Raffreddore del coniglio

Sono tanti e diversi i germi alla base del cosiddetto "raffreddore del coniglio", che negli animali con un sistema immunitario debole può diventare una patologia cronica che aumenta l’incidenza, a sua volta, di altre malattie.

  • Malattia emorragica virale (MEV/RHD)

La malattia emorragica virale (MEV/RHD) viene trasmessa, come suggerisce il nome stesso, da virus. Sono molto frequenti i casi di morte improvvisa senza una sintomatologia pregressa.

Tra i sintomi della MEV/RHD ricordiamo comunque: mancanza di appetito, irrequietezza, febbre e insufficienza respiratoria. In alcuni casi la morte sopraggiunge il secondo o il terzo giorno dopo la prima manifestazione dei sintomi della malattia. Il contagio può avvenire tramite altri conigli, persone, cibo per coniglilettiera per roditori, insetti e trasmissione aerea.

Posso vaccinare il coniglio da queste patologie?

È possibile vaccinare il coniglio contro tutte e tre le malattie. Il veterinario valuterà caso per caso quanto alto è il rischio di contrarre le patologie e somministrerà i vaccini di conseguenza. Come avviene anche per cani e gatti, sono necessari dei richiami regolari per garantire una difesa sicura dalle malattie.

Articoli più letti

Gatto del Bengala

Il gatto del Bengala è una razza felina davvero unica. È un gatto domestico nel vero senso della parola, ma nelle sue vene scorre un pizzico di sangue selvatico. Le razze ibride come il Bengala o il Savannah rappresentano la nuova tendenza dell’allevamento felino. Ma cosa sono questi ibridi e a cosa bisogna prestare attenzione quando si decide di introdurre in casa un incrocio tra un gatto domestico e uno selvatico? Questo articolo ti fornirà le risposte a tanti dubbi.

Norvegese delle Foreste

Il gatto delle foreste norvegesi è il frutto di una lunga selezione naturale. Ha fatto la sua comparsa proprio in Norvegia, da dove ha iniziato a conquistare sempre più estimatori grazie al suo aspetto imponente e selvaggio e alla sua indole.

British Shorthair

La razza British Shorthair è ritenuta la più antica razza felina britannica. Si dice che sia stata portata dai Romani in Gran Bretagna, dove è rimasta per lungo tempo isolata. Da oltre 100 anni i British Shorthair vengono allevati in modo mirato. Nel 1871 i primi gatti British Shorthair vennero esposti al Crystal Palace.